C A S E R T A N A
Il sito non ufficiale della Casertana Calcio
Home
Club
Stagione 2014-15
Storia
I tifosi rossblu
La parola ai tifosi
Editoriale
Area sondaggi
Video
Contatti e Link
Stagione 2013-14
News 2014-15
Archivio News
News 2014-15

 

La lunga estate rossoblu…

Martedi 30 giugno 2015
Iscrizione ok!

Con una nota ufficiale apparsa sul proprio sito la Casertana ha comunicato che è stata presentata la domanda di iscrizione per il prossimo campionato di Lega Pro 2015-16, completa di tutta la documentazione necessaria, compresa la fideiussione bancaria.
Inoltre la conferenza stampa prevista per domani 1 luglio è stata rimandata per impegni istituzionali do Giovanni Lombardi.
Ecco di seguito la notizia pubblicata sul sito ufficiale della Casertana F.C.
“Nella mattinata odierna il dott. Giovanni Lombardi ha depositato personalmente presso gli uffici della Lega Pro di Firenze l’intera documentazione e la fideiussione bancaria necessarie per l’ottenimento dell’iscrizione al campionato di Lega Pro 2015-16 della Casertana Football Club.”
 

Venerdi 26 giugno 2015
Pasquale Corvino nuovo presidente della Casertana
 

Sarà Pasquale Corvino il nuovo presidente della Casertana F.C.; lo ha annunciato la società con un comunicato sul proprio sito ufficiale. 
La decisione è stata presa a margine dell'assemblea dei soci che si è tenuta in mattinata, dalla quale è emersa la volontà della società di allestire una squadra all'altezza per il prossimo anno. Nuovo vicepresidente è invece Giovanni Pascarella, con Giovanni Lombardi che esce ufficialmente dall'organigramma rossoblu.
La società da appuntamento alla conferenza stampa del prossimo 1° luglio nella quale saranno illustrati progetti futuri. 

Ecco il comunicato stampa Casertana F.C.
"La Casertana F.C. comunica che, al termine del vertice tenutosi nella mattinata odierna, è stato stilato il nuovo organigramma societario. La carica di presidente, lasciata dal dott. Giovanni Lombardi, da questo momento verrà ricoperta dal dott. Pasquale Corvino. Giovanni Pascarella diventa nuovo vicepresidente del club.
Contestualmente si è provveduto alla definizione delle quote societarie, confermando la presenza dei soci Giovanni Lombardi, Pasquale Corvino e Giovanni Pascarella.
Il tutto verrà illustrato, una volta formalizzata la domanda di ammissione al prossimo campionato di Lega Pro 2015-16, nel corso di una conferenza stampa convocata per mercoledì 1 luglio alle ore 18 presso la sala stampa ‘Mario Iannotta’ dello stadio ‘Pinto’ di Caserta."



Venerdi 19 giugno 2015
Terremoto in casa rossoblu! La dirigenza si dimette

Dopo le false accuse dell’ex sindaco di Caserta, la dirigenza rossoblu presenta le proprie dimissioni.
Ecco il comunicato stampa Casertana F.C.
In considerazione dell’annosa problematica della mancanza di strutture sportive per allenamenti e scuola calcio della Casertana e delle sue squadre giovanili ed alla luce delle gravissime dichiarazioni dell’ex sindaco di Caserta dott. Pio Del Gaudio (la cui giunta pochi giorni prima delle elezioni regionali aveva deliberato un investimento per la realizzazione del manto in erba sintetica allo stadio Pinto, delibera risultata poi inattuabile in quanto vi era assenza di copertura finanziaria) a giustificazione della suddetta mancata realizzazione, la Casertana F.C. è costretta a prendere atto di quella che è stata la reale volontà dell’ex sindaco Del Gaudio, pronto ad affondare il colpo nei confronti di questa società.
Addirittura l’ex sindaco invita il presidente Lombardi ad andar via (“se vuole andare via, vada via i casertani sapranno trovare altro”), come si legge in un passaggio ufficiale a firma del dott. Pio Del Gaudio; nonostante il Presidente Lombardi ed i soci stamane in conferenza stampa si erano resi disponibili ad attendere ancora un anno per la realizzazione dell’impianto in erba sintetica, facendo importanti sacrifici economici. Preso atto di ciò, il presidente della Casertana F.C. Giovanni Lombardi e i suoi soci Pasquale Corvino e Giovanni Pascarella, nonché il direttore generale Nicola Pannone, rassegnano le proprie dimissioni irrevocabili e mettono il titolo sportivo a disposizione in modo che “i casertani individuati dall’ex sindaco Del Gaudio (ovvero chiunque abbia interesse) possano garantire un futuro migliore alla Casertana e ai suoi appassionati tifosi. Sono stati tre anni intensi, bellissimi e indimenticabili, ma la burocrazia è riuscita a spegnere anche i nostri sogni.
Giovanni Lombardi
Pasquale Corvino
Giovanni Pascarella
Nicola Pannone



Giovedi 18 giugno 2015
Conferenza stampa della dirigenza rossoblu

Si è svolta al Pinto la conferenza stampa del presidente Giovanni Lombardi, accompagnato dai soci Pasquale Corvino e Giovanni Pascarella, durante la quale a dirigenza rossoblu ha fatto il punto della situazione sulla situazione “stadio e strutture”. Dopo l’incontro avuto con il commissario prefettizio del Comune di Caserta, la società ha deciso che se nel corso del prossimo anno non ci saranno risposte concrete da parte delle Comune, Lombardi e soci alla fine della prossima stagione si faranno da parte. 
Durante la conferenza stampa è stato presentato anche il nuovo allenatore della Casertana, Nunzio Zavettieri, ex Aquila e Bari, con esperienze anche nel settore giovanile di Milan e Inter.
Il neo mister rossoblu si è detto emozionato di lavorare all’ombra della Reggia e di voler subito iniziare a lavorare per un anno da protagonisti dei falchetti.
Ecco la scheda tecnica di mister Zavettieri.

Data di nascita: 10 febbraio 1967
Luogo di nascita: Castrovillari (Cs)
Nazionalità: Italia
Tempo in carica da allenatore: 3,71 anni
Media punti da allenatore: 1,65
Quota successi da allenatore: 48,6 % Vittorie - 19,4 % Pari - 31,9 % Sconfitte
Modulo preferito: 4-3-3

Squadra Stagioni Ruolo
Milan Giovanili 1990/91-1991/92 Allenatore
Udinese Primavera 1992/93-1999/00 Allenatore
Inter Giovanili 2000/01-2008/09 Allenatore
FK Ventspils (Lettonia) 2009/10-2010/11 Allenatore
Adelaide United (Australia) 2012/13 Allenatore
FC Bari 1908 2013/14 Vice allenatore di Roberto Alberti
L'Aquila Calcio 2014/15 Allenatore

 
Sabato 9 maggio 2015
Ottimo pareggio all’Arechi, ma ai play off vanno Matera e Juve Stabia

La cronaca (fonte tuttolegapro.com)
Salerno, stadio Arechi, dove si incontreranno le formazioni di Salernitana e Casertana in una partita valida per l'ultima giornata della Lega Pro girone C. 
Nella Salernitana che Menichini manda in campo quest'oggi non figura Colombo, infortunato, quindi a destra dovrebbe giocare Tuia in difesa, con Bocchetti al centro. Punta centrale sarà Cristea, con il cannoniere Calil in panchina
Per quanto riguarda la Casertana, Campilongo conferma la formazione tipo. Il tridente d'attacco sarà formato da Caccavallo, Cissé e Mancino, supportati da Mancosu
Ecco il turno numero 38, l'ultimo nel girone C della Lega Pro: sarà seguito interamente attraverso i nostri Live. Aversa-Matera, Benevento-Juve Stabia, Catanzaro-Lupa Roma, Foggia-Paganese, Ischia-Barletta, Martina-Reggina, Melfi-Cosenza, Salernitana-Casertana, Savoia-Messina e Lamezia-Lecce. Tutte le partite cominceranno alle 17,30 
La Salernitana domenica scorsa è stata battuta per 4-2 dal Messina al San Filippo, ma è stata una sconfitta indolore per i granata che hanno già vinto il campionato e potranno iscriversi alla Serie B 2015-2016 
La Casertana ha invece travolto per 4-1 il Savoia al Pinto, nella 37^ giornata di campionato, per questo motivo i falchetti possono ancora sperare di poter agguantare la zona play-off presidiata da Matera, Juve Stabia e Benevento
La classifica vede la Salernitana al primo posto a 79 punti, la Casertana è quinta con 68 punti, staccata di un solo punto dalla terza e dalla quarta posizione
Teoricamente è ancora raggiungibile per i casertani il terzo posto, ma anche il quarto permetterebbe loro di accedere ai play-off per la promozione in B: la squadra di Campilongo dovrebbe vincere e sperare che Matera o Juve Stabia non vincano
Si prevedono qui all'Arechi intorno ai venticinquemila spettatori, la maggioranza dei quali di fede salernitana. E' record per il campionato
Ci sono ancora pochissimi tifosi casertani nel settore ospiti: le centinaia di sostenitori che hanno acquistato i biglietti sono in arrivo
Salernitana-Casertana sarà arbitrata dal signor Enzo Vesprini della sezione AIA di Macerata. I suoi collaboratori di linea saranno i fratelli Cordeschi, Andrea e Stefano, entrambi della sezione di Isernia
Sono stati visti in tribuna Arturo Di Napoli, il capocannoniere della Salernitana che vinse il girone B della Serie C1 nel 2007-2008, ma anche Walter Piccioni e Mauro Milanese. Hanno tutti giocato con la maglia granata
Gli unici verdetti del girone C sono questi: Salernitana promossa in B, Benevento ai play-off, Aversa Normanna, Ischia e Messina ai play-out per non retrocedere 
Stanno cominciando a entrare nel settore ospiti i tifosi della Casertana
Ci sono quattro squadre che lottano per due posti nei play-off in questo raggruppamento: Matera, Juve Stabia, Casertana e Lecce. Minori percentuali per il Lecce che giocherà a Lamezia ed è a -3 dal quarto posto
Squadre pronte per entrare in campo. La Casertana giocherà in maglia bianca, Salernitana in maglia granata
La Casertana è entrata in campo con una t-shirt per sensibilizzare l'opinione pubblica sulla sorte degli operai dell'Indesit di Caserta
Presente anche il piccolo Armando De Sio, il tifoso della Salernitana che è in netto miglioramento
Non si comincia perché c'è un buco nella porta che sarà difesa dal portiere della Casertana Fumagalli
Calcio d'avvio della Casertana
1' Si comincia!
8' Ammonito Pestrin per la Salernitana
9' L'allenatore della Casertana, Salvatore Campilongo, ha giocato con la Salernitana nel 1987-88. Altri ex sono Murolo e Carrus
12' Siamo sempre sullo 0-0 tra Salernitana e Casertana
14' Intanto segnaliamo il vantaggio del Lecce a Lamezia Terme per 1-0, vantaggio anche per la Reggina a Martina Franca con il medesimo punteggio, e l'1-0 parziale del Cosenza sul campo del Melfi
16' Gol della Vigor Lamezia con il Lecce: 1-1. Risultato importantissimo per i casertani che però dovranno vincere e sperare che una tra Matera e Juve Stabia non vinca
17' La Salernitana punta a migliorare il record del Bologna in Serie C nella stagione 1994-95: la squadra allenata da Ulivieri riportò 81 punti, i granata possono arrivare a 82
18' Ammonito per la Casertana Caccavallo
23' Sempre 0-0 tra Salernitana e Casertana, in una partita che gli ospiti devono vincere
24' A Caserta, nella partita di andata giocata il giorno dell'Epifania, la Casertana vinse per 1-0 con rigore trasformato nel recupero da Mancosu
25' Il girone B della Lega Pro ha già emesso poche ore fa i verdetti definitivi: Teramo promosso in B, ai play-off Ascoli e Reggiana, mentre ai play-out si disputeranno Pro Piacenza-Gubbio e Savona-Forlì. San Marino matematicamente retrocesso
34' Sempre 0-0 tra Salernitana e Casertana all'Arechi
37' Vantaggio della Juve Stabia a Benevento: 1-0 firmato Contessa. Inoltre c'è il pareggio del Melfi 1-1 con il Cosenza, e c'è il vantaggio 2-0 dell'Ischia sul Barletta
41' Michele Murolo, robusto difensore centrale della Casertana, ha segnato 6 gol in campionato, due dei quali domenica scorsa. E' anche un ex granata, avendo riportato 18 presenze con la Salernitana quando c'era anche Carrus in squadra
40' Conducono intanto anche il Catanzaro per 1-0 sulla Lupa Roma, e il Melfi per 2-1 sul Cosenza
42' Sono sullo 0-0 anche il Matera ad Aversa, e il Messina a Torre Annunziata col Savoia
43' A proposito di ex, non ha trovato posto in panchina per la Salernitana Luigi Pezzella, che l'anno scorso fece parte della Casertana ottenendo una promozione dalla Seconda Divisione
44' Conduce il Foggia 1-0 sulla Paganese con rete di Maza
45' +1 Si giocherà fino al 47' per effetto della segnalazione di un recupero di 2 minuti
45' +1 Ancora risultato di partenza, 0-0, tra Salernitana e Casertana
L'arbitro Vesprini manda le due squadre negli spogliatoi, 0-0 tra la Salernitana e la Casertana alla fine del primo tempo
Il primo tempo ha visto ambedue le squadre tentare di superarsi: Casertana più veloce e più determinata, mentre la Salernitana ha tentato di agire di rimessa. Sul sinistro di Cissé la prima vera occasione dei falchetti con parata di Gori, mentre per la Salernitana si è inserito Favasuli che si è fatto respingere il tiro da Murolo, inoltre a pochi minuti dal 45' Caccavallo si è venuto a trovare davanti a Gori ma è stato anticipato al momento della battuta
Comunque il risultato parziale è ancora di 0-0 tra Salernitana e Casertana: tenuto conto che ad Aversa il Matera sta pareggiando con identico punteggio, e che a Benevento la Juve Stabia è in vantaggio per 1-0, ne deriva che i falchetti a Salerno devono vincere per accedere ai play-off
Secondo tempo tutto da vivere: tra pochi minuti torneremo ad aggiornarvi sul prosieguo di Salernitana-Casertana!
Squadre nuovamente in campo all'Arechi. Salernitana e Casertana tra qualche minuto daranno vita al secondo tempo
Ci sarà un cambio nelle file granata
46' E' entrato Trevisan, che è un difensore, al posto di Bocchetti. E' il primo cambio per la Salernitana
48' Intanto ha triplicato il Melfi contro il Cosenza: 3-1 il parziale
48' I tifosi della Salernitana hanno applaudito pochi minuti fa quelli della Casertana, i quali hanno esposto uno striscione in favore del piccolo Armandino De Sio, tifoso salernitano che ha superato quella che era una seria patologia. Gesti molti sportivi da parte di entrambe le tifoserie
51' Siamo sempre sullo 0-0 tra Salernitana e Casertana nel punteggio che conta
51' Intanto a Torre Annunziata è passato in vantaggio il Savoia 1-0 sul Messina, e a Catanzaro la Lupa Roma si è portata sull'1-1
52' Ha raddoppiato inoltre la Reggina a Martina Franca per 2-0, mentre il Cosenza ha realizzato la seconda rete a Melfi, dove sta perdendo per 3-2
53' Nei prossimi minuti dovremmo vedere in campo Caetano Calil, il brasiliano di 29 anni che ha segnato 16 gol con la maglia della Salernitana, ma è ancora lontano dal vertice della classifica dei marcatori del girone
55' Rigore per la Salernitana!
56' Pronti per l'esecuzione
57' RETE! Dal dischetto NEGRO porta in vantaggio la SALERNITANA! 1-0!
58' Maikol Negro al suo decimo gol in campionato, lo ha raggiunto nel derby con la Casertana
59' Giallo per Mancosu per la Casertana
59' Altri risultati sono cambiati: Matera in vantaggio 1-0 ad Aversa, con gol di Carretta, mentre il Lamezia è sul 2-1 contro il Lecce
60' Cartellino rosso per RAJCIC della Casertana! Falchetti in dieci
62' E cartellino rosso per CRISTEA della Salernitana
63' Sia la Salernitana che la Casertana sono in dieci. I granata sono in vantaggio per 1-0 con gol di Negro
65' Il Catanzaro conduce 3-1 sulla Lupa Roma
65' Per il resto, nessun cambiamento dei parziali: continuano a viaggiare in vantaggio Matera e Juve Stabia, rispettivamente su Aversa Normanna e Benevento, quindi la squadra di Auteri e quella di Savini si qualificherebbero ai play-off con discreto vantaggio sulle altre formazioni
67' Campilongo ricorre al primo cambio, entra Diakité al posto di Mancino
68' Ischia in vantaggio 3-0 sul Barletta
69' Il gol della Salernitana è il numero 56 in campionato per la formazione di Menichini, e la squadra è prima in classifica. La Casertana complessivamente ha segnato di più, 58 reti
72' Entra Cunzi per la Casertana, ed esce Caccavallo
72' Siamo sempre sull'1-0 per la Salernitana sulla Casertana con rigore trasformato da Negro
73' Esce per la Salernitana Negro, entra Mendicino
73' Pareggia il Lecce a Lamezia Terme: 2-2 firmato Moscardelli. Raddoppia inoltre il Savoia sul Messina, 2-0 con gol di Di Piazza
74' Quindici minuti alla fine, Salernitana sempre in vantaggio per 1-0 sulla Casertana
77' La Salernitana dopo l'ultima giornata di campionato accederà alla Supercoppa di Lega Pro, dove incontrerà il Teramo (che ha vinto il girone B) e incontrerà una tra Novara e Bassano (appaiate entrambe al primo posto nel girone A). Il sorteggio si effettuerà lunedì
77' A Benevento i padroni di casa hanno segnato il pareggio contro la Juve Stabia: 1-1. Inoltre 3-0 del Foggia sulla Paganese e 4-1 del Catanzaro sulla Lupa Roma
79' Ammonizione per Marano della Casertana
79' Campilongo pensa di sbilanciare la sua squadra: esce un difensore, Bianco, ed entra il centrocampista di qualità Carrus
80' La Casertana è sotto nel risultato, e deve far gol per pervenire almeno al punto del pareggio
82' RETE! Pareggio della CASERTANA con MANCOSU! 1-1
83' Ha pareggiato anche l'Aversa col Matera: 1-1. Resta tutto immutato rispetto alla vigilia in ottica play-off
84' Il Melfi conduce 4-3 sul Cosenza, e il Messina ha accorciato le distanze col Savoia, in quanto perde 2-1
84' E' finita a Ischia: i padroni di casa hanno travolto il Barletta per 3-0. Ischitani ai play-out in questo momento contro la penultima del girone
85' Ricordiamo che alla Casertana il pareggio non può bastare per il raggiungimento dei play-off, e mancano 5 minuti al novantesimo
86' Marco Mancosu aveva già deciso su calcio di rigore il derby di andata tra Casertana e Salernitana, ha segnato anche oggi ai granata
88' Sostituzione per la Salernitana, esce Gabionetta per Perrulli
89' Risultato di 1-1 tra Salernitana e Casertana all'Arechi
90' Intanto sono finite le partite Savoia-Messina, sul 2-1, e Martina-Reggina, terminata 0-2. La Reggina è matematicamente retrocessa in Serie D
90' Altri finali: Catanzaro-Lupa Roma 5-1, Melfi-Cosenza 4-3 e Foggia-Paganese 3-0
90' +1 A Salerno si giocheranno 4 minuti di recupero. Sempre 1-1
90' +2 Salernitana e Casertana sono entrambe in 10, causa le espulsioni di Rajcic e Cristea
90' +4 Resiste l'1-1 tra Salernitana e Casertana con le reti di Negro e di Mancosu. I falchetti probabilmente non si qualificheranno ai play-off
L'arbitro Vesprini dichiara conclusa la partita: la Salernitana e la Casertana hanno pareggiato per 1-1. Dopo il gol di Negro su rigore al 56' per i granata, ha pareggiato all'81' Mancosu per i casertani
Il campionato è finito, lo ha vinto la Salernitana con 80 punti, quattro in più del Benevento che ha pareggiato con la Juve Stabia
Invece la Casertana finisce al quinto posto a -1 dal terzo posto occupato da Juve Stabia e Matera, che hanno entrambe pareggiato per 1-1 rispettivamente con Benevento e Aversa
Anche il Lecce non è andato oltre il pareggio per 2-2 con la Vigor Lamezia
Rispetto al primo tempo a Salerno nella ripresa ci sono stati i gol tra Salernitana e Casertana: al 56' il calcio di rigore provocato da Mattera con un'entrata in scivolata su Negro, che è andato a sua volta alla battuta e ha realizzato. Poi entrambe le squadre sono rimaste in dieci intorno all'ora di gara: espulso prima Rajcic per gioco falloso su Cristea, e poi proprio il rumeno per fallo di reazione. A dieci minuti dalla fine il pareggio casertano con Mancosu in rovesciata, dopo una rimessa-corner eseguita da Idda e prolungata da Cissé. Il pareggio risulta inutile, perché ai play-off ci vanno Matera e Juve Stabia oltre al Benevento

SALERNITANA – CASERTANA 1-1
SALERNITANA. Gori, Tuia, Franco, Pestrin, Lanzaro, Bocchetti (1′ st Trevisan), Moro, Favasuli, Cristea, Gabionetta (43′ st Perrulli), Negro (28′ st Mendicino). 
A disposzione Esposito, Bovo, Calil, Grillo. Allenatore Menichini.
CASERTANA. Fumagalli, Idda, Bianco (34′ st Carrus), Rajcic, Mattera, Murolo, Caccavallo (26′ st Cunzi), Marano, Mancosu, Mancino (22′ st Diakite), Cisse. 
A disposizione D’Agostino, Tito, Antonazzo, Agodirin. Allenatore Salvatore Campilongo.
ARBITRO. Enzo Vesprini di Macerata; assistenti Stefano Cordeschi (sez. Isernia) e Andrea Cordeschi (sez. Isernia).
MARCATORI. Negro a 11’ st (rigore), Mancosu a 36’ st.
NOTE. Spettatori totali: 21755. Espulsi Rajcic e Cristea al 15’ st per reciproche scorrettezze; ammoniti Pestrin (7’ pt), Caccavallo (17’ pt), Mancosu (12’ st), Marano (33’ st), Carrus (46′ st). Angoli 1-2; recuperi: 2’ pt, 4′ st.

 
Domenica 3 maggio 2015
La Casertana affonda il Savoia e punta dritto alla trasferta di Salerno.

Vittoria meritata quella della Casertana contro un Savoia depresso, e ormai preparato al peggio. I rossoblu di mister Campilongo dominano nettamente la gara e travolgono i bianco scudati, grazie a una doppietta del difensore Murolo, a un tapin vincete di Mancosu ben servito da Cissè, e a uno strepitoso gol dello stesso attaccante rossoblu che trafigge l’incolpevole Gragnianiello con staffilata potentissima da fuori area; in mezzo c’è anche il gol di Partipilo, che ,a inizio ripresa, complice un’incertezza di Fumagalli riesce anche a pareggiare il momentaneo 1-0 di Murolo. 
Ma la Casertana di questo periodo è davvero in forma e in pochi minuti a rimesso le cose a posto e chiuso la pratica Savoia in attesa che arrivassero notizie positive dagli altri campi.
Purtroppo queste notizie non sono mai arrivate perché anche la Juve Stabia e il Matera vincono i relativi match e mantengono invariato il loro vantaggio in classifica.
Tutto rimanda quindi all’ultima giornata; i falchetti sono consapevoli della difficile situazione in cui si trovano, perché oltre a dover andare a vincere sul capo della neo promossa Salernitana, devono sperare che le altre non facciano bottino pieno rispettivamente a Benevento, sicura ormai del secondo posto, e in casa con la Reggina, tornata in corsa per i play out dopo la vittoria nel derby con il Catanzaro.
Sarà molto difficile accedere ai play off, ma ormai la squadra è lì a un solo punticino e rinunciare proprio adesso sarebbe un delitto. All’Arechi la gara sarà accesissima, perché oltre alla posta in palio c’è da fare i conti con l’attesissimo derby che manca ormai da tanti anni a Salerno.
I ragazzi se la giocheranno fino alla fine, consapevoli che questa che si sta per chiudere è stata una stagione molto positiva sotto tutti i punti di vista, che ha visto protagonista la neopromossa Casertana, che se l’è giocata con tutti, vendendo sempre la pelle cara, e togliendosi diverse soddisfazioni.
Forza ragazzi!!!

La cronaca (fonte tuttolegapro.com)
In diretta dall'Alberto Pinto di Caserta al LIVE MATCH di Casertana-Savoia, derby campano valido per la penultima giornata di ritorno del campionato nazionale di Lega Pro girone C
Tre successi nelle ultime gare e tanta voglia di approdare per il diritto di sognare in grande. Oggi la Casertana di Sasà Campilongo chiede strada per provare a chiudere il discorso playoff anche se non dipenderà solo dai rossoblu
Un punto potrebbe non bastare al Savoia per essere da stasera matematicamente ai playout quindi vittoria obbligata per la squadra di Papagni al Pinto in cui solo tre squadre hanno sinora compiuto l'impresa. Non c'è tre senza quattro?
Il derby di quest'oggi sarà diretto dal signor Andrea Morreale della sezione di Roma 1 che sarà coadiuvato dai segnalinee Salvatore Sangiorgio di Catania e Lucia Abruzzese di Foggia. Il quarto uomo che assisterà l'arbitro ai bordi del campo sarà il signor Giampaolo Galise della sezione di Monza
Splende il sole sul terreno di gioco dell'Alberto Pinto che appare in ottime condizioni. Pomeriggio molto umido e temperatura intorno ai 25°
Squadre in campo
1' Parte la sfida!
1' Casertana in classica tenuta rossoblu e calzoncini blu
1' Savoia in maglia bianca e calzoncini bianchi
4' L'arbitro Morreale ha sinora diretto diciannove incontri in Lega Pro Unica con un bilancio estremamente equilibrato (sette vittorie casalinghe, sei pareggi e sei successi esterni). Ha già diretto la Casertana in questa stagione nel derby di Pagani, vinto dai falchetti per 2-0, ed il Savoia nel derby interno con l'Ischia, terminato sulla parità di 1-1
7' Originario di Tarquinia, Morreale è un fischietto emergente nel panorama nazionale degli arbitri italiani al suo quarto anno in Lega Pro. Il direttore di gara di quest'oggi è molto severo e si dice che nel prossimo anno possa avere una promozione nella categoria superiore
9' Primo corner del match, saranno i padroni di casa a batterlo
10' Secondo tiro dalla bandierina a favore dei falchetti
13' Francesco Marano con i suoi nove gialli presi sinora doveva essere il sorvegliato speciale dall'arbitro Morreale ma il centrocampista della Casertana non è del match a causa della doppia ammonizione comminatagli nella trasferta di Lamezia Terme. Eppure era andato a segno nelle ultime due uscite consecutivamente, peraltro i primi due gol stagionali con la maglia rossoblu
16' Diciannove è uno dei numeri che accomuna Casertana e Savoia per ragioni opposte. Sono infatti il numero delle vittorie dei rossoblu ed il numero delle sconfitte dei bianchi
19' Cinquantaquattro è un altro dei numeri comuni alle due squadre: per la squadra di Campilongo vuol dire le reti messe a segno mentre per la squadra di Papagni vuol dire le reti subite in questo campionato
22' Il bomber rossoblu è Karamoko Cissè con undici reti messe a segno, attaccante originario della Guinea classe 88 che è cresciuto ed ha esordito in serie A con l'Atalanta nel 2006. Poi ha indossato la maglie di Verona e Albinoleffe tra serie C1 e serie B approdando quindi in questa stagione a Caserta
25' Il bomber del Savoia è Francesco Scarpa, bandiera del club oplontino, con nove reti siglate di cui cinque su penalty, trequartista di Castellammare di Stabia classe 79 che ha giocato con squadre campane e qualche parantesi in Fidelis Andria e Foggia tra dilettantismo e serie C. Poi tra il 2008 e il 2011 ha indossato in serie B le maglie di Salernitana e Portogruaro
27' Terzo corner a favore della Casertana
28' Quarto calcio d'angolo a favore dei rossoblu
28' Quinto tiro dalla bandierina favore dei padroni di casa
29' GOL DELLA CASERTANA!
30' Quinto centro stagionale per Michele Murolo!
31' Sesto corner a favore della Casertana
31' Settimo calcio d'angolo a favore dei falchetti
33' Vincono Juve Stabia e Matera dunque al momento tutte e tre a quota 69 in graduatoria
34' Primo giallo del match. Ammonito Giulio Sanseverino, esterno offensivo del Savoia
37' Il bomber biancoscudato Francesco Scarpa, a seguito delle esperienze in B, è tornato in terza serie indossando la casacca azzurrostellata tra il 2011 e il 2013 e con la Paganese ha ottenuto la promozione in Prima divisione ma il suo amore è sempre stata la squadra torrese. Così nel 2013 è passato al Savoia scendendo in serie D e e portandola in Lega Pro ed oggi con i suoi gol sta contribuendo a raggiungere i playout. Obiettivo che fino a pochi mesi fa pareva un sogno
40' Il Savoia nei primi quarantacinque minuti di gioco avrebbe raccolto più punti che nella ripresa e precisamente quarantasette. Un bottino che consentirebbe a Scarpa a e compagni di essere ampiamente salvo e di lottare per l'accesso alla TIM Cup
44' Settimo calcio d'angolo a favore della Casertana
Casertana all'intervallo in vantaggio sul Savoia nel delicato derby campano grazie ad una rete di Murolo al 29' di destro al volo su invito in area oplontina di Carrus. Vantaggio meritato per i falchetti che nell'unico errore della difesa torrese ottengono il massimo col minimo sforzo. Invero i rossoblu hanno comandato il gioco per quasi tutto il primo tempo manifestando chiaramente una supremazia in campo. Gli ospiti hanno provato a reagire ma la retroguardia di casa non ha fatto passar nulla. Il Savoia dovrà fare qualcosa in più nella ripresa se vorrà almeno riequilibrare le sorti del match
Vincono tutte al momento le formazioni in corsa per i playoff. In coda invece vince la Reggina con una rete di scarto sul Catanzaro ed avvicina ad una sola lunghezza al momento il Savoia, che perde di misura al Pinto
Squadre in campo
46' Parte la ripresa!
49' GOL DEL SAVOIA!
51' Prima rete in stagione per Anthony Partipilo!
53' TORNA IN VANTAGGIO LA CASERTANA!
54' Secondo giallo per Sanseverino!
54' Espulsione per Sanseverino!
56' Quinta rete stagionale per l'attaccante rossoblu Mancosu!
56' Ottavo corner a favore dei rossoblu
59' Lecce e Casertana sono le squadre che hanno subito meno gol di tutte le altre nella prima mezz'ora di gara (cinque gol) mentre il Savoia ha subito più reti di tutte le altre (ben trentotto) nei secondi tempi dei match sin qui giocati
60' Ammonito Saric, play degli oplontini
61' Il centrocampista bianco era diffidato quindi non giocherà l'ultimo match della regular season
63' TRIS DELLA CASERTANA!
63' Il bomber rossoblu Cisse fa 12!
66' Nono calcio d'angolo a favore dei rossoblu
66' Primo cambio per i rossoblu. Il centrocampista De Liguori prende il posto del mediano Di Marco
67' Decimo corner a favore dei falchetti
70' Secondo cambio nel Savoia. Esce il centrocampista Giordani ed entra il difensore Cremaschi
69' Undicesimo calcio d'angolo a favore dei falchetti
69' POKER DELLA CASERTANA! 
70' Doppietta di Michele Murolo!
72' Primo cambio nelle fila degli ospiti. La punta Di Piazza sostituisce l'esterno d'attacco Cornacchia
76' Ultimo cambio nel Savoia. L'esterno d'attacco Pizzutelli prende il posto del mediano Boilini
76' Dodicesimo corner a favore dei falchetti
78' Ultimo cambio nella Casertana. Esce la punta Mancosu e c'è spazio per il centrocampista Kuseta
86' Ammonito Sirigu, difensore centrale savoiardo
88' Esce per infortunio il bomber rossoblu Cisse
88' Anche la Casertana quindi in 10 dato che Campilongo ha esaurito i cambi
90' +1 Cinque minuti di recupero
90' +3 Secondo corner a favore del Savoia
90' +3 Terzo calcio d'angolo a favore degli ospiti
Poker della Casertana ad un Savoia che si spegne sotto i colpi dei gol rossoblu. Apre le marcature Murolo nel primo tempo al 29' che al volo di destro su assist di Carrus trafigge Gragnaniello. Nella ripresa al 4' Partipilo su assist di Sanseverino controlla e batte Fumagalli. E' il pari. Poi si scatenano i falchetti che tornano avanti con Mancosu al 8' che si inserisce in area oplontina e coglie un suggerimento di Cisse battendo Gragnaniello. Morreale convalida il gol ma ammonisce Sanseverino, che era stato già ammonito quindi rosso e Savoia in 10. La squadra di Papagni si spegne sotto i colpi della Casertana che fa tris con Cisse al 18'. Il bomber rossoblu lascia partire una staffilata dal limite centrale dell'area che viene respinta da Gragnaniello sulla ribattuta riprende Cisse al volo e per il portiere torrese non c'è scampo. Fa poker la squadra di Campilongo al 24' con Murolo (doppietta personale) che su corner batte Gragnaniello con perfetto stacco di testa
Il quarto successo di fila porta i falchetti a 68 punti in graduatoria e considerando i risultati dagli altri campi la squadra di Campilongo si giocherà l'accesso ai playoff all'Arechi nell'ultima di ritorno
Seconda sconfitta consecutiva per il Savoia che vede avvicinarsi pericolosamente in graduatoria la Reggina (vittoriosa sul Catanzaro), che dista adesso solo un punto. Gli oplontini si giocheranno l'accesso ai playout al Giraud col Messina nel prossimo turno

CASERTANA - SAVOIA 4-1
CASERTANA. Fumagalli, Idda, Tito, Carrus, Mattera, Murolo, Agodirin, De Marco (62' Cunzi), Mancosu 78' Kuseta), Mancino (64' De Liguori), Cissè. 
A disposizione D'Agostino, Antonazzo, Caccavallo, Dialkite. Allenatore Salvatore Campilongo.
SAVOIA. Gragnaniello, Riccio, Mercadante, Giordani (64' Cremaschi), Checcucci, Sirigu, Saric, Boilini (69' Pizzutelli), Partipilo, Cornacchia (58' Di Piazza), Sanseverino. 
A disposizione Falcone, Panariello, Leonetti, Scarpa. Allenatore Aldo Papagni.
ARBITRO. Andrea Morreale di Roma; assistenti Sangiorgio di Catania ed Abbruzzese di Foggia.
MARCATORI. 28' Murolo, 47' Partipilo, 53' Mancosu, 62' Cissè, 68' Murolo
NOTE. Spettatori 3000 circa. Espulso Sanseverino (S) al 53' per doppia ammonizione, ammoniti Sanseverino (S), Saric (S), Sirigu (S). Angoli 13-3. Recuperi 0'pt e 5'st.
 
Sabato 25 aprile 2015
La Casertana espugna Lamezia: terza vittoria consecutiva con i brividi… 

La cronaca (fonte tuttolegapro.com)
Trentaseiesima giornata Girone C di Lega Pro: la gara Vigor Lamezia - Casertana. 
Ricordiamo che insieme a TuttoLegaPro.com è possibile seguire tutti i live delle altre partite del girone che oggi, che, come per le prossime due giornate, si giocheranno in contemporanea
Tutto pronto al "D'Ippolito": diramate le formazioni ufficiali delle due squadre
Falchetti campani lanciatissimi in ottica quarto posto con le 62 lunghezze in classifica, mentre è già definito il campionato dei lametini: 43 punti attuali, e salvezza già raggiunta da due settimane
Un emozionante 3-3, pieno di continui ribaltoni, è il risultato che la Vigor Lamezia ha ottenuto nel precedente turno sul campo del Barletta
Due partite in tre giorni per la Casertana, e sei punti ottenuti: prima archiviata la pratica contro il Catanzaro, poi quella contro il Martina Franca, nel recupero della 32^ giornata
Le due squadre stanno facendo adesso il loro ingresso in campo
1' Calcio d'avvio degli ospiti...partiti!
2' Vigor Lamezia in maglia a strisce biancoverdi e pantaloncini verdi, Casertana in maglia rossoblù e calzoncini blu
3' Dirige l’incontro il sig. Salvatore Guarino di Caltanissetta, coadiuvato dagli assistenti Pietro Carlo Pollaci e Danilo Ruggeri, ambedue della sezione di Palermo; osservatore, il sig. Sergio Pititto di Vibo Valentia
7' CASERTANA in vantaggio! AGODIRIN sblocca il match! 0-1
9' Per il classe '83 si tratta del secondo centro stagionale
12' Ricordiamo intanto anche le altre gare di questa giornata:
Aversa Normanna – Cosenza
Benevento – Messina 
Catanzaro – Paganese
Foggia - Reggina 
Ischia - Matera 
Martina Franca – Lecce
Melfi – Juve Stabia
Salernitana - Barletta 
Savoia - Lupa Roma
15' Lecce e Matera sono le due squadre cui la Casertana deve prestare attenzione
19' Primo corner della gara in favore della squadra di casa
23' Primo corner anche per la Casertana
25' Secondo tiro dalla bandierina per la compagine lametina
28' Schiera in campo il 4-3-3 mister Erra, modulo al quale si è affidato anche in altre circostanze per far scendere in campo la Vigor Lamezia
29' Terzo corner per i bianco verdi
30' Al match odierno, in casa Vigor Lamezia, non hanno preso parte gli infortunati Papa e Rapisarda
33' Rainone, difensore della Casertana, è costretto ad abbandonare momentaneamente il campo: alcuni problemi fisici per lui, vedremo se riuscirà a continuare il match
35' Primo cambio obbligato per i campani: Rainone non ce la fa, ed è sostituito dall'altro difensore centrale rossoblù, Murolo
38' Secondo problema fisico per gli uomini di mister Campilongo, che prima del fischio di inizio ha dovuto cambiare un interprete del suo 4-3-3: durante il riscaldamento si è infortunato Bianco. Al suo posto, in campo, è sceso Tito, mentre Pontiggia si è accomodato in panchina
42' Al momento, Matera e Lecce sono inchiodate sullo 0-0, rispettivamente contro Martina Franca e Ischia Isolaverde
44' Con uno striscione apparso nella curva lametina, i biancoverdi hanno voluto ricordare un loro compagno, storico tifoso, scomparso pochi giorni fa 
L'arbitro manda le squadre negli spogliatoi
Un primo tempo deciso dalla rete di Agodirin, che è bravo a sfruttare un rimpallo e, lasciato solo in area, ha tempo di girarsi e piazzare nell’angolino più lontano il suo sinistro
E’ comunque un primo tempo decisamente avaro di emozioni con poche azioni degna di nota. Inizia bene la Casertana con il gol di Agodirin, e poi con Cissè, che si porta in area saltando Filosa ma non lanciando bene il pallonetto che diventa facilmente raggiungibile per Forte; lo stesso estremo difensore neroverde è bravo anche a chiudere su un'ottima azione di Tito. La Vigor Lamezia cresce nel finale, prima con Held, che ci prova di testa ma la palla termina a lato, poi con Montella che batte Fumagalli, ma vedere la sfera intercettata da Mattera, che salva il risultato
Tornano nuovamente in campo le due formazioni, tutto è pronto per il secondo tempo del match
Due corner consecutivi per la Vigor Lamezia, che sale così a quota cinque calci d'angolo battuti
Siamo entrati nel primo dei tre minuti di recupero
46' Si riparte!
46' La Vigor Lamezia opera subito un doppio cambio: a centrocampo Battaglia viene rilevato da Voltasio...
46' ...in attacco Del Sante lascia il posto a Catalano
48' Al momento, dopo il cambio obbligato nel primo tempo, mister Campilongo decide di non operare ulteriori sostituzioni
49' Tegola in casa Vigor Lamezia, che esaurisce i cambi: l'attaccante Held lascia il campo dolorante, ed è sostituito dal centrocampista De Giorgi
52' Intanto, non cambiano i risultati di Lecce e Matera, ancora ferme sul pareggio: la vittoria, quindi, è più che mai importante per la Casertana
56' Il centrale della Casertana Rajcic è il primo ammonito del match: essendo diffidato, salterà la prossima gara
59' Secondo cambio nella formazione ospite: esce l'autore del gol, l'attaccante Agodirin, ed entra il centrocampista De Marco
63' I tredici precedenti tra le due squadre sorridono ai falchetti, vittoriosi per ben sei volte. Sono invece tre le vittorie della Vigor Lamezia, e quattro i pareggi
65' Catalano, l'attaccante della Vigor Lamezia, è il secondo calciatore del match a finire sul taccuino del direttore di gara
66' Da segnalare il momentaneo vantaggio del Lecce sul Martina Franca
70' Sesto calcio d'angolo per la Vigor Lamezia
71' Cartellino giallo sventolato all'indirizzo del difensore lametino Gattari
71' Calo fisico per il centrale Rajcic, sostituito dal difensore Antonazzo: esaurisce i cambi anche la Casertana
72' L'assetto tattico dei campani diviene quindi un 4-4-1-1
74' Settimo tiro dalla bandierina per la formazione locale
74' SCARSELLA la pareggia, è l'1-1! VIGOR LAMEZIA in GOL!
75' Per il centrocampista classe '89, si tratta dell'ottavo gol stagionale
76' Secondo calcio d'angolo per la Casertana
78' Il Matera passa in vantaggio a Ischia: la Casertana adesso deve rincorrere, non solo la vittoria odierna ma anche le dirette contendenti per il quarto posto in classifica
82' Arriva un altro cartellino giallo, all'indirizzo del centrale rossoblù Marano
86' Si riaprono le speranze della Casertana, l'Ischia ha segnato il gol del pareggio contro il Matera
88' Terzo ammonito nelle file lametine: giallo per il difensore Spirito
89' E terzo giallo anche nella Casertana: sul taccuino dell'arbitro finisce l'attaccante Mancino
90' +1 VANTAGGIO della CASERTANA! E' il GOL del centrale MARANO! 1-2
90' +2 Giallo per Marano, autore del vantaggio rossoblù
90' +2 Trattandosi del secondo giallo, il centrale della Casertana è quindi espulso
90' +2 Partono adesso i tre minuti di recupero accordati dall'arbitro
90' +3 Giallo per l'attaccante della Casertana Cissè
Triplice fischio del direttore di gara
Intanto che si attende la fine delle gare di Lecce e Matera, la Casertana, con la vittoria odierna, si porta a 65 punti in classifica, mentre rimane ferma a 43 la Vigor Lamezia
Due gol in questi secondi 45’. Prima nasce quello del pareggio lametino: dagli sviluppi di un corner, pennellato perfettamente nel centro dell’area, Scarsella trova il gol del pareggio, saltando più in alto di tutti e battendo di testa Fumagalli. Sul fino di lana, è Marano a portare nuovamente in vantaggio la Casertana con un chirurgico destro dal limite dell’area
Un secondo tempo inizialmente avaro di emozioni, con la Casertana che pensa soprattutto a difendere il risultato, e la Vigor Lamezia che cerca il pareggio senza però la giusta convinzione. Ci prova De Giorgi, ma Fumagalli riesce a salvarsi in due tempi , mentre successivamente c’è un bello scambio tra lo stesso De Giorgi e Montella, con quest’ultimo che prova il sinistro, ma la palla finisce alta e larga sopra il sette; il meritato pareggio arriva, e l’ultimo quarto d’ora del match si vivacizza leggermente. Solo Mancino, sul versante rossoblù, controlla con il petto e prova la conclusione dal dischetto, ma il tiro è debole. Ci crede Marano, che trova il gol vittoria della Casertana, ma che si fa espellere
Tra poco su TuttoLegaPro.com i top e flop del match
Tornerà in campo domenica 3 maggio alle 15:00 il girone C, con la Vigor Lamezia impegnata sul campo della Juve Stabia e la Casertana che tra le mura amiche affronterà il Savoia

VIGOR LAMEZIA – CASERTANA 1-2
VIGOR LAMEZIA. Forte; Spirito Filosa Gattari Kostadinovic; Puccio Battaglia (1’ st Voltasio) Scarsella; Held (3’ st De Giorgi) Del Sante (1’ st Catalano) Montella. 
A disposizione Piacenti, Di Bella, Di Marco, Malerba. Allenatore Alessandro Erra.
CASERTANA. Fumagalli; Idda Raione (33’ st Murolo) Mattera Tito; Marano Rajcic (25’ st Antonazzo); Agodirin (8’ st De Marco) Mancosu Marano; Cissè. 
A disposizione D’Agostino, Pontiggia, Carrus, Diakitè. Allenatore Salvatore Campilongo.
ARBITRO. S. Guarino di Caltanissetta.
MARCATORI. Agodirin al 6’ pt, Scarsella al 28’ st, Marano al 44′ st.
NOTE. Gioranata primaverile. Terreno in buone condizioni. Spettatori 800 circa (41 ospiti) per un incasso di 4.345 euro. Espulso Marano al 90’ per somma di ammonizioni; ammoniti Rajcic (10’ st), Catalano (19’ st), Gattari (24’ st), Marano (35’ st), Mancino (42’ st), Spirito (42’ st), CIssè (46’ st). Angoli 7-2. Recuperi: 3’ pt, 3’ st.

 
Mercoledi 22 aprile 2015
La Casertana espugna il Tursi e punta decisa ai play off!

Una Casertana troppo forte per il Martina conquista i tre punti nel recupero della 32° giornata e si ripropone  fortemente nella corsa ai play off promozione. Con la vittoria di questa sera, infatti, i falchetti scavalcano il Lecce in classifica e si portano a un solo punto dal Matera che occupa la quarta posizione, e soprattutto, si mettono definitivamente alle spalle il brutto momento durante il quale avevano racimolato solo 2 punti in quattro gare, e dopo la vittoria sul Catanzaro di domenica scorsa arriva quindi un’altra vittoria fondamentale. 
Mister Campilongo deve rinunciare inizialmente allo squalificato Cissè sostituito da Diakitè e rispetto alla gara di domenica propone Cunzi al posto di Agodirin che va in panchina.
Partono subito forte i rossoblu, con ritmi alti e l’intenzione di voler chiudere la pratica al più presto; è soprattutto la catena di sinistra che spacca la difesa del Martina in più occasioni e da dove arrivano i pericoli maggiori; Nicola Mancino sembra ispiratissimo e insieme a Bianco e Mancosu crea non pochi problemi a Patti e compagni. 
E non è un caso che proprio da quella zona di campo partono le azioni che portano ai due gol rossoblu messi a segno tra il 25° e il 33° del primo tempo. È sempre Mancino protagonista delle azioni, prima con un traversone smanacciato da Bleve che viene raccolto e tramutato in gol da Marano e poi con un assist al bacio per Cunzi, che non può fare altro che colpire di testa e trafiggere l’estremo difensore azzurro. 
Sul finire del tempo arriva anche l’espulsione di Patti che sembra chiudere definitivamente i giochi; purtroppo non è così perché, come spesso accade, la Casertana si complica la vita e subisce l’ennesimo gol evitabilissimo proprio a inizio primo tempo con De Giorgi che sfugge alla marcatura di Rainone e insacca di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo.
I rossoblu accusano il colpo, e il Martina inizia a credere nel pareggio; pian pano però gli uomini di Campilongo riprendono la partita in mano e trovano il terzo gol al 20° con Diakitè, bravo a sfruttare un assist preciso del solito Mancino che taglia la difesa avversaria.
Sul 3-1 la gara di fatto finisce: il Martina spinto dall’orgoglio prova senza successo a impensierire Fumagalli, mentre i falchetti dal loro canto controllano senza disdegnare qualche sortita offensiva in contropiede.
Tutto secondo pronostico quindi, la Casertana sfrutta al meglio il recupero e tallona il Matera; ma non c’è tempo di festeggiare perché già sabato a Lamezia c’è bisogno dell’ennesima grande prova, nella speranza che Juve Stabia e Matera facciano qualche passo falso rispettivamente a Melfi e Ischia.
I rossoblu comunque ci sono, sono vivi e sono pronti a giocarsi tutte le loro carte per accedere ai play off, un risultato, è sempre bene ricordarlo, che sarebbe un vero miracolo per una squadra neopromossa partita con l’obiettivo di un campionato tranquillo. Godiamoci quindi questo finale di stagione che si concluderà con la trasferta delle trasferte in quel di Salerno.

La cronaca (fonte tuttolegapro.com)
Martina Franca-Casertana, recupero della 32^ giornata del Girone C. Fischio d'inizio alle 20:30 
La gara, lo ricordiamo, fu rinviata a causa del cedimento provocato dal forte vento di uno dei piloni d'illuminazione dello stadio "Tursi"
I padroni di casa hanno 37 punti, 7 in più della zona play-out. Una vittoria oggi potrebbe regalare loro la salvezza con tre giornate d'anticipo. Dall'altro lato la Casertana che invece, vincendo, si porterebbe a 62 punti, appena uno in meno del Matera quarto in classifica. I play-off quindi per i campani non sono un sogno irrealizzabile
Il Martina, con mister Imbimbo in panchina, negli ultimi tre turni ha ottenuto due ottimi pareggi esterni a Messina e Cosenza e ha perso di misura (0-1) in casa col Matera
La Casertana invece nell'ultimo turno è tornata alla vittoria battendo 2-1 il Catanzaro: il successo mancava dall'11 marzo (3-2 con la Lupa Roma). Una boccata d'ossigeno per mister Campilongo, che proprio in occasione della vittoria contro la squadra della capitale aveva agguantato il terzo posto in solitaria. Come detto però non tutto è perduto
La gara d'andata, giocata il 16 novembre, terminò 2-1 per la Casertana. Al vantaggio iniziale di Magrassi nel primo tempo, risposero i campani nella ripresa con le reti di Alvino e Diakitè
Tra le file della Casertana manca uno degli elementi più importanti, Karamoko Cissè. Diffidato, Cissè nell'ultimo match disputato ha rimediato un cartellino giallo. Inevitabile quindi la squalifica
1' E' iniziato il recupero della 32^ giornata del girone C
2' Completo azzurro per il Martina, divisa bianca con inserti rossoblu per la Casertana
3' Il primo corner del match è per la squadra campana
7' Arbitra il match il signor Saverio Pelagatti di Arezzo, coadiuvato dagli assistenti Michele Grossi di Frosinone e Pierluigi Della Vecchia di Avellino
9' Bella serata al "Tursi". Discreta la cornice di pubblico, presenti anche una trentina di tifosi provenienti da Caserta. Terreno di gioco in buone condizioni
12' Adesso un angolo anche per il Martina
16' Il Martina Franca non vince dall'11 marzo, quando piegò in casa il Savoia 3-1. Era la 29^ giornata
22' Sono 33 i gol segnati dal Martina, ben 49 quelli invece siglati dalla Casertana in questo torneo. Per quarto riguarda invece le reti subite, sono 36 per il Martina e 31 per la Casertana
25' CASERTANA IN VANTAGGIO! MARANO FA 0-1!
27' Primo gol stagionale per il centrocampista classe 1990
30' E' il cinquantesimo gol in campionato per la Casertana. Meglio hanno fatto solo Foggia con 56 e Benevento e Juve Stabia con 52 gol
33' RADDOPPIO CASERTANA! CUNZI FA 0-2!
33' Evangelista Cunzi è al suo secondo gol stagionale
36' Il primo ammonito del match è Pepe del Martina
37' Francesco Marano è nato a Castellammare di Stabia e calcisticamente è sempre rimasto in Campania. Ha infatti iniziato la sua carriera proprio nella squadra della sua città, la Juve Stabia. Quindi ha vestito la maglia dell'Aversa Normanna. Questa è la sua seconda stagione a Caserta
39' Giallo per De Lucia per gioco falloso, altro ammonito per il Martina
40' ESPULSO PATTI! Martina in dieci uomini
41' Ammonito Fabiano del Martina per condotta antisportiva
44' L'espulsione di Patti sembra sia arrivata per comportamento offensivo nei confronti del direttore di gara
45' +1 Due minuti di recupero
Il primo tempo termina 0-2 a favore della Casertana
Casertana in vantaggio di due gol al termine di 45 minuti ricchi di episodi. All'11' Arcidiacono scappa via sul filo del fuorigioco, prova a superare Fumagalli con un pallonetto e il portiere sembra toccare la palla con un braccio quando si trova nettamente fuori dall'area di rigore. Grandi proteste dei padroni di casa, ma sia per l'arbitro che per l'assistente non c'è nulla di irregolare. Al 25' Casertana in vantaggio: cross dalla sinistra di Mancino, Bleve smanaccia, ma arriva Marano in corsa correggendo in rete. Al 33' il raddoppio degli ospiti: ancora Mancino crossa dalla medesima posizione, al centro dell'area irrompe Cunzi che di testa segna. Al 40' ammonizione per De Lucia, Patti forse spintona l'arbitro che, per tutta risposta, caccia il difensore del Martina. Nonostante l'inferiorità numerica, nel finale doppia chance per i biancazzurri, prima con Fabiano e poi con Arcidiacono, ma in entrambe le occasioni è bravo Fumagalli ad opporsi
Squadre nuovamente sul terreno di gioco per il secondo tempo
46' Inizia il secondo tempo tra Martina Franca e Casertana
47' Nonostante l'inferiorità numerica, mister Imbimbo non ha operato cambi all'intervallo. Neanche la Casertana ha effettuato variazioni rispetto allo schieramento iniziale
49' IL MARTINA RIAPRE IL MATCH! DE GIORGI!
50' Prima rete stagionale per Francesco De Giorgi
53' Primo ammonito anche per la Casertana: è Cunzi, l'autore del secondo gol dei campani
55' Il conto dei corner è 3-3
56' Il gol di De Giorgi ha interrotto il digiuno di gol del Martina, che durava da ben 500 minuti
60' La curiosità: i capocannonieri delle due squadre, Montalto del Martina con 10 reti e Cissè della Casertana con 11 reti, sono oggi entrambi assenti. Il primo per infortunio, il secondo per squalifica
65' TRIS ROSSOBLU! A SEGNO DIAKITE!
66' Sesta rete stagionale per la punta della Costa D'Avorio
68' Primo cambio per la Casertana: esce Idda, entra Antonazzo
74' Doppio cambio per il Martina: esce Pepe, entra Caruso
75' Esce anche Memolla, entra Pivkovski
76' Cambio anche per la Casertana: esce Mancino, entra Tito
81' La Casertana disputerà il prossimo match a Lamezia, quindi ospiterà il Savoia, infine nell'ultimo turno giocherà in trasferta a Salerno
83' Ultimo cambio per il Martina: esce De Lucia, entra Diop
86' Ultimo cambio anche per la Casertana: esce Mancosu, entra Caccavallo
90' +1 Tre minuti di recupero
Finisce qui! La Casertana batte il Martina 3-1
Dopo i primi 45 minuti ricchi di episodi, anche la ripresa inizia sugli stessi ritmi. Al 49' De Giorgi riapre la partita, segnando con un bel colpo di testa sugli sviluppi di un calcio d'angolo procurato dallo stesso esterno destro. Il Martina preme ma inevitabilmente si scopre e viene punito. Al 65' Diakite si fa trovare smarcato in area di rigore e non ha grosse difficoltà nel battere breve per la rete dell'1-3. Lo stesso Diakite poco dopo sfiora il poker, ma calcia alto sopra la traversa. Il Martina risponde con le conclusioni da fuori di Bucolo e Arcidiacono, senza però fortuna. La Casertana nel finale amministra rischiando poco
Il Martina rimane fermo a quota 37 punti. La festa per la salvezza è quindi rinviata. I ragazzi di Imbimbo ci proveranno nel prossimo turno, ancora al "Tursi", stavolta contro il Lecce
La Casertana invece vola a quota 62, ad un solo punto dalla zona play-off. Sarà un finale di campionato tiratissimo per i campani, che nel prossimo turno giocheranno a Lamezia

MARTINA FRANCA – CASERTANA 1-3
MARTINA FRANCA. Bleve, De Giorgi, Samnick, Bucolo, Patti, Fabiano, Arcidiacono, De Lucia (82’ Diop), Tomi, Pepe (73’ Caruso), Memolla (73’ Pivkovski). 
A disposizione Modesti, Brunetti, Kalombo, Guadalupi. Allenatore Imbimbo.
CASERTANA. Fumagalli, Idda (67’ Antonazzo), Bianco, Rajcic, Mattera,Rainone, Mancosu (85′ Caccavallo), Marano, Diakitè, Mancino (70’ Tito), Cunzi. 
A disposizione D’Agostino, Tito, Carrus, Murolo, Agodirin. Allenatore Campilongo.
ARBITRO. Signor Saverio Pelagatti di Arezzo, coadiuvato dagli assistenti Michele Grossi di Frosinone e Pierluigi Della Vecchia di Avellino.
MARCATORI. 25′ pt Marano (C), 33′ pt Cunzi (C), 4′ st De Giorgi (M), 20′ st Diakite (C).
NOTE. Spettatori 500 circa con una trentina provenienti da Caserta. Espulso Patti al 40’ per proteste; ammoniti Pepe, De Lucia, Fabiano, Cunzi, Marano. Angoli: 3-3. Recuperi 2’pt, 3′st. 

Domenica 19 aprile 2015
Casertana troppo forte, Cissè e Agodirin stendono il Catanzaro

La cronaca (fonte legapro.com)
Diretta dall'Alberto Pinto di Caserta per condividere il LIVE MATCH di Casertana-Catanzaro, gara valida per la trentacinquesima giornata del campionato nazionale di Lega Pro girone C
I falchetti non vincono da più di un mese al Pinto e nelle ultime quattro uscite hanno raccolto due punti soltanto rovinando quanto di buono avevano fatto sinora. Oggi i tre punti sono necessari per tenere accesa la fiammella, fioca al momento, di un posto ai playoff altrimenti la stagione per i rossoblu potrebbe finire qui
Rimpianti e delusione sono stati il leit motiv in settimana in casa giallorossa per le occasioni mancate ma soprattutto per i playoff ormai da tempo clamorosamente falliti. Oggi le Aquile hanno l'occasione di dimostrare tutto il loro valore in campo rispetto alle polemiche in settimana rischiando di contro di rovinare il cammino tutto in salita dei loro avversari verso i playoff
Dirigerà quest'oggi l'arbitro Antonello Balice della sezione di Termoli con la collaborazione dei segnalinee Edoardo Ficarra della sezione di Palermo e Luca Solazzi della sezione di Avezzano
Splende il sole questo pomeriggio sull'Alberto Pinto di Caserta
In attesa dell'ingresso in campo delle squadre il Lecce ha superato il Foggia nello scontro diretto di questo pomeriggio portandosi a tre punti dal Matera mentre questa sconfitta per i satanelli potrebbe voler dire addio ai sogni di playoff 
Le squadre fanno il loro ingresso in campo in questo istante
Viene deposta una corona floreale nel settore del tifo casertano per commemorare Mario Cavallo, tifoso storico rossoblu
Minuto di raccoglimento in campo tra le due formazioni alla sua memoria
Applausi dell'Alberto Pinto alla memoria di Mario Cavallo 
Saranno i padroni di casa a dare il calcio d'inizio
1' Partiti!
1' Catanzaro in completo bianco con striscia giallorossa in verticale
1' Casertana in tenuta tradizionale con maglia a strisce verticali rossoblu e calzoncini rossoblu
4' Una settimana fa se n'è andato Mario Cavallo, conosciutissimo ultrà rossoblu che da più di un mese lottava tra la vita e la morte in ospedale e poi deceduto per una serie di complicazioni. Il club del presidente, Giovanni Lombardi, ha deciso di devolvere l’intero incasso della partita odierna alla famiglia di Mario Cavallo. Un gesto per ricordare e onorare chi ha sempre mostrato incondizionato amore e rispetto verso i color rossoblu
7' Dal mese di marzo gli striscioni “Cavallo resisti” comparsi oltre che all'Alberto Pinto anche sulle tribune degli stadi di Terni, Avellino, Cassino, Marsala e Magonza in terra teutonica avevano testimoniato la vicinanza di tutte le diverse tifoserie allo sfortunato tifoso e alla sua famiglia
10' Un altro ricordo doloroso della tifoseria casertana è stato in settimana quello di Catello Mari, difensore della Casertana dal coraggio leonino e fortemente legato ai colori sociali del club campano. Nel nono anniversario della sua prematura scomparsa in un incidente stradale la società rossoblu lo ha voluto ricordare in settimana sul suo sito ufficiale
13' L'Alberto Pinto è l'impianto sportivo in cui la Casertana disputa i suoi incontri casalinghi. Lo stadio è stato intitolato all'ex capitano di finanza nonché ex calciatore della squadra rossoblu
15' GOL DELLA CASERTANA!
16' Torna al gol Karamoko Cisse!
16' Undicesimo centro per l'attaccante guineano di passaporto italiano
19' L'arbitro Balice ha debuttato in Lega Pro nell'ottobre del 2013 dirigendo Como-Aurora Pro Patria e poi nel gennaio del 2014 ha esordito in serie B come quarto uomo in Bari-Reggina
20' Primo corner del match. Lo batteranno i padroni di casa
22' In questa stagione il fischietto molisano ha arbitrato una dozzina di gare con cinque gare terminate sulla parità e le restanti sette, che si sono concluse più o meno equamente con tre vittorie in casa e quattro successi fuori casa
25' Il bilancio dei giallorossi all'Alberto Pinto non è per niente favorevole con cinque sconfitte e tre pareggi, tra campionato e Coppa Italia. L'ultimo successo delle Aquile si riferisce alla stagione ’58-’59 (0-1) mentre i falchetti non battono in casa il Catanzaro dalla stagione di C1 ’90-’91 (1-0)
28' L'ultimo precedente tra le due formazioni risale a diciotto anni fa e precisamente alla stagione '96-'97 in cui a quattro turni dalla fine (così come adesso) la gara finì a reti inviolate. Un risultato oggi che non servirebbe a nessuno salvo certificare sostanzialmente la fine delle ambizioni da playoff dei rossoblu
28' RADDOPPIO DELLA CASERTANA!
29' Primo gol di Agodirin!
32' Il Catanzaro è tra le squadre del girone C di Lega Pro che hanno segnato meno nella prima mezz'ora della ripresa. Appena 11 gol realizzati. Peggio hanno fatto la Reggina, il Matera ed il Martina (nove gol siglati) mentre peggio di tutti ha fatto il Savoia con tre reti messe a segno
35' Casertana e Catanzaro hanno invece sinora messo a segno lo stesso numero di gol nella prima frazione di gioco (venti reti)
38' Sul fronte opposto delle reti prese i calabresi hanno subito appena sei gol nella prima mezz'ora della ripresa mentre hanno preso 13 gol (come l'Aversa Normanna) registrando quindi la peggiore difesa nell'ultimo quarto di gara. Peggio ha fatto solo la Lupa Roma che ne ha subiti 18
41' Primo giallo del match. Balice ammonisce il play giallorosso Manuel Giandonato
44' Primo giallo anche nelle fila dei rossoblu. Balice ammonisce Peppe Mattera, difensore centrale della Casertana
Finisce nettamente a favore della Casertana il primo tempo. I rossoblu conducono con due gol di vantaggio realizzati da Cisse al 15' e da Agodirin al 28'. Il primo gol è una forte conclusione in corsa da destra del bomber rossoblu su invito di Mancosu che gli regala la sfera, spalle alla porta. Il raddoppio arriva su cross dalla sinistra di Mancino con la sfera che rimbalza quel tanto che basta ad Agodirin per colpirla di testa in tuffo. Il Catanzaro ha provato invano ad abbozzare una reazione. I giallorossi sono apparsi lenti e prevedibili e dopo un'inizio dignitoso sono praticamente spariti dalla scena del match soprattutto nell'ultimo quarto di gara. D'accordo che i calabresi non hanno più nulla da chiedere alla loro stagione ma rischiano così di fare da sparring-partner ad una Casertana che oggi non fa sconti a nessuno
Squadre in campo 
A breve riprenderà la gara
Saranno gli ospiti nella ripresa a dare il calcio d'avvio
46' Si riparte!
48' Primo corner del match a favore degli ospiti
51' Primo cambio della gara. Sanderra richiama la punta Mancuso per l'esterno Mounard
55' La Casertana ha una delle migliori difese con trenta gol al passivo (come il Lecce). Meglio hanno fatto solo Benevento e Salernitana, rispettivamente con ventisette e venticinque gol presi
55' Sanderra cambia modulo passando dal 4-3-3 al 3-5-2
56' Secondo cambio per i giallorossi. Sanderra richiama il terzino Calvarese per il difensore Daffara
59' Adesso il tecnico laziale torna al suo modulo tradizionale 4-4-2 con Mounard esterno di sinistra e Daffara esterno destro di difesa
60' Russotto e Razzitti sono le punte in avanti
64' Il rendimento della squadra di Campilongo non brilla particolarmente nel primo tempo delle gare disputate. Nella ripresa dei match giocati invece il rendimento dei falchetti si accresce al punto che stazionerebbero in questa speciale classifica al quarto posto (sempre con una gara in meno). Oggi non è stato così...
65' Primo cambio nelle fila rossoblu. la punta Diakite prende il posto dell'attaccante Mancosu
69' Secondo cambio di Campilongo. Il tecnico rossoblu richiama il trequartista Mancino per il difensore Tito
71' GOL DEL CATANZARO!
71' Andrea Razzitti accorcia le distanze su calcio di rigore!
72' Quinto gol stagionale per la punta delle Aquile
76' Secondo giallo nelle fila degli ospiti. Balice ammonisce Ghosheh
79' All'andata finì tra i fischi al Ceravolo con i rossoblu che espugnarono Catanzaro con un colpo di testa di Murolo nel primo tempo
80' Secondo calcio d'angolo a favore della Casertana
82' Terzo corner a favore dei rossoblu
83' Ultimo cambio nella Casertana. Esce l'esterno Agodirin ed entra l'attaccante Cunzi
84' Ultima sostituzione anche nel Catanzaro. Esce il centrocampista Giampà ed entra l'attaccante Caputa
90' +2 Quarto tiro dalla bandierina a favore dei padroni di casa
La Caseertana torna al successo al Pinto dopo più di un mese e lo fa con merito contro un Catanzaro che ha dato filo da torcere ai falchetti solo nella ripresa. Apre le marcature al quarto d'ora Cisse con una forte conclusione in corsa su suggerimento di Mancosu. Raddoppia al 28' con un colpo di testa in tuffo di Agodirin su un rimbalzo in area giallorossa originatosi da un cross di Mancino dalla sinistra. Nella ripresa si rivede il Catanzaro con Sanderra che grazie ad un paio di sostituzioni cambia modulo passando dal 4-3-3 iniziale ad un 4-4-2. L'assetto è più coperto e si espone meno alle avances del tridente di Campilongo. Il match pare riaprirsi nella ripresa quando Balice concede un penalty agli ospiti per un fallo inutile di Mattera su Razzitti. L'attaccante giallorosso dal dischetto non fallisce. La gara però non registra particolari sussulti e ci si spinge verso la fine. Bene la Casertana nel primo tempo che mette la gara nel cassetto male gli ospiti che non reagiscono. Nella ripresa Catanzaro più tonico e che rischia meno in difesa e Casertana che tende ad addormentare la partita sino al termine. I rossoblu ci riescono e possono finalmente riprendere il loro cammino lungo e difficle verso i playoff
La Casertana sale a quota 59 davanti al Foggia e dietro il Lecce. Mercoledì prossimo andrà a Martina Franca per un recupero di importanza strategica per i rossoblu
Il Catanzaro resta a 49 punti in graduatoria. I giallorossi riceveranno nel prossimo turno la Paganese

CASERTANA - CATANZARO 2-1
CASERTANA. Fumagalli, Idda, Bianco, Rajcic, Mattera, Rainone, Agodirin (83’ Cunzi), Marano, Mancosu (64’ Diakitè), Mancino (68’ Tito), Cissè. 
A disposizione D’Agostino, D’Alterio, Carrus, Caccavallo. Allenatore Salvatore Campilongo.
CATANZARO. Bindi, Calvarese (56’ Daffara), Squillace, Giandonato, Rigione, Ghosheh, Giampà (84’ Caputa), Zappacosta, Razzitti, Russotto, Mancuso (50’ Mounard). 
A disposizione Migani, D’Orsi, Orchi, Ilari. Allenatore Stefano Sanderra.
MARCATORI. 14’ pt Cissè (CAS), 28’ Agodirin (CAS), 70’ Razzitti su rig. (CAT).
ARBITRO. Antonello Balice della sezione di Termoli; assistenti Ficarra di Palermo e Solazzi di Avellino.
NOTE. Spettatori: 3000 circa. Ammoniti Mattera, Cissè (CAS); Giandonato (CAT). Angoli: 5-2. Fuorigioco: 2-2. Recuperi: 0pt, 3st. 

 
Mercoledi 1 aprile 2015
Falchetti in ginocchio, il Melfi passa al Pinto

La cronaca (fonte tuttolegapro.com)
Incontro valevole per la 32esima giornata del girone C di Lega Pro tra Casertana e Melfi
Ci sono pervenute le formazioni ufficiali: Campilongo, trainer dei campani, cambia modulo, soprattutto a causa delle assenze a centrocampo di Rajcic, Marano e Carrus, passando dal 4-3-3 al 4-2-3-1, con Mancosu,Mancino e Caccavallo a supporto dell'unica punta Cissè. Tutto confermato in casa Melfi: 4-2-3-1 con Tortori dietro le due punte Caturano e Fella
La Casertana al momento è quinta con 56 punti, dietro Matera e Juve Stabia al momento terze a pari merito con 57 punti. Ricordiamo però che gli uomini di Campilongo hanno una partita in meno, in quanto domenica scorsa non hanno giocato il match in trasferta contro il Martina a causa di un guasto all'impianto di illuminazione dello stadio della società pugliese.
Il Melfi, invece, occupa la tredicesima posizione a quota 35, con 6 punti di vantaggio sull'Ischia, che nel pomeriggio ha espugnato il Granillo di Reggio Calabria col risultato di 1-0
L'arbitro della gara sarà il signor Francesco Fiore di Barletta, mentre gli assistenti di gara saranno Orlando Pagnotta di Nocera inferiore e Raffaele Vitiello della sezione di Torre del Greco. 
Nel match iniziato alle 19:30 la Juve Stabia è in vantaggio sull'Aversa Normanna col punteggio di 2-1; un risultato che sicuramente non farà felici i casertani, a questo punto obbligati a vincere.
Le due squadre stanno effettuando il loro ingresso in campo. Casertana in maglia rossoblù con calzoncini e calzettoni blu; ospiti in maglia totalmente verde
1' Partiti!
8' In questa stagione la Casertana in casa ha totalizzato 36 punti nelle 16 partite giocate, frutto di 11 vittorie, 3 pareggi e 2 sconfitte. Il Melfi, invece, lontano dall'Arturo Valerio ha totalizzato 13 punti, frutto di 2 vittorie,7 pareggi e 7 sconfitte
11' I due ex della sfida, oggi presenti sono: Salvatore Caturano e Ermano Fumagalli. Il primo ha indossato la maglia dei falchetti dal giugno 2013 a gennaio 2014, totalizzando 14 partite e segnando 12 gol; il secondo ha indossato la maglia del Melfi dal gennaio 2004 a giugno 2006, totalizzando complessivamente 61 presenze.
15' GOL! Melfi in vantaggio con Caturano
17' Per Caturano si tratta del quindicesimo sigillo stagionale
20' Primo angolo del match per il Melfi
20' Curiosità: nel settembre del 2008, Caturano, all'epoca attaccante del Taranto, realizzò il gol che permise ai rossoblù di battere il Marcianise per 1-0; in quell'occasione la partita si giocò al Pinto di Caserta per l'inagibilità del Progreditur di Marcianise e il portiere dei padroni di casa era proprio Ermano Fumagalli, che, proprio come qualche anno fa, è stato ancora una volta trafitto dall'attaccante napoletano
27' GOL! La Casertana pareggia grazie ad un gol di Mancino
30' Per il centrocampista offensivo di casa si tratta del sesto gol stagionale
39' Brutte notizie per i padroni di casa: è finita la partita di Castellamare di Stabia tra la Juve Stabia e l'Aversa col punteggio di 3-2 in favore delle vespe. A questo punto, classifica real time alla mano, il distacco dalla terza posizione per gli uomini di Campilongo è di 3 punti
41' Primo ammonito della gara: si tratta di Spezzani del Melfi.
44' Ammonito De Liguori, centrocampista della Casertana.
45' Ammonito anche Fella, attaccante del Melfi
45' L'arbitro assegna 3 minuti di recupero
Finisce il primo tempo: 1-1 tra Casertana e Melfi.
Primo tempo scoppiettante quello andato in scena questa sera allo stadio Pinto: finisce 1-1 con gol e tante emozioni. Partono forte gli ospiti che al minuto 15 vanno in vantaggio con un gol del solito Caturano che, dopo una sponda del compagno di reparto Fella, colpisce da fuori area battendo Fumagalli, forse un po' distratto nella circostanza. La reazione della Casertana non si fa attendere e al minuto 27 arriva il pareggio con un gol di Mancino che, con una perfetta conclusione a giro, trafigge l'incolpevole Perina. A questo punto la Casertana inizia a premere con veemenza e al 33' i falchetti hanno una super occasione: Mattera, dopo un'azione confusa in area, colpisce la palla, centrando in pieno la traversa, a Perina praticamente battuto. Le emozioni non finiscono qui, con i padroni di casa che sfiorano ancora il vantaggio con un cross dalla destra di Caccavallo, con annessa svirgolata del capitano lucano Demarku che per poco non trafigge il suo portiere.
Le due squadre rientrano in campo per il secondo tempo
46' Inizia il secondo tempo
49' Entrambi gli allenatori non hanno effettuato cambi, di conseguenza in campo ci stanno gli stessi 22 del primo tempo
52' GOL! Idda porta i falchetti in vantaggio
53' Per il terzino sardo si tratta del terzo gol stagionale
56' Curiosità: Campilongo da giocatore ha indossato la maglia dei falchetti dal 1989 al 1992, in totale ha giocato 98 partite mettendo a segno 41 gol. Sicuramente la stagione più importante è stata quella in Serie B, stagione 91/92; in quella annata l'attuale allenatore campano realizzò la bellezza di 15 reti. Purtroppo per la Casertana quell'anno fu sfortunato, infatti i falchetti retrocessero in serie C1 dopo aver perso, col punteggio di 2-1, lo spareggio contro il Taranto ad Ascoli Piceno.
59' Angolo per il Melfi, si tratta del quarto della gara
60' GOL! Pareggio del Melfi con Dermaku
61' Per Dermaku, oggi alla centesima presenza tra i professionisti, si tratta del secondo gol stagionale
62' Primo cambio del match: Cunzi avvicenda uno spento Caccavallo
64' Angolo per la Casertana
70' Secondo cambio nella Casertana: Diakitè sostituisce De Liguori
72' Prima sostituzione nel Melfi: Giacomarro rileva Gallo
74' Ammonito Murolo nella Casertana
75' Angolo per il Melfi
76' GOL! Melfi in vantaggio con Fella
77' Per il giovane attaccante del Melfi si tratta del quarto gol stagionale
79' Ammonito Tortori tra le file del Melfi
83' Ammonito Pinna del Melfi
83' Ammonito anche Cissè della Casertana
87' Ultimo cambio per i falchetti: Bianco in luogo di Tito
87' Cambio anche nel Melfi: Colella avvicenda Fella
90' +1 L'arbitro assegna tre minuti di recupero
90' +1 Ammonito anche il portiere del Melfi Perina
90' +2 Miracolo di Perina!
Finisce qui allo stadio Pinto di Caserta: vince il Melfi col punteggio di 3-2
Incredibile partita a Caserta, con il Melfi che, con una gara straordinaria, batte i più quotati avversari col punteggio di 3-2. Anche nel secondo tempo gol ed emozioni: si parte subito al minuto 52, quando i padroni di casa si portano sul 2-1 grazie ad una rasoiata di Idda che, servito da Cissè, batte Perina. Dura poco la gioia dei falchetti, infatti il Melfi al 60' perviene al pareggio con Dermaku, abile a insaccare di testa su perfetto assist di Pinna sugli sviluppi di un calcio d'angolo. A questo punto i padroni di casa provano a vincere la partita, scoprendosi troppo. Ne approfittano gli ospiti che al 76' trovano con Fella il gol del 3-2, abile a trafiggere Fumagalli, dopo un servizio in profondità di Tortori. Questo gol taglia le gambe ai padroni di casa, che si rendono pericolosi solo nei minuti di recupero: prima al 90' con un colpo di testa di Mancino terminato di poco fuori; mentre al 92' è strepitoso il portiere ospite Perina,che toglie dal sette una palla destinata a finire in rete, dopo una fortuita deviazione del compagno di squadra Annoni.
Vittoria fondamentale per gli uomini di Bitetto, che grazie a questi 3 punti salgono a quota 38 punti, ipotecando, forse in maniera definitiva, la salvezza. Brutta battuta d'arresto per gli uomini di Campilongo, infatti adesso i falchetti, sebbene con una partita in meno, sono a -4 dal terzo posto e a -1 dal Matera, che domani sera sarà impegnato nel match casalingo contro il Foggia. Inoltre, i campani sono stati superati anche dal Lecce, oggi vittorioso in casa contro il Benevento.
Nel prossimo turno, che si giocherà tra il 10 e il 13 Aprile, la Casertana sarà di scena a Foggia, nell'anticipo del Venerdì sera. Match interno per il Melfi che, all'Arturo Valerio, ospiterà il Lecce, incontro che sarà giocato domenica 13, alle ore 14.30

CASERTANA – MELFI 2-3
CASERTANA. Fumagalli, Idda, Mattera, Murolo, Tito (87′ Bianco), De Liguori (70′ Diakite), De Marco, Caccavallo (62′ Cunzi), Mancosu, Mancino, Cissè.
A disposizione D’Agostino, D’Alterio, Pontiggia, Agodirin. Allenatore Salvatore Campilongo.
MELFI. Perina, Annoni, Dermaku, Di Filippo, Pinna, Spezzani, Gallo (72′ Giacomarro), Agnello, Tortori, Caturano, Fella (87′ Colella).
A disposizione Gagliardini, Di Mercurio, Nappello, Luparini, Falomi. Allenatore Leonardo Bitetto.
MARCATORI. 15’ Caturano (M), 27’ Mancino (C), 51’ Idda (C), 59’ Dermaku (M), 80’ Fella (M).
ARBITRO. Francesco Fiore della sezione di Barletta; assistenti Orlando Pagnotta di Nocera Inferiore e Raffaele Vitiello di Torre del Greco.
NOTE. Spettatori: 3000 circa. Ammoniti De Liguori, Murolo, Cissè (C); Spezzani, Fella, Tortori, Pinna, Perina (M). Angoli: 5-6. Fuorigioco: 3-0. Recuperi: 3 pt, 3 st.


 
Domenica 29 marzo 2015
Martina – Casertana rinviata al 15 marzo, ne approfitta il Matera

La gara del campionato di Lega Pro del girone C Martina – Casertana è stata rinviata a mercoledi 15 aprile a causa di un problema all’impianto di illuminazione dello stadio Tursi di Martina Franca.

Ecco il comunicato ufficiale del sito della Casertana Calcio:
“Si comunica che il Prefetto di Taranto ha disposto il rinvio della gara Martina-Casertana, in programma domani 29 marzo alle ore 14.30, a causa del “distacco di un elemento di ferro da una delle quattro torri di illuminazione a servizio dello stadio ‘Tursi’ di Martina Franca”. La Lega Italiana Calcio Professionistico ha provveduto ad individuare la nuova data di disputa del match: mercoledì 15 aprile alle ore 15.
I biglietti acquistati saranno automaticamente validi per la data del recupero del match.”

Ecco invece il comunicato apparso sul sito ufficiale del Martina calcio:
“Con un comunicato ufficiale N. 175/DIV del 28 marzo 2015, il presidente della Lega Pro Mario Macalli stabilisce che la Lega ha preso atto in data odierna del provvedimento del Prefetto della Provincia di Taranto con il quale, a causa degli eventi calamitosi che hanno danneggiato una delle torri di illuminazione dello stadio Comunale "G.D. Tursi" di Martina, si ordina il divieto di utilizzo dell'impianto sportivo fino ad avvenuto ripristino e messa in sicurezza. Pertanto, la gara Martina-Casertana viene posticipata a Mercoledì 15 aprile 2015 allo stadio Comunale "G.D. Tursi" con inizio alle ore 15.
L'As Martina Franca 1947 indice, nel frattempo, una conferenza stampa riservata ai giornalisti ed a tutta la cittadinanza per le ore 16 30 presso la sala stampa dello stadio Tursi.”

Dal sito del Martina Franca emerge anche la notizia del cambio sulla panchina della squadra pugliese; infatti Totò Ciullo è stato sollevato dall’incarico di allenatore della prima squadra e sarà sostituito da Eduardo Imbimbo, irpino classe 98' ed ex allenatore del Campobasso.

Intanto si sono giocate le altre gare della 32° giornata che ha visto ancora la sfida a distanza tra Benevento e Salernitana, entrambi vittoriosi; al 2-0 del Benevento sulla Paganese nell’anticipo del venerdi, con reti di Mazzeo e Lucioni, rispondono i granata con la vittoria di rimonta sulla Reggina, passata in vantaggio con Insigne, con le marcature di Moro e Negro.
Per quanto riguarda invece la lotta per i play off c’è sempre più incertezza; si registra in particolare il balzo in classifica del Matera che, vittorioso sul campo del Savoia, in un colpo solo stacca il Lecce, battuto a Catanzaro, scavalca la Casertana e agguanta la Juve Stabia, fermata sul pareggio dal Foggia di De Zerbi.
Si preannuncia quindi una lotta serrata per la corsa ai due posti play off, che in realtà si spera diventino tre… Se si considera che un posto quasi sicuramente andrà a una tra Benevento e Salernitana, restano in corsa oltre ai rossoblu la Juve Stabia, il Martina, il Lecce e il Foggia che ha diversi scontri diretti, per due posti.
Intanto mercoledi la Casertana scende in campo per la 33° giornata in casa contro il Melfi dell’ex bomber rossoblu Caturano, che tanto sta facendo bene in terra lucana.

 
Venerdi 20 marzo 2015
Pareggio a reti bianche tra falchetti e stregoni, la corsa ai play off continua...

LA CRONACA (fonte tuttolegapro.com)

Stadio Alberto Pinto di Caserta, dove si affronteranno le formazioni di Casertana e Benevento in una partita valida come anticipo della 31^ giornata di Lega Pro girone C. 
Questa sera mister Campilongo cambia, e molto, rispetto alla partita pareggiata a Ischia: gioca a sinistra Bianco al posto di Tito, Rainone è al centro della difesa e Mancino torna titolare in attacco
Per il Benevento è ancora Marotta a fare da punta assieme a Eusepi, con Pezzi a sinistra al posto dello squalificato Som. Manca un altro squalificato, si tratta di Padella
Uno squalificato anche nella Casertana, si tratta di Murolo, e per la sua sostituzione Campilongo avrebbe potuto inserire al centro della difesa Idda con Antonazzo a destra, alla fine il mister ha scelto Rainone lasciando Idda sulla fascia
Nella partita precedente il Benevento ha vinto a Lamezia Terme per 1-0 con gol di Eusepi, la Casertana ha pareggiato 1-1 a Ischia
La classifica vede il Benevento a 64 punti, in prima posizione, mentre la Casertana è quarta a quota 55.
Vediamo la 31^ giornata, e tutte le partite saranno seguite una per una tramite i nostri Live: oltre a Casertana-Benevento in programma tra pochi minuti, si giocheranno domani Messina-Cosenza e Paganese-Savoia, entrambe alle 14,30, Matera-Lamezia alle 15, Lecce-Aversa Normanna e Reggina-Melfi entrambe alle 16
Domenica invece si disputeranno Catanzaro-Salernitana e Lupa Roma-Foggia alle 12,30, Juve Stabia-Ischia alle 14; e infine lunedì sera alle 20,45, derby Martina-Barletta
La partita Casertana-Benevento sarà arbitrata dal signor Valerio Marini di Roma 1, assistenti saranno Rossi e Cecconi
Squadre in campo davanti a una grande cornice di pubblico, si prevedono intorno ai quattromila tifosi
3' La partita è cominciata da pochi istanti allo stadio Pinto
7' La Casertana punta sull'africano Karamoko Cissé, che ha segnato dieci gol con quella di sabato scorso a Ischia: il centravanti è in pienissima forma e lo ha dimostrato con le recenti prestazioni
8' Invece il Benevento denuncia un problema difensivo dal momento che deve fare a meno di Padella e anche di Som nella medesima partita
12' Dopo un quarto d'ora scarso le formazioni di Casertana e Benevento sono sempre sullo 0-0
17' Sostituzione nelle file della Casertana, entra De Liguori al posto dell'infortunato Rajcic
19' Tra gli assenti di marca casertana anche Cruciani e Carrus
23' Il centrocampista Vincenzo De Liguori, 36 anni, aveva giocato la prima parte di stagione nella Paganese, riportando 12 presenze e un gol. E' al suo esordio con la Casertana, ma è anche un ex del Benevento con cui ha giocato tre stagioni e mezza
28' Cartellino giallo per Gennaro Scognamiglio del Benevento
30' Al trentesimo minuto di gioco è sempre 0-0 il risultato parziale tra Casertana e Benevento
31' Anche Mancosu è un ex beneventano: il centrocampista ha trascorso poco più di due stagioni in giallorosso prima del trasferimento a Caserta, avvenuto a fine agosto
36' Intanto la Rai ha comunicato attraverso un messaggio nello scrolling di Raisport 1 che la partita Casertana-Benevento non viene più trasmessa in diretta per problemi tecnici, ma sarà ritrasmessa in differita nei prossimi giorni
38' A carico di Alfageme scatta la seconda ammonizione per un calciatore del Benevento, era un giallo inevitabile
45' +1 Un solo minuto di recupero prima dell'intervallo
45' +1 Siamo sempre sullo 0-0 al Pinto
Ed ecco che l'arbitro Marini manda le due squadre negli spogliatoi: 0-0 tra Casertana e Benevento
I primi dieci minuti sono stati nettamente favorevoli alla Casertana, che ha sfiorato tre gol: in una circostanza in particolare Cissé ha colto una traversa. Nel finale di primo tempo occasione clamorosa anche per i sanniti: intervento sbagliato di Rainone e il successivo cross di Eusepi per Alfageme viene sventato in qualche modo dalla difesa rossoblù con lo stesso Rainone
46' Ha avuto inizio pochi istanti fa il secondo tempo di Casertana-Benevento, nel primo tempo le due squadre sono rimaste sullo 0-0
49' Benevento e Casertana si sono già affrontate al Pinto in Coppa Italia, nella fase a eliminazione diretta: vinse la Casertana per 2-1
49' Inoltre in campionato il Benevento ha già superato in casa la Casertana nella partita di andata
56' In questo inizio del secondo tempo Casertana e Benevento sono sempre sullo 0-0 di partenza
60' Ricordiamo che il Benevento è secondo in classifica insieme all'altra capolista Salernitana, che però precede per migliore differenza reti negli scontri diretti
60' Invece la Casertana, che ha gli stessi punti della Juve Stabia terza in classifica, è svantaggiata per gli scontri diretti entrambi persi dai falchetti con i gialloblù
62' Dopo questa giornata di campionato la Casertana avrà un calendario non favorevolissimo, dato che dovrà disputare altre 3 partite in casa e 4 fuori, e all'ultima giornata la compagine di Campilongo andrà a Salerno per confrontarsi con la Salernitana
63' Per il Benevento dopo questo turno di campionato saranno invece 4 le partite interne e 3 quelle esterne; all'ultima di campionato la compagine di Brini se la vedrà con la Juve Stabia al Santa Colomba-Ciro Vigorito
66' Non si sblocca lo 0-0 tra Casertana e Benevento
68' Primo cambio nelle file del Benevento, entra Mazzeo ed esce Marotta
69' Fabio Mazzeo, attaccante di movimento, era stato nelle mire della Casertana fino all'ultimo giorno del mercato estivo, ma scelse di legarsi al Benevento che si era fatto avanti per primo. Arriva dal Perugia dove aveva giocato con Eusepi e Scognamiglio
70' Risposta di Campilongo, che mette in campo Caccavallo per Mancino
73' Giuseppe Caccavallo, ex giovanissimo del Lecce di Zeman, arriva anch'egli dalla Paganese così come De Liguori, anche se quest'ultimo aveva prima rescisso con gli azzurrostellati e poi firmato con i falchetti
76' Meno di quindici minuti alla fine della partita, tra Casertana e Benevento il risultato è ancora di 0-0
79' Umberto Eusepi non è solo il capocannoniere del Benevento, ma è anche il miglior marcatore del girone C con 17 reti
80' Campilongo ha inserito un nuovo centrocampista, De Marco, al posto di Marano
88' Non ci sono ancora gol tra Casertana e Benevento allo stadio Pinto: resiste lo 0-0 di partenza
90' +1 Si sta giocando il recupero allo stadio Pinto, il derby si concluderà al 93'
90' +2 Sempre 0-0 tra Casertana e Benevento e manca un solo minuto alla conclusione
Il derby è finito sul risultato di parità tra Casertana e Benevento, era l'anticipo della 31^ giornata di Lega Pro girone C
Rispetto al primo tempo, il Benevento nella ripresa è cresciuto come intensità, anche se Cunzi è andato alla conclusione per la Casertana senza trovare la porta. Eusepi è stato più difficile da contrastare per i falchetti, che però si sono salvati quando Campagnacci è andato al tiro, trovando la deviazione di Fumagalli sul palo. Eusepi ha sbagliato una conclusione a 15' dalla fine, poi però nei minuti seguenti è andato nuovamente alla conclusione trovando l’ottimo Fumagalli pronto alla parata
Alla luce del risultato di stasera la Casertana passa al terzo posto a 56 punti (in attesa che scenda in campo la Juve Stabia) e il Benevento va a 65 (in attesa della Salernitana). Nella prossima giornata il Benevento ospiterà la Paganese, mentre la Casertana sarà ricevuta dal Martina


CASERTANA - BENEVENTO  0-0
CASERTANA. Fumagalli, Idda, Bianco, Rajcic (17' pt De Liguori), Rainone, Mattera, Mancosu, Marano (35' st De Marco), Cunzi, Mancino (25'st Caccavallo), Cisse'.
A disposizione D’Agostino, D’Alterio, Tito, Diakitè. Allenatore Salvatore Campilongo.
BENEVENTO. Pane, Celjak, Lucioni, Scognamiglio, Pezzi, Alfageme, Vitiello, D'Agostino, Campagnacci, Marotta (24'st Mazzeo), Eusepi.
A disposizione Piscitelli, D’Angelo, Porcaro, Doninelli, Allegretti, Kanoute. Allenatore Fabio Brini.
ARBITRO. Valerio Marini di Roma 1; assistenti Christian Rossi di La Spezia e Dario Cecconi di Empoli.
NOTE. Spettatori circa 6.000 di cui 700 provenienti da Benevento. Ammoniti Scognamiglio, Alfageme (B). Angoli: 3-4. Fuorigioco: 2-0. Recuperi: 1 pt, 3 st. 


 
Sabato 14 marzo 2014
Infantino risponde al solito Cissè, ed è pari a Ischia.
Forse in tanti si aspettavano l’ennesima vittoria, forse qualcuno, abituato troppo bene nelle ultime uscite, vedeva solo la vittoria come unico risultato possibile, e ha storto il naso vedendo al Mazzella di Ischia “solo” un pareggio. E sembra l’ennesima occasione buttata al vento, gli ennesimi punti persi con squadre di bassissima classifica. 
In realtà non si può che essere sempre più orgogliosi di questa squadra, per le emozioni che ci sta facendo vivere in un campionato che davvero conta.
Qualcuno forse dimentica che siamo tornati nel calcio che conta solo qeust’anno e giochiamo contro realtà come Lecce, Juve Stabia, Salernitana, Reggina che negli ultimi anno hanno giocato campionati di serie B, mentre noi arrancavamo in campi polverosi dei quali non voglio nemmeno ricordare il nome.
E allora, se analizziamo la gara di Ischia, come del resto tutte le altre, sotto questo aspetto e con più serenità ci accorgiamo che è aumentata la striscia positiva, dieci punti in quattro gare, che siamo sempre al terzo posto anche se in coabitazione, ma comunque in piena lotta play-off, che Cissè segnando il quinto gol in quattro gare è andato in doppia cifra ed è diventato un vero punto di forza di un attacco che fino a qualche mese fa sembrava molto carente. 
Non è da dimenticare poi che i passaggi a vuoto ce li hanno tutti, vedi i recenti risultati delle altre quattro forze del campionato, e che ormai le partite facili non ci sono più, perché le giornate vanno diminuendo e i punti a disposizione sempre di meno e le squadre che lottano per salvarsi sono alla disperata ricerca di risultato e vendono carissima la pelle.
Tutto positivo allora? Per niente, molte cose sono da rivedere, ad esempio l’ingenuità di Murolo che si fa espellere lasciando i suoi in dieci per più di mezza gara e soprattutto privando mister Campilongo di una pedina fondamentale per il big match di venerdi contro il Benevento. Anche la difesa spesso ha dei passaggi a vuoto e regala facili occasioni agli attacchi avversari; ma questo è anche il prezzo da pagare di una squadra votata all’attacco, che ha il secondo miglior attacco del girone e ha portato al gol ben quindici giocatori.
Non credo come si possa criticare la squadra di mister Campilongo se si analizzano queste cose, considerando che siamo partiti per fare un campionato tranquillo e che erano altre le squadre che avevano come obiettivo la promozione in serie B.
E allora stringiamoci sempre più attorno a questi ragazzi e sosteniamoli fino alla fine, senza se e senza ma, godendoci questo campionato con tanta serenità, e perchè no anche sognando in grande.

La cronaca (fonte tuttolegapro.com)
A partire dalle 15.00 la gara tra Ischia Isolaverde e Casertana, valida per il 30^ turno del Girone C di Lega Pro
Testacoda dai mille significati, quello in programma al Mazzella. Segnato da tanti ex, il match vede da un lato un'Ischia chiamata a fare punti per allontanare l'ultimo posto e rinsaldare la panchina di Agenore Maurizi; dall'altro, invece, c'è una Casertana lanciatissima, obbligata a vincere per blindare il terzo posto
L'Ischia deve rinunciare al difensore Caso, squalificato, ma riabbraccia gli infortunati Schetter e Massimo, entrambi in panchina. Tra gli ospiti, invece, squalificato il fantasista Nicola Mancino 
Le squadre stanno per fare il loro ingresso in campo
1' Partiti!
1' Padroni di casa in maglia blu con inserti gialli. Casertana, invece, in tenuta bianca con inserti rossi e blu
5' Sono circa un migliaio gli spettatori presenti al Mazzella, circa 40 quelli provenienti da Caserta
3' Giornata stupenda a Ischia:c'è un sole piacevole, con la temperatura che si aggira intorno ai 10 gradi
10' Altalenante l'andamento recente dell'Ischia, reduce dal roboante 4-0 subito con la Paganese. Nelle ultime 5 gare casalinghe gli isolani non sono riusciti ad avere continuità di risultati alla luce di due vittorie, due sconfitte e un pareggio. Un bottino magro per una squadra che deve salvarsi
16' Tutt'altro discorso per la Casertana, reduce da tre vittorie consecutive. Discreto, ma non da prima classe, il recente andamento in trasferta, alla luce di due sconfitte, un pareggio e una vittoria totalizzati nelle ultime 5 giornate
20' Il giocatore più giovane in campo è Danilo Bulevardi, centrocampista dell'Ischia nato nel 1995. Il più anziano è il portiere ischitano Luigi Mennella, nato nel 1975. L'over della Casertana è il classe '81 Rajcic, centrocampista
24' Ancora nessun calcio d'angolo
27' Ammonito Murolo, difensore della Casertana
29' L'allenatore Agenore Maurizi è alla sedicesima gara alla guida dell'Ischia, con cui ha finora totalizzato 15 punti. Classe '64, ha guidato negli anni squadre ome Treviso, Pergocrema e Paganese
34' Ammonito Bulevardi, centrocampista dell'Ischia
35' Espulso Murolo, difensore della Casertana.
37' Ammonito Mennella, portiere dell'Ischia
38' Campilongo corre ai ripari. Esce l'attaccante Diakite, entra il difensore Antonazzo, difensore laterale
41' Come Maurizi, anche Campilongo è stato chiamato alla guida della Casertana a stagione in corso. Il tecnico campano, con alle spalle un'ottima carriera da calciatore, ha allenato per un anno e mezzo proprio l'Ischia, con cui ha vinto un campionato di Serie D e lo scudetto di categoria
45' Un minuto di recupero
Finisce adesso il primo tempo
L'Ischia avrebbe meritato il vantaggio: al 21' gol annullato a Infantino, su assist di Armeno. Una decisione più che dubbia. Al 35' espulso Murolo per condotta violenta sull'ex compagno di squadra Bruno La Casertana ha fatto molto poco; meglio l'Ischia, costretta a vincere per tenere a distanza l'ultima posizione
46' Iniziato adesso il secondo tempo
50' Non ci sono state sostituzioni nelle due squadre
53' Primo cambio per l'Ischia, esce Bulevardi ed entra Gerevini
54' Ammonito Schetter, attaccante dell'Ischia
56' Altro cambio nell'Ischia: esce Schetter, entra Ciotola. Un attaccante per un attaccante
56' Uno sguardo ai nuovi entrati dell'Ischia: 14esima presenza stagionale per Gianmarco Gerevini, centrocampista reduce da due anni al Viareggio
57' RIGORE PER LA CASERTANA
58' Espulso Sirignano, difensore dell'Ischia
59' GOL CASERTANA! Cissè!
60' Decima rete stagionale per Karamoko Cissè, reduce da cinque stagioni e mezza con l'Albinoleffe tra serie B e Prima divisione
63' Quinta rete stagionale per l'attaccante Saveriano Infantino. Classe '86, proviene dalla Torres con cui ha realizzato 5 reti in 24 presenze
62' GOL ISCHIA ISOLAVERDE! Infantino!
65' Infortunio per Cunzi
66' Per la Casertana esce il centrocampista De Marco, dentro il pari ruolo Mancosu
71' C'è un'anomalia nell'andamento dei padroni di casa da quando Maurizi è in panchina. L'allenatore di Colleferro ha fatto meglio quando ha allenato la rosa messa in piedi da Antonio Porta: tra novembre e dicembre – con in campo i vari Fiandaca, Giordano, Ingretolli ecc. – Maurizi ha raccolto 8 punti in 5 gare, per una media di 1,6 punti a partita. Da gennaio, invece, con gli uomini scelti dal nuovo staff, sono stati totalizzati appena 8 punti in 11 gare, per una media di 0,7 punti a partita
75' Altro cambio per la Casertana. Esce il mediano Rajcic, entra il pari ruolo Carrus
76' Ventunesima presenza stagionale per Davide Carrus. Classe '79 in carriera ha militato in Serie A con Cagliari, Ancona e Bologna. La sua migliore stagione risale all'anno 2004-2005, in Serie B con il Bari, quando totalizzò 7 presenze in 36 presenze
79' Per la quarta gara consecutiva il capitano Luigi Mennella, ischitano di nascita, difende i pali gialloblu, ormai preferito a Ioime, ancora una volta in tribuna. Con Mennella, alla quattordicesima presenza stagionale, c'è tra gli undici titolari un altro giocatore nato sull'isola: parliamo di Andrea Impagliazzo, difensore centrale al dodicesimo gettone in campionato.
80' C'è un calciatore nato a Ischia anche tra gli ospiti, parliamo di Giuseppe Mattera, classe '83 per sette anni con l'Ischia
83' Si tratta di una gara infarcita di ex. Nell'Ischia hanno un passato tra i falchetti Alvino, Chiavazzo, Bruno, l'infortunato Bacio Terracino e il Ds Salvatore Basile; nella Casertana sono ex gialloblu Mattera, Tito, Rainone, Cunzi, l'allenatore Campilongo e il collaboratore tecnico Cotugno.
84' Ammonito Gerevini, centrocampista dell'Ischia
86' Sfida numero 36 tra le due squadre. I precedenti sono nettamente a favore dei casertani: i falchetti hanno totalizzato 16 vittorie, 7 i successi isolani, 12 i pareggi, 55 i gol fatti dalla Casertana e 25 dai gialloblu. La prima gara tra le due compagini campane risale alla stagione 53-54, quando falchetti si imposero per 5-1 al Rispoli di Ischia.
89' L'ultima sfida tra le due squadre risale al novembre scorso, quando la Casertana si impose al Pinto per 3-1. Ad andare in vantaggio furono gli ischitani con Cristiano Ingretolli, ora al Barletta, ma a raddrizzare il match per i locali ci pensarono Bianco, Diakitè e Cissè
90' +1 Tre minuti di recupero
Finisce qui la gara
Risultato giusto, sebbene l'Ischia abbia fatto vedere qualcosa in più nella prima frazione
Al 49' palo di Diakitè su assist di Tito. Dieci minuti dopo rigore per la Casertana su topica di Sirignano, che atterra Cunzi e viene espulso per fallo da ultimo uomo. Sul dischetto va Cissè che non sbaglia. L'Ischia cerca la reazione e al '62 pareggia: veronica di Millesi sul limite dell'area, la palla arriva a Ciotola che tira a botta sicura, Fumagalli respinge e Infantino si fa trovare pronto per il facile tap-in.
Casertana deludente, tanto che oggi ha rischiato seriamente di capitolare contro una formazione certamente meno attrezzata. In attesa del match Lupa Roma-Juve Stabia, i falchetti conservano il terzo posto in solitaria. Nel prossimo turno la squadra di Campilongo ospiterà il Benevento
L'Ischia esce dallo stadio con un pareggio che serve a poco in ottica classifica, ma che fa morale dopo il 4-0 subito a Pagani. I gialloblu, penultimi a quota 24 punti, sono attesi dalla difficile trasferta sul campo della Juve Stabia
Dallo stadio Mazzella di Ischia è tutto. Vi ringraziamo per avere seguito su queste pagine la diretta del match. Tra poco su TuttoLegaPro.com potrete trovare Top e Flop della gara

ISCHIA – CASERTANA 1-1
ISCHIA. Mennella, Finizio, Bruno, Chiavazzo, Sirignano, Impagliazzo, Bulevardi (dal 52’ Gerevini), Armeno, Infantino, Schetter (dal 56’ Ciotola), Millesi. 
A disposizione Giordano, Bassini, Massimo, Alvino, Fumana. Allenatore Maurizi.
CASERTANA. Fumagalli, Idda, Tito, Rajcic (dal 75’ Carrus), Mattera, Murolo, De Marco (dal 65’ Mancosu), Marano, Diakitè (dal 35’ Antonazzo), Cunzi, Cissè. 
A disposizione D’Agostino, Bianco, Caccavallo, Ricciardo. Allenatore Campilongo.
ARBITRO. Arnaldo Ranaldi di Tivoli.
MARCATORI. Cissè al 58’, Infantino al 61’.
NOTE. Spettatori 1500 circa; presenti una cinquantina di tifosi casertani. Espulsi Murolo al 34’ pt per somma di ammonizioni e Sirignano al 57’ per fallo da ultimo uomo; ammoniti Murolo (26’), Bulevardi (33’), Schetter (53’), Gerevini (83’). Recuperi: 1′ pt, 3′ st.
 
Mercoledi 11 marzo 2011
Cissè “azzanna” la Lupa e i falchetti volano al terzo posto!

La Casertana vola da sola al terzo posto grazie ad una strepitosa prestazione di Karamoko Cissè che a tre minuti dalla fine realizza il gol acciuffando in extremis una vittoria diventata insperata.
La gara è stata molto bella e combattuta, con da una parte la Casertana che quando attacca fa davvero male e da la sensazione di poter segnare quando vuole, e dall’altra la Lupa Roma che con un’ottima organizzazione di gioco ha messo in serie difficoltà la retroguardia rossoblu creando diverse occasioni-gol.
I rossoblu impiegano solo 9 minuti per passare in vantaggio grazie al solito Cissè che si avventa sulla respinta del portiere Rossi dopo una conclusione di Mancino ben servito da Mancosu.
Passano poco più di dieci minuti e arriva anche il raddoppio di Mancosu che approfitta di una disattenzione di Conson e si invola verso la porta avversaria trafiggendo il portiere in uscita.
Tutto facile dunque? Nemmeno per sogno, perché fin dai primi minuti la Lupa ha messo in apprensione D’Alterio e compagni creando loro diversi grattacapi. La Casertana pur rischiando qualcosina però continua ad attaccare e a cavallo del 27’ minuto colpisce due volte il legno, prima con una chirurgica punizione di Bianco che il portiere smanaccia sul palo, e poi con Mancosu, che sul successivo calcio d’angolo manda di testa la sfera sulla traversa.
La Lupa non ci sta e a 6 minuti dal’intervallo riesce ad accorciare le distanze sugli sviluppi di una punizione: batte Capodaglio, sponda di Pasqualoni e colpo di testa vincente di Tulli che sorprende Mattera e batte Fumagalli.
I falchetti provano a reagire, ma la Mancosu in percussione in area di rigore non riesce a servire Cissè libero di battere; pochi secondi dopo è la Lupa ad avere la grande occasione con Margarita che sfrutta un errore della retroguardia rossoblu e si invola tutto solo davanti a Fumagalli che però resta freddo e respinge alla grande la conclusione.
Nella ripresa il copione non cambia, anche se la Casertana sembra meno brillante e la Lupa intensifica la sua azione d’attacco, fino a trovare il pareggio, alla mezz’ora ancora con Tulli che sfugge alla marcatura di Mattera e Bianco e sempre di testa raccoglie un cross di Capodoglio e infila Fumagalli: terzo gol in due partite per l’attaccante romano.
La Casertana prova a reagire subito ma l’azione sull’asse Tito-Cissè porta solo a un salvataggio sulla linea del difensore Celli. In realtà i rossoblu hanno accusato il colpo visto che gli sta sfuggendo di mano una partita che sembrava in pungo; reagiscono si, ma in maniera disordinata e la Lupa sembra controllare senza problemi. La squadra romana però non ha fatto però i conti con lo strepitoso Cissè di questo periodo che all’87’ raccoglie una palla sporca al limite dell’area, si libera con potenza ed eleganza di due avversari, si presenta solo davanti a Rossi e lo trafigge con freddezza!
Nono gol stagionale per il bomber rossoblu, il quarto nelle ultime tre vittoriose gare, ma soprattutto una prestazione di altissimo livello, da attaccante vero, da trascinatore, che ha preso la squadra per mano soprattutto nel momento più difficile e ha regalato ai tifosi rossoblu la gioia di continuare a sognare.
Si perché vista la sconfitta del Lecce e il pareggio della Juve Stabia, i falchetti si liberano in un colpo solo di due dirette concorrenti e balzano al terzo posto in solitario a sette lunghezze dalla seconda posizione  occupata dal Benevento.
Ma il tempo di gioire è davvero poco, perché già sabato gli uomini di Campilongo sono chiamati all’ennesima impresa sul campo dell’Ischia. Sarà compito del mister far ricaricare in fretta le pile alla sua truppa e dare loro la giusta tensione per poter battere gli isolani e consolidare il terzo posto.

La cronaca (fonte tuttolegapro.com)
Casertana-Lupa Roma, valida per la 29^ giornata del Girone C. Fischio d'inizio alle 20:30.
La Casertana, dopo la battuta d'arresto di Matera (sconfitta per 2-1), si è subito ripresa nella gara casalinga col Lecce (1-0) e il già citato successo in trasferta col Barletta (0-2). E basta dare un'occhiata ai numeri per capire tutto il valore dei ragazzi di Salvatore Campilongo. Ben 44 gol segnati, secondo miglior attacco dietro solo ai 46 del Foggia. Appena 23 gol subiti, di meglio ha fatto solo la Salernitana con 20. Al "Pinto" inoltre i rossoblu hanno ottenuto ben 32 dei 51 punti del loro campionato, uno score casalingo secondo solo al Lecce, che al "Via del Mare" ha guadagnato 35 punti.
La Lupa Roma invece non ha un buon ruolino in trasferta, dove ha ottenuto solamente 10 punti. È chiaro però che gli ospiti non si presentano in Campania per fare da sparring partner. I capitolini infatti domenica hanno vinto e convinto contro il fanalino di coda Reggina per 3-1, e senz'altro vogliono evitare di essere risucchiati nella lotta per non retrocedere. Attualmente la squadra di mister Cucciari ha 33 punti, ben 8 al di sopra della zona "calda". Un margine di sicurezza senz'altro consistente, ma non abbastanza per considerarsi già salvi.
La gara d'andata si disputò il 26 ottobre e terminò col punteggio di 1-1. Al vantaggio della Lupa Roma firmato Raffaello, rispose Diakitè.
Serata un po' fredda a Caserta, temperatura di circa 8°, ma non minaccia pioggia e non c'è vento. Il terreno di gioco del "Pinto" appare in ottime condizioni
Le squadre stanno entrando sul terreno di gioco, tutto pronto per iniziare!
Prima del fischio d'inizio un minuto di raccoglimento per la morte dell'arbitro di Lega Pro Luca Colosimo, 30 anni, che ha perso la vita nella notte tra domenica e lunedì in un incidente stradale nei pressi di Torino.
1' Inizia in questo istante la partita! 
2' Casertana in classica maglia rossoblu, calzoncini e calzettoni blu. Lupa Roma in completo bianco
6' Arbitra il match il signor Francesco Catona di Reggio Calabria, coadiuvato dagli assistenti Gianluca Evoli e Daniele Marchi, entrambi della sezione di Bologna
9' CASERTANA IN VANTAGGIO! CISSE'!
10' I campani vanno avanti 1-0! È l'ottava rete stagionale per Karamoko Cissè!
13' Momento d'oro per il centravanti guineano ma cresciuto calcisticamente a Petosino, in provincia di Bergamo. È il terzo gol consecutivo per Cissè, e tutti decisivi: 1-0 sul Lecce, il vantaggio nello 0-2 di Barletta e quello segnato pochi istanti fa che ha sbloccato il match
18' Come sempre grande cornice di pubblico al "Pinto", con tutti i settori pressoché pieni
21' RADDOPPIO DELLA CASERTANA! MANCOSU!
22' È 2-0 per i padroni di casa, la firma è di Marco Mancosu, al quarto centro stagionale
24' Il primo corner è per gli ospiti
25' Arriva la prima ammonizione della gara: giallo per Celli della Lupa Roma per gioco falloso
28' Con queste due reti la Casertana arriva a quota 46 gol, agganciando in questa particolare classifica il Foggia, che oggi è rimasto all'asciutto a Catanzaro (perdendo tra le altre cose con un rotondo 3-0)
29' Pareggiato il conto dei corner: 1-1
31' Ora sono due i tiri dalla bandierina per la Lupa Roma
34' La differenza reti dei campani, a fronte del risultato parziale che sta maturando, è + 23, in assoluto la migliore del torneo
39' LUPA ROMA IN GOL! TULLI!
40' Gran bel gol di Alessandro Tulli, il suo secondo stagionale, che accorcia le distanze!
44' Tulli è arrivato a dicembre dall'Anziolavinio, formazione di Serie D. Ma per l'attaccante classe 1982 oltre cento presenze in Serie B, specialmente con Salernitana, Lecce e Triestina.
Il primo tempo si chiude senza minuti di recupero con la Casertana avanti 2-1 sulla Lupa Roma.
Davvero divertenti i primi 45 minuti tra Casertana e Lupa Roma, con i campani avanti 2-1. Avvio di studio, poi i Falchetti alla prima occasione utile passano in vantaggio. È il 9', Mancino prova un tiro al volo, che però risulta non irresistibile. Ma il portiere ospite Rossi non trattiene e sulla sfera piomba Cissè che insacca a porta praticamente sguarnita. Passano poco più di 10 minuti e arriva il raddoppio: topica di Conson che incespica sulla palla e se la fa strappare da Mancosu, lo stesso numero 7 entra in area e batte Rossi con un potente destro. Il portiere si riscatta poco dopo, deviando sul palo una punizione di Bianco. Sul successivo corner traversa di Mancosu di testa. Al 39' la Lupa riapre il match: calcio di punizione dalla trequarti, sponda di testa e Tulli, sempre di testa, schiaccia all'angolino. Poco dopo occasione per il pari per i capitolini: pasticcio difensivo di D'Alterio e Mattera, Margarita scappa via, entra in area e scarica un destro potente ma centrale, sul quale è attento Fumagalli che respinge.
Vi ricordiamo che sul nostro sito TuttoLegaPro.com potete seguire tutti gli altri LIVE MATCH di questo turno infrasettimanale del Girone C.
Squadre nuovamente sul terreno di gioco, tutto pronto per la ripresa!
46' È iniziato in questo istante il secondo tempo!
48' Non ci sono stati cambi all'intervallo né per i padroni di casa né tantomeno per i capitolini
51' Nel pomeriggio si sono già disputate alcune partite del girone C:
Messina-Melfi 1-2
Reggina-Vigor Lamezia 0-2
Catanzaro-Foggia 3-0
Juve Stabia-Cosenza 1-1
Benevento-Aversa Normanna 0-0
53' Cartellino giallo per il capitano rossoblu Mancino per simulazione
57' I giocatori più prolifici della squadra sono Cissè per la Casertana, che come detto stasera ha messo a segno il suo ottavo gol, e Del Sorbo per la Lupa Roma, autore di 5 gol in stagione, ma 3 dei quali con la maglia del Savoia nella prima parte del torneo
63' Il primo cambio è per la Casertana: esce Mancino, entra Agodirin. Tatticamente non cambia nulla, esce un attaccante e ne entra un altro
66' Nigeriano ma dal 2002 in Italia, Agodirin è rimasto fermo nella prima parte della stagione a causa di un brutto infortunio. È infatti appena la sua seconda presenza stagionale, mentre nello scorso torneo era un titolare: 30 presenze e 7 gol in Seconda Divisione
68' Decide di coprirsi Campilongo: esce Mancosu, entra Tito, un esterno con attitudini senz'altro più difensive
70' Prima sostituzione nella Lupa Roma: esce Margarita, entra Cerrai. Anche con questo cambio tatticamente non cambia nulla.
71' PAREGGIO DELLA LUPA ROMA! TULLI FA 2-2!
72' Doppietta per il numero 11 e la gara torna in parità!
75' Incredibile Casertana, che non subiva due reti in casa nello stesso match dal 7 settembre. Era la seconda giornata di campionato e i rossoblu impattarono 2-2 al "Pinto" con l'Aversa Normanna
77' Termina le sostituzioni la Casertana: esce Caccavallo, entra un altro attaccante, Cunzi
82' Cartellino giallo per l'attaccante della Lupa Roma, Del Sorbo, per gioco falloso
86' Ammonizione per il portiere capitolino Rossi per perdita di tempo
87' ESPLODE IL PINTO! GOL DI CISSE'! 3-2!
87' Nono gol stagionale per l'attaccante rossoblu!
88' Sostituzione per la Lupa Roma: esce Raffaello, centrocampista, entra Tajarol, attaccante
89' Ammonito l'attaccante di casa Agodirin per gioco falloso
90' Saranno quattro i minuti di recupero
Finisce qui! Rocambolesco 3-2 e la Casertana batte la Lupa Roma!
Incredibile match quello tra Casertana e Lupa Roma, con i padroni di casa che si impongo 3-2. Eppure i campani erano partiti in maniera eccezionale. Al 9' vantaggio firmato Cissè, che ribadisce in rete da pochi passi dopo una corta respinta di Rossi su tiro di Mancino. Al 21' il raddoppio: Conson pasticcia, Mancosu gli ruba palla entra in area e di destro batte ancora Rossi. Bianco e ancora Mancosu colpiscono palo e traversa, la Lupa Roma sembra tramortita. Al 39' però sugli sviluppi di un calcio piazzato Tulli di testa è bravissimo a riaprire il match. E poco dopo Margarita, approfittando di una disattenzione difensiva della Casertana, potrebbe pareggiare, ma il suo tiro è centrale. 
La ripresa è sicuramente meno emozionante, e fino al 71 praticamente non succede nulla. Ma proprio in questo minuto Tulli raccoglie un cross di Capodaglio, autore di un perfetto inserimento, e insacca di testa per il 2-2 che sembra tagliare le gambe ai padroni di casa. La Casertana però reagisce e sfiora il vantaggio con Cissè, ma il suo tocco sotto misura è spazzato sulla linea di porta da Celli. Ma è lo stesso attaccante a trovare la rete che decide la gara all'87', quando ruba palla a Capodaglio al limite, entra in area e di destro insacca, facendo esplodere il "Pinto".
Una vittoria fondamentale per la Casertana, che sale a quota 54 punti e, complice il pari della Juve Stabia e la sconfitta del Lecce, è al terzo posto in solitaria. Nel prossimo match i Falchetti giocheranno in trasferta ad Ischia.
Ha davvero molto da recriminare la Lupa Roma, perché ai capitolini stava per riuscire il colpaccio. Invece tornano a casa senza neanche un punto. La Lupa resta quindi a quota 33, comunque sempre 8 lunghezze sopra la zona play-out. Nel prossimo turno la squadra di Roma ospiterà la Juve Stabia.

CASERTANA - LUPA ROMA 3-2
CASERTANA. Fumagalli, Idda, Bianco, Rajcic, D’Alterio, Mattera, Mancosu (67’ Tito), Marano, Caccavallo (76’ Cunzi), Mancino (62’ Agodirin), Cissè. 
A disposizione D’Agostino, Antonazzo, Carrus, Ricciardo. Allenatore Salvatore Campilongo.
LUPA ROMA. Rossi, Frabotta, Celli, Capodaglio, Conson, Pasqualoni, Bariti, Raffaello (88’ Tajarol), Del Sorbo, Margarita (69’ Cerrai), Tulli. 
A disposizione Santi, Curcio, Martorelli, Cerrai, Santarelli, Mastropietro. Allenatore Alessandro Cucciari
MARCATORI. 9’ Cissè (C), 22’ Mancosu (C), 39’ Tulli (L), 71’ Tulli (L), Cissè 87’ (C)
ARBITRO. Francesco Catona di Reggio Calabria; assistenti: Gianluca Evoli e Daniele Marchi di Bologna.
NOTE. Spettatori: 1.800circa. Ammoniti Mancino, Cissè, Agodirin (C); Celli, Del Sorbo, Rossi (L). Angoli: 3-3. Fuorigioco: 2-3. Recuperi: 0 pt; 4 st. 

Sabato 7 marzo 2015
I falchetti espugnano Barletta e raggiungono il terzo posto!
 
La cronaca (fonte tuttolegapro.com)
Barletta-Casertana, valida per la 28^ giornata del Girone C. Fischio d'inizio alle 19:30.
La salvezza per i biancorossi non è molto distante. Il Barletta ha infatti 36 punti, ben 11 al di sopra della zona play-out. Inoltre bisogna ricordare che, nonostante le difficoltà, il Barletta ha perso due turni fa contro la Lupa Roma dopo ben undici risultati utili consecutivi. E dopo questo stop la squadra è stata capace di bloccare in trasferta la corazzata Benevento con un pareggio che i padroni di casa sono riusciti ad agguantare solo nel finale.
Impegno difficile quindi per la Casertana. I campani sono in piena corsa play-off e, dopo la battuta d'arresto di Matera (2-1), sono riusciti subito a rialzarsi con la bella vittoria casalinga sul Lecce per 1-0. I rossoblu comunque potranno contare sul rientro di una pedina fondamentale come Marco Mancosu, che ha scontato il turno di squalifica col Lecce e può tornare titolare nel tridente offensivo di mister Campilongo. 
La partita d'andata terminò 2-1 per i campani. Vantaggio di Cissé nel primo tempo, pari di Palazzolo per il Barletta nella ripresa e partita risolta a due minuti dal termine da Idda.
Serata fredda a Barletta, circa 6° la temperatura percepita. Al momento non piove, anche se le condizioni meteo sono instabili. Il terreno di gioco del "Puttilli" non appare in perfette condizioni in alcune zone del campo. 
Le squadre stanno entrando sul terreno di gioco, ancora pochi istanti e poi inizierà il match!
1' Partita iniziata in questo istante.
3' Barletta in campo con la classica maglia biancorossa, calzoncini e calzettoni rossi. Casertana invece con un'originale divisa da trasferta: maglia verde fosforescente, calzoncini e calzettoni blu.
6' CASERTANA SUBITO AVANTI! CISSE'!
6' Barletta-Casertana 0-1! Settimo centro stagionale per Karamoko Cissè!
8' Arbitra l'incontro il signor Francesco Fourneau della sezione di Roma 1, coadiuvato dagli assistenti Damiano Margani di Latina e Michele Grossi di Frosinone.
12' In porta nel Barletta, complice la squalifica di Liverani, c'è il giovane Francesco De Martino, classe 1994.
15' Un calcio d'angolo per parte fin qui.
18' Ora è due a uno per il Barletta il conto dei corner.
22' Karamoko Cissè, classe 1988, è nato a Petosino, in provincia di Bergamo. Cresciuto nell'Atalanta, squadra con la quale ha anche esordito in Serie A, è quindi passato per una stagione all'Hellas Verona, quindi sei campionati consecutivi con la maglia dell'AlbinoLeffe tra Serie B e Prima Divisione.
26' Il Barletta al "Puttilli" ha conquistato 21 dei 36 punti totali. In casa però non riesce a vincere dal 6 gennaio, quando ha vinto 3-1 sull'Ischia.
28' Tre i corner per i padroni di casa.
35' E sono quattro i tiri dalla bandierina per il Barletta. Solo uno battuto fin qui dalla Casertana.
39' Vincendo la Casertana aggancerebbe Lecce e Juve Stabia, già appaiate a quota 51 punti. Si delineerebbe quindi un'entusiasmante lotta a tre per i play-off, considerando che la promozione diretta ormai è per certo un affare di Salernitana e Benevento.
43' Ecco il primo ammonito del match: è il portiere dei campani Fumagalli, per perdita di tempo.
45' Un minuto di recupero.
Il primo tempo si chiude col punteggio di 0-1 a favore della Casertana.
Tanto agonismo ma poche chance da gol nel primo tempo tra Barletta e Casertana. Gli ospiti però sono in vantaggio 0-1 grazie ad un gol di Cissè al 6' minuto di gioco. Squadre ancora fredde, ma l'attaccante ex AlbinoLeffe e Mancino confezionano un'azione di sfondamento, con Cissè che raccoglie un rimpallo e di destro al volo batte De Martino. La reazione del Barletta si concretizza in tanto giro palla ma poche conclusioni in porta. Ci provano Quadri su punizione e Venitucci con un tiro dal limite, deviato in angolo da Fumagalli. La Casertana avrebbe anche l'occasione per il raddoppio, ma Caccavallo a tu per tu con De Vi ricordiamo che sul nostro sito TuttoLegaPro.com potete seguire tutti gli altri LIVE MATCH della giornata.Martino cicca malamente la conclusione.
Squadre nuovamente sul terreno di gioco, tutto pronto per la ripresa.
46' Inizia in questo istante il secondo tempo
47' Le squadre sono rientrate dagli spogliatoi con gli stessi effettivi del primo tempo. Non ci sono stati quindi cambi
53' La Casertana è la squadra che tra le mura amiche ha ottenuto il maggior numero di punti rispetto a tutte le altre compagini del torneo, 32. Pecca però fuori casa, dove ha ottenuto "appena" 16 punti fin qui.
56' Il conto dei corner è di 5-1 per i padroni di casa.
56' RADDOPPIO CASERTANA! SEGNA TITO!
57' Barletta-Casertana 0-2! Gran gol di Fabio Tito, è il suo secondo centro stagionale.
60' Fabio Tito, esterno difensivo classe 1993, è alla dodicesima presenza stagionale con la maglia della Casertana. Prima tre campionati con l'Ischia, formazione con la quale ha conquistato la Seconda Divisione e poi la Lega Pro Unica.
61' Ammonito il difensore dei biancorossi Stendardo per gioco falloso.
62' Cambio a centrocampo per il Barletta: esce Quadri, entra Danti. Quest'ultimo è senz'altro un giocatore più offensivo.
64' Domenico Danti, classe 1989, ex Cosenza, Reggina e Vicenza, nella scorsa stagione ha giocato con la maglia della Nocerina. È approdato a Caserta ad ottobre e questa è la sua diciottesima presenza. Un gol in campionato per lui.
65' Il Barletta è arrivato a sette tiri dalla bandierina contro uno per la Casertana.
68' Con la rete messa a segno questa sera, come detto la settima del suo campionato, Cissè è diventato il capocannoniere della Casertana. Per il Barletta invece i più prolifici sono Fall e Floriano, quest'ultimo che però è passato al Pisa nel mercato invernale.
70' Cambio in attacco per la Casertana: esce Mancino, entra Cunzi.
71' Ammonito l'attaccante della Casertana Caccavallo per gioco falloso.
73' Mister Sesia sostituisce il centravanti: esce Fall, entra Ingretolli.
75' Cartellino giallo anche per Tito per gioco falloso.
76' Si copre la Casertana: esce un attaccante, Caccavallo, entra Bianco, difensore.
81' Con queste due reti la Casertana sale a 41 gol realizzati. È il quarto attacco del torneo, dietro a Matera, Benevento e Foggia.
82' Ultimo cambio per il Barletta: esce Turchetta, entra Guarco.
83' Ultima sostituzione anche per la Casertana: esce Cissè, entra Ricciardo.
85' Secondo giallo in casa Barletta: sul taccuino dell'arbitro finisce Cortellini per gioco falloso.
87' Arriva il secondo tiro dalla bandierina per la Casertana, contro i sette del Barletta.
90' Tre minuti di recupero.
Finisce qui! La Casertana batte il Barletta 0-2.
La Casertana vince e convince a Barletta, imponendosi col punteggio di 0-2 al termine di una partita coriacea, dove però la squadra rossoblu è apparsa sempre in controllo.
Pronti, via e Cissè sblocca il risultato: al termine di un'azione quasi rugbystica, dopo un rimpallo perso da Mancino, l'attaccante si fionda sulla palla e al volo batte De Martino. La Casertana controlla e sfiora il raddoppio poco dopo la mezz'ora con Caccavallo, che però cicca la palla a tu per tu col portiere di casa. In mezzo un tiro di Venitucci parato da Fumagalli e una punizione di Quadri fuori di poco.
Ripresa col Barletta senz'altro più pimpante. I ragazzi di Sesia colpiscono un palo - ancora una punizione di Quadri - e sfiorano il pareggio anche con Turchetta, ma sul suo pallonetto è strepitoso Fumagalli che devia la palla con un colpo di reni. Nel miglior momento dei pugliesi arriva il raddoppio della Casertana: Tito lascia partire un bolide dalla distanza che sorprende De Martino e si insacca nell'angolo. Il Barletta è scosso ma non ci sta e attacca a testa bassa, sfiorando la rete con Danti, sul quale si oppone ancora Fumagalli, e Ingretolli, che sotto misura su assist di Guarco manda fuori di un soffio. Non c'è però più tempo e la Casertana porta a casa i tre punti.
Casertana che con questa vittoria aggancia a quota 51 punti Lecce e Juve Stabia. Sarà un'entusiasmante lotta per i play-off. Nel turno infrasettimanale di mercoledì i campani ospiteranno la Lupa Roma.
Il Barletta non riesce più a vincere in casa, ed anzi al "Puttilli" viene sconfitto per la seconda volta consecutiva. I biancorossi quindi restano a quota 36 punti, comunque ampiamente al di sopra della zona play-out. Mercoledì i pugliesi saranno di scena a Matera.

BARLETTA - CASERTANA 0-2
BARLETTA. De Martino, Zammuto, Cortellini, Legras, Stendardo, Radi, Venitucci, De Rose, Turchetta (81’ Guarco), Quadri (59’Danti), Fall (71’Ingretolli).
A disposizione Buiatti, Kiakis, Sokoli, Branzani. Allenatore Sesia.
CASERTANA. Fumagalli, Idda, Tito, Rajcic, D’Alterio, Mattera, De Marco, Marano, Caccavallo (74’Bianco), Mancino (68’Cunzi), Cisse (81’ Ricciardo). 
A disposizione D’Agostino, Antonazzo, Carrus, Mancosu. Allenatore Campilongo.
ARBITRO. Fourneau Francesco Sez. Roma 1; assistenti Margani sez. Latina, Grossi sez. Frosinone.
MARCATORI. 5’ Cisse (C), 54’ Tito (C).
NOTE. Ammoniti 41’ Fumagalli (C), 59’ Stendardo (B), 69’ Caccavallo (C), 73’ Tito (C), 83’ Cortellini (B). Recuperi: 1’pt, 3’st.

Domenica 1 marzo 2015
Cissè gol e la Casertana aggancia il Lecce!

Servivano i tre punti e i tre punti sono arrivati, grazie a una prestazione tutto cuore e sacrificio degli uomini di mister Campilongo che hanno dimostrato ancora una volta di essere sul pezzo e di volere fortemente l’accesso ai play off.
Le premesse non erano delle migliori, le ultime prestazioni non hanno decisamente convinto e sotto accusa è finito soprattutto il reparto difensivo apparso in affanno nelle ultime uscite.
Le vittorie delle dirette concorrenti Matera e Foggia che hanno momentaneamente scavalcato i falchetti e della Juve Stabia che cerca la “fuga” obbligano quindi i rossoblu a un solo risultato, tra l’altro contro una signora squadra, anch’essa diretta concorrente, che con  il cambio di allenatore ha decisamente cambiato passo e si è rilanciata per la corsa al terzo posto.
Campilongo deve rinunciare ancora una volta a Murolo e Cruciani, oltre agli squalificati Mancosu e Caccavallo, e propone il 4-3-3 con l’esordiente Rainone al centro della difesa con Mattera, con idda a destra e Tito a sinistra; solo panchina per il recuperato Bianco. A centrocampo Marano e de Marco a proteggere il play Rajcic; in attacco Mancino, Cissè  e Diakitè.
Anche Bollini, che deve rinunciare a Bogliacino e Doumbia, propone inizialmente il 4-3-3 con il bomber Moscardelli a guidare l’attacco. 
Parte bene il Lecce e già al 6’ va vicinissimo al vantaggio con Embalo, che si libera di due avversari e a pochi metri dalla porta di Fumagalli colpisce la traversa. Un minuto dopo è il portierone rossoblu che è chiamato a un difficile intervento su un tiro da fuori di Moscardelli. 
La Casertana prova a scuotersi, ma non riesce a creare vere e proprie azioni da gol. Al 23’ è ancora il lecce a rendersi pericoloso con Papini, ma la sua conclusione finisce a lato.
Cinque minuti dopo è un traversone velenoso in area di Mancino mette i brividi ai salentini, ma nessun attaccante rossoblu riesce nel tap-in vincente.
La ripresa comincia come era finito il primo tempo, con le due squadre che sostanzialmente si annullano e nessuna sembra prevalere sull’altra.
Al 15’ è Sacilotto a sfiorare il gol, ma il suo colpo di testa viene deviato in angolo dall’ottimo Fumagalli.
Al 20’ arriva il vantaggio della Casertana; Rajcic con un delizioso pallonetto smarca in area di rigore Cissè che colpisce al volo e trafigge l’incolpevole Caglioni in uscita.
Il vantaggio stordisce gli uomini di Bollini che non riescono più a reagire nonostante i tentativi di cambio modulo e sostituzioni. I rossoblu sono padroni del campo e non rischiano praticamente nulla fino al triplice fischio dell’arbitro.
Una vittoria alla fine meritata che rilancia la Casertana, che fa morale e alza l’autostima del gruppo. Ora serve assolutamente continuità, soprattutto in trasferta dove i falchetti non riescono a vincere dal mese di dicembre. Domenica si  arriva l’occasione giusta contro il Barletta fuori dalla lotta play-off e lontana da quella play-out. Vincere sarà fondamentale per continuare il sogno rossoblu.

CASERTANA - LECCE 1-0 
CASERTANA. Fumagalli, Idda, Tito, Rajcic, Rainone, Mattera, De Marco, Marano, Diakitè (44’ Cunzi), Mancino (75’ Agodirin), Cissè (83’ Ricciardo). 
A disposizione D’Agostino, Antonazzo, De Liguori, Carrus. Allenatore Salvatore Campilongo.
LECCE. Caglioni, Mannini, Lopez, Diniz, Abruzzese, Papini (53’ Gomes), Embalo, Salvi (68’ Manconi), Moscardelli (78’ Miccoli), Sacilotto, Gustavo. 
A disposizione Scuffia, Vinetot, Di Chiara, Lepore. Allenatore Alberto Bollini.
ARBITRO. Marco Piccinini della sezione di Forlì; assistenti Raspollini di Livorni e Cecconi di Empoli.
MARCATORE. 65’ Cissè (C).
NOTE. Spettatori 4.000 circa con una sparuta rappresentanza di tifosi provenienti da Lecce.
Ammoniti 20' Marano, 29' Salvi, 47' Abruzzese, 71' Cunzi, 83' Filipe Gomese, 91' Diniz. Angoli: 5-6. Fuorigioco: 2-2. Recuperi: 2 pt; 5 st.
 

 
Sabato 21 febbraio 2015
Una brutta Casertana facilita l Matera che fa bottino pieno!

Una brutta Casertana esce sconfitta dal XXI Settembre-Franco Salerno di Matera per 2-1, dopol’uno-due della squadra di casa con capitan Iannini a fine primo tempo, ha risposto solo parzialmente la squadra rossoblu con il primo gol di Tito a inizio ripresa. 
Poi la squadra di Campilongo nonostante la buona volontà non è riuscita a recuperare il pareggio.
Nel primo tempo la Casertana non ha demeritato facendo per lunghi tratti la partita e rispondendo colpo su colpo alle avanzate del Matera, che a dir la verità non ha quasi mai messo in difficoltà Idda e compagni.
Questo fino al 41° quando una non perfetta linea difensiva rossoblu mette in condizioni capitan Iannini di partire in posizione regolare e battere Fumagalli con precisione.
Non passano nemmeno tre minuti e la retroguardia rossoblu regala l’ennesimo gol alla squadra avversaria facendosi trovare impreparata su un calcio d’angolo, battuto nemmeno tanto bene, e facendosi imbucare per la seconda volta da Iannini, che devia con il corpo la conclusione di Di Franco.
Gli uomini di mister Campilongo sono sotto shock, ma per fortuna arriva il duplice fischio dell’arbitro che manda le squadre negli spogliatoi.
Nella ripresa la Casertana parte forte nel tentativo di recuperare il risultato, e infatti dopo appena quattro minuti arriva il gol che dimezza lo svantaggio, grazie a un capolavoro di Tito che da fuori area piazza nell’angolino il pallone e batte l’incolpevole Bifulco.
Il gol di Tito dovrebbe dare più vitalità ai falchetti, ma la manovra rossoblu appare prevedibile e le occasioni per pareggiare scarseggiano. Il Matera ben schierato in campo rischia davvero pochissimo e cerca con il possesso palla di tenere la palla lontana dalla porta difesa da Bifulco.
E così arriva la settima sconfitta stagionale che allontana ancora una volta la formazione rossoblu dalla zona play-off. Ma naturalmente niente è perduto perché il campionato è lungo ed equilibrato e le occasioni per tornare al terzo posto non mancheranno.
Lasciano però perplessi la linea difensiva e la mentalità della Casertana; la difesa infatti regala ancora una volta due gol evitabilissimi, soprattutto il secondo, e con cinque gol subiti in tre partite fa scattare il campanello d’allarme, per un reparto che era diventato un punto di forza per mister Campilongo. Naturalmente le assenze di Bianco e soprattutto di Murolo si fanno sentire, e proprio in questo momento appare di fondamentale importanza il loro recupero, perché il duo Idda-Mattera, non sempre ben protetto, spesso si trova in affanno e regala ghiotte occasioni agli avversari.
Per quanto riguarda la mentalità invece, dispiace come questa squadra affronta alcune gare o comunque alcuni spezzoni; non da sempre la sensazione di essere una squadra forte, spesso si adagia e non ha la forza di cambiare la partita. Dispiace soprattutto perché finora nessuna squadra, se si fa eccezione per il Lecce, ha veramente messo in difficoltà la Casertana per propri meriti. Questa squadra infatti ha tutte le carte in regola per infastidire e giocarsela con tutti. Lo stesso Matera è apparso ampiamente alla portata dei falchetti, ma con un minimo di organizzazione di gioco ha portato a casa il bottino pieno.
Anche il residente non è moto contento della situazione in casa rossoblu e infatti ha deciso di portare la squadra in ritiro per preparare il big-match della prossima domenica; al Pinto infatti arriva il Lecce, diretta concorrente per il terzo posto, ed è una gara da non sbagliare. 
Bisogna tornare subito la vittoria per continuare a sognare da grande.

La cronaca (fonte tuttolegapro.com)
Diretta dal XXI Settembre-Franco Salerno di Matera per il LIVE MATCH di Matera-Casertana, big match della ventiseiesima giornata di Lega Pro girone C
E' un'occasione di straordinaria importanza in questo momento per il Matera. Un altro treno, questa volta un super-veloce passa dal XXI Settembre, sta ai biancazzurri afferrarlo con le unghie e con i denti e non lasciarselo sfuggire. In settimana Columella e Auteri hanno caricato ambiente e squadra perché loro soprattutto conoscono il valore della sfida di questo pomeriggio
Sette punti nelle ultime tre gare. La Casertana vola verso i playoff ma oggi i falchetti al XXI Seettembre hanno la chance di tagliar fuori almeno per il momento il Matera dai posti al sole imponendo così una dura battuta d'arresto. Prima però dovranno fare i conti con la truppa del sergente Auteri
La sfida sarà arbitrata dall'arbitro Pietro Dei Giudici di Latina con la collaborazione dei segnalinee pugliesi Alessandro Cipressa di Lecce e Gianluigi Di Stefano di Brindisi. L'osservatore arbitrale ai bordi del rettangolo di gioco sarà il signor Gerardo D'Amore di Salerno
Squadre in campo
1' Parte la sfida!
1' Matera in casacca tradizionale biancazzurra e calzoncini blu
1' Falchetti in maglia bianca con motivi orizzontali rossoblu e calzoncini bianchi
5' E' una sfida interessante perché di fronte abbiamo due tra le miglior difese e due tra i migliori attacchi del girone. Insomma due squadre che sul campo e con i numeri stanno meritando di aggiudicarsi due posti al sole
9' Trentasette reti realizzate dai due reparti d'attacco. Ventuno gol subiti dai falchetti e ventiquattro dai biancazzurri
14' La coppia biancazzurra Madonia-Letizia hanno sin qui realizzato quattordici gol. E' una tra le coppie più prolifiche del girone C di Lega Pro Unica
18' Sette successi casalinghi per il Matera, di cui l'ultimo quindici giorni fa col Messina, e quattro vittorie per i falchetti lontani dal Pinto, di cui l'ultima circa due mesi fa nel derby col Savoia
22' All'andata un gol di Cisse ad inizio ripresa ha regalato alla Casertana in quella circostanza la quarta vittoria consecutiva e la prima sconfitta stagionale al Matera, nonostante il pari sarebbe stato il risultato più giusto
26' Il Matera non pareggia da cinque turni (Paganese-Matera 0-0) mentre tra le mura amiche registriamo l'ultimo pari più di due mesi fa (Matera-Ischia 0-0)
30' I punti ottenuti dalla Casertana sono stati conquistati soprattutto nella ripresa delle gare giocate mentre vale il discorso inverso per il Matera che ha fatto tesoro dei punti conquistati soprattutto nei primi quarantacinque minuti di gioco
34' Ventuno delle trentasette reti segnate dai falchetti sono state firmate tutte nella ripresa e segnaliamo che ben otto sono state messe a segno nell'ultimo quarto d'ora dei primi tempi
37' Dopo trentasette minuti primo tiro dalla bandierina che saranno i falchetti a batterlo
38' Ammonito D'Alterio, difensore rossoblu nonché capitano della Casertana
38' Primo giallo della sfida del XXI Settembre-Franco Salerno
39' Prima ammonizione anche nelle fila del Matera. Dei Giudici estrae il cartellino giallo all'ala Di Noia
42' GOL del MATERA!
43' Il capitano Gaetano Iannini sblocca il risultato e porta in vantaggio la sua squadra
44' Ottavo centro stagionale per il capitano dei biancazzurri
44' Iannini raggiunge a quota otto gol il bomber Madonia
44' Primo corner a favore del Matera
45' RADDOPPIO del MATERA!
45' +1 La deviazione è di Iannini ma la conclusione a botta sicura è di Ciro De Franco
Il Matera sblocca la gara negli ultimi cinque minuti con una doppietta di Gaetano Iannini. Al 42' il capitano su lancio di Di Noia che scavalca la difesa rossoblu si trova a tu per tu con Fumagalli e lo fulmina. Tre minuti dopo sul primo corner battuto filtra la palla in orizzontale in area ospite tra una selva di gambe. Il più lesto è De Franco che batte a botta sicura ma la sfera carambola sulla coscia di Iannini con Fumagalli spiazzato sull'altro palo
Squadre in campo Spalti gremiti in ogni ordine di posto con buona rappresentanza di tifosi casertani
Parte il secondo tempo!
1’ Secondo giallo nelle fila degli ospiti. Ammonito l'attaccante Caccavallo
2’ Primo cambio nella Casertana. Il centrocampista Marano fa spazio al centrocampista Carrus
3’ Secondo giallo anche nelle fila dei padroni di casa. Ammonito il difensore centrale Faisca
4’ GOL della CASERTANA!
5’ Primo gol del difensore rossoblu Tito
8’ Il big match della ventiseiesima giornata di Lega Pro girone C è davvero uno spettacolo. Indubbiamente non ha deluso le attese
11’ Secondo cambio nelle fila della Casertana. Pronto ad entrare il centrocampista Mancosu per il collega di reparto Cunzi
16’ Primo cambio per Auteri. Esce l'attaccante Madonia ed entra il collega di reparto Diop
21’ Secondo corner a favore della Casertana
22’ Terzo tiro dalla bandierina per la squadra ospite
25’ Terza ammonizione per la Casertana. Dei Giudici estrae il giallo al difensore Tito
26’ Ultimo cambio di Sasà Campilongo. Esce il difensore D'Alterio ed al suo posto entra il collega di reparto Antonazzo
31’ Quarta ammonizione per la squadra dei falchetti. Cartellino giallo anche per il centrocampista Rajcic
32’ Secondo corner a favore del Matera
35’ 36’ Terzo cartellino giallo per il Matera. Dei Giudici ammonisce anche Mucciante, difensore biancazzurro
Quinto giallo nelle fila della squadra campana. Ammonito anche il centrocampista Mancosu
38’ Terzo calcio d'angolo a favore del Matera
39’ Secondo cambio per i biancazzurri. Il difensore D'Aiello prende il posto dell'ala Di Noia
40’ Quarto tiro dalla bandierina per i falchetti
41’ Dei Giudici caccia dal campo Gaetano Auteri, allenatore del Matera
42’ Sarà Cassia, secondo del tecnico di Floridia, a fare le sue veci in questo finale
43’ Ultimo cambio del match. Il Matera sostituisce la punta Letizia con il centrocampista Bernardi
45’ Quattro minuti di recupero
45’ Giallo per Bifulco, portiere del Matera
45’+1 Seconda ammonizione per Bifulco
46’+1 Espulso Bifulco!
46’+2 Matera in dieci e senza portiere dato che il Matera ha esaurito tutte le sostituzioni. Sarà il terzino Mucciante a difendere la porta biancazzurrai
45’+4 Allontanato dal campo il presidente del Matera, Saverio Columella
45’+5 Dagli spalti del XXI Settembre sale l'urlo dei supporters lucani "Venduto! Venduto!"
Il successo del Matera in quella che possiamo considerare un antipasto dei playoff porta i lucani a 44 punti, ovvero ad un punto dalla Casertana. I falchetti dunque restano a quota 45 e potrebbero divenire l'anello più debole del gruppone che porta dritti dritti ai playoff
18:58 Il Matera batte la Casertana con una doppietta di Iannini, scavalca in classifica il Foggia e si porta ad un solo punto dall'ultimo posto disponibile per gli spareggi-promozione. Iannini sblocca il risultato al 42' su perfetto assist di Di Noia fulminando Fumagalli e tre minuti dopo la conclusione a botta sicura di De Franco carambola sulla sua coscia e porta prima del riposo i biancazzurri sul 2-0. Nella ripresa la Casertana trova il gol al 4' con Tito che su una palla ribattuta dalla difesa biancazzurra a seguito di un tiro piazzato scarica dal limite dell'area dell'area una conclusione sulla quale Bifulco non può far nulla. Premono i falchetti ma il Matera controlla la gara e prova a chiuderla ma il colpo del KO non arriva. Si accende la tensione in campo nel finale quando Dei Giudici manda negli spogliatoi Auteri ed in pieno recupero anche il portiere Bifulco del Matera che prende tempo per calciare una rimessa da fondo campo. Bifulco in meno di un minuto si becca due gialli. Matera in dieci e senza portiere dato che aveva esaurito tutte le sostituzioni. Mucciante indossa la casacca di Bifulco e prova a difendere la porta lucana. A questo punto il patron del Matera, Saverio Columella, presente ai bordi del campo, esprime la sua opinione nei confronti di Dei Giudici che senza mezzi termini lo caccia. La gara resta ferma per qualche minuto prima di riprendere solo per qualche minuto. Al triplice fischio dell'arbitro pontino parte la festa sugli spalti del XXI Settembre-Franco Salerno da parte dei tifosi del Matera che ballano, sciarpano e festeggiano i playoff, sempre più vicini
Nel prossimo turno la Casertana riceverà il Lecce quindi aspettando l'esito della gara di lunedì sera dei salentini avrebbe in ogni caso l'opportunità di rifarsi. Il Matera invece andrà al Granillo in un impegno che sulla carta dovrebbe essere agevole

MATERA-CASERTANA 2-1
MATERA. Bifulco, Ferretti, Mucciante, De Franco, Faisca, Coletti, Carretta, Iannini, Letizia (43′ st. Bernardi), Madonia (17′ st. Diop), Di Noia (39′ st. D’Aiello). 
A disposizione Pena, Pagliarini, Ashong, Flores. Allenatore Gaetano Auteri.
CASERTANA. Fumagalli, D’Alterio (26′ st. Antonazzo), Tito, Rajcic, Idda, Mattera, Caccavallo, Marano (2′ st. Carrus), Diakitè, Cunzi (16′ st. Mancosu), Cissè. 
A disposizione D’Agostino, Rainone, Agodirin, Ricciardo. Allenatore Salvatore Campilongo.
MARCATORI: 42′ pt. Iannini, 45′ pt. De Franco, 4′ st. Tito.
ARBITRO. Pietro Dei Giudici di Latina; assistenti Alessandro Cipressa di Lecce e Gianluigi Di Stefano di Brindisi.
NOTE. Pomeriggio nuvoloso sulla Città dei Sassi. Terreno di gioco in perfette condizioni. Spettatori: 3000 circa con un centinaio dei quali in arrivo da Caserta.
Espulsi al 42' st Auteri (M) per proteste contro l'arbitro e al 47' st Bifulco (M) per doppia ammonizione. Ammoniti D'Alterio, Caccavallo, Tito, Rajcic, Antonazzo (C) e Di Noia, Faisca, Mucciante, Bifulco (M). Angoli: 4-3 per la Casertana. RecuperI: 1' pt, 4' st. 


 
Domenica 15 febbraio 2015
Vittoria netta sul Messina e aggancio al terzo posto


Vittoria netta della Casertana che con un secco 3-1 si sbarazza del Messina e aggancia, insieme al Lecce, la Juve Stabia al terzo posto in classifica.
Partita senza storia per i rossoblu che dominano tutta la gara, almeno fino al gol del vantaggio di Mancino, dopo di che il Messina seppur in inferiorità prova a mettere paura ai rossoblu mentre i falchetti provano a chiudere la gara.
Mister Campilongo propone una Casertana tutta d’attacco con contemporaneamente in campo gli esterni Mancino e Caccavallo e la coppia di attaccanti Cissè-Diakitè.
Parte fortissima la Casertana con ritmi alti, passaggi di prima e movimento senza palla che mettono in difficoltà la retroguardia messinese; già al 7° infatti i padroni di casa hanno la prima occasione per passare in vantaggio con Caccavallo che impegna severamente il portiere siciliano con un sinistro da fuori area, ma ottiene solo un angolo.
Al 15° Marano è costretto a uscire in barella per uno scontro fortuito che gli procura un taglio sul capo; a sostituirlo è Carrus.
Il Messina ci mette un po’ a prendere le misure, ma trova difficoltà a oltrepassare la metà campo, anche con azioni di contropiede. 
Al 29° l’occasione più ghiotta per i rossoblu per passare, ma prima Cissè a porta vuota e poi Diakitè a botta sicura non riescono a segnare.
Solo al 38° il Messina si affaccia dalle parti di Fumagalli e lo fa in maniera pericolosa con un colpo di testa angolatissimo di Altobello, ma il numero uno rossoblu si distende e devia in angolo.
Nella ripresa la musica non cambia e la Casertana sfiora ripetutamente il vantaggio con i suoi attaccanti, ma è al 54° che accade l’episodio chiave: doppio giallo per Izzillo e Messina costretta a giocare il resto del tempo in inferiorità.
La Casertana preme ancora di più sull’acceleratore e va vicino al vantaggio al 61° con Mancino, la cui conclusione  finisce fuori di poco. Il gol però è solo rimandato di cinque minuti, quando il numero dieci rossoblu colpisce al volo da posizione defilata e batte Iuliano.
Trovato il vantaggio, la Casertana rallenata un po’, mentre il Messina cerca il tutto per tutto per poter pareggiare, e ci va vicinissimo al 71° con orlando e Bortoli che impegnano severamente Fumagalli.
Ma è la Casertana a trovare il raddoppio a due minuti dalla fine con Caccavallo che sfrutta benissimo un assist di Diakitè e deposita la palla in rete.
La partita sembra chiusa ma all’89° Orlando mette i brividi ai tifosi rossoblu segnando un gol bellissimo al volo da appena fuori l’area. La paura però dura poco, perché Caccavallo trova in contropiede la doppietta personale e il 3-1 finale.
Vittoria meritata dunque per i rossoblu che hanno sfoderato una delle migliori prestazioni dell’era Campilongo per mentalità, voglia di vincere e qualità.
Ora agganciato il terzo posto non resta che dare continuità ai risultati, anche se il prossimo impegno non è certo dei più facili in casa del Matera che ben si sta comportando finora.
Ma la Casertana vista all’opera quest’oggi può battere chiunque e non deve temere nessuno.

La cronaca (fonte tuttolegapro.com)
Stadio Alberto Pinto di Caserta, tra poco scenderanno in campo Casertana e Messina, match valido per la venticinquesima giornata del Campionato di Lega Pro girone C.
Arrivano le formazioni ufficiali
Casertana in campo a trazione anteriore. In avanti Caccavallo e Mancino agiranno sugli esterni, mentre le due punte sono Diakitè e Cissè
Il Messina di Grassadonia, invece, in campo con un 3-4-2-1. Ciciretti e Mancini supporteranno l'ex Lumezzane, De Paula in avanti
Giornata a tratti piovosa qui a Caserta. La temperatura si assesta attorno ai 9 gradi
Le due squadre stanno entrando in campo
1' Inizia in questo istante Casertana-Messina!
2' La Casertana attaccherà in direzione Curva Nord, quindi da destra verso sinistra rispetto alla nostra postazione
5' I padroni di casa con la consueta maglia rossoblu. Ospiti con maglia bianca con inserti giallorossi
8' Il primo calcio d'angolo del match è favore della Casertana
11' Il terreno di gioco dello stadio Pinto, si presenta davvero in ottime condizioni
16' Si è infortunato il centrocampista della Casertana, Francesco Marano. Un taglio sulla fronte per il falchetto
17' Primo corner anche per il Messina
18' Prima sostituzione, obbligata, per la Casertana. Fuori l'infortunato Marano e dentro Carrus. Tatticamente non cambia nulla, anche se l'ex centrocampista ex Frosinone e Salernitana è più play-maker rispetto a Marano
19' Nuovo calcio d'angolo per i padroni di casa
25' Non tantissimi gli spettatori presenti qui al Pinto. Circa 1500 i presenti, forse anche meno
26' Corner a favore dei falchetti di mister Campilongo
29' Primo ammonito dell'incontro, si tratta di Nicolas Izzillo del Messina. Il centrocampista messinese ha atterrato Rajcic
30' Quarto angolo a favore della Casertana
30' Spingono i falchetti! Nuovo corner per i rossoblu
36' Sesto calcio d'angolo a favore della Casertana
39' Secondo calcio d'angolo a favore del Messina
41' Cartellino giallo per il centrocampista del Messina, Manuel Mancini per proteste
42' Sono presenti circa 70 tifosi del Messina, sistemati nel settore ospiti del Pinto
45' Tre minuti di recupero
Finisce il primo tempo. Risultato inchiodato sullo 0 a 0
Primo tempo intenso, con una Casertana che forse ai punti avrebbe meritato qualcosina in più. I rossoblu hanno tenuto in mano il pallino del gioco, creando non pochi grattacapi alla retroguardia peloritana. L'occasione più nitida è capitata a metà primo tempo, con Diakitè che a poco più di due metri dalla porta ha colpito di testa a botta sicura. Superlativa la risposta di Iuliano che ha deviato in corner. Il Messina, dal canto suo, ha agito prettamente di rimessa
46' E' appena iniziata la ripresa tra Casertana e Messina!
47' Si riprende con gli stessi ventidue che hanno terminato la prima frazione
47' Subito corner per i padroni di casa! Settimo calcio d'angolo a favore della Casertana
50' L'arbitro dell'incontro, lo ricordiamo, è Antonio Giua di Pisa. Il fischietto toscano è coadiuvato dagli assistenti Marco Chiocchi di Foligno e Davide Argentieri di Viterbo
55' Espulso Nicolas Izzillo del Messina per doppio cartellino giallo. Il centrocampista ha colpito con la mano il pallone
56' Viene allontanato dalla panchina peloritana, il direttore sportivo Danilo Pagni, per proteste
57' Nell'ultimo turno, lo ricordiamo, la Casertana ha pareggiato per 2 a 2 a Cosenza
59' Primo cambio anche per il Messina. Fuori il trequartista Ciciretti e dentro il centrocampista Damonte. Tatticamente, i peloritani, si schierano con un 4-4-1
64' I peloritani, invece, hanno pareggiato per 1 a 1 al San Filippo contro la Paganese
65' Calcio d'angolo per la Casertana
66' GOL della CASERTANA! A SEGNO NICOLA MANCINO
67' Quinta rete stagionale per l'ex Foggia e Grosseto
69' La Casertana, fino ad ora ha conquistato 42 punti in classifica, frutto di 12 vittorie, 6 pareggi e 6 sconfitte
69' A breve dovrebbero entrare in casa Messina Giorgio Corona e Luca Orlando. Mister Grassadonia si giocherà il tutto per tutto
72' Fuori il difensore Silvestri, in casa Messina, e dentro Giorgio Corona
72' Terza ed ultima sostituzione per i peloritani. Fuori anche De Paula e dentro l'attaccante Luca Orlando. Ora i peloritani giocheranno con un 3-3-1-2
74' Terzo corner a favore del Messina
76' Il Messina, invece, ha totalizzato fino ad ora 25 punti. Cinque vittorie, dieci pareggi e nove sconfitte per la truppa di Grassadonia
77' Spingono gli ospiti! Nuovo corner a favore di Corona e compagni
78' Allontanato dalla panchina anche il tecnico del Messina, Grassadonia
79' Cambio in casa Casertana. Fuori l'attaccante Cissè e dentro un centrocampista come De Marco
80' Ammonito anche il terzino ospite, Erminio Rullo. L'ex Lecce ha atterrato Rajcic
82' Mister Grassadonia, appena allontanato dal terreno di gioco, è il grande ex dell'incontro. Il tecnico salernitano ha allenato la Casertana in Serie D nella seconda parte della stagione 2010-2011. Per lui tanti fischi ed insulti da parte del pubblico casertano
83' Nella Casertana, fuori D'Alterio e dentro Antonazzo. Tatticamente non cambia nulla, entrambi sono terzini
85' Se fosse sceso in campo, sarebbe stato un match speciale per Giovanni Ricciardo della Casertana, nato proprio a Messina
87' All'andata, lo ricordiamo, i rossoblu campani strapazzarono per 5 a 1 il Messina a domicilio
88' RADDOPPIO della CASERTANA! IL MATCH LO CHIUDE CACCAVALLO
89' Prima rete in rossoblu per l'esterno ex Paganese e Gubbio
90' SI RIAPRE IL MATCH! EUROGOL DI LUCA ORLANDO
90' +1 Nel frattempo sono tre i minuti di recupero
90' +1 TRIS DELLA CASERTANA! RADDOPPIA GIUSEPPE CACCAVALLO
Arriva il triplice fischio al Pinto
Secondo tempo bello e divertente al Pinto tra Casertana e Messina. Al 66' Mancino sblocca il match con un bel diagonale al volo dove Iuliano non può arrivarci. Il Messina, complice l'uomo in meno, non spinge a dovere e viene punito all'88' da Caccavallo che a porta vuota deposita il pallone in rete dopo un grande assist di Diakitè. Sembra finita, ma il Messina al 90' riapre il match con Orlando. L'attaccante di Salerno indovina il "gol della domenica" con un tiro al volo dagli oltre 25 metri trovando impreparato Fumagalli. Il Messina crede al pareggio, ma sessanta secondi dopo la Casertana chiude la partita con Caccavallo che ben servito da Rajcic in area, in diagonale batte Iuliano
Con questa vittoria la Casertana agguanta il terzo posto a quota 45 in compagnia di Lecce e Juve Stabia. Messina fermo sempre a quota 25 punti
La Casertana il prossimo turno sarà di scena a Matera, mentre il Messina giocherà al Via del Mare di Lecce contro i salentini di Bollini

CASERTANA - MESSINA 3-1
CASERTANA. Fumagalli, D’Alterio (66’ Antonazzo), Tito, Rajcic, Idda, Mattera, Caccavallo, Marano (17’ Carrus), Diakitè, Mancino, Cissè (78’ De Marco). 
A disposizione D’Agostino, Rainone, Cunzi, Ricciardo. Allenatore Salvatore Campilongo.
MESSINA. Iuliano, Cane, Silvestri (72’ Orlando), Izzillo, Altobello, Stefani, Mancini, Bortoli, De Paula (72’ Corona), Ciciretti (61’ Damonte), Rullo. 
A disposizione Berardi, Donnarumma, Bonanno, Spirodonovic. Allenatore Gianluca Grassadonia.
MARCATORI. 67’ Mancino (C), Caccavallo 87’ (C), Orlando 89’ (M), Caccavallo 91’ (C).
ARBITRO. Antonio Giua della sezione di Pisa; assistenti: Chiocchi di Foligno ed Argenteri di Viterbo.
NOTE. Spettatori circa 1.500, con un centinaio di tifosi provenienti dalla Sicilia. Espulso Izzillo(M) al 55’ per doppia ammonizione; ammoniti Mancino (C); Corona, Rullo (M). Angoli: 10-4. Fuorigioco: 2-3. Recuperi: 3 pt, 3 st. 
 
Sabato 7 febbraio 2015
Due errori difensivi e al San Vito e solo pareggio!

Finisce 2-2 la gara del San Vito tra Cosenza e Casertana, con i silani che disputano la loro onesta partita portandosi in vantaggio per due volte grazie a due “regali” della difesa rossoblu, che in entrambe le occasioni si fa sorprendere con troppo facilità da De Angelis e Cori.
La Casertana parte anche bene, nonostante i numerosi giocatori indisponibili, che costringono mister Campilongo a rivedere ancora una volta la formazione, ma dopo soli 7 minuti una punizione del portiere Ravaglio sorprende la retroguardia casertana e permette a De Angelis di portare in vantaggio i suoi.
I falchetti accusano il colpo ed impiegano una ventina di minuti prima di risistemarsi e riprendere a macinare gioco, fino a trovare il gol del pareggio, che arriva al 40° grazie ad una spettacolare giocata di Nicola Mancino. Tutto lascia presagire un secondo tempo all’arrembaggio degli uomini di Campilongo, ma al ritorno in campo accade ciò che non ti aspetti: è il Cosenza a battere il calcio d’inizio ed in soli 9” trovano ancora il vantaggio grazie a un passaggio filtrante di De Angelis che sorprende Idda e compagni e pesca Cori libero di battere Fumagalli.
Stavolta i rossoblu di Caserta reagiscono subito ed infatti dopo appena 5 minuti pareggiano con una rete fortemente voluta da Cissè che prima dà il via all’azione e poi corre in area per raccogliere il cross di Caccavallo. Nell’occasione Cissè colpisce anche Ricciardo che è costretto ad abbandonare la gara ed essere accompagnato in ospedale per una visita di controllo.
Il secondo pareggio però non da la carica alla Casertana che fatica, soprattutto mentalmente, a provare a cercare il gol vittoria e così la gara procede quasi stancamente fino al 90’.
E come spesso accade in questi casi non si riesce a capire se bisogna vedere il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto. Tante sono le cose da salvare, soprattutto alla luce dei diversi assenti, e perché comunque alla fine la squadra ha reagito due volte allo svantaggio e porta a casa un buon punticino.
Di sicuro la difesa quest’oggi ha dato una grossa mano al Cosenza, e questo fa certamente notizia visto che quella Casertana è una delle migliori difese del torneo. Forse quello che più fa riflettere è la difficoltà che gli uomini di Campilongo hanno nel gestire alcune fasi della partita; ma questo fa parte del processo di crescita del gruppo, che sta portando pian piano la squadra ad assumere una mentalità sempre vincente; forse è la continuità nell’arco dei 90 minuti che ancora manca.
Ma il campionato della Casertana, almeno fino a questo momento, è molto molto positivo, nonostante il girone fosse proibitivo, almeno sulla carta, i ragazzi cari a Lombardi se la stanno giocando con tutti regalando tante gioie e divertimento ai suoi tifosi. Forse qualche punto perso qua e là lascia un po’ di amaro in bocca, ma questo fa parte del gioco, perché un po’ tutte le squadre hanno qualcosa da recriminare, e poi alla fine la classifica rispecchierà i veri valori in campo.
Intanto domenica si ritorna al Pinto contro il Messina: un’altra sfida molto affascinante; siamo sicuri che Mancino e compagni daranno come sempre il massimo per portare a casa la vittoria. 

LA CRONACA (fonte tuttolegapro.com)
Cosenza, stadio San Vito, dove si incontreranno le formazioni di Cosenza e Casertana in una partita valida per la ventiquattresima giornata di Lega Pro girone C.
Cosenza che oggi è privo del suo jolly Cristian Caccetta, ex Trapani, che è praticamente infortunato, e non ha recuperato il terzino Sperotto. Possibile che sia Ciancio a giocare nel settore mancino con Blondett a destra
In casa Casertana è più lunga la lista degli assenti per Campilongo: infortunati Bianco, Murolo, Cruciani, Mancosu e D'Alterio, ed è out per squalifica la punta Diakité. E' in panchina Caccavallo che non è al meglio
La ventiquattresima giornata di Lega Pro girone C (nonché quinta di ritorno) prevede le seguenti partite: oggi Casertana-Cosenza alle 14,30, Messina-Paganese alle 15, e Matera-Catanzaro alle 16; domani si avranno Barletta-Reggina alle 11, Aversa Normanna-Foggia alle 12,30, Lecce-Savoia e Salernitana-Ischia entrambe alle 14,30, Juve Stabia-Martina alle 16 e Lamezia-Melfi alle 18; infine il posticipo di lunedì sarà Benevento-Lupa Roma, e si giocherà alle 15
La Casertana nella giornata scorsa ha battuto per 1-0 la Paganese con gol di Rajcic propiziato da un pasticcio del portiere azzurrostellato, invece il Cosenza è stato battuto con lo stesso punteggio ad Aprilia con la Lupa Roma
La classifica vede la Casertana al quarto posto a 41 punti; il Cosenza è quindicesimo a 24 punti, gli stessi che ha il Messina
Se il campionato fosse finito al termine della giornata scorsa, in base al regolamento varato in estate sui play-off la Casertana si sarebbe qualificata con i suoi 41 punti, così come l'Alessandria dal girone A. Sarebbe rimasto fuori addirittura il Pisa che nel gruppo B ha fatto solo 40 punti ed è attualmente la peggiore quarta, nonostante i suoi cospicui investimenti
Tra le tifoserie di Casertana e Cosenza c'è una lontana amicizia, a parte il fatto che entrambe le squadre hanno gli stessi colori, il rosso e il blu
A Cosenza la temperatura è piuttosto fredda. Sono pochi i tifosi casertani che hanno raggiunto il capoluogo silano
Le squadre stanno per schierarsi in campo agli ordini dell'arbitro Niccolò Baroni di Firenze, assistito dai signori Abagnara di Nocera Inferiore e Della Vecchia di Avellino
In Lega Pro ci sono stati già alcuni rinvii per maltempo: ieri non si sono più disputate Reggiana-Pisa (saltata anche la diretta televisiva) e Giana Erminio-Pordenone, e si ha notizia anche del rinvio di L'Aquila-Tuttocuoio del girone B per neve
Pronta a dare il calcio d'avvio la formazione della Casertana
2' Mercoledì il Cosenza incontrerà in casa il Pontedera nella Semifinale di Coppa Italia di Lega Pro: i toscani avevano eliminato ai quarti proprio la Casertana
4' E la prossima partita di campionato i silani la giocheranno domenica al Ceravolo di Catanzaro: inizialmente si sarebbe dovuto giocare sabato prossimo, ma il rinvio al giorno successivo è stato reso necessario per la concomitanza col mercato di Catanzaro al sabato, proprio nei pressi dello stadio
7' E' la Casertana che ha scelto di giocare con la seconda divisa, di colore bianco, contro il rossoblù del Cosenza
8' RETE! Sblocca DE ANGELIS per il COSENZA contro la Casertana! 1-0!
10' Per Gianluca De Angelis, nato a Castellammare di Stabia 34 anni fa, è il secondo gol in campionato
16' Al quindicesimo minuto è in vantaggio il Cosenza per 1-0 sulla Casertana
17' Prima ammonizione della partita per Ciancio del Cosenza
21' I due cannonieri della Casertana sono Bianco e Diakité con 5 gol a testa, non c'è nessuno dei due in campo contro il Cosenza. In totale i falchetti hanno segnato 32 gol
22' Per quanto riguarda il Cosenza, è Elio Calderini il calciatore che ha segnato di più: 6 reti. I silani in totale ne hanno invece realizzate 25
26' L'arbitro ammonisce Mancino della Casertana
27' E il signor Baroni estrae il giallo anche per Cori del Cosenza
32' Continua il vantaggio del Cosenza per 1-0 sulla Casertana con gol di De Angelis
35' Sostituzione nelle file della Casertana, esce il centrocampista De Marco ed entra al suo posto l'attaccante Caccavallo
36' Giuseppe Caccavallo, arrivato dalla Paganese alla Casertana in gennaio, è un ex del Cosenza Calcio che giocò in Prima Divisione nel 2009-2010, nella gestione di Mimmo Toscano. 18 presenze in sei mesi e poi il trasferimento alla Valle del Giovenco
38' Intanto segnaliamo che da pochi minuti ha avuto inizio anche la partita Messina-Paganese al San Filippo: il risultato è sempre di 0-0 su quel campo
40' RETE! La CASERTANA si porta in parità con MANCINO! 1-1
43' Per Nicola Mancino, 31 anni, è il gol numero 4 in campionato
45' Stiamo per sapere di quanto sarà il recupero. Siamo sull'1-1 al San Vito tra Cosenza e Casertana
45' +1 Si giocherà fino al 47' per effetto della segnalazione di 2 minuti di recupero
45' +1 Ammonizione per Rajcic della Casertana
L'arbitro Baroni di Firenze manda il Cosenza e la Casertana negli spogliatoi sul risultato di 1-1
La Casertana aveva cominciato meglio palleggiando nella metà campo avversaria, poi ha incassato a sorpresa il gol di De Angelis: lancio perfetto del portiere Ravaglia per la spizzicata di Cori e l'inserimento di De Angelis che a pochi passi dal portiere ha segnato
Quindi il Cosenza ha incassato la rete del pareggio dei casertani al 40': rimessa di Antonazzo, prolungamenti di testa prima di Ricciardo e poi di Cissé, e infine rovesciata di Mancino per l'1-1
Non perdetevi il secondo tempo di questo incontro che ha ancora molto da dire: Cosenza e Casertana hanno bisogno di punti per obiettivi opposti, i cosentini per allontanarsi dalla zona play-out, i campani per mantenersi dentro la griglia play-off
Le squadre stanno rientrando in campo per il secondo tempo
Nel primo tempo Cosenza e Casertana hanno pareggiato per 1-1
C'è un cambio nelle file del Cosenza: ne daremo conto tra qualche istante
46' RETE! Torna immediatamente in vantaggio il COSENZA con CORI! 2-1!
46' A inizio ripresa era entrato per i locali subito Zanini in luogo di Fornito
49' Quindi Sacha Cori, attaccante ventiseienne arrivato a Cosenza in estate dal Cesena, realizza la sua quinta rete in campionato
51' RETE! Nuovo pareggio della CASERTANA con CISSE'! 2-2
52' Il gioco non riprende perché il centravanti della Casertana Ricciardo è rimasto contuso e andrà a bordocampo
54' Ricciardo non ce la fa: la Casertana mette in campo al suo posto Cunzi
56' Cartellino giallo per Blondett del Cosenza
57' Intanto secondo i colleghi di Sportube.tv presenti alla partita, Ricciardo, uscito per una botta anche se con le sue gambe, starebbe per essere accompagnato all'ospedale locale per accertamenti
59' Siamo sempre sul 2-2 a Cosenza tra i padroni di casa e la Casertana
64' Ora Roselli toglie De Angelis e manda in campo l'attaccante Calderini. E' il secondo cambio nel Cosenza
70' Venti minuti al novantesimo, sono sempre sul 2-2 il Cosenza e la Casertana
73' Entra Carrus nella Casertana al posto di Mancino
81' Cosenza che ricorre all'ultimo cambio: entra Tortolano al posto di Statella
85' Mancano cinque minuti al novantesimo, il risultato è sempre di 2-2 tra il Cosenza e la Casertana
88' Ammonito ora Caccavallo nella Casertana
88' Intanto segnaliamo il vantaggio 1-0 del Messina sulla Paganese con rete di Corona al minuto 60, mentre il Catanzaro è in vantaggio per 2-1, e al XXI Settembre i minuti sono solo 21
90' +1 Si giocherà fino al 94': sono quattro i minuti di recupero
90' +2 E' sempre 2-2 tra Cosenza e Casertana al San Vito, e mancano due minuti alla fine
Finiscono in parità la Casertana e il Cosenza allo stadio San Vito: il risultato è di 2-2
Si è dunque conclusa in parità la sfida tra Cosenza e Casertana: dopo che la prima frazione era finita sull'uno a uno, è arrivato il nuovo vantaggio cosentino dopo dieci secondi della ripresa con Cori, lanciato centralmente da De Angelis, e poi al 7' è stato Cissé a pareggiare i conti: cross dalla destra di Caccavallo e stacco del centravanti guineano che ha battuto Ravaglia
Con questo pareggio Casertana a quota 42, ancora quarta, in attesa dell'esito di Lecce-Savoia di domani. Cosenza che resta a rischio play-out a 25 punti. Come già detto, il Cosenza domenica prossima sarà ricevuto dal Catanzaro alle 14, mentre la Casertana sempre domenica prossima ospiterà, alle 16, il Messina

IL TABELLINO
COSENZA – CASERTANA 2-2
COSENZA. Ravaglia, Ciancio, Blondett, Arrigoni, Tedeschi, Magli, Statella (81' Tortolano), Corsi, Cori, De Angelis (63' Calderini), Fornito (45' Zanini). 
A disposizione Saracco, Carrieri, Criaco, Cesca. Allenatore Roselli.
CASERTANA. Fumagalli, Antonazzo, Tito, Rajcic, Idda, Mattera, Marano, De Marco (34' Caccavallo), Ricciardo (54' Cunzi), Mancino (72' Carrus), Cissè.
A disposizione D’Agostino, Rainone, Fonzino, Pontiggia. allenatore Campilongo.
ARBITRO. Baroni di Firenze (ass. Abagnara, Della Vecchia)
MARCATORI. 7' De Angelis (CS), 39' Mancino (CA), 46' Cori (CS), 51' Cissè (CA)
NOTE. Spettatori 1500 circa; presenti una 50ina di supporter venuti da Caserta. Ammoniti: Ciancio, Cori, Blondett (CS), Cissè, Rajcic, Caccavallo (CA). Angoli 9-5; recuperi: 2pt e 4st.

Domenica 1 febbraio 2015
Basta un gol di Rjacic, la Casertana torna alla vittoria!

Era la partita più delicata; dopo la vittoria contro la Salernitana nel giorno della Befana la Casertana non è riuscita più a vincere, due pareggi con le ultime della classe e una brutta sconfitta a Castellammare che avevano permesso al Lecce di superare i falchetti in classifica e scansarli dall’ultima posizione utile per i play off. Come non bastasse ci si è messo anche il Pontedera in settimana a peggiorare le cose, con l’amara eliminazione ai rigori dalla coppa, che ha aumentato lo sconforto nell’ambiente. A complicare ulteriormente la situazione in casa rossoblu poi una rosa decimata da infortuni e squalifiche che ha fatto rispolverare a mister Campilongo giocatori tenuti un po’ “a riposo” nelle ultime uscite, come Antonazzo, Ricciardo, De Marco.
La gara con la Paganese per tutti questi motivi non è per niente facile e anche il campo lo dimostra, perché gli azzurrostellati sono ben messi in campo e disposti a tutto pur di portare a casa un punticino.
Ma alla fine la vittoria è arrivata! È bastato un gol di Rjacic, tredicesimo goleador rossoblu, su una palla sporca, su un’uscita sbagliata del portiere avversario su azione di calcio d’angolo a riportare i tre punti sotto l’ombra della Reggia.
Un solo gol, ma che ha un’importanza enorme perché fa tornare il sorriso a tutti, perché riporta la Casertana al quarto posto, visto che tutte le squadre di alta classifica non hanno saputo vincere; perché a segnare è stato proprio Rjacic, uno che ne ha passate nella sua carriera e che con questo gol scaccia via tutte le cose brutte, ma soprattutto perché ancora una volta si è dimostrato che questa squadra ha un cuore, e non solo quello, grosso così! Che non molla mai, che c’è un affiatamento e uno spirito di gruppo da far invidia a tutti; la Casertana c’è ed è viva più che mai!
E sabato prossimo si va a Cosenza per cercare di dare continuità ai risultati e cercare di migliorare, se è possibile la classifica; nel frattempo si cercherà di recuperare qualche infortunato, mentre di sicuro trneranno a disposizione i cinque squalificati, e poi chissà, con la chiusura del mercato di riparazione magari il presidente Lombardi vorrà regalare alla piazza un ulteriore colpo: staremo a vedere… 


LA CRONACA (fonte tuttolegapro.com)
Stadio Alberto Pinto di Caserta dove tra poco scenderanno in campo Casertana e Paganese, match valido per la ventitreesima giornata del Campionato di Lega Pro girone C
Moduli speculari quest'oggi. Casertana in campo con il 4-3-3, in avanti spazio al tridente composto da Mancino, Ricciardo e Caccavallo
Paganese, anch'essa con il 4-3-3. Mister Sottil riconferma quasi lo stesso undici che la scorsa settimana ha pareggiato contro la Lupa Roma al Torre. Le uniche differenze sono dettate dall'inserimento di Vinci al posto di Armenise e Baccolo al posto di De Liguori 
Giornata piovosa qui a Caserta. La temperatura si assesta attorno agli 8 gradi 
La Casertana di mister Campilongo ha conquistato in questa stagione 38 punti frutto di 11 vittorie, 5 pareggi e 6 sconfitte
La Paganese, invece, ha totalizzato 28 punti, frutto di 7 vittorie, 7 pareggi ed 8 sconfitte
In questi minuti inizia a soffiare un vento davvero fastidioso qui al Pinto 
Squadre che stanno facendo il loro ingresso sul rettangolo verde
1' Inizia in questo istante Casertana-Paganese!
3' Casertana che attaccherà da destra verso sinistra rispetto alla nostra postazione
7' I padroni di casa in campo con la consueta maglia rossoblu. Ospiti con maglia bianca con inserti azzurri
9' Primo tiro dalla bandierina dell'incontro, è a favore della Paganese
12' Il terreno del Pinto quest'oggi si presenta davvero in buonissime condizioni nonostante il maltempo che ha colpito il centro della vecchia Terra di Lavoro
14' Ammonito l'attaccante della Paganese Domenico Girardi, per simulazione
22' A dir la verità, non sono tanti gli spettatori presenti sulle scalee dell'impianto casertano. Circa 1500 i presenti
24' Nessun tifoso azzurrostellato nel settore ospiti del Pinto
28' Primo corner del match a favore della Casertana
34' Il grande ex di questo incontro è Giuseppe Caccavallo ora in maglia rossoblu, ma fino a poche settimane fa alla Paganese
39' A terra il capitano dei falchetti Salvatore D'Alterio dopo uno scontro con Girardi
40' Per fortuna nulla di grave per il difensore ex Messina e Salernitana che si rialza da terra
43' Pochissimo alla fine del primo tempo
44' Calcio d'angolo a favore dei rossoblu
45' +1 Un minuto di recupero
Squadre negli spogliatoi sul punteggio di 0 a 0
Primo tempo ben giocato e su ottimi ritmi qui al Pinto di Caserta, ma le azioni da rete sono state davvero poche
Ai punti forse avrebbe meritato il vantaggio la Paganese, che dopo circa trenta minuti di gioco ha avuto una clamorosa palla gol. Malaccari dopo aver vinto un duello con Mattera si è incuneato in area ma il suo tiro è stato deviato dal piede del portiere rossoblu Fumagalli
46' Inizia la ripresa!
47' Non sembrano esserci cambi. Si riprende con gli stessi ventidue del primo tempo
51' A dirigere la gara, lo ricordiamo, è stato designato il signor Fabio Piscopo della sezione di Imperia  coadiuvato dagli assistenti Damiano Margani della sezione di Latina e Valerio Vecchi della sezione di Lamezia Terme. L'osservatore designato, è il signor Mario Palmieri della sezione di Cosenza.
52' Calcio d'angolo a favore degli azzurrostellati
58' Risponde la Casertana, corner per i rossoblu
61' A breve i due tecnici effettueranno i primi cambi
61' Primo cambio del match! Esce De Marco nella Casertana ed entra Cunzi. Fuori una mezzala e dentro una seconda punta
62' Ancora un calcio d'angolo per i falchetti
63' GOL della CASERTANA! A SEGNO RAJCIC!
64' Prima rete con la maglia rossoblu per Ivan Rajcic
66' Spingono i falchetti, nuovo calcio d'angolo per la truppa di Campilongo
69' Primo cambio anche in casa Paganese, esce Calamai ed entra Longo. Anche qui, fuori una mezzala e dentro una seconda punta. Ora gli azzurrostellati si schierano con un 4-2-3-1
73' Erano oltre trent'anni che le due squadre non si affrontavano in un match valevole per un campionato professionistico
75' Ammonito il rossoblu Nicola Mancino per fallo su Pietro Baccolo
76' Secondo cambio in casa Casertana. Fuori l'autore del gol Ivan Rajcic, al suo posto Simone Pontiggia
77' Risponde mister Sottil. Fuori il terzino Tartaglia e dentro Donida
78' E' all'esordio assoluto in maglia azzurrostellata Donida. Il calciatore ex Cuneo è arrivato in settimana dal Lecce
79' Cartellino giallo per il terzino della Paganese Vinci, per fallo su Caccavallo
82' Corner per la Paganese
83' Prova a coprirsi mister Campilongo. Fuori Mancino e dentro al suo posto il difensore Rainone
84' Esordio assoluto anche per il difensore Rainone arrivato in settimana dall'Ischia
86' Nell'ultimo turno i falchetti sono caduti al Menti di Castellammare. 1 a 0 il finale a favore delle vespe
86' Ancora un tiro dalla bandierina per gli ospiti
87' La Paganese, invece, ha pareggiato 2 a 2 tra le mura amiche contro la Lupa Roma
90' Si gioca il tutto per tutto mister Sottil. Fuori il terzino Vinci e dentro il giovane attaccante Catapano
90' +1 Corner per la Paganese
90' +3 Ammonito anche Tartaglia per fallo su Moracci
90' +3 Pochissimo al termine del match
Finisce il Derby. Casertana che batte con il minimo sforzo una buona Paganese
Secondo tempo di certo non brillante qui allo Stadio Pinto di Caserta. Nonostante ciò, la Casertana ha vinto sfruttando al meglio un episodio. Al 63' sugli sviluppi di un corner, è uscito a vuoto il portiere Marruocco e per Rajcic è stato un gioco da ragazzi spingere la sfera in rete
Con questi tre punti la Casertana sale a quota 41 punti. Rimane a 28 punti la Paganese
Nel prossimo turno la Casertana sarà di scena al San Vito contro il Cosenza. Per la truppa di Sottil, invece, trasferta al San Filippo contro il Messina.

IL TABELLINO
CASERTANA – PAGANESE 1-0
CASERTANA. Fumagalli, Antonazzo, Tito, Rajcic (76’ Pontiggia), D’Alterio, Mattera, De Marco (61’ Cunzi), Carrus, Ricciardo, Mancino (83’ Rainone), Caccavallo.
 A disposizione D’Agostino, Fonzino, Alvino, Agodirin. Allenatore Salvatore Campilongo.
PAGANESE. Marruocco, Tartaglia (76’ Donida), Vinci (90’ Catapano), Baccolo, Perna, Moracci, Calamai (69’ Longo), Malaccari, Girardi, Bernardo, Aurelio.
A disposizione Casadei, Djibo, Cancelloni, Bergamini. Allenatore Andrea Sottil.
ARBITRO. Fabio Piscopo della sezione di Imperia; assistenti Margani di Latina e Vecchi di Lamezia Terme.
MARCATORE. Rajcic 63’ (C).
NOTE. Spettatori: 1500 circa. Ammoniti: Mancino (C); Girardi, Vinci, Moracci (P). Angoli: 5-5. Fuorigioco: 2-2. Recuperi: 1pt, 3 st. 
 

 
Mercoledi 28 gennaio 2015
La Casertana si ferma ai rigori; Pontedera in semifinale

La Casertana dice addio alla coppa Italia di lega dopo 120 minuti e 8 rigori, decisivi gli errori dal dischetto di Mattera, Carrus e Tito.
La gara è abbastanza equilibrata, con la Casertana che tiene costantemente il pallino del gioco, mentre il Pontedera non sembra in grado di far male a Fumagalli e compagni; solo una conclusione di Luperini che si stampa sul palo mette i brividi ai falchetti; per il resto è la Casertana che fa la partita e alla mezz’ora trova il gol del vantaggio con una conclusione da fuori di Carrus dopo un’azione insistita della Casertana. Il Pontedera accusa il colpo mentre la Casertana gestisce il vantaggio fino alla fine del tempo.
Nella ripresa il Pontedera parte forte e riesce subito a trovare il gol del pareggio dopo appena sette minuti con il solito Luperini. Sull’1-1 le due squadre rischiano poco perché un gol subito potrebbe dire eliminazione; sono più gli uomini cari al presidente Lombardi che tentano di rompere gli equilibri, ma impensieriscono Anacoura solo con una percussione di Cissè.
Ai supplementari la Casertana resta subito in dieci per un infortunio alla spalla a Cruciani; mister Campilongo che ha esaurito le tre sostituzioni già al 66’ non può operare il cambio. E così la Casertana resiste fino al 120’ in realtà senza subire grossi pericoli, fatta eccezione per un paio di conclusioni da fuori. Ai rigori poi la sfortunata sequenza che elimina dalla competizione gli uomini di Campilongo.
Peccato perché la semifinale era ampiamente alla portata dei falchetti e forse con un po’ di accortezza in più e un pizzico di fortuna si poteva portare a casa.
Ma non c’è tempo per i rimpianti, domenica c’è già il campionato e la sfida con la Paganese, che dopo gli ultimi risultati diventa importantissima. È necessario tornare alla vittoria, in qualunque modo, altrimenti il treno dei play off potrebbe allontanarsi troppo.
Intanto nella conferenza stampa di fine partita Campilongo ha annunciato l’arrivo del difensore Rainone dall’Ischia.

PONTEDERA – CASERTANA 4-2 (1-1 dts)
PONTEDERA. Anacoura, Videtta, Galli, Madrigali (35' s.t. Polvani), Redolfi, Romiti, Luperini, Bartolomei, De Cenco (21' s.t. Libertazzi), Cesaretti, Gori (14' s.t. Ceciarini).
A dsposizione Cardelli, Bennati, Disanto, Tazzari. Allenatore Indiani.
CASERTANA. Fumagalli, Antonazzo, Tito, Carrus, Idda, D'Alterio (21' s.t. Mattera), Marano, Cruciani, Diakite, Pontiggia (21' s.t. Mancino), Alvino (12' s.t. Cisse).
A disposizione D'Agostino, Santarpia, De Marco, Agodirin. Allenatore Campilongo.
ARBITRO. Rasia di Bassano del Grappa.
MARCATORI. 32' p.t. Carrus, 8' s.t. Luperini.
SEQUENZA RIGORI. Libertazzi gol; Mattera parato; Bartolomei gol; Carrus fuori; Cesaretti traversa; Cisse gol; Galli gol; Tito parato.
NOTE. Ammoniti Luperini, Diakite, Cisse. Angoli 7-4; recuperi: 2’ pt, 3’ st, 5’ pts, 1’ sts.

 
Sabato 24 gennaio 2015
Rossoblu sconfitti al Menti; basta un gol di Jiday!

Brutta sconfitta per gli uomini di Campilongo contro la Juve Stabia al Menti; finisce come all’andata, con i gialloblu di Castellamare che fanno bottino pieno con un solo golletto. 
Partita abbastanza equilibrata, decisa da una rete su azione di calcio d’angolo di Jidayi dopo appena dieci minuti. Poi la Juve Stabia ha controllato senza correre quasi mai rischi, mentre i rossoblu non hanno mai avuto la forza di tenere alti i ritmi e cercare di mettere in difficoltà la retroguardia avversaria. Fa eccezione l’inizio del secondo tempo quando i rossoblu producono il massimo sforzo ottenendo solo un palo di Bianco, sfortunatissimo nell’occasione.
Così gli uomini di Pancaro ottengono il massimo risultato con il minimo sforzo, complice anche un pomeriggio sottotono per quasi tutti gli uomini di Campilongo; se si escludono i due centrali difensivi Idda e Mattera che dominano gli avanti gialloblu, e l’ultimo arrivato Caccavallo, che pur da solo crea qualche grattacapo a Migliorini e compagni, tutti gli altri rossoblu hanno giocato ampiamente sotto la sufficienza, soprattutto gli uomini chiave come Mancosu, Diakitè e Rajcic che sulla carta dovrebbero fare la differenza.
A complicare le cose ci si mette anche l’arbitro che con chirurgiche ammonizioni e l’espulsione di Diakitè dalla panchina, ha praticamente decimato i falchetti in vista della delicata gara interna con la Paganese di domenica prossima.
E così dopo la vittoria nel derby con la Salernitana, Mancino e compagni hanno ottenuto solo due punti in tre partite ridimensionando di un bel po’ le ambizioni di classifica; niente di preoccupante, si capisce, il tempo e i mezzi giocano a favore degli uomini di Campilongo, ma già dalla gara di coppa a Pontedera bisognerà ritornare alla vittoria, perché vincere fa sempre bene, perché vincere è sempre la medicina migliore per ogni male!

La cronaca (fonte tuttolegapro.com)
Juve Stabia-Casertana, attesissima sfida tra formazioni campane, per la terza giornata di ritorno nel girone C della Lega Pro
Per quanto riguarda la Juve Stabia, Pippo Pancaro manda in campo Burrai e Maiorano dall'inizio per affiancare Jidayi nella costruzione della manovra da centrocampo. A destra gioca Romeo al posto dello squalificato Cancellotti. Squalificato anche La Camera
Nella formazione che Campilongo manda in campo per la Casertana non c'è Murolo che si è infortunato, quindi a destra nel settore di difesa gioca D'Alterio, con Idda riportato nel suo ruolo di stopper accanto a Mattera. Panchina per Cissé e Mancino
Quindi la Juve Stabia mette in campo subito i nuovi acquisti Burrai e Maiorano, per un possibile centrocampo a 3, dato che la formazione iniziale non prevede il trequartista Bombagi relegato in panchina. Quindi Pancaro suppone di poter giocare a specchio con la Casertana che a sua volta gioca abitualmente col 4-3-3
Un turnover era stato annunciato dal tecnico della Casertana Campilongo il quale aveva proposto frequentemente la medesima squadra per diverse partite. Se l'uscita di Murolo è dovuta a infortunio, la decisione di impiegare Rajcic in luogo di Mancino dovrebbe essere dettata da scelta tecnica
C'è reciproca stima tra le tifoserie di Juve Stabia e di Casertana, si prevedono al Menti sui seimila spettatori. Non piove su Castellammare di Stabia, ma il cielo è nuvoloso
La Juve Stabia arriva dalla pesante sconfitta di Matera per 3-1, la Casertana ha invece pareggiato ad Aversa per 1-1
Squadre quasi pronte per giocare: sono entrate in campo. Casertana in maglia bianca a bordi rossi, Juve Stabia in tenuta gialloblù 
Partiti!
1' La classifica vede la Casertana in quarta posizione a 38 punti, contro i 39 punti della Juve Stabia che è terza dietro a Salernitana e Benevento
2' Arbitra Claudio Lanza di Nichelino, assistito dai signori Galetto e Rizzato di Rovigo
3' Numerosissimi i tifosi della Casertana in campo esterno
5' Da allenatore mister Campilongo è sempre riuscito a non perdere a Castellammare di Stabia contro i gialloblù: due pareggi entrambi per 0-0, quando allenava la Cavese
7' Questa tra Juve Stabia e Casertana è la seconda partita prevista nella terza giornata di ritorno: già ieri si è avuto un anticipo tra Lamezia e Ischia, è finito 0-0
9' RETE! La JUVE STABIA è in vantaggio con JIDAYI! 1-0!
11' Campilongo da calciatore è stato in forza alla Juve Stabia nella lontana stagione 1978-79, non aveva ancora 18 anni
13' Ed è un ex di turno anche il portiere casertano Ermanno Fumagalli, autore di 20 presenze nella stagione 2010-2011 in gialloblù
14' Quello di Jidayi è il primo gol per lui in campionato con la maglia della Juve Stabia
16' Il terzo turno di ritorno del girone C di Lega Pro prevede, oltre a Juve Stabia-Casertana, anche queste gare: oggi Melfi-Foggia (ore 15), Cosenza-Barletta (16), Benevento-Savoia (17) e Lecce-Matera; domani Martina-Catanzaro (ore 12,30), Messina-Reggina (14), Aversa Normanna-Salernitana (14) e Paganese-Lupa Roma (18). Seguiremo con voi tutte queste partite attraverso i nostri Live
18' E altro ex di turno è anche il centrocampista esterno della Casertana Francesco Marano, che ha 25 anni e conta solo 15 gettoni di presenza con gli stabiesi dal 2007 al 2011
21' Siamo al ventesimo e la Juve Stabia continua a condurre 1-0 sulla Casertana con gol di Jidayi
27' Fino a questo momento il signor Lanza della sezione di Nichelino (ma di origine siciliana) non ha estratto cartellini all'indirizzo dei contendenti
30' Ecco la prima ammonizione, è per Lepiller della Juve Stabia
32' Il cannoniere della Juve Stabia è l'attaccante Samuel Di Carmine, autore di 8 reti, tre in meno del capocannoniere del girone Calil
33' Sono invece due i migliori marcatori nelle file dei casertani, Diakité e Bianco autori di 5 gol a testa
37' Ammonito ora Idda della Casertana
37' Sempre 1-0 per la Juve Stabia sulla Casertana
45' Stiamo per sapere di quanto sarà il recupero
45' +1 Scade il quarantacinquesimo, ma si gioca ancora
L'arbitro Lanza manda le due squadre negli spogliatoi, sull'1-0 per la Juve Stabia nei confronti della Casertana con gol di Jidayi
La rete della Juve Stabia è stata realizzata al 9' di gioco: calcio d'angolo di Burrai, mancato intervento di Cruciani e conclusione vincente di Jidayi. Poi i casertani hanno fatto poco negli ultimi sedici metri, e la Juve Stabia ha fiutato il raddoppio con Di Carmine che a portiere battuto si è trovato di fronte quattro difensori della Casertana che l'hanno costretto a calciare fuori il pallone
Squadre di nuovo in campo per il secondo tempo
47' La Juve Stabia ha finito il primo tempo avanti per 1-0 grazie a Jidayi
47' Intanto siamo in grado di dirvi che a Melfi è in vantaggio il Foggia per 1-0 con gol di Cavallaro
52' Cambio conservativo della Juve Stabia: Pancaro toglie infatti Lepiller ed entra Gammone. Il nuovo entrato è più centrocampista rispetto all'ex viola
53' Risponde la Casertana: Campilongo mette in campo Cunzi per Marano
57' Conduce ancora per 1-0 la Juve Stabia sulla Casertana, che ha solo 35 minuti per poter recuperare il risultato
63' Sostituzione nella Casertana, esce Diakité, e ricompare in campo Cissé
63' Karamoko Cissé, il guineano di 27 anni, si era infortunato due mesi fa contro il Melfi, ed è stato mandato in campo in una fase nella quale la Casertana deve recuperare
67' Regge sempre il gol di Jidayi che sta dando alla Juve Stabia il vantaggio per 1-0 sulla Casertana
74' Tocca ora a Fabio Caserta che prende il posto di Burrai nella Juve Stabia
76' Siamo nell'ultimo quarto d'ora prima del recupero. Casertana che sta ancora perdendo per 1-0 a Castellammare di Stabia
79' Intanto il Melfi ha appena pareggiato contro il Foggia: 1-1 firmato Caturano
80' Espulso un giocatore in panchina nella Casertana, si tratta di DIAKITE'
81' Allontanato anche Campilongo, allenatore dei falchetti
82' Ultimo cambio per gli ospiti, esce Rajcic ed entra Carrus
83' Mancano meno di dieci minuti al novantesimo e la Casertana si trova sempre in svantaggio con la Juve Stabia
83' Ammonizione per Cruciani della Casertana
86' Nella Juve Stabia Pancaro spende l'ultimo cambio a sua disposizione: entra Bombagi per Nicastro
86' Intanto è cominciata da un quarto d'ora anche la partita tra Cosenza e Barletta, momentaneamente sullo 0-0
87' Ammonito ora Gammone nella Juve Stabia
89' Ci avviciniamo al novantesimo di gioco a Castellammare: la Juve Stabia conduce ancora per 1-0 sulla Casertana con gol di Jidayi
90' Giallo anche per il portiere Pisseri della Juve Stabia
90' +3 Tempo scaduto, si sta giocando il recupero
90' +4 Ammonito Cissé
90' +4 E ammonito anche Migliorini

JUVE STABIA – CASERTANA 1-0
JUVE STABIA. Pisseri, Romeo, Contessa, Burrai (28’ st Caserta), Polak, Migliorini, Nicastro (40’ st Bombagi), Jidayi, Di Carmine, Maiorano, Lepiller (6' st  Gammone). 
A disposizione Santurro, Liotti, Jefferson, Ripa. Allenatore Giuseppe Pancaro.
CASERTANA. Fumagalli, D'Alterio, Bianco, Rajcic (37’ st Carrus), Idda, Mattera, Marano (8' st Cunzi), Cruciani, Diakite (17’ st Cissè), Mancosu, Caccavallo. 
A disposizione D'Agostino, Antonazzo, Tito, Mancino. Allenatore Salvatore Campilongo.
ARBITRO. Claudio Lanza della sez. AIA di Nichelino; assistenti Mauro Galetto e Ilie Rizzato, entrambi della sez. AIA di Rovigo.
MARCATORE. 9' pt Jidayi (JS)
NOTE. Spettatori 1.802 per un incasso totale di 18.655,00 € (paganti 1.424 per un incasso di € 16.033,00, abbonati 378 per una quota partita di € 2.622,00). Al 35' st il tecnico della Casertana, Salvatore Campilongo, è stato allontanato dal terreno di gioco per proteste. Espulso 35' st Diakite (C), ammoniti Marano (C), Lepiller (JS), Idda (C), Cruciani (C), Gammone (JS), Pisseri (JS), Migliorini (JS), Cissè (C). Angoli: Juve Stabia 3, Casertana 7. Recuperi: 1’ pt, 5’ st.


 
Domenica 18 gennaio 2015
Solo un pareggio nel derby, al Bischeglie è 1-1

La cronaca (fonte tuttolegapro.com)
Quattro punti nelle ultime tre gare è un trend in crescita per l'Aversa Normanna che quest'oggi al Bisceglia punta alla svolta in un derby importante contro i falchetti della Casertana. Un successo riaprirebbe concretamente le chances di giocarsi tutto ai play off. Una sconfitta potrebbe portare i granata sul fondo della graduatoria
Cinque risultati utili consecutivi e la possibilità reale di balzare al terzo posto con un successo quest'oggi al Bisceglia. Nei derby la Casertana in trasferta ne ha vinti due e ne ha perso solo uno, quello di Benevento
Il match sarà diretto quest'oggi dal direttore di gara Antonio De Martino della sezione di Teramo che sarà coadiuvato dai guardalinee Christian Rossi di La Spezia e Davide Imperiale di Genova. 
Cielo grigio sull'Augusto Bisceglia e terreno quest'oggi in pessime condizioni per la pioggia caduta e che continua a cadere
Alcune decine di supporters granata in Curva Nord, sfidando le pessime condizioni metereologiche, inneggiano ai propri beniamini
Presenza significativa di tifosi rossoblù sugli spalti del Bisceglia che sostengono sin d'ora la propria squadra
1' Aversa Normanna in campo con una maglia blu che riporta una croce granata sul petto e calzoncini granata
2' La Casertana indossa una casacca bianca con motivi rossoblù e calzoncini bianchi
3' Terreno di gioco inzuppato d'acqua con grande difficoltà dei ventidue per il controllo del pallone
6' Di Martino ha diretto in questa stagione di LPU dieci gare, precisamente tre nel girone A, due nel girone B e cinque nel girone C, arbitrando peraltro nel girone centro-meridionale due derby campani (Savoia-Benevento 2-3, Salernitana-Paganese 1-0).
7' Primo corner del derby. Lo batterà la Casertana
8' Gol della CASERTANA!
8' Quarto centro di Murolo in campionato
9' Michele Murolo, specialista nei gol di testa, sigla la quarta rete di testa con la maglia rossoblù
13' E' al terza rete di testa di Murolo in trasferta. L'unica inzuccata vincente al Pinto fu proprio all'andata contro i normanni. E proprio all'andata fu il difensore rossoblù ad aprire le danze
17' Primo cartellino giallo del derby. De Martino ammonisce il centrocampista rossoblù Marano
21' L'unico diffidato quest'oggi in campo è il difensore esterno granata, Giuseppe Capua, che dovrà fare attenzione a non farsi ammonire dato che rischierebbe di incorrere in una squalifica nella prossima giornata di campionato.
24' E' incorso invece nel quarto giallo il difensore centrale rossoblù, Giuseppe Mattera, ex di turno che ha dovuto saltare la sfida di quest'oggi al Bisceglia. Unico squalificato tra le due formazioni
28' Nel match d'andata finì in parità ma fu ricco di emozioni ben oltre i novanta minuti. I rossoblù passarono in vantaggio nel primo tempo con un'inzuccata di Murolo ma fallirono successivamente dagli undici metri il raddoppio con Mancino che si vide neutralizzare il tiro da Forte.
30' Nella ripresa in apertura i rossoblù restarono in dieci per l'espulsione di Idda per un fallo da rigore, poi trasformato da De Vena. I Falchetti tornarono però in vantaggio con un guizzo di Diakite la partita pareva spegnersi sul 2-1 quando Carbonaro al terzo minuto di recupero riportò in parità l'esito del derby.
30' Secondo corner a favore della Casertana
31' Terzo corner per i falchetti
31' Quarto calcio d'angolo a favore degli ospiti
31' I supporters ospiti scaldano con i loro incessanti cori il Bisceglia
33' Quinto piazzato dalla bandierina per la Casertana
35' La Casertana non ha mai pareggiato un derby campano in questa stagione. Al momento il bilancio conta quattro vittorie e due sconfitte.
36' Sesto corner per i falchetti
37' Settimo tiro dalla bandierina per gli ospiti
37' Ottavo corner a favore della Casertana
39' L'Aversa Normanna non ha mai vinto un derby campano. Al Bisceglia il conto dei cinque derby disputati è nettamente in perdita con cinque sconfitte mentre in trasferta il computo dei derby registra su due gare una sconfitta ed un pari, quest'ultimo conquistato proprio contro i Falchetti.
41' L'Aversa Normanna ha vinto solo una volta al Bisceglia in questa stagione e lo ha fatto ai danni della Lupa Roma con un perentorio 3-1 alla penultima d'andata, ovvero nello stesso turno in cui la Casertana ha rifilato un tris secco in trasferta al Savoia
43' E' salvo oggi il record assoluto che la Casertana detiene nei tre gironi di Lega Pro. I rossoblù non hanno mai incassato un gol nel primo quarto d'ora delle gare giocate sinora
45' Ammonizione per il difensore rossoblù Bianco
45' +1 Un minuto di recupero
45' +1 Smette nel frattempo di piovere sull'Augusto Bisceglia ma il terreno di gioco resta un acquitrino
Bagarre accennata tra i giocatori vicino alle due panchine
Animi accaldati in campo ma le squadre si dirigono regolarmente negli spogliatoi
Casertana in vantaggio sull'Aversa Normanna grazie ad una rete al 8' del solito Murolo che sul primo corner del match, battuto da Bianco, salta più in alto di tutti e batte Lagomarsini. I normanni accennano una reazione ma a parte una conclusione poco precisa di Capua la retroguardia dei falchetti non rischia nulla e controlla la gara. Protagonista assoluto in negativo è il campo di gioco, inzuppato d'acqua a causa di forti precipitazioni cadute sulla zona. Ciò non aiuta il calcio giocato ed è un peccato vista la cornice di pubblico presente sugli spalti del Bisceglia, seppure anch'essa condizionata dal tempo di oggi
46' Il difensore Scognamillo sostituisce il difensore Esposito tra i granata
46' Primo corner a favore dei normanni
47' Seconda sostituzione per l'Aversa Normanna. Il centrocampista Castellano esce ed entra l'attaccante De Luca
48' Nono corner per la Casertana
49' De Luca occupa la posizione a destra di Mosciaro così Sassano scala in mediana a destra di Giannattasio
49' Marra dunque mantiene lo stesso modulo ma cambiano gli interpreti
52' I falchetti detengono il secondo miglior attacco e la quarta miglior difesa del girone C. In particolare i rossoblù lontani dal Pinto sono il quinto miglior attacco con quattordici reti messe a segno e la seconda miglior difesa del loro raggruppamento con appena otto gol subiti
53' Secondo corner a favore dell'Aversa Normanna
55' I granata invece hanno il secondo peggior attacco e la seconda peggior difesa del girone C. In particolare tra le mura amiche hanno il peggior attacco con appena sette reti segnate e la terza peggiore difesa con tredici gol subiti
58' Primo cambio per i rossoblù. Il difensore Antonazzo prende il posto della punta Caccavallo
61' Terzo corner a favore dei padroni di casa
63' Dopo il primo cambio nell'assetto tattico degli ospiti non cambia nulla. Antonazzo occupa la posizione di esterno d'attacco dato che il calciatore è in grado di giocare le due fasi
65' Quarto corner a favore dell'Aversa Normanna
66' Primo giallo nell'Aversa Normanna. L'arbitro ammonisce il terzino Amelio
69' Quinto tiro dalla bandierina per i padroni di casa
69' Secondo cambio nella Casertana. Esce il centrocampista Cruciani ed entra il centrocampista Tito
71' Cambia l'assetto tattico degli ospiti. Campilongo passa al 4-4-2 con Cunzi e Diakite in avanti mentre Tito e Antonazzo esterni di centrocampo
78' I granata hanno perso molti punti soprattutto nella ripresa delle gare disputate. Invero diciannove dei trenta gol subiti l'Aversa Normanna li ha presi proprio nei secondi quarantacinque minuti. In particolare otto reti la squadra di Marra le ha incassate proprio nell'ultimo quarto d'ora dei match disputati
78' Ammonita la punta rossoblù Cunzi
79' Di contro, undici dei sedici gol messi a segno dall'Aversa Normanna sono arrivati sempre nella ripresa mentre appena cinque reti siglate nei primi quarantacinque minuti di partita
82' Sesto corner per i granata
83' Gol dell'AVERSA NORMANNA!
84' Il difensore centrale Cossentino pareggia i conti e sigla la sua prima rete con la maglia dell'Aversa Normanna
84' Settimo calcio d'angolo per l'Aversa Normanna
89' Ultimo cambio per gli ospiti. La punta Alvino prende il posto della punta Cunzi
89' Esce il difensore Cossentino, autore del pari, per infortunio
90' Ultimo cambio per i normanni. La punta Del Prete prende il posto dell'infortunato Cossentino
90' +1 Quattro minuti di recupero
Pari salomonico nel derby tra Aversa Normanna e Casertana. Apre le marcature la Casertana al 8' con un'inzuccata di Murolo su corner di Bianco e le chiude l'Aversa Normanna al 83' Cossentino che sugli sviluppi di un corner si incunea in area e lascia partire un tiro potente che si insacca nella porta rossoblù. Risultato giusto. I normanni legittimano il pari sfoderando una prestazione d'orgoglio e di vigore nella ripresa di fronte ad una Casertana, complice di non aver chiuso il derby nel primo tempo e rinunciataria. Buona la prestazione anche della retroguardia granata che nella ripresa che si è chiusa ermeticamente sui tentativi offensivi dei falchetti
Il pari fa avanzare a quota 12 i normanni che si portano a tre lunghezze dall'Ischia, sconfitta nella giornata di ieri. Poca cosa? Forse sì ma l'Aversa Normanna vista oggi ha tutti i parametri corretti per dire la sua in questo girone di ritorno. Un punto per la Casertana che avanza a 38 ma che fallisce l'operazione-sorpasso sulla Juve Stabia ma per come si erano messe le cose soprattutto nella ripresa probabilmente è un punto guadagnato
Nel prossimo turno l'Aversa Normanna riceverà la Salernitana in un altro derby che si preannuncia vibrante e combattuto. La Casertana invece renderà visita al Menti alla Juve Stabia quindi dovrà meritarsi nello scontro diretto l'eventuale sorpasso ai danni delle Vespe

AVERSA NORMANNA – CASERTANA 1-1
AVERSA NORMANNA. Lagomarsini, Petricciolo, Amelio, Giannattasio, Esposito (1′ st. Scognamillo), Cossentino, Mangiacasale, Castellano (1′ st. De Luca), Mosciaro, Sassano, Capua. 
A disposizione Despucches, D’Attilo, Catinali, Cicerelli, Del Prete. Allenatore Salvatore Marra.
CASERTANA. Fumagalli, D’Alterio, Bianco, Rajcic, Idda, Murolo, Marano, Cruciani (25′ st. Tito), Diakitè. Caccavallo (9′ st. Antonazzo), Cunzi. 
A disposizione D’Agostino, Carrus, De Marco, Alvino, Mancino. Allenatore Salvatore Campilongo.
ARBITRO. Antonio Di Martino di Teramo; assistenti Rossi- Imperiale.
MARCATORI. 8’ Murolo (C), 82’ Cossentino (A).
NOTE. Giornata piovosa, terreno al limite della praticabilità. Spettatori 1000 circa, con 500 provenienti da Caserta. Ammoniti Marano (C), Bianco (C), Amelio (A), Cunzi (C), Scognamillo (A). Angoli: 7-9. Recuperi: 1′ nel pt; 4′ nel st.

Foto LaPresse/Cafaro Gerardo

 
Sabato 10 gennaio 2015
Pareggio a reti bianche tra Casertana e Reggina

La cronaca (fonte tuttolegapro.com)
20a giornata (prima di ritorno) del Girone C di Lega Pro: Casertana-Reggina 
Entrambe le squadre hanno iniziato il 2015 con una vittoria per uno a zero: la Casertana ha sconfitto la Salernitana grazie al rigore messo a segno da Mancosu al 93’ mentre la Reggina ha piegato il Martina Franca con la rete di Gjuci al 25’
I calabresi occupano l’ultimo posto in classifica con 9 punti mentre gli avversari, con 36 punti, sono in seconda posizione, in coabitazione con la Juve Stabia 
Nel frattempo sono arrivate le formazioni ufficiali mentre si attende l'ingresso in campo delle due formazioni Partono le note dell'inno della Lega Pro e le squadre fanno il loro ingresso in campo
1' Partiti! E' la Casertana a giocare il primo pallone del match
2' Padroni di casa in campo con il completo rossoblu, ospiti in bianco con inserti amaranto
3' Dirige l’incontro il Signor Giosuè Mauro D’Apice di Arezzo coadiuvato dagli assistenti Luca Cassarà di Cuneo e Riccardo Locatelli di Novara
8' Diamo un'occhiata agli schieramenti delle due squadre: Campilongo conferma in toto modulo, il 4-3-3, e uomini che hanno sconfitto la Salernitana il giorno dell'Epifania. Roberto Alberti, che deve rinunciare agli squalificati Ungaro e Camilleri schiera un 4-3-3 con Armellino schierato al centro della difesa e Scionti nel ruolo di terzino destro. In avanti il trio Masini-Lancia-Gjuci
13' Tre diciottenni in campo nella Reggina, uno per reparto, e sono Scionti, Mazzone e Lancia ma il più giovane di tutti è l'attaccante albanese Ador Gjuci, match winner contro il Martina Franca, nato il 29 gennaio 1998
18' Presenti circa 2000 spettatori sulle tribune dello Stadio "Alberto Pinto" di Caserta
19' ROSSO DIRETTO PER IL GIOVANE CENTROCAMPISTA MAZZONE! REGGINA IN DIECI!
20' Il numero 6 si è reo colpevole di un brutto intervento a gamba tesa ai danni di Michel Cruciani
21' Il centrocampista della Casertana ha dovuto abbandonare il campo in barella per sottoporsi alle cure dei medici
22' Tutto a posto per il centrocampista rossoblu che rientra in campo
27' Presenti anche una ventina di tifosi della Reggina, giunti a Caserta per sostenere la squadra in questa impegnativa trasferta
28' Primo corner del match in favore della Reggina
32' Ecco arrivare il primo corner anche per i falchetti
34' In campo i sanitari della Reggina per prestare soccorso a Marco Armellino, rimasto contuso al volto dopo uno scontro di gioco
34' Reggina momentaneamente in doppia inferiorità numerica con il numero 4 che abbandona il campo
35' Allarme rientrato per Armellino che riprende il suo posto al centro della difesa amaranto
40' In questa tribolata stagione la Reggina deve fare i conti anche con una penalizzazione di 4 punti che ha ovviamente contribuito a peggiorare la situazione di classifica
41' Secondo angolo della partita in favore dei padroni di casa
43' Altro corner per la Casertana: e sono tre
45' +1 Ci saranno tre minuti di recupero in questa prima frazione di gioco
Finisce il primo tempo con il risultato ancora fermo sullo zero a zero
Poche emozioni in questo primo tempo caratterizzato dall'espulsione al 19' di Mazzone per un brutto fallo ai danni di Cruciani con la Reggina costretta quindi all'inferiorità numerica
Ma la Casertana non ha saputo sfruttare il vantaggio acquisito dall'uomo in più e si è vista in avanti solo sul finire del tempo
Al 41' ci ha provato Bianco con una gran botta dal limite sugli sviluppi di azione da calcio d'angolo che Kovacsic ha bloccato nonostante la sfera fosse sbucata tra una selva di gambe
Due minuti più tardi è poi toccato a Murolo mancare lo specchio dopo aver staccato bene di testa sempre sugli sviluppi di un corner calciato da destra
Da ultimo ci ha provato Marano al 45' con un destro da fuori area che è finito alto sopra la traversa
Le squadre stanno rientrando in campo in questo momento
46' Al via la ripresa con la Reggina a giocarne il primo pallone
48' Sanitari della Reggina in campo per soccorrere il giovane attaccante albanese Gjuci, contuso alla spalla dopo uno scontro di gioco nell'area di rigore amaranto
50' L'attaccante Ador Gjuci deve lasciare il campo per infortunio
50' Al suo posto il pari ruolo Louzada
54' Secondo cambio per Alberti che toglie il giovanissimo attaccante Lancia inserendo il pari ruolo Alessio Viola
55' Quarto corner in favore della Casertana
59' Primo cambio per Campilongo che inserisce l'esterno Alvino per il centrocampista Marano
62' All’andata, giocata al “Granillo”, finì 2 a 2 con doppietta di Insigne per la Reggina e reti di Cruciani e Mancino per la Casertana
62' Il primo giallo del match lo prende il centrale della Reggina Marco Armellino
64' Ammonito anche il portiere amaranto, Adam Kovacsik
66' A proposito di Kovacsik, il Ferencvaros, club più prestigioso d’Ungheria, ha dato un ultimatum alla Reggina per estinguere il debito relativo al trasferimento in amaranto dell'estremo difensore classe '91 (avvenuto nel 2007) che ammonterebbe a 300.000 euro
66' Secondo cambio anche nei rossoblu: fuori il terzino sinistro Bianco, dentro Tito che ne prende il posto sulla fascia
70' Va e viene il sole sul "Pinto" di Caserta quando abbiamo superato la metà del secondo tempo ed il risultato resta inchiodato sullo zero a zero
72' Terzo ed ultimo cambio nella Casertana: Carrus rileva Cruciani in cabina di regia
73' Il laterale destro della Reggina Scionti è il terzo ammonito del match
74' Ancora nessun ammonito tra le fila della Casertana
76' Calcio d'angolo in favore della Reggina: 4 a 2 il computo dei corner fino a questo punto del match
77' Angolo in favore dei padroni di casa che replicano prontamente
82' Il centrale difensivo della Casertana Giuseppe Mattera è il primo giocatore in maglia rossoblu a finire sul taccuino del direttore di gara
84' Ancora un angolo guadagnato dalla Casertana
86' Ammonito il centrocampista della Reggina Marco Condemi
89' Terzo ed ultimo cambio per Mister Alberti che inserisce Lorefice per Scionti in difesa
90' Fuori un '97, dentro un '98 in una Reggina sempre più caratterizzata dalla linea verde
90' +1 Sono cinque i minuti di recupero concessi dal Signor D'Apice
Finisce qui! Zero a zero tra Casertana e Reggina!
Nonostante l'inferiorità numerica a causa dell'espulsione al 19' di Mazzone la Reggina conquista un punto prezioso sul difficile campo di una Casertana apparsa sottotono rispetto alla gara vinta martedì scorso contro la Salernitana
Dopo un primo tempo povero di emozioni la ripresa si è aperta con un bel diagonale al 49' di Bianco che si è spento a lato di un soffio. Al 73' Diakitè ha messo a lato di un metro con un bel colpo di testa
Ma le migliori occasioni per i falchetti sono arrivate nel finale di gara: all'88' il neo entrato Carrus ha chiamato Kovacsik alla deviazione in corner con un bel diagonale dal limite. La più ghiotta occasione è però giunta al 91' con il pallonetto di Mancosu che ha centrato la parte bassa della traversa prima di rimbalzare sulla linea di porta ed essere allontanato dalla retroguardia amaranto
All'ultimo respiro è poi stato Murolo a mancare lo specchio di testa su preciso centro da sinistra di Carrus
Con questo pareggio la Reggina si porta a quota dieci mentre la Casertana frena nella rincorsa alla prima posizione salendo comunque a 37 punti
Nel prossimo turno la Reggina ospiterà la Paganese al "Granillo" mentre la Casertana farà visita all'Aversa Normanna 
E' tutto per Casertana-Reggina.

CASERTANA – REGGINA 0-0
CASERTANA. Fumagalli, Idda, Bianco (20’ st Tito), Cruciani (26’ st Carrus), Mattera, Murolo, Marano (13’ st Alvino), Mancosu, Diakite, Mancino, Cunzi. 
A disposizione D’Agostino, D’Alterio, Antonazzo, Rajcic. Allenatore Campilongo.
REGGINA. Kovacsik, Scionti (44’ st Lorefice), Karagounis, Armellino, Di Lorenzo, Mazzone, Masini, Condemi, Lancia (9’ st Viola), Maimone, Gjuci m(4’ st Louzada). 
A disposizione Cetrangolo, Ammirati, Bramucci, Perrone. Allenatore Alberti.
ARBITRO. Giosuè Mauro D’Apice di Arezzo; assistenti Luca Cassarà di Cuneo e Riccardo Locatelli di Novara.
NOTE. Spettatori circa 2.000 con una piccola rappresentanza di tifosi provenienti da Reggio. Espulso al 19’ pt Mazzone per gioco violento; ammoniti Armellino, Kovacsik, Scionti, Mattera, Condemi. Angoli: 8 - 2 per la Casertana. Fuorigioco: 2-0. Recuperi: pt 3’; st 5’.
 
Martedi 6 gennaio 2015
La vittoria più bella! Rigore al 93° e Salernitana battuta!!!

Erano 22 anni che Casertana e Salernitana non si incontravano per una partita, tutta colpa delle vicende sfortunate che hanno portato Caserta lontano dai campionati che contano per tantissimi anni. In questi 22 anni chi è rimasto affianco ai colori rossoblu, anche in Eccellenza, ha sempre sognato un giorno di rigiocare quel derby tanto sentito dalle due tifoserie. Magari nei loro sogni c’era proprio una vittoria a tempo scaduto su calcio di rigore! 
Ebbene quello che è successo al Pinto il giorno della Befana sa proprio di sogno realizzato!
93° minuto del derby Casertana-Salernitana, risultato ancora piantato sullo 0-0, cornice di pubblico straordinaria, Tuia commette fallo su Diakitè, l’arbitro concede il rigore… esplode la gioia in tribuna e nei distinti, ma la tensione è ancora troppa alta, perchè bisogna comunque realizzare quel calcio di rigore. Passano diversi secondi prima che il rigore venga battuto. Chi lo batte? Mancosu? Carrus? Alla fine è Mancosu che si incarica di calciare, al Pinto scende il silenzio, i tifosi sono tutti lì ad attendere con il fiato sospeso. Mancosu contro Gori. Parte Mancosu e realizza e al Pinto esplode la gioia! Il sogno si è realizzato!
Vittoria meritata, vittoria del cuore, vittoria fortissimamente voluta.
La gara in realtà è stata abbastanza equilibrata, soprattutto nel primo tempo; dopo un avvio un po’ blando dove le due squadre si studiavano è uscita fuori la Salernitana che ha tentato di chiudere i rossoblu nella propria metà campo, senza comunque creare grossi problemi a Fumagalli. Sul finire del tempo la Casertana alza il ritmo e crea diverse situazioni pericolose che culminano con la clamorosa occasione capitata a Diakitè che sugli sviluppi di un calcio d’angolo, di testa batte a colpo sicuro, ma la palla finisce alta sulla traversa. 
Nella ripresa c’è una sola squadra in campo, ma gli uomini di Campilongo non riescono mai a trovare lo spiraglio giusto per il vantaggio. La Salernitana dal canto suo si difende, anche con affanno, nella speranza di portare a casa un punto d’oro. E ci riesce fino al 93°…
La Casertana batte quindi la Salernitana e aggancia al terzo posto la Juve Stabia battuta in casa dal Benevento che a sua volta aggancia i granata in vetta.
Il tempo di festeggiare è breve, perché sabato si ritorna in campo per la prima di ritorno, ancora al Pinto, contro la Reggina.
Nonostante l’ultima posizione in classifica dei calabresi, la partita è più che mai insidiosa, perché quando vinci un derby così importante pensi di poter vincere con tutti e corri il rischio di snobbare l’avversario. Compito di mister Campilongo sarà quello di abbassare i “toni” del gruppo e di lavorare come fatto finora con umiltà e sacrificio.

LA CRONACA (fonte tuttolegapro.com)
La Salernitana, Menichini mette Pezzella e Franco contemporaneamente in campo: dovrebbe essere Franco a giocare terzino sinistro e Pezzella più avanzato a centrocampo. Tocca subito a Perrulli sulla trequarti, con licenza anche di fungere da seconda punta
La Casertana gioca con la medesima squadra che Campilongo ha mandato in campo nelle ultime gare: Idda terzino destro, Mancino nel ruolo di terza punta insieme a Cunzi e Diakité. In cabina di regia Cruciani
Proprio ieri mister Menichini ha inteso ringraziare i tifosi granata che hanno dato supporto alla Salernitana in vista del derby: “Ringrazio a nome di tutta la squadra i tifosi per il calore che ci hanno trasmesso – ha aggiunto il mister – Inoltre rivolgo loro un sentito ringraziamento per il lungo applauso in memoria di mia madre recentemente scomparsa”. 
Si annunciano oltre settemila spettatori, seicento dei quali ospiti: il derby ritorna a Caserta dopo oltre 22 anni, era finito 0-0
Tutte e due le squadre arrivano da una vittoria: la Salernitana ha superato per 1-0 il Messina allo stadio Arechi, mentre la Casertana ha vinto 3-0 a Torre Annunziata contro il Savoia 
La classifica vede la Salernitana al primo posto a 40 punti, la Casertana è a 33 punti e occupa la quarta posizione
Arbitrerà il derby il signor Stefano Giovani di Grosseto, assistito dai signore Raspollini di Livorno e Cecconi di Empoli
Ci sono più ex nella supersfida di Caserta: Campilongo, attuale allenatore della Casertana, giocò da punta con la Salernitana in un campionato di C1; mentre Pezzella, il numero 11 granata, è stato tra i protagonisti della promozione dei falchetti dalla Seconda Divisione a quella unica. Gioca anche Murolo, ex salernitano, nella difesa casertana. Assenti dall'undici di partenza Carrus e D'Alterio per la Casertana
Entrano in campo i giocatori preceduti dalla terna arbitrale: tra poco si comincia. E' possibile vedere in tribuna il patron della Salernitana Lotito 
Maglia bianca per la Salernitana, in tenuta rossoblù la Casertana 
I tifosi locali espongono uno striscione raffigurante la Reggia di Caserta
1' Calcio d'avvio della Salernitana
4' Assenti in tre della Salernitana per squalifica, sono Trevisan, Colombo e Pestrin
11' Sono trascorsi i primi 12 minuti e il parziale tra Casertana e Salernitana è sullo 0-0
12' I due cannonieri principi della Casertana sono Diakité e Bianco autori di 5 gol a testa
17' Invece la Salernitana ha il centravanti Calil che ha realizzato 10 gol ed è il miglior cannoniere del girone C
19' Siamo sempre sul risultato di partenza a Caserta
22' Ieri sera si è disputato in Lega Pro nel girone C un anticipo, che ha visto il Matera vincere 1-0 in casa sull'Aversa Normanna
26' Esce fuori il cartellino giallo per il casertano Mattera
27' Ammonito anche Bianco
29' Siamo intanto in grado di fornirvi un altro risultato finale: il Messina ha battuto 3-0 il Savoia e perciò va a 20 punti nella classifica, agganciando Melfi e Cosenza. Savoia sempre al terzultimo posto
34' Qui a Caserta invece sempre 0-0 tra Casertana e Salernitana
41' Mancano cinque minuti alla fine del primo tempo, sempre 0-0 a Caserta
45' +1 Tempo scaduto, si gioca un solo minuto di recupero
Il signor Giovani manda le due squadre negli spogliatoi: tra Casertana e Salernitana la prima frazione si è conclusa sullo 0-0
Nella prima mezz'ora qualche errore di troppo da parte dei giocatori di mister Campilongo, ma nei minuti finali della prima frazione la Casertana è cresciuta sul piano del ritmo e ha creato qualche difficoltà alla Salernitana. La squadra di Menichini è comunque solida e compatta come molti si attendevano
E' in corso di svolgimento anche la partita Barletta-Ischia (2-0 all'intervallo). Il 19° turno del girone C prevede però anche Juve Stabia-Benevento (ore 15), Paganese-Foggia (ore 16) e Lecce-Lamezia (ore 19,30), limitatamente agli incontri che interessano la zona promozione e la zona play-off. Seguiremo con i nostri Live anche queste gare
Intanto non perdetevi il secondo tempo di Casertana-Salernitana. Tra pochi minuti si riparte!
Squadre nuovamente in campo per la ripresa
50' Pur avendo 7 punti in più della Casertana, la Salernitana ha realizzato due reti in meno: sono 27 i gol della squadra di Menichini in 18 gare, mentre la Casertana è andata in gol in 29 occasioni
56' Se ne sono andati i primi undici minuti del primo tempo, sempre 0-0 tra Casertana e Salernitana
62' Nella prossima giornata di campionato la Casertana avrà la seconda partita interna di fila: ospiterà infatti la Reggina
63' La Salernitana nel prossimo weekend sarà invece ricevuta dal Cosenza, la seconda gara consecutiva in trasferta
65' Giallo anche per il granata Lanzaro
68' Tre quarti di gara appena trascorsi: la situazione tra Casertana e Salernitana non si sblocca, sempre 0-0
71' Campilongo opera il primo cambio, esce Cunzi ed entra la punta esterna Alvino
75' In questo momento sono 385 minuti che la Casertana non incassa gol: i rossoblù avevano tenuto la porta inviolata anche contro Catanzaro, Lamezia e Savoia e per 40 minuti della sfida col Foggia
79' Menichini toglie Gabionetta ed entra Mendicino
81' Terzo ammonito nella Casertana, si tratta di Idda
81' Mancano dieci minuti al novantesimo, 0-0 tra Casertana e Salernitana
82' Campilongo sostituisce ora Mancino con Carrus, ex della Salernitana Calcio
85' Nalini entra in campo al posto di Perrulli, che ha giocato 85 minuti da nuovo acquisto della Salernitana
89' Stiamo per sapere di quanto sarà il recupero 
90' +1 3 di recupero
90' +1 E' entrato nella Salernitana anche Giandonato per Bovo
90' +3 RIGORE PER LA CASERTANA!
90' +6 RETE! Al 94' MANCOSU porta in vantaggio la CASERTANA che vince 1-0!
La partita è finita! Casertana che va in classifica a 36 punti, contro i 40 della Salernitana che resta prima in classifica ancora in attesa del Benevento che incontrerà presto la Juve Stabia
Dunque la Casertana vince con merito al Pinto nei confronti della Salernitana: decide un rigore segnato da Mancosu con un tiro precisissimo sotto al sette, rigore concesso dall'arbitro per fallo di Lanzaro su Diakité proprio all'ultimo minuto di gioco

IL TABELLINO
CASERTANA – SALERNITANA 1-0
CASERTANA. Fumagalli, Idda, Bianco, Cruciani, Mattera, Murolo, Marano, Mancosu, Diakitè, Mancino (82’ Carrus), Cunzi (70’ Alvino). 
A disposizione D’Agostino, D’Alterio, Tito, Antonazzo, Rajcic. Allenatore Salvatore Campilongo.
SALERNITANA. Gori, Biachi, Franco, Bovo (90’ Giandonato), Lanzaro, Tuia, Perrulli (85’ Nalini), Favasuli, Calil, Gabionetta (79’ Mendicino), Pezzella. 
A disposizione Russo, Grillo, Negro, Penta. Allenatore Leonardo Menichini.
MARCATORE. Mancosu 95′ (C).
ARBITRO. Stefano Giovani della sezione di Grosseto; assistenti Edoardo Raspollini di Livorno e Dario Cecconi di Empoli.
NOTE. Giornata serena, terreno in buone condizioni. Spettatori: 6.000 con 400 tifosi provenienti da Salerno. Ammoniti Mattera (C), Bianco (C), Lanzaro (S), Favasuli (S), Idda (C), Bianchi (S), Franco (S). Angoli: 7-1. Fuorigioco: 1-2. Recuperi: 1 pt, 3 st. 

 
Domenica 7 dicembre 2014
La Casertana di Campilongo espugna il Ceravolo, decisiva la rete di Murolo.

Vittoria importantissima dei falchetti che con un gol di Murolo al 25° espugnano il Ceravolo di Catanzaro e si riscattano dopo l’immeritata sconfitta interna con il Foggia.
Prestazione superlativa degli uomini di Campilongo che nonostante le numerose assenze, Antonazzo e Carrus per squalifica, Rjacic e Cissè per problemi fisici, riescono a portare a Caserta 3 punti importantissimi.
Cuore, grinta, sacrificio e mentalità vincente, sono questi gli ingredienti messi in campo contro i calabresi; infatti i rossoblu hanno saputo soffrire nella ripresa quando c’è stato il ritorno delle aquile, ma hanno dato anche dimostrazione di bel gioco quando c’era da attaccare e far male alla difesa giallorossa. L’unico neo forse quello di non aver chiuso la partita, vista la superiorità tecnica e di organizzazione di gioco degli uomini cari al padron Lombardi, ma per ora i falchetti peccano ancora di concretezza e cattiveria agonistica sotto porta.
Poco male, la vittoria è arrivata e già si guarda al prossimo impegno, al Pinto contro la Vigor Lamezia, per cercare di dare continuità al risultato del Ceravolo e restituire serenità all’ambiente.
 
La cronaca della partita (fonte catanzaroinforma.it)
Partono meglio i campani. Dodicesimo minuto: destro da fuori area di Mancino, si distende Bindi e devia in calcio d’angolo. 
Sull’azione successiva, indecisione di Ferraro che regala letteralmente un pallone allo stesso attaccante della Casertana che però fortunatamente per i giallorossi non è abbastanza deciso a concludere,  la difesa rimedia alla bell’e meglio in calcio d’angolo che poi non ha sviluppi. 
Al quarto d’ora gol annullato al Catanzaro:  Barraco  pesca Kamara in area, il franco senegalese insacca ma era in posizione di fuorigioco. 
Al 17esimo Bianco per la Casertana colpisce il palo, probabilmente la sfera era stata deviata da Bindi sul legno. E’ il preludio del gol. 
Al 25esimo infatti la Casertana passa: calcio d’angolo di Mancino dal lato distinti curva est e Murolo che corregge a rete di testa da un passo.  
Il Catanzaro accusa il colpo e ci impiega qualche minuto per riorganizzarsi poi alla mezzora sfiora il pareggio.
Da Maiorano arriva un assist al bacio per Ilari che entra in area batte a rete superando Fumagalli ma il pallone termina lemme lemme sul palo. 
Fofana si fa male: al suo posto in campo Silva Reis. 
Al 45’ cross di Barraco dalla sinistra Maiorano non riesce a battere a rete da due passi. La frazione però si conclude con un contropiede casertana con l’ex Cunzi che prova il pallonetto e per poco non batte Bindi.
Secondo tempo con Sanderra che getta nella mischia Russotto (dopo otto minuti) partito dalla panchina dopo una serie di vicissitudini fisiche  che lo avevano messo out dalla sfida di Messina.  L’ex Nazionale dà un discreto impulso all’attacco ma  ben pochi pericoli. 
La Casertana si fa vedere dalle parti di Bindi con alcune folate offensive. Il momento migliore per le Aquile arriva invece nella seconda metà della frazione. 
La palla gol più ghiotta al 26esimo: calcio di punizione da posizione decentrata e da venti metri batte Russotto che colpisce il palo alla destra del portiere campano. 
Un minuto dopo cross Ilari stop di Kamara che serve Silva Reis che da due passi non riesce a battere Fumagalli. 
Al 35esimo occasione di Martignago ancora su suggerimento di Russotto Fumagalli si supera. 
Negli ultimi minuti l’iniziativa del Catanzaro si affievolisce. Finisce 0-1 con la squadra che esce dal campo tra i fischi. 
Brutta battuta d’arresto per il Catanzaro sconfitto di misura al Ceravolo dalla Casertana più convincente solo fino al gol partita segnato da Murolo alla mezzora. Aquile con iniziativa costante nella ripresa che colpiscono anche due pali ma tutto sommato deludente per qualità del gioco espresso. 

CATANZARO – CASERTANA 0-1
CATANZARO. Bindi, RIcci, Di Chiara, Vacca (8' st Russotto), Rigione, Ferraro, Barraco (34' st Martignago), Maiorano, Fofana (32' Silva Reis), Ilari, Kamara.
A disposizione Scuffia, Squillace, Daffara, Morosini. Allenatore Stefano Sanderra.
CASERTANA. Fumagalli, Idda (33' st D'Alterio), Bianco, Cruciani, Mattera, Murolo, Marano, Mancosu (37' st De Marco), Diakite, Mancino (17' st Tito), Cunzi. 
A disposizione D'Agostino, Chiavazzo, Alessandro, Alvino. Allenatore Salvatore Campilongo.
ARBITRO. Caso di Verona; assistenti Grieco e Camillucci di Macerata.
MARCATORE. 25' pt Murolo.
NOTE. Spettatori 2958 di cui 1760 abbonati; incasso di 31mila euro compresa quota abbonati; presenti una trentina di tifosi casertani. Il Catanzaro prima del fischio d'inizio ha indossato una maglia bianca con la scritta "Ciao Maurizio" a ricordo di Maurizio Nisticò storico magazziniere giallorosso scomparso qualche settimana fa. Ammoniti Mancino, Barraco, Idda, Bindi. Angoli: 7-8; recuperi 3'pt; 4st'.

 
Sabato 29 novembre 2014
Debutto amaro per Campilongo, il Foggia passa al Pinto

Parte decisamente male l’avventura di Sasà Campilongo sulla panchina rossoblu, o comunque in campionato visto il prologo positivo di coppa di mercoledi.
La Casertana esce sconfitta dal Pinto dopo una partita “particolare” dove non sono mancate le emozioni, tra espulsioni, rigori e gol annullati.
Mister Campilongo sceglie ancora una volta il 4-3-3 con Bruno, Mattera, Murolo e Bianco sulla linea difensiva, Carrus perno di centrocampo con Marano e Cruciani ai suoi lati, Diakitè punta centrale con Mancino e Alvino ad agire sulle fasce. Solo panchina per Idda, Rajcic e Alessandro.
Parte bene la Casertana con possesso palla e verticalizzazioni e la gara sembra prendere anche la piega giusta al 18° quando Curcio si fa espellere per un fallaccio su Alvino, ma paradossalmente i rossoblu, con un  uomo in più, e complice una grande organizzazione di gioco del Foggia, non riescono a rendersi veramente pericoli e addirittura subiscono il gol con Iemmello poco prima della fine del tempo.
Nella ripresa tutti i buoni propositi di recupera lo svantaggio svaniscono in un minuto grazie allo scellerato fallo da rigore di Mattera che taglia letteralmente le gambe ai rossoblu. 
Lo 0-2 è una mazzatta, ma piano piano la Casertana si organizza e comincia a creare occasioni, ma trova il gol del 1-2 solo a una decina di minuti dalla fine con Nicola Mancino. A quel punto i rossoblu iniziano a credere almeno al pareggio, ma arriva l’ennesima batosta con l’espulsione di Antonazzo che pareggia il numero degli uomini in campo. 
I rossoblu provano comunque a produrre l’ultimo sforzo, ma il risultato non cambia e arriva così la quinta sconfitta stagionale, la seconda interna dopo quella con la Juve Stabia.
Nulla cambia rispetto agli obiettivi della squadra, ma bisogna subito ricaricare le forze fisiche e soprattutto psicologiche perché domenica i rossoblu saranno chiamati all’ennesima battaglia contro il Catanzaro. Le premesse per fare bene ci sono tutte, bisogna ricompattare l’ambiente e lavorare, lavorare e lavorare.


La cronaca della gara (fonte tuttolegapro.com)
La partita è conclusa: il Foggia ha battuto la Casertana per 2-1 e scavalca proprio i falchetti in quinta posizione nel girone C di Lega Pro
Dopo la rete del primo tempo di Iemmello (contestata dai casertani) il Foggia ha raddoppiato su rigore concesso per fallo di Mattera su Cavallaro: proprio quest'ultimo ha realizzato dal dischetto. Inutile il forcing finale della squadra di Campilongo che riesce a segnare solo un gol al 79' con Mancino servito bene al centro da Cunzi
La Casertana domenica prossima sarà impegnata a Catanzaro, invece il Foggia riceverà allo Zaccheria il Lecce venerdì 5 dicembre.
Debutto in campionato per Salvatore Campilongo come nuovo allenatore della Casertana: potrebbe schierare la squadra rossoblù con il 4-3-3. Da verificare il posizionamento in campo di Mancino e anche quello di Marano
Anche nel Foggia del duo tecnico Brescia-De Zerbi è possibile il ricorso al 4-3-3, anche se è necessario verificare la posizione del numero 8 Sicurella. Tre punte in campo, Sarno, Cavallaro e Iemmello
Assente tra i diciotto della Casertana è Mancosu, probabilmente per scelta tecnica dell'allenatore; invece sono due gli squalificati nel Foggia, Agnelli e Bencivenga
L'incontro Casertana-Foggia sarà arbitrato dal signor Guccini di Albano Laziale, assistito dai signori Manco di Vibo Valentia e Cantiani di Venosa
La classifica vede la Casertana al quinto posto a 24 punti, il Foggia è a 22 punti. Campani reduci dal ko di Melfi (che è costato l'esonero di mister Gregucci), pugliesi che invece nell'ultima gara hanno raccolto uno 0-0 interno col Matera
Le due squadre stanno quasi per entrare in campo
La Casertana giocherà con il lutto al braccio per onorare la memoria di Giuseppe Lombardi, padre del presidente rossoblù Giovanni Lombardi, venuto a mancare nei giorni scorsi. E' autorizzato un minuto di raccoglimento prima del fischio d'inizio
1' Per Campilongo non è la prima partita alla guida della Casertana. Ha già debuttato in Coppa mercoledì vincendo contro l'Ascoli per 4-0, ma il tecnico è al suo secondo ritorno a Caserta: aveva giocato come attaccante tra C1 e Serie B, e aveva allenato la Casertana stessa undici anni fa in Serie D
1' Il Foggia non perde da due mesi e mezzo: 4 vittorie e 6 pareggi parecchi dei quali ottenuti allo Zaccheria. I tre centrocampisti designati da De Zerbi per oggi non hanno mai giocato insieme in campionato
4' Rispetto allo stop di Melfi, nella Casertana non giocano D'Alterio, Tito, Cissé e Mancosu
8' Esce fuori il cartellino giallo per il foggiano Curcio, primo ammonito della gara
9' Felipe Castaldo Curcio, il classe 1993 che è stato appena ammonito da Guccini, è brasiliano però ha chiara origine italiana. Già nella scorsa stagione ha fatto parte del Foggia
11' Nei primi dieci minuti di gioco Casertana e Foggia sono sullo 0-0
15' Il numero 5 del Foggia Alessandro Potenza è tra i primatisti dell'Under 21 italiana con 27 presenze complessive dal 2004 al 2007: ha 30 anni
19' Seconda ammonizione di Curcio che verrà espulso!
19' Ed è così. CURCIO fuori
20' Il Foggia giocherà in dieci
27' Se ne sono andati i primi 26 minuti di gioco e tra Casertana e Foggia la situazione è sempre di 0-0
28' La Casertana è in superiorità numerica per l'espulsione del foggiano Curcio
33' In questo momento Cruciani è fermo a terra per problemi al ginocchio sinistro
35' Vedremo se il centrocampista rimarrà in campo fino alla fine
39' Sempre 0-0 tra Casertana e Foggia e gli ospiti sono sempre in inferiorità numerica
41' RETE! FOGGIA in vantaggio con IEMMELLO! 0-1
42' Ammonito il casertano Carrus
45' Quindi per Pietro Iemmello gol numero 7 in campionato
45' +1 Tempo scaduto, si giocherà fino al minuto 47
L'arbitro Guccini manda Casertana e Foggia negli spogliatoi per l'intervallo: è in vantaggio la squadra pugliese per 1-0 grazie alla rete di Iemmello al 41'
Sembrava che potesse mettersi bene per la Casertana, dato che il Foggia era rimasto in dieci al 19' per l'espulsione di Curcio, che ha rimediato due cartellini gialli in dieci minuti per gioco falloso. Invece un banale errore in disimpegno di Bruno ha favorito il contrattacco del Foggia, cross dalla sinistra di Cavallaro e conclusione di Iemmello con Fumagalli che ha respinto quasi sulla linea di porta il pallone. Secondo arbitro e assistente la palla calciata da Iemmello ha superato la linea bianca ed è stato concesso il gol, un episodio sul quale i casertani hanno protestato
Non perdetevi il secondo tempo di Casertana-Foggia, siamo sull'1-0 per i foggiani. Ci ritroveremo tra una decina di minuti
Nel frattempo a quindici minuti dalla fine tra Messina e Catanzaro il risultato è di 1-0, e a Pagani è appena cominciata la gara Paganese-Vigor Lamezia con parziale sempre reti bianche. Anche di queste gare il nostro portale vi propone i Live
La Casertana ha pronto un cambio
46' Visto che la Casertana è sotto di un gol, Campilongo ha messo in campo Cunzi per Cruciani
46' RIGORE per il Foggia
47' Ammonito il casertano Mattera
47' GOL di CAVALLARO sul calcio di rigore concesso al FOGGIA! 0-2
49' Giovanni Cavallaro realizza dunque il suo quinto gol in campionato
52' Ammonito anche Murolo per la Casertana
59' Ammonito Sarno del Foggia
59' E ammonito anche Bianco per la Casertana
59' Prima sostituzione nel Foggia, esce il terzino Loiacono ed entra un altro difensore, Grea
61' Al sessantesimo minuto la situazione vede sempre in vantaggio il Foggia per 2-0 sul campo della Casertana
62' Secondo cambio per Campilongo: entra Antonazzo in sostituzione di Bianco
69' Ultimo cambio nella Casertana, c'è Ricciardo al posto di Alvino
70' Venti minuti al novantesimo, la situazione è ancora di 2-0 a favore del Foggia contro la Casertana
72' Intanto è definitivo il risultato di Messina-Catanzaro, partita terminata sull'1-1 allo stadio San Filippo
75' La Casertana ha perso una sola volta in casa, con la Juve Stabia, prima della gara di oggi
76' Il Foggia è stato battuto in una sola occasione fuori casa, a Benevento, e oggi sta vincendo (in dieci) contro la Casertana
79' La CASERTANA accorcia le distanze con MANCINO! 1-2
80' Espulso per la CASERTANA ANTONAZZO! Anche i locali sono in dieci
83' Ammonizione anche per Grea del Foggia
83' De Zerbi e Brescia tolgono dal campo Sarno per il Foggia, e mandano in campo la punta Bollino
85' Pochi minuti allo scadere del novantesimo, è in vantaggio per 2-1 il Foggia sul campo della Casertana
86' Ultima sostituzione nel Foggia, Altobelli per Cavallaro
90' +1 Tempo scaduto, si gioca il recupero. Assegnati 4 minuti
90' +2 Il Foggia è in vantaggio a Caserta per 2-1
90' +3 Il Foggia vede il risultato utile consecutivo numero 11. Meglio hanno fatto solo la Juve Stabia (tuttora imbattuta da 13 gare) e il Benevento (che è stato imbattuto dalla prima alla tredicesima)
90' +2 Il primo gol dei satanelli al 41' del primo tempo con Iemmello, il secondo in apertura di ripresa con Cavallaro su rigore. Ha realizzato la rete della speranza della Casertana Mancino al 79'


CASERTANA - FOGGIA 1-2 
CASERTANA. Fumagalli, Bruno Francesco, Bianco (61’ Antonazzo), Carrus, Mattera, Murolo, Marano, Cruciani (46’ Cunzi), Diakitè, Mancino, Alvino (68’ Ricciardo). 
A disposizione D’Agostino, Idda, Rajcic, Alessandro. Allenatore Salvatore Campilongo.
FOGGIA. Narciso, Loaicono (58’ Grea), Curcio, Agostinone, Potenza, Gigliotti, D’Allocco, Sicurella, Iemmello, Cavallaro (85’ Altobelli), Sarno (82’ Bollino). 
A disposizione Tarolli, Sainz-Maza, Quinto, Bruno Antonio. Allenatore Roberto De Zerbi.
MARCATORI. Iemmello 41’ (F), Cavallaro 47’ su rig. (F), Mancino 77’ (C).
ARBITRO. Francesco Guccini della sezione di Albano Laziale; assistenti Manco di Vibo Valentia e Cantiani di Venosa.
NOTE. Spettatori circa 1.800. Espulsi Curcio al 18’ (F); Antonazzo al 79’ per proteste (C). Ammoniti Carrus, Mattera, Murolo, Bianco (C); Sarno, Grea (F). Angoli: 9-1. Fuorigioco: 5-2. Recupero: 2 pt; 4 st. 

 
Mercoledi 26  novembre 2014
Dopo le polemiche arriva la prima vittoria di Campilongo

Per fortuna si è sceso subito in campo, perché alla fine il campo è sempre la migliore medicina; e Sasà Campilongo non ha sbagliato la prima, vista la vittoria strameritatissima dei falchetti ai danni dell’Ascoli per 4-0.
Archiviata quindi la bruttissima pagina di martedi, quando nella conferenza stampa di martedi si è rischiato parecchio, in termini tecnico ma soprattutto societari; al padron Lombardi di certo non è andato giù quello che è successo nel ventre dello stadio Pinto, quando il neo mister è stato contestato, per usare un eufemismo, da alcuni rappresentanti del tifo rossoblu, che non gli perdonano alcuni comportamenti che l’ex rossoblu ha tenuto più volte quando ha incrociato i falchetti.
Per fortuna è arrivata la Coppa Italia che ha distratto l’opinione pubblica sul calcio giocato; vittoria netta quindi e passaggio ai quarti.
Campilongo schiera subito i suoi con il 4-3-3 con capitan Fumagalli tra i pali, linea difensiva da destra verso sinistra con Antonazzo, Mattera, Murolo e Bianco, chiavi del centrocampo affidato a Rajcic affiancato dai due motorini De Marco e Cruciani, e attacco a tre con Alessandro a destra, mancino a sinistra a inventare e punta centrale Ricciardo. Solo panchina per Bruno, Idda e Mancosu.
La Casertana schiaccia da subito la squadra marchigiana e già al 2° va in vantaggio con Cruciani; partita controllata abbastanza bene senza grossi affanni difensivi. Nella ripresa poi la Casertana dilaga e arrivano i gol di mancino, doppietta per lui, e Alessandro.
Quello che balza subito alla mente è la chiarezza delle idee di mister Campilongo che punta fortemente sul modulo 4-3-3 con alcuni giocatori che diventano fondamentali. In un colpo solo ha rilanciato Cruciani, Mancino, Alessandro e Ricciardo che avevano trovato non poche difficoltà nella precedente gestione. 
Nulla è definitivo, naturalmente, perché si giocava “solo” la coppa, mentre sabato ci sarà la delicatissima gara interna contro il Foggia. In quell’occasione i rossoblu devono dare continuità alla prestazione di oggi e tornare alla vittoria dopo la scialba prestazione di Melfi.
Un pensiero infine va Giovanni Lombardi per la perdita del caro papà Giuseppe; al presidente e a tutti i suoi familiari le più sentite condoglianze.

CASERTANA - ASCOLI PICCHIO 4-0
CASERTANA. Fumagalli, Antonazzo (63’ Bruno), Bianco, Rajcic, Mattera, Murolo, Alessandro, De Marco, Ricciardo, Mancino (55’ Alvino), Cruciani (69’ Mancosu). 
A disposizione D’Agostino, Tito, Idda, Pontiggia. Allenatore Salvatore Campilongo.
ASCOLI PICCHIO. Ragni, Iotti, Pelagatti (61’ Mori), Gualdi (46’ Addae), Barison, Cinaglia, Giovannini (68’ Orsolini), Carpani, Bangal, Margarita, Ruggiero. 
A disposizione D’Egidio, Vallorani, Ciarcelluti, Minnozzi. Allenatore Mario Petrone.
MARCATORI. Cruciani 2’ (C), Mancino 48’ (C), Mancino 52’ (C), Alessandro 73’ (C).
ARBITRO. Antonello Balice della sezione di Termoli; assistenti: Capitelli di Termoli e Solazzi di Avezzano.
NOTE. Spettatori circa 600, presente una sparuta rappresentanza ospite. Osservato 1' di raccoglimento per la scomparsa del padre del presidente della Casertana Giovanni Lombardi. Espulso Bianco al 77’ per doppia ammonizione (C); ammoniti Mancino (C), Addae (A). Angoli: 8-3. Recuperi: 1 pt, 3 st. 

 
Domenica 23 novembre 2014
A Melfi arriva la quarta sconfitta, ne fa le spese Gregucci!

La brutta prestazione della Casertana a Melfi, che porta alla quarta sconfitta stagionale, costa caro a mister Angelo Gregucci che è stato esonerato dalla società.
Nonostante la buonissima posizione in classifica, non è mai scattato il feeling tra allenatore e presidente, e forse anche una parte dei tifosi, e la sconfitta di Melfi, coronata da un'opaca prestazione, ha fatto prendere la decisione di interrompere il rapporto.
Forse una cattiva gestione della rosa a disposizione, di sicuro di altissimo livello, forse qualche errore di formazione, forse la mancanza di un impianto di gioco, non sappiamo quali sono i motivi, sta di fatto che già qualche settimana fa il padron Lombardi aveva manifestato il suo malcontento per i "continui esperimenti" del tecnico rossoblu.
Finisce quindi l'avventura di Gregucci sulla panchina dei falchetti, con un bilancio, numeri alla mano, tutt'altro che negativo con 7 vittorie, 3 pareggi e 4 sconfitte, con 21 gol fatti e 14 subiti, e soprattutto la quinta posizione in classifica.
Al suo posto è stato chiamato Salvatore Campilongo, la vecchia bandiera rossoblu che già 11 anni fa si era seduto sulla panchina dei falchetti e che più di una volta, nell'era Lombardi, aveva rischiato di risedersi.
Inizia subito in salita il lavoro di mister Campilongo, visto l'impegno di coppa italia di mercoledi contro l'Ascoli, che anticipa la delicata gara di campionato di sabato contro il Foggia. Quindi non c'è tempo da perdere, la squadra e l'ambiente deve dimostrare da subito di non aver subito nessun trauma per lo scossone del cambio dell'allenatore, e mai come ora vale lo slogan che bisogna essere uniti e compatti.

Ecco il comunicato apparso sul sito della società sul cambio di allenatore.
"La Casertana F.C. comunica di aver sollevato dall’incarico di allenatore della prima squadra Angelo Adamo Gregucci. La società ringrazia Gregucci per il lavoro svolto in questi mesi con professionalità, serietà e passione e gli augura le migliori fortune nel prosieguo della sua carriera.
Si comunica, inoltre, di aver raggiunto l’accordo per la stagione in corso con Salvatore Campilongo. Il nuovo allenatore sarà presentato domani, 25 novembre, alle ore 17:30 presso la sala stampa dello stadio ‘Pinto’."

La cronaca della gara (fonte tuttolegapro.com)
Melfi-Casertana, match valido per la quattordicesima giornata del Girone C
Situazione opposta in classifica per le due compagini: da un lato il Melfi ha conquistato 13 punti in 13 gare e si trova tre lunghezze sopra dalla zona play-out; dall'altro la Casertana si gode i suoi 24 punti, cinque in meno dell'ultimo posto utile per i play-off
Molto stranamente, però, la Casertana ha subìto più sconfitte dei lucani: tre per il club campano, solo due per i padroni di casa. La differenza sostanziale sta nell'enorme numero dei pareggi conquistati dal Melfi: ben 10
In campo il Melfi si disporrà con il suo solito 4-3-1-2 con Berardino a suggerire per la coppia Tortori-Caturano. Anche la formazione è la solita con un solo avvicendamento: a centrocampo spazio per Giacomarro e panchina per Tundo
La Casertana, invece, cambia molto: nell'inedito 4-2-3-1 di Gregucci. In difesa, out Mattera e Bruno, al loro posto Murolo e D'Alterio; dalla cintola in su fuori Chiavazzo, Alessandro e Diakitè, i titolari di oggi sono Alvino, Mancino e Cissè
Buon momento di forma per le due squadre: il Melfi non perde da due mesi e ha conquistato due settimane fa contro la Reggina la sua prima vittoria del campionato mentre la Casertana sette giorni fa ha battuto, seppur con difficoltà, il Martina, riscattando la sconfitta immeritata di Benevento 
Le squadre stanno entrando adesso in campo: tra pochi minuti si comincia! 
1' Partiti!
3' Temperatura gradevole allo stadio "Arturo Valerio" di Melfi. Campo in ottime condizioni
6' Completo scuro per il Melfi con numeri dorati, insolita maglia verde per la Casertana. I lucani, con questa maglia non hanno mai perso
9' Nonostante l'orario insolito sono più di mille gli spettatori presenti allo stadio del Melfi, con circa 200 sostenitori giunti da Caserta
13' Non sarà facile per la Casertana superare il fortino lucano: il portiere locale Perina non subisce gol da 375 minuti. L'ultima rete fu quella di De Liguori della Paganese alla nona giornata
17' Tra gli innumerevoli pareggi dei padroni di casa anche due prestigiosissimi contro le prime due della classe, Benevento e Salernitana
22' La Casertana conquista il primo angolo del match
27' Anche il Melfi dovrà far attenzione all'attacco della Casertana, il migliore del girone, a segno con ben 11 giocatori (con 4 reti a testa per Cissè, Bianco e Diakitè) mentre gli stessi lucani sono andati a segno solo con 5, calciatori
30' Dopo trenta minuti di gioco ancora nessuna rete tra Melfi e Casertana in una partita corretta (zero cartellini finora) e godibile
33' TRAVERSA per il MELFI con CATURANO!
36' Melfi molto volenteroso e combattivo a dispetto dell'età media: in campo tra i lucani il "nonno" è Tortori, classe '88. Poi due classe '90, ben cinque giocatori del '92, due del '93 e, il più giovane in campo, Giacomarro, classe '95
39' Problema alla gamba per la punta campana Cissè. Prova a rientrare in campo dopo l'aiuto dei sanitari ma non ce la fa e dovrà uscire
40' Cambio forzato per Gregucci: fuori l'infortunato Cissè, al suo posto entra Diakitè
42' Sta per chiudersi la prima frazione
45' Saranno due i minuti di recupero
Finisce qui la prima frazione: tra Melfi e Casertana ancora nessun gol. Match molto equilibrato, con un'occasione per parte: a metà frazione Perina si supera su Murolo, legittimando la sua imbattibilità, mentre a dieci dal termine Caturano centra la traversa dopo un'ottima azione personale di Tortori
Gioco spezzettato con un Melfi più guardingo e numerose punizioni fischiate ma grande correttezza: zero i cartellini estratti dal signor Serra di Torino
Da registrare l'infortunio a Cissè, tornato proprio contro il Melfi da un altro stop. Probabile una ricaduta per lui. Al suo posto è entrato Diakitè. Entrambi sono a quota 4 reti segnate in questa prima parte di stagione
Vi ricordiamo che sul nostro sito TuttoLegaPro.com potete seguire in DIRETTA le altre gare della giornata
Squadre in campo, tra poco si ricomincia
46' Riparte la sfida!
48' Ricordiamo che il match è diretto da Marco Serra di Torino, coadiuvato dagli assistenti Tamburini e Costantini
49' Arriva il primo giallo della gara, sventolato all'indirizzo del casertano Mancino
51' La Casertana, intanto, continua a collezionare angoli: 6-0 fino ad ora i corner per i campani
53' Due gli ex della partita: nella Casertana in porta gioca l'esperto Fumagalli, nove anni fa in Basilicata. Nel Melfi in attacco c'è Caturano, nella prima parte di stagione dello scroso campionato tra i falchetti
55' In realtà vi è un altro ex, la punta Ricciardo, scambiato con Caturano tra i due club. L'ex attaccante di Milazzo e Fondi, però, non figura tra i convocati
62' VANTAGGIO del MELFI con TORTORI!
62' Contropiede micidiale del Melfi, la Casertana va KO sulla conclusione di Loris Tortori!
63' Grande gioia sulle tribune del "Valerio" dopo la fiammata che ha portato i lucani in vantaggio. Casertana beffata nel suo momento migliore, proprio quando sembrava aver messo sotto i padroni di casa
67' Siamo entrati nella seconda parte della ripresa. Sarà un finale di gara emozionante, con i campani che proveranno il tutto per tutto alla ricerca del pari. Attenzione, però, ai velenosi contropiedi del Melfi che hanno già punito i falchetti
67' Secondo cambio per Gregucci, ancora nel reparto offensivo: fuori Alvino, dentro Cunzi
68' La Casertana si affiderà quindi a Evangelista Cunzi, autore di 20 reti in due stagioni con l'Ischia ma ancora a secco in questa sua esperienza con i rossoblù, oggi in tenuta verde
71' Primo ammonito anche per il Melfi: Spezzani finisce sul taccuino dell'arbitro
73' Arriva la prima sostituzione anche per il Melfi: fuori Giacomarro, dentro Agnello
73' A livello tattico non cambia nulla in casa Melfi dopo questo cambio: i due giocatori interessati, infatti, sono entrambi centrocampisti e sono stati in ballottaggio per un posto da titolare in questo match
75' Nella passata stagione la doppia sfida in 2^ Divisione fu dolcissima per la Casertana che si impose 1-0 sul campo dei lucani all'andata e al ritorno si accontentò dello 0-0 che sancì la matematica promozione dei falchetti in Lega Pro unica
76' Arriva anche il primo tiro dalla bandierina per i padroni di casa
80' Terzo e ultimo cambio per la Casertana: out Marano, al suo posto Bianco
81' Bitetto, ormai un idolo a Melfi dopo aver portato i gialloverdi per la prima volta in Terza Serie, ha ancora a disposizione due sostituzioni
85' Lo abbiamo chiamato: secondo cambio nel Melfi. Amelio prende il posto a Fella per difendere questo preziosissimo vantaggio
89' Forcing finale della Casertana alla ricerca del pari!
90' Due minuti di recupero!
90' +1 Panchina della Casertana inviperita dopo la concessione di soli 120 secondi come extra-time
E' finita! Il Melfi supera la Casertana!
Festa grande in campo e sugli spalti: i lucani battono i campani grazie alla rete di Loris Tortori al quarto d'ora della ripresa: gran bel contropiede orchestrato dal centrocampo locale, con assist di Berardino e diagonale di potenza, vincente, del rientrante Tortori
Prima del vantaggio era stata la Casertana a fare la partita, anche se nel primo tempo vi era stata una sola occasione per parte, con una gran parata di Perina e la traversa di Caturano. Dopo la rete solo Melfi, con gli avanti del Melfi imprecisi in più di un'occasione
A proposito di Perina, il portiere del Melfi allunga a 465 minuti (recuperi esclusi) la sua imbattibilità
Il Melfi, con la seconda vittoria in questo torneo, raggiunge a quota 16 la Paganese a metà classifica. La Casertana, invece, vede aumentare a cinque il divario dalla zona play-off, dopo la vittoria della Juve Stabia nella giornata di ieri
Il prossimo turno sarà molto difficile per entrambe le compagini: la Casertana dovrà ospitare il lanciato Foggia, mentre il Melfi si giocherà le sue carte nella tana del Lecce. Entrambe le sfide si giocheranno sabato

MELFI – CASERTANA 1-0
MELFI. Perina, Guerriera, Di Filippo, Dermaku, Pinna, Giacomarro (72′ Agnello), Spezzani, Fella (85′ Amelio), Berardino, Caturano, Tortori.
A disposizione Gagliardini, Annoni, Colella, Libutti, Tundo. Allenatore Bitetto.
CASERTANA. Fumagalli, D’Alterio, Idda, Murolo, Tito, Carrus, Marano (79′ Bianco), Alvino (66′ Cunzi), Mancosu, Mancino, Cissè (40′ Diakitè).
A disposizione D’Agostino, Rajcic, Mattera, Cruciani. Allenatore Gregucci.
ARBITRO. Marco Serra di Torino; assistenti Tamburini di Faenza e Costantini di Pescara.
MARCATORE. Tortori al 16’ st
NOTE. Spettatori 800 circa, una cinquantina giunti da Caserta. Ammoniti Mancino (3’ st), Spezzani (25’ st). Angoli: 7-1 per Casertana; recuperi: 2’ pt, 2’ st.

 
Domenica 16 novembre 2014
Il Martina si illude, ma Alvino e Diakitè mettono le cose a posto!

Vittoria dove essere e vittoria è stata, anche se più sofferta del previsto, visto il vantaggio ospite del primo tempo e la difficoltà dei falchetti a trovare le giuste trame di gioco. Nella ripresa, grazie anche ad alcuni accorgimenti classici la Casertana ha iniziato a giocare; niente di che, ma tanto è bastato per ribaltare il risultato e rispettare il pronostico.
Le reti portano la firma di Alvino e Diakitè; l’esterno maddalonese, subentrato a inizio ripresa ad Alessandro, si è rivelato da subito una spina nel fianco nella difesa pugliese, e ha trafitto l’estremo difensore Bleve con un preciso rasoterra angolato. Il gol vittoria è opera invece di Diakitè che ben piazzato sul primo palo anticipa tutti e devia in rete di testa un bel cross di Tito, che aveva ricevuto in profondità da Mancino.
Con questa vittoria la Casertana approfitta dei pareggi di Benevento, Juve Stabia e Lecce e consolida il quinto posto in classifica a un solo punticino dalla zona play off.
Domenica si va in Basilicata, dove ad attendere la compagine di Gregucci, che ritroverà la panchina dopo le due giornate di squalifica, ci sarà il Melfi squadra regina dei pareggi (ben 10!), che proverà a rendere dura la vita dei falchetti. 

La cronaca della partita (fonte tuttolegapro.com)
Le due squadre arrivano a questa partita in cerca di riscatto. Entrambe sono state sconfitte nell'ultimo turno, la Casertana ha perso 1-0 a Benevento mentre il Martina Franca ha perso 2-1 a Barletta. 
La Casertana non può assolutamente perdere altro terreno dalla vetta occupata dal Benevento con 29 punti, ben otto in più dei rossoblu guidati da Gregucci che però hanno una partita in più e ieri hanno pareggiato 2 a 2 contro la Paganese. 
Alle spalle del Benevento capolista c'è la Salernitana, staccata di un solo punto, la Juve Stabia di tre e il Lecce di quattro. La Casertana occupa il quinto posto in compagnia di Matera, Vigor Lamezia e Foggia. 
Il Martina Franca invece è alla ricerca di punti salvezza, è sedicesimo in classifica con dieci punti.
Il tecnico dei padroni di casa Gregucci (squalificato non va in panchina) deve rinunciare invece ai suoi due migliori marcatori (4 gol a testa): Gianluigi Bianco e Karamoko Cissè.
Bianco difensore capace di segnare ben 4 gol in questa stagione è assente per squalifica mentre Cissè è out per infortunio.
Negli ospiti invece, Ciullo invece recupera dopo la squalifica Matteo Patti, uno dei giocatori più esperti della formazione pugliese. Ma deve rinunciare per la seconda partita consecutiva al centrocampista uruguaiano Amodio. 
Casertana in campo con il 4-3-3 con il tridente composto da Mancosu, Diakite e Alessandro. 
Per il Martina invece Salvatore Ciullo si affida al 4-3-3 con il tridente offensivo composto da Arcidiacono, Montalto e Magrassi.
Nei padroni di casa ci sono tre novità rispetto al derby perso contro il Benevento. In difesa Tito prende il posto di Bianco. A centrocampo spazio ad Alessandro al posto di Marano. In attacco a sorpresa come detto gioca Chiavazzo che sostituisce Cissè, infortunato. 
Sono due i cambi di mister Ciullo rispetto all'ultima gara. Patti riprende il posto in difesa al posto di Caso, Magrasso a centrocampo viene preferito a Leto.
1' E' iniziata la gara, è la Casertana a toccare il primo pallone. 
2' La Casertana in campo con la terza maglia verda con inserti blu con pantaloncini bianchi e calzettoni bianchi. Maglia gialla con inserti blu, pantaloncini e calzettoni gialli per il Martina.
4' L'arbitro della sfida è il signor Andrea Mei di Pesaro. Gli assistenti sono Antonio Quitadamo e Gamal Mokhtar.
5' Il primo calcio d'angolo della partita lo batterà la Casertana.
7' Matteo Patti è un ex della gara, ha giocato sei mesi alla Casertana in Serie D nel 2010.
10' Per il terzino rossoblu Fabio Tito è l'esordio in stagione, l'anno scorso ha giocato con l'Ischia collezionando 29 presenze con un gol.
12' La Casertana prima dell'inizio di questa giornata aveva il migliore attacco del campionato con 19 gol realizzati (ora superato dal Benevento a quota 20). Come già detto Cissè e Bianco con 4 gol i migliori marcatori della squadra rossoblu. Sono ben 10 i giocatori andati a segno in questa stagione. Gli altri sono Diakite (3 gol) e Idda (2 gol). Poi ci sono Antonazzo, Alessandro, Mancosu, Murolo, Cruciani e Mancino, tutti con un gol.
14' Adriano Montalto con 4 gol è il capocannoniere del Martina, non segna dal 18 ottobre quando fece una tripletta all'Aversa Normanna.
15' Montalto ha il suo record di marcature nella stagione 2011-12 quando con la maglia del Siracusa segnò 5 gol, record che molto probabilmente batterà quest'anno.
17' In vetta alla classifica capocannonieri del Girone C di Lega Pro c'è Calil della Salernitana con 7 gol seguito da Del Sante del Vigor Lamezia e Insigne della Reggina con 6 reti.
20' Fabiano, è il giocatore più "anziano" a disposizione di mister Ciullo. Brasiliano, classe '82 è arrivato in Italia nel 2001 portato dall'Atalanta che lo acquistò dal Vitoria in Brasile. Nel suo curriculum anche un'esperienza in Cina con la maglia del Luneng e 61 presenze in Serie A con la maglia del Lecce.
21' Nei padroni di casa, il più "anziano" è il portiere Ermanno Fumagalli che non ha saltato un solo minuto in questo inizio di stagione. In Campania ha giocato anche con Marcianise, Juve Stabia e Avellino.
23' La palma del più giovane spetta invece al numero uno dei pugliesi Marco Bleve, classe 1995 è alla seconda stagione in maglia azzurra (sempre in prestito dal Lecce). L'anno scorso però giocò solo una partita. Quest'anno finora come il collega campano non ha saltato neanche un minuto.
25' Intanto è finita la sfida tra Lupa Roma e Ischia, con la compagine laziale che ha vinto 1-0 grazie al gol di Tajarol a cinque minuti dalla fine.
26' Danilo Alessandro torna titolare dopo quasi due mesi. L'ultima volta che ha giocato dal primo minuto è stato il 28 settembre nella trasferta di Messina (partita finita 5-1 per i rossoblu). Da allora solo quattro scampoli di gara.
28' Alessandro, clase '88 è stato uno dei protagonisti della promozione nella Lega Pro unica del Real Vicenza della scorsa stagione con 19 gol in 33 partite.
30' Stessa sorte più o meno per Andrea Magrassi che non partiva titolare dal 4 ottobre (sconfitta per 2-1 in casa contro il Vigor Lamezia). Da allora solo tre presenze da subentrato.
32' GOL del MARTINA! MAGRASSI!
33' E' il primo gol in stagione per Andrea Magrassi.
35' Magrassi, classe '93 come Alessandro l'anno scorso ha giocato nel Real Vicenza, 10 presenze e nessun gol. Per lui questo è il primo gol tra i professionisti.
38' Il difensore Riccardo Idda, classe '88 nato ad Alghero è alla seconda stagione a Caserta, l'anno scorso in 31 partite non aveva mai trovato un gol. In questa stagione è riuscito già a segnare due volte.
40' Come detto nelle news pre-gara sulla panchina della Casertana a guidare la squadra non c'è Gregucci, ma Andrea Tedesco, allenatore in seconda.
41' Comincia ad arrivare qualche fischio dagli spalti, i tifosi di casa piuttosto spazientiti.
44' I fischi erano indirizzati a Gregucci che ha lasciato il suo posto in tribuna, probabilmente per riferire qualche indicazione da dare negli spogliatoi.
44' Ben quattro i calci d'angolo battuti nella Casertana in questo primo tempo, ma pochi pericoli creati a Bleve.
Finisce il primo tempo, niente recupero.
Vantaggio a sorpresa del Martina Franca, ma i pugliesi finora hanno giocato meglio e hanno avuto più occasioni da rete.
La prima palla gol è infatti arrivata all'8' per gli ospiti quando Arcidiacono si è presentato solo davanti alla porta, ma ha trovato l'ottima opposizione di Fumagalli in uscita.
La Casertana ha avuto due ottime occasioni tra il 14' e il 16', prima con Carrus il cui tiro deviato è finito di poco fuori e poi con Alessandro che ha chiamato al primo e unico intervento della gara Bleve.
Il vantaggio del Martina è arrivato al 32' con Magrassi che tutto solo sul secondo palo ha solo dovuto spingere in rete un cross di Carretta, rinviato in malo modo da Idda.
Sono stati ancora i pugliesi ad andare vicino al gol a cinque minuti dall'intervallo con un tiro da fuori di Montalto, a cui si è opposto ancora una volta Fumagalli. 
A confortare i tifosi di casa potrebbe esserci un dato. Il Martina ha subito molti più gol nel secondo tempo. Ben 12 rispetto ai 5 subiti nel primo tempo. I tifosi pugliesi possono fare tutti gli scongiuri del caso. 
Gregucci e Tedesco per provare a cambiare le sorti della gara potrebbero affidarsi al talentuso Nicola Mancino, finito un po' a sorprese in panchina.
Le squadre stanno rientrando in campo. Due cambi nei padroni di casa. 
Soprattutto a sorpresa la Casertana ha cambiato la maglia di gioco, niente più maglia verde, ma di nuovo con la classica maglia rossoblu.
46' E' proprio Mancino il primo ad entrare al posto di Chiavazzo.
46' Il secondo cambio deciso nell'intervallo è Alvino che prende il posto di Alessandro.
47' Molto probabilmente un cambio tattico, la Casertana sembra schierarsi con un 4-3-1 con i due nuovi entrati che affiancono Mancosu sulla linea dei trequartisti dietro Diakite.
49' Per Francesco Alvino, classe '89 è la quinta presenza in stagione (una sola da titolare il 20 settembre contro la Paganese).
51' Veramente curioso questo cambio di maglia nei padroni di casa. Da capire se è stata una scelta della squadra o una richiesta dell'arbitro.
53' Tornando ai nuovi entrati, Nicola Mancino centrocampista napoletano cresciuto nel settore giovanile della società partenopea (con cui ha collezionato 2 presenze in Serie B), prima di arrivare a Caserta nella scorsa stagione aveva giocato per due anni in Serie B con la maglia del Grosseto. L'anno scorso con 11 gol ha eguagliato il suo record di gol che risaliva al campionato 2010-11, realizzato con il Siracusa.
55' Dopo un pareggio e una sconfitta (contro la Juve Stabia, ndr) nelle prime due sfide casalinghe, la Casertana ha messo in fila 4 vittorie consecutive davanti ai propri tifosi (contro Cosenza, Matera, Barletta e Ischia).
56' Una sola la vittoria ottenuta dal Martina Franca in trasferta, quella per 2-1 contro il Savoia del 18 ottobre. Poi ha collezionato quattro sconfitte e un pareggio.
58' Il primo ammonito della gara è l'attaccante di casa Diakitè.
59' Nella Casertana l'unico giocatore diffidato è Karamoko Cissè, oggi assente.
60' Invece nel Martina Franca sono a rischio squalifica in caso di ammonizione Carlo De Risio e Francesco De Giorgi.
62' PAREGGIO della CASERTANA! ALVINO!
61' La Casertana non ha mai subito in questo campionato un gol nel primo quarto d'ora della ripresa. Statistica confermata anche oggi. Ma se si vuole rimontare i gol bisognerà farli.
63' E' il primo gol in stagione per Alvino.
64' Con questo gol la Casertana torna ad esultare dopo 165 minuti. L'ultima rete l'aveva realizzata Cissè nel 3-1 contro l'Ischia.
66' Primo calcio d'angolo nella ripresa per i rossoblu.
67' Primo cartellino giallo anche per gli ospiti, ammonito il terzino sinistro Tomi.
68' Ciullo decide di fare il primo cambio, Caruso prende il posto di Magrassi.
69' GOL della CASERTANA! DIAKITE!
69' Con questo gol (il quarto) Diakite raggiunge in testa alla classifica dei capocannonieri rossoblu Cissè e Bianco.
71' Francesco Alvino, autore del pareggio, non segnava in campionato dal 27 aprile quando la Casertana vinse 4-0 contro il Chieti. 
72' L'ivoriano Diakitè, classe '93 è alla prima stagione in rossoblu. L'anno scorso in Serie B con la maglia del Padova ha giocato 7 partite (per soli 286 minuti) realizzando un solo gol.
74' La Casertana ha disputato ben 37 campionati nella terza serie italiana (tra ex Serie C e l'attauale Lega Pro) e due campionati in Serie B, da cui manca dal 1992 (l'altra apparizione risale al 1970-71).
77' Con i due gol di oggi la Casertana torna ad avere il migliore attacco del campionato. 21 i gol fatti contro i 20 del Benevento.
79' Invece con quelli subiti, il Martina Franca diventa la seconda peggiore difesa del campionato. Sono 19 i gol subiti (come l'Ischia). Peggio ha fatto solo l'Aversa (21)
79' Terza sostituzione nei padroni di casa, Rajcic prende il posto di Mancosu, tanti applausi per il dieci rossoblu.
80' La Casertana dovrebbe ritornare a disporsi con un 4-3-3, Rajcic a differenza di Mancosu trequartista è un centrocampista con caratteristiche molto più difensive.
81' Il centrocampista croato Rajcic, 33 anni compiuti ad aprile è arrivato in Italia nel 1998 portato dal Verona che l'ha acquisto dall'Hajduk Spalato. Da allora oltre che con gli scaligeri ha giocato con Chieti, Bari, Frosinone, Taranto, Barletta e Benevento.
82' Rajcic ha saltato tutta la scorsa stagione a causa di una squalifica ricevuta per il suo coinvolgimento nel calcioscommesse, quando indossava la maglia del Bari.
85' Pietro Arcidiacono è arrivato al Martina Francia nel gennaio di quest'anno e finora in maglia azzurra ha segnato 9 gol in 25 partite. Cresciuto nelle giovanili dell'Empoli, ha giocato con Monza, Sorrento, Andria, Adrano, Cosenza e Vado Ligure.
86' Secondo cambio per il Martina Franca, esce Tomi ed entra Capurro.
87' Cambio decisamente offensivo, esce un terzino come Tomi per fare posto a Capurro, attaccante peruviano all'esordio in stagione.
89' Sebastián Capurro Silva, attaccante classe '90 di nazionalità peruviana ma nato a Phoenix negli Stati Uniti è stato acquistato negli ultimi giorni di mercato dal Martina Franca che l'ha preso dal Cienciano, club peruviano dove l'anno scorso ha segnato 1 gol in 12 partite.
90' Arriva anche il terzo cambio, Memolla prende il posto di Arcidiacono.
90' +1 Saranno quattro i minuti di recupero.
90' +1 Memolla è al terzo anno al Martina Franca, è la quarta presenza in questa stagione. In totale ha giocato 35 partite con i biancazzurri.
90' +3 Un minuto e mezzo alla fine del recupero.
Triplice fischio dell'arbitro, la Casertana vince 2-1 in rimonta contro il Martina Franca.
Si è spento dopo l'ottimo primo tempo il Martina Franca che non è riuscito a replicare ai padroni di casa, che hanno affrontato la ripresa con un altro spirito e anche con un'altra maglia. Il ritorno al rossoblu ha portato evidentemente fortuna.
Il pareggio è arrivato al 62' con un tiro da fuori di Alvino. 
Trovato il pareggio, la Casertana ha preso possesso della gara, completando la rimonta cinque minuti più tardi con Diakite abile a sfruttare a centro area una bella combinazione tra Mancino e Tito che ha portato al cross quest'ultimo. 
Il Martina Franca non si è reso mai pericoloso (solo un tiro di Caruso all'84' finito in braccio a Fumagalli), il crollo fisico dei pugliesi è stato abbastanza evidente. 
L'occasione per chiudere la gara l'ha avuta invece ancora Diakitè, ma il suo tap-in dopo una bella respinta di Bleve su tiro da fuori di Bruno è finito altissimo.
E' la quinta vittoria di fila in casa per la Casertana, le uniche due squadre a fare punti al "Pinto" restano quindi Aversa Normanna e Juve Stabia. Con questi tre punti i rossoblu salgono a 24 punti in classifica.
Sono cinque i punti di distacco dal Benevento capolista, l'ultimo posto play-off occupato ora dal Lecce è distante invece solo una lunghezza.
Il Martina Franca alla seconda sconfitta consecutiva resta fermo a 10 punti, in piena zona play-out. E' un momento complicato per la squadra di Ciullo che ha fatto un solo punto in tre partite. 
Nel prossimo turno, la Casertana sarà impegnata in trasferta sul campo del Melfi. Il Martina invece, ospiterà davanti ai propri tifosi il Messina.


CASERTANA - MARTINA FRANCA 2-1
CASERTANA. Fumagalli, Bruno, Tito, Carrus, Idda, Mattera, Alessandro (46’ Alvino), Marano, Diakitè, Mancosu (79’ Rajcic), Chiavazzo (46’ Mancino). 
A disposizione D’Agostino, D’Alterio, Murolo, De Marco. Allenatore Andrea Tedesco (squalificato Angelo Adamo Gregucci).
MARTINA FRANCA. Bleve, De Giorgi, Tomi (86’ Capurro), De Lucia, Patti, Medina, Arcidiacono (90’ Memolla), De Risio, Montalto, Magrassi (67’ Caruso), Carretta. 
A disposizione Modesti, Caso, Diop, Kalombo. Allenatore Salvatore Ciullo.
ARBITRO Andrea Mei della sezione di Pesarom assistenti Quitadamo di Modena e Mokhtar di Lecco.
MARCATORI. Magrassi 32’ (M), Alvino 62’ (C), Diakitè 68’ (C).
NOTE. Spettatori 2.500, presenti una decina di tifosi provenienti da Martina Franca. Ammoniti: Diakitè (C); Tomi (M). Angoli: 6-2. Fuorigioco: 2-3. Recuperi: 0 pt; 4st. 


 
Domenica 9 novembre 2014
La Casertana fa la partita ma è il Benevento a festeggiare

Finisce 1-0 per i sanniti il big match della 12° giornata, con un gol di Marotta nel primo tempo abile ad anticipare di testa il diretto avversario sugli sviluppi di un calcio d’angolo, che consolida il primato in testa alla classifica del girone C e che respinge al mittente gli attacchi di Salernitana e Juve Stabia vincenti nei rispettivi impegni.
Ma la Casertana esce comunque a testa alta, perché ha sfoderato al Vigorito una delle  migliori prestazioni della stagione, imponendo il proprio gioco nella tana della prima della classe, rischiando pochissimo e collezionando diverse palle gol.
Gregucci, nell’occasione squalificato, al suo posto in panchina il secondo Tedesco, deve rinunciare a Murolo infortunato e a D’Alterio non al meglio che siede in panchina, e inserisce Mattera, all’esordio dal primo minuto, al centro della difesa con Idda, con Bruno e Bianco sulle fasce; a centrocampo schiera Carrus playmaker, con De Marco e il recuperato Marano a proteggerlo; in avanti Mancusu dietro le due punte Cissè e Diakitè.
La Casertana parte bene facendo la partita e gestendo il possesso di palla, il Benevento dal canto suo appare intimorito e si chiude nella propria metà campo in attesa di una ripartenza vincente. E sarà questo atteggiamento ad accompagnare i sanniti per tutta la partita, aggiungendo, dopo il gol, anche ostruzionismo e perdite di tempo degne di una squadretta in lotta per non retrocedere.
I rossoblu, quindi, non escono per niente indeboliti dalla sconfitta del Vigorito, anzi la quantità di mole di gioco e le numerose azioni pericolose create danno ancora più forza a questa squadra costruita, giusto per ricordarlo, per una salvezza tranquilla.
Bisogna comunque voltare subito pagina, fare tesoro degli errori, pochi, fatti oggi e preparare al meglio la prossima gara al Pinto contro il Martina.

LE PAGELLE DEI ROSSOBLU
FUMAGALLI 6.5 – Sempre attento e decisivo, non può niente sul gol. Innocente.
BRUNO 6.5 – Gara importante per l’esterno rossoblu, non va quasi mai in difficoltà e non disdegna di proporsi in attacco. Infaticabile.
IDDA 7 – Crea le due occasioni più nitide della partita, nel primo tempo sullo 0-0 e nella ripresa a pochi minuti dal 90°, ma stavolta è sfortunato; in difesa poi è sempre una baluardo. Pericoloso.
MATTERA 6.5 – All’esordio dal primo minuto si destreggia benissimo giocando da veterano. Collaudato.
BIANCO 6 – Non una delle sue prestazioni migliori, ma da come sempre il suo contributo nelle due fasi. Sicurezza.
DE MARCO 6 – Buona partita del giovane rossoblu che come sempre non sfigura dando quantità e qualità. Presente.
CARRUS 7 – E’ l’architetto della squadra, sa sempre cosa fare e come farlo, e sa prima degli altri cosa succede. Rende semplice tutte le giocate. Geniale.
MARANO 6.5 – Mezzo voto in meno perché sul gol perde il suo diretto avversario, ma per il resto solita grande prestazione di cuore e grinta. Mascherato.
MANCOSU 6 – Non ha lo stesso impatto sulla partita dell’ultima giornata, prova a inventare qualcosa ma non sempre gli riesce. Alterno.
CISSE’ 7 – Autentica spina nel fianco dei difensori sanniti, quando parte lui sono guai. Incontenibile.
DIAKITE’ 5.5 – Prestazione non positiva per il bomber rossoblu, appare in ritardo e svogliato. Può fare molto di più.
CRUCIANI 6 – Entra a mezz’ora dalla fine e dà il solito contributo. Combattente.
MANCINO 6.5 – Porta più vivacità nella manovra rossoblu e prova a creare lo scompiglio. Attivo.
ALESSANDRO 6.5 – Non ha molto tempo a disposizione, ma partecipa da protagonista al forcing finale. Essenziale.
GREGUCCI 7 – In pochi mesi ha dato a questa squadra la mentalità vincente che le permette di andare sul campo della capolista a dettare legge; magari la gestione dei cambi poteva essere migliore, e comunque un attaccante in panchina come Ricciardo può sempre tornare utile. 
BENEVENTO 5 – E’ vero ha vinto consolidando il primato in classifica, ma proprio perché è la capolista ed è stata costruita per vincere il campionato che ci saremmo aspettato qualcosina di più. I mezzucci messi in atto già alla mezz’ora del primo tempo per cercare di perdere tempo, palloni allontanati, raccatapalle rallentati, ostruzionismo, e sceneggiate varie, non rendono onore alla corazza giallorossa. Provinciale.

BENEVENTO – CASERTANA 1-0
BENEVENTO (4-4-2). Pane; Celjak Lucioni Scognamiglio Pezzi; Kanoute (dal 25’ st Mazzeo) Vitiello Agyei Campagnacci; Eusepi (dal 41’ st Bassini) Marotta (dal 29’ st Padella). 
A disposizione Layeni, Frasciello, Porcaro, D’Angelo. Allenatore Brini.
CASERTANA (4-3-1-2). Fumagalli; Bruno Idda Mattera Bianco; De Marco (dal 17’ st Cruciani) Carrus Marano (dal 31’ st Alessandro); Mancosu (dal 28’ st Mancino); Cissè Diakitè. 
A disposizione D’Agostino, D’Alterio, Rajcic, Antonazzo. Allenatore Tedesco (Gregucci squalificato).
ARBITRO. Andrea Tardino di Milano; assistenti Benedettino di Bologna e Sechi di Sassari.
MARCATORE. Marotta al 27’.
NOTE. Spettatori: 4.797 di cui  3.024 paganti e 1.770 abbonati; ammoniti: Marotta (30’), Bianco (53’), Carrus (54’), Eusepi (86’), Campagnacci (92’), Vitiello (95’), Mazzeo (95’). Angoli: 5-2 Casertana. Recuperi 2’ pt, 5’ st.

 
 
Sabato 1 novembre 2014
Ingretolli spaventa i rossoblu, ma la Casertana ribalta il risultato con Bianco, Diakitè e Cissè

LE PAGELLE DEI ROSSOBLU
FUMAGALLI 6 – Intervento strepitoso nell’azione del loro gol, ma poi si ferma a guardare l’evolversi dell’azione. Spettatore.
BRUNO 6 – Gioca in un ruolo non suo e si notano le difficoltà nonostante la tenacia e la buona volontà. Fuori ruolo.
MUROLO 6 – Partita di amministrazione, poco impegnato dagli avanti ischitani e quando succede non rischia niente. Sicuro.
CARRUS 6.5 – Prestazione di alto livello, insieme a Rajcic fa girare la squadra con tocchi di alta classe. Peccato per il gol divorato a pochi metri dalla porta. Sprecone.
IDDA 6.5 – Solita gara di altissimo livello. Da sicurezza a tutta la squadra e gioca da fuoriclasse. Garanzia.
CISSE’ 6.5 – Primo tempo da dimenticare; troppo statico e fuori dal gioco. Nella ripresa da il suo contributo soprattutto con gli scambi veloci con palla bassa che mettono in difficoltà i difensori avversari. Pericoloso.
RAJCIC 6.5 – Buona prova nonostante in campo ci sia un altro play come Carrus. Delizia la platea con grandi giocate, come il pallonetto smarcante per Idda. Delizoso.
DIAKITE’ 6 – Ha il merito di trovarsi al momento giusto e nel posto giusto in occasione del gol, ma può fare molto molto di più. Svogliato.
CUNZI 5.5 – Forse paga forse l’emozione di giocare contro la sua ex squadra, ma siamo abituati a vederlo giocare molto meglio. Da rivedere.
BIANCO 7 – Ormai ci ha abituato a gol spettacolari e anche quello di oggi non è da meno. Goleador.
ANTONAZZO 6 – Entra al posto di Bruno in un ruolo a lui più congeniale. Da il suo contributo alla vittoria. Diligente. 
MANCOSU 7 – Entra al posto di Cunzi e rivolta la gara, con una delle migliori prestazioni finora viste in rossoblu. Determinante.
DE MARCO SV – Gioca pochissimi minuti. Non giudicabile.
GREGUCCI 6 – Propone una difesa a cinque “improponbile”, gli riesce l’esperimento del doppio play e aggiusta in corsa la formazione con l’ingresso di Antonazzo e Mancosu. Cosa dire di un allenatore che ha portato la squadra a ridosso delle prime? Timoniere.


La cronaca della gara (fonte tuttolegapro.com)
Si scontrano oggi due squadre dagli obiettivi diametralmente opposti: la Casertana cerca una vittoria per rimanere nella scia del Benevento, ora a quattro punti di distacco dai falchetti; l'Ischia, invece, punta ai tre punti per uscire da una crisi di risultati che si spiega con le quattro sconfitte consecutive tra campionato e Coppa, ultima quella contro la Paganese di una settimana fa
La Casertana deve fare a meno solo dello squalificato Francesco Marano, al suo posto Davide Carrus. Ma non finiscono qui le novità per i falchetti: Mancosu si accomoda in panchina, sostituito dall'ex ischitano Evangelista Cunzi. In campo anche l'esperto difensore Salvatore D'Alterio, con conseguente avanzamento a centrocampo di Gianluigi Bianco 
Ischia con qualche problema di troppo: Porta deve fare a meno dello squalificato Bulevardi e degli infortunati Armeno e Bacio Terracino. In campo dal primo minuto il nuovo acquisto Richard Fiandaca e il redivivo Andrea D'Amico, messo recentemente ai margini della rosa. Sembra l'ultima spiaggia per il tecnico isolano, che in caso di sconfitta potrebbe essere esonerato
1' Si parte! 
1' Padroni di casa in campo in divisa rossoblu . Ischia in tenuta completamente gialla con strisce blu sul petto
3' Bella giornata a Caserta: batte il sole al Pinto, 22 gradi e giornata primaverile. Terreno in buone condizioni
6' Sono circa 4 mila gli spettatori casertani al seguito dei falchetti. Ampia rappresentanza anche di tifosi ischitani, una cinquantina.
8' Arbitra l'incontro Luca Massimi di Termoli, alla prima gara nel girone C di Lega Pro: il direttore di gara, con grande esperienza tra i dilettanti, non ha mai arbitrato né l'Ischia, né la Casertana in carriera
10' Il giocatore più giovane in campo è Danilo Bulevardi, classe '95 in forza all'Ischia. Il più anziano gioca sempre tra gli isolani: si tratta di Luigi Mennella, portiere e capitano gialloblu nato nel 1975
14' PRECEDENTI: L'Ischia non ha mai vinto al Pinto. Sfida numero 35 nella storia, tra Coppa Italia e campionato. Il bilancio è nettamente a favore dei casertani: i falchetti hanno totalizzato 15 vittorie, 7 i successi isolani, 12 i pareggi, 52 i gol fatti dalla Casertana e 24 dai gialloblu. La prima gara tra le due compagini campane risale alla stagione 53-54, quando falchetti si imposero per 5-1 al Rispoli: tra i rossoblu giocava anche l'isolano Ciro Barile, uno dei migliori calciatori della storia ischitana, che nell'occasione siglò due reti.
16' L'ultima gara in campionato risale al febbraio scorso: al Pinto vinse la Casertana per 2-1 con reti di Favetta e Mancino; per gli isolani segnò su rigore Evan Cunzi, ora in campo per i falchetti
18' Ammonito il difensore Empereur (Ischia)
22' L'Ischia è stata finora protagonista di un cammino anomalo, con un solo punto conquistato in casa e sei racimolati in trasferta. L'ultima vittoria lontano dal Mazzella risale al 27 settembre, quando ebbe la meglio sull'Aversa Normanna grazie ad una doppietta dell'attaccante Cristiano Ingretolli
23' Secondo ammonito nelle fila dell'Ischia: il cartellino giallo va al centrocampista Iannascoli
29' La Casertana viene da tre vittorie consecutive tra le mura amiche. L'ultimo passo falso al Pinto risale al 13 settembre scorso, quando ad imporsi fu la Juve Stabia con rete di Maurizio Vella al fotofinish
33' VANTAGGIO DELL'ISCHIA! INGRETOLLI!
34' Quarto gol stagionale per Cristiano Ingretolli, attaccante classe '94 in prestito dal Pescara
37' Prima da titolare tra i casertani per l'ex ischitano Evangelista Cunzi: in due anni sull'isola – coincisi con la doppia promozione dalla D alla Lega Pro unica – l'attaccante ha siglato 20 gol in 49 presenze in campionato
40' Ammonito l'attaccante casertano Cissè
43' In casa Ischia, esordio per il nuovo acquisto Richard Fiandaca, centrocampista classe '93 tornato in gialloblu dopo la tutt'altro che esaltante esperienza di due anni fa in Serie D. Il giocatore, cresciuto nelle giovanili della Juventus, l'anno scorso si è diviso – sempre tra i Dilettanti – tra Asti e Albese
45' +1 2 minuti di recupero
45' +2 PAREGGIO CASERTANA! BIANCO!
45' +2 Quarta rete stagionale per Gianluigi Bianco, difensore che quest'anno si sta scoprendo goleador. E pensare che in carriera, fino allo scorso agosto, aveva segnato solo 4 reti in otto stagioni
Finisce qui il primo tempo. Risultato tutto sommato giusto: gli ischitani hanno sorpreso per un'ottima tenuta del campo passando addirittura in vantaggio al 33' con Ingretolli, bravo a ribadire in rete una respinta di Fumagalli su tiro di Schetter. La Casertana ha provato a rispondere, ma con eccessiva confusione e non riuscendo a scalfire il muro difensivo gialloblu: a pochi secondi dal fischio del direttore di gara, ecco arrivare il pari di Bianco, autore di un pregevole tiro al volo che non ha lasciato scampo a Mennella. L'appuntamento è tra dieci minuti per il secondo tempo del match!
46' Inizia adesso il secondo tempo
49' Sorprende tra i padroni di casa l'esclusione di Nicola Mancino, oggi nemmeno in panchina. Una scelta che spiazza l'ambiente e che coinvolge uno dei protagonisti del campionato scorso, alla luce degli 11 gol in 30 presenze
53' Ammonito il difensore Mario Finizio (Ischia)
55' Per la Casertana esce l'attaccante Cunzi, entra il trequartista Mancosu
55' Altro campo per i falchetti: esce il laterale difensivo Bruno, entra Antonazzo, con doti più offensive
56' Marco Mancosu, classe '88, è un centrocampista talentuoso che ha alle spalle esperienze anche in Serie A con il Cagliari (13 presenze e un gol in massima serie per lui)
58' L'altro neoentrato Angelo Antonazzo, classe '81, è al secondo anno a Caserta: con la maglia rossoblu ha siglato 3 gol in 29 presenze. Nel suo passato esperienze in Serie B con Bologna, Reggina, Modena, Frosinone ed Empoli
62' Sono cinque gli ex della gara. Tra i padroni di casa spiccano Peppe Mattera, Fabio Tito e, per l'appunto, Evangelista Cunzi, giunti tutti e tre questa estate a Caserta e protagonisti dei recenti successi degli isolani. A questi si aggiunge Francesco Alvino, a Ischia nel 2008-09 (31 presenze e 3 reti per lui): il centrocampista quest'oggi non è nemmeno in panchina. Nell'Ischia l'unico ex è Antonio Bacio Terracino, ai box per infortunio
66' Ammonito l'attaccante ischitano Ingretolli
68' Capitano quest'oggi della Casertana è Salvatore D'Alterio (classe 1980): il difensore ha iniziato la sua carriera proprio nella città campana, nella stagione 96-97. Poi il trasferimento a Nocerino, punto di partenza di un lungo girovagare. Nel 2012-13 il difensore è tornato in maglia rossoblu, con cui ha realizzato 6 reti in carriera, tutte tra i dilettanti
70' Ultimo cambio per la Casertana: esce Carrus, entra De Marco. Un centrocampista per un centrocampista
72' Nell'Ischia esce il centrocampista Fiandaca, entra il jolly Davide Trofa
74' VANTAGGIO CASERTANA! DIAKITE!
75' Terza rete stagionale per l'attaccante ivoriano Adama Diakite. Classe '93, è al primo anno a Caserta: proviene dal Padova, con cui nella stagione scorsa ha totalizzato 7 presenze e 1 gol in Serie B
78' Per l'Ischia esce D'Amico, entra Conte
78' Ultimo cambio per l'Ischia: entra Maione, esce Ciotola
78' Si tratta di due giocatori cresciuti nelle giovanili dell'Ischia, protagonisti una settimana fa nella gara di Coppa Italia al cospetto della Juve Stabia. Il match terminò per 3-2 per gli stabiesi, per gli isolani segnarono proprio Maione e Conte
79' GOL CASERTANA! CISSÈ SU CALCIO DI RIGORE!
81' Quarta rete stagionale per Karamoko Cissè, classe '88: l'attaccante segue il suo record in carriera, che corrisponde ai 5 gol realizzati nel 2012-13 con l'Albinoleffe in Prima Divisione
83' Ammonito il centrocampista De Marco (Casertana)
84' Simone De Marco, centrocampista cresciuto nella Roma, classe '94, è alla seconda stagione a Caserta. Per lui 22 presenze e 1 gol in due anni
88' Infortunio alla testa per Adama Diakite, attaccante della Casertana
90' +1 5 minuti di recupero
90' +2 Espulso l'allenatore Gregucci (Casertana)
Finisce qui la gara. Vittoria meritata per la Casertana, che nel secondo tempo ha letteralmente annichilito un'Ischia inguardabile, lontana parente di quella scesa in campo nella prima frazione. Gli isolani sono alle quarta sconfitta consecutiva in campionato
Terminata la prima frazione di gioco sull'1-1, con reti di Ingretolli e Bianco, nella ripresa la Casertana domina la gara. Al 54' i falchetti vanno vicini al gol con Cissè, che a due passi dalla porta, in sforbiciata, mette incredibilmente fuori. Ma è il prologo al gol, che arriva al 74' con Diakitè, bravo a sfruttare una corta respinta di Mennella su conclusione di Cissé. Cinque minuti dopo è proprio quest'ultimo a realizzare un calcio di rigore causato da un fallo (evitabile) di Rainone.
Prova di forza della Casertana, che è sembrata meglio messa in campo nel secondo tempo, quando Gregucci è tornato all'antico schierando il classico 4-2-3-1 e abbandonando così la difesa a 3. Male, invece, un'Ischia che nel primo tempo aveva fatto ben sperare: ora sembra veramente vicino all'esonero il tecnico Antonio Porta, autore anche oggi di qualche scelta discutibile, come quella di non portare nessun centrocampista centrale in panchina.
Con questo risultato la Casertana balza, momentaneamente, al secondo posto, ad un punto dalla capolista Benevento, domani in campo con il Vigor Lamezia. Nel prossimo turno gli uomini di Gregucci affronteranno proprio i sanniti
L'Ischia, invece, inanella la quarta sconfitta consecutiva e domani, in caso di vittoria dell'Aversa Normanna sulla Reggina, potrebbe ritrovarsi ad occupare l'ultimo posto della classifica. Gli isolani affronteranno domenica prossima la Juve Stabia, allo stadio Mazzella

CASERTANA-ISCHIA ISOLAVERDE 3-1
CASERTANA. Fumagalli, Bruno (54’ Antonazzo), Murolo, Carrus (69’ De Marco), Idda, D’Alterio, Cissè, Rajcic, Diakitè, Cunzi (54’ Mancosu), Bianco. 
A disposizione D’Agostino, Mattera, Tito, Alessandro. Allenatore Angelo Adamo Gregucci.
ISCHIA ISOLAVERDE. Mennella, Finizio, De Agostini, Iannascoli, Empereur, Rainone, D’Amico (76’ Conte), Fiandaca (71’ Trofa), Ingretolli, Schetter, Ciotola (76’ Maione). 
A disposizione Taglialatela, Impagliazzo, Sirignano, Florio. Allenatore Antonio Porta.
MARCATORI. Ingretolli 33’ (I), Bianco 47’ pt (C), Diakitè 73’ (C), Cissè 78’ su rig. (C).
ARBITRO. Luca Massimi della sezione di Termoli; assistenti: Giacomozzi di Fermo e Giuliani di Teramo.
NOTE. Spettatori 2.500 di cui una cinquantina provenienti da Ischia. Espulso Angelo Adamo Gregucci al 91’ (C). Ammoniti Cissè, De Marco (C); Empereur, Iannascoli, Finizio, Ingretolli (I). Angoli: 8-0 per la Casertana. RecuperI: 2 pt; 5 st. 
 

 
Domenica 26 ottobre 2014
Raffaello risponde Diakitè, buon pareggio per i falchetti

Finisce 1-1 il match di Aprilia tra la Lupa Roma e la Casertana, con botta-e-risposta di Raffaello e Diakitè avvenuto sul finire del primo tempo. In un orario abbastanza insolito per una gara tra professionisti, le due squadra si sono battute senza risparmiarsi, ma nessuna delle due ha dimostrato di essere superiore all’altra e il pareggio sembra più che giusto.
Gli uomini di Gregucci comunque confermano il buon momento di forma dando continuità alla vittoria con il Barletta, e sono grandi protagoniste nel gruppone racchiuso in solo due punti che segue la neo capolista assoluta Benvenuto. I giallorossi, infatti approfittano dello scivolone interno della salernitana contro il Lecce e provano la fuga. Ma come detto, alle sue spalle la concorrenza è spietata: la Juve Stabia raggiunge i granata al secondo posto e subito dopo si piazzano ben cinque squadre, trai quali i falchetti, seguite dalla stessa Lupa.
Dopo dieci giornate si stanno confermando tutti i pronostici della vigilia, che volevano il girone affascinante e combattutissimo, certo qualche conferma sia in negativo che in positivo non manca, ma il campionato è ancora lunghissimo e tutto può ancora succedere.
E gli uomini del padron Lombardi si stanno dimostrando all’altezza della situazione, se si fa eccezione per la partita sbagliata di Lecce, non si è mai vista finora una squadra superiore ai rossoblu, anzi… e la sensazione è che questa squadra può ancora migliorare perché troppi infortuni e condizioni fisiche ancora non al 100% stanno condizionando questo inizio di campionato.
Bisogna quindi continuare a lavorare e crescere nella mentalità vincente partita dopo partita, perché così la “salvezza” arriverà presto…
Intanto si riapre il capitolo Coppa Italia; mercoledi sera, infatti, è in scena al Pinto la suggestiva sfida con il Benevento. Probabilmente le formazioni saranno rivoluzionate con l’inserimento di quei giocatori che finora hanno trovato poco spazio, ma resta comunque la curiosità di misurarsi con la prima della classe e verificare le reali potenzialità di Fumagalli e compagni.

La cronaca della partita (fonte tuttolegapro.com)
Nell'inusuale anticipo delle ore 11 si affronteranno, sul campo di Aprilia, la Lupa Roma e la Casertana in una partita valida per la decima giornata del girone C di Lega Pro. 
Nella Lupa Roma Cucciari opera due cambi rispetto all'undici iniziale mandato in campo contro la Reggina: dentro Frabotta e Faccini, fuori Pasqualoni e Prevete. Possibile il ricorso al 4-3-3 da parte dei romani
In casa Casertana sono tre i centrocampisti naturali, ma va verificato se Gregucci schiererà i suoi con il rombo o con il 4-3-2-1, date le presenze anche di Cissé e di Mancosu. Assenti a sorpresa dai diciotto Mancino e Antonazzo
Proprio venerdì è tornato ad allenarsi con la Casertana Michel Cruciani, il quale era rimasto assente per un mese a causa di problemi famigliari. Al campo di allenamento i tifosi presenti hanno applaudito il ritorno in gruppo di Cruciani, che è stato affettuosamente salutato e abbracciato dai compagni, però oggi non è neanche lui tra i diciotto
Arbitrerà il confronto di stamattina il signor Niccolò Pagliardini di Arezzo, coadiuvato dagli assistenti Scatragli di Arezzo e Dessena di Ozieri
La classifica vede la Casertana a 17 punti in sesta posizione, la Lupa Roma è ottava a quota 16. Tra poco si comincerà
Presenti al momento circa un migliaio di spettatori, annunciati comunque trecento tifosi casertani ad Aprilia
La Lupa Roma ha scelto di adoperare la casacca nera, mentre la Casertana sarà in maglia verde fluorescente
L'arbitro è in divisa azzurra
2' Tra Casertana e Lupa Roma c'è un solo precedente, quello di Coppa risalente a qualche settimana fa: avevano vinto i campani per 2-0
5' Invece i casertani hanno incontrato altre tre volte la Lupa Frascati (vecchio nome della Lupa Roma), tutte nella stagione di Serie D 2012-2013: una vittoria dei frascatani e due pareggi, uno dei quali nei play-off permise alla Casertana di accedere agli spareggi nazionali
11' La Lupa Roma ha due giorni di riposo in più rispetto alla Casertana: i romani avevano giocato nove giorni fa a Reggio Calabria pareggiando 1-1, mentre i campani hanno giocato domenica scorsa con il Barletta vincendo 2-1
11' Intanto siamo sempre sullo 0-0 ad Aprilia, allo stadio Quinto Ricci, tra la Lupa Roma e la Casertana
12' La Lupa Roma non ha un cannoniere vero: sono in tre ad aver segnato un po' in più degli altri, Raffaello, Testardi e Tajarol autori di 2 gol a testa
13' Ma il calciatore della Casertana che ha segnato di più è un difensore, Gianluigi Bianco, ex Sampdoria, autore di 3 reti
19' In campo esterno la Casertana ha ottenuto 7 punti in 4 gare ed è al momento la sesta squadra del girone in questa speciale classifica
20' Praticamente immacolato invece il rendimento interno della Lupa Roma che ha vinto 3 partite pareggiandone 2. Nessuna sconfitta dei romani ad Aprilia
22' Primo cartellino giallo del match, è per Rajcic della Casertana
23' Fino adesso è sempre 0-0 tra Lupa Roma e Casertana ad Aprilia
27' Prima vera stagione da titolare per l'attaccante ivoriano della Casertana Adama Diakité, 21 anni: nella scorsa stagione le sue presenze erano state solo sette (col Padova), in quella precedente 22 (nelle file dell'Albinoleffe)
32' Dopo la prima mezz'ora di gara rimangono ancora sullo 0-0 Lupa Roma e Casertana
35' LUPA ROMA IN VANTAGGIO! Gol di RAFFAELLO! 1-0
38' Con questa rete Davide Raffaello diventa il miglior marcatore della Lupa Roma in campionato: sono 3 reti
40' Ammonizione per Marano della Casertana
43' Ci avviciniamo alla conclusione del primo tempo: al Quinto Ricci di Aprilia è in vantaggio la Lupa Roma per 1-0 sulla Casertana
45' Pareggio della CASERTANA! DIAKITE' per l'1-1!
Il primo tempo si è concluso allo stadio Quinto Ricci di Aprilia sull'1-1 tra Lupa Roma e Casertana
Nella prima frazione le azioni sono state molte, ma i gol sono arrivati nei minuti finali del primo tempo: ha cominciato per la Lupa Roma Raffaello al 35' con un tiro forte e preciso da dentro l'area della Casertana; ha pareggiato al 44' Diakité, bravo a girarsi e a battere Rossi dopo un assist intelligente di Rajcic
Partita dunque aperta a qualsiasi soluzione.
46' Comincia il secondo tempo con un cambio nella Casertana
46' E' entrato nell'undici di Gregucci Alessandro al posto di Mancosu
51' Danilo Alessandro ha segnato 19 gol nello scorso campionato di Seconda Divisione con la Real Vicenza, secondo cannoniere del girone A dopo l'"Airone" Varricchio
54' Giallo anche per il casertano Bruno
55' Corre ai ripari Gregucci, esce Bruno (appena ammonito dall'arbitro) ed entra D'Alterio
59' Ammonito anche un giocatore della Lupa Roma, è Faccini
60' Cucciari toglie Faccini ed entra sul suo posto nella Lupa Roma Scibilia
62' Danilo Scibilia, centrocampista esterno di 28 anni, tocca oggi la sua presenza numero cinque in campionato: è alla quarta stagione nella Lupa Roma con cui gioca fin dai tempi della Lupa Frascati in Eccellenza
68' Siamo ancora sull'1-1 tra Lupa Roma e Casertana
68' Cartellino giallo per Perrulli della Lupa Roma
69' Giampietro Perrulli era diffidato, quindi salterà la partita che i romani giocheranno a Castellammare contro la Juve Stabia capolista
74' Ammonito D'Alterio per la Casertana
74' Poco più di quindici minuti al novantesimo, è sempre 1-1 tra Lupa Roma e Casertana ad Aprilia
76' Il risultato di parità, come detto, permetterebbe se non altro alle due compagini di rimanere sulla scia della zona play-off
80' Ultimo cambio nei campani, Alvino per l'autore del gol del pareggio Diakité
88' Manca poco al novantesimo, Lupa Roma e Casertana sono ancora sull'1-1
89' Secondo cambio nella Lupa: Santarelli per Raffaello
90' +1 Tempo scaduto: si gioca il recupero
Si conclude sull'1-1 tra Lupa Roma e Casertana al Quinto Ricci di Aprilia
La Lupa Roma non vincendo stamattina ha fallito l'aggancio al primo posto, mentre la Casertana con una vittoria avrebbe scavalcato momentaneamente il gruppo di testa. Dopo un primo tempo ricco di azioni e di gol, nella ripresa ci sono state solo le azioni e nessun gol. Pericolosi gli ospiti con Alessandro che ha sparato alto in apertura ripresa, ma la Lupa è andata vicina anch'essa alla rete con Perrulli che ha impegnato Fumagalli
Pareggio tutto sommato giusto. La Casertana sale al quarto posto a 18 punti e sabato prossimo incontrerà l'Ischia in casa; per la Lupa Roma che va al settimo posto a 17 punti ci sarà la trasferta sul campo della Juve Stabia sabato.

LUPA ROMA – CASERTANA 1-1
LUPA ROMA. Rossi, Frabotta, Celli, Capodaglio, Conson, Cascone, Faccini (59′ Scibilia), Raffaello (88′ Santarelli), Tajarol, Perrulli, Cerrai.
A disposizione Rossini, Pasqualoni, Ferrari, Hoxha, Malatesta. Allenatore Cucciari.
CASERTANA Fumagalli, Bruno (55′ D’Alterio), Bianco, Rajcic, Idda, Murolo, Marano, Chiavazzo, Diakitè (79′ Alvino), Mancosu (46′ Alessandro), Cissè.
A disposizione D’Agostino, Mattera, De Marco, Cunzi. Allenatore Gregucci.
ARBITRO. Niccolò Pagliarini di Arezzo; assistenti Scatragli di Arezzo e Dessena di Ozieri.
MARCATORI. 34′ Raffaello (LR), 43′ Diakitè (C).
NOTE. Spettatori 700 circa con 150 provenienti da Caserta. Ammoniti Rajcic, Marano, Bruno, Faccini, Perrulli, D’Alterio. Angoli 4-1 per Casertana; recuperi: 2’ pt, 3’ st.

 
 
Domenica 19 ottobre 2014
Idda-gol allo scadere e la Casertana vola

La Casertana torna alla vittoria dopo la sconfitta di Lecce e si porta al secondo posto in classifica insieme al Catanzaro, dietro la coppia di testa Benevento-Salernitana, che nello scontro diretto hanno evitato di farsi male. 
Il gol vittoria porta la firma del difensore Idda che a tre minuti dalla fine raccoglie in area un assist di testa di Antonazzo e batte Liverani, regalando i tre punti ai rossoblu. Fino a quel momento il risultato era fermo sull’1-1 dopo che Palazzolo aveva pareggiato il gol del momentaneo vantaggio di Cissè.
La Casertana riprende quindi la marcia trionfale e si porta prepotentemente a ridosso delle migliori, alimentando nei tifosi grandi sogni. Il campionato è ancora lungo, quindi nessuno si illude, ma cresce ogni partita la consapevolezza che si sta lavorando bene, e che ancora si può migliorare perché questa squadra ha ancora ampi margini di miglioramento.
Intanto domenica, in un improbabile orario, si va ad Aprilia contro una delle rivelazioni del campionato, la Lupa Roma. La trasferta è molto difficile, ma gli uomini di Gregucci hanno tutte le carte in regola per provare a fare bottino pieno.

La cronaca della gara (fonte tuttolegapro.com)

17:44 La compagine di mister Gregucci è reduce dalla sconfitta esterna di Lecce per 2 a 0, mentre i pugliesi sono caduti tra le mura amiche contro il Benevento per 1 a 0
17:46 In classifica Casertana a quota 14 punti, mentre i pugliesi biancorossi sono fermi a quota 8 punti
17:50 Match importante per entrambe le compagini. I falchetti in caso di vittoria si porterebbero a soli due punti dalla vetta, visto il pareggio odierno tra Benevento e Salernitana. I pugliesi con una vittoria si rilancerebbero in graduatoria e si allontanerebbero dalla zona calda
17:54 Splende il sole su Caserta questo pomeriggio. Temperatura calda e terreno di gioco in ottime condizioni
17:57 A breve le squadre faranno il loro ingresso in campo
17:58 Entrano le squadre in campo. Bello lo striscione portato in campo dai calciatori rossoblu "Caserta ripudia il razzismo"
17:59 Casertana in campo con una maglia verde fluo. Il Barletta in completo bianco con inserti rossi
1' Partiti! I padroni di casa attaccheranno verso il settore ospiti
4' Spettatori, a dir la verità non tantissimi allo stadio Pinto
6' Primo corner del match, è a favore degli ospiti
10' Il Barletta in tutta la sua storia, non ha mai vinto qui a Caserta
13' Problemi di formazione quest'oggi per mister Gregucci che non può contare sul centrocampista ex Salernitana e Frosinone Carrus, autentico play-maker dei falchetti
17' Nonostante i vari appelli arrivati in settimana, non sono tanti i tifosi biancorossi giunti in Campania. Sono circa una 50ina
21' Problemi di formazione anche per mister Sesia. Centrocampo letteralmente reinventato con il terzino ex Livorno Antonio Meola adattato a mezzala
23' Primo corner anche per i padroni di casa
24' GOL della CASERTANA! Segna Cisse!
25' Pubblico di casa in festa per il gol dell'ex attaccante esterno dell'Albinoleffe
30' Quest'oggi l'attaccante del Barletta Raffaele Biancolino festeggia la sua 275esima presenza in campionato
34' Nel frattempo si sono accesi i riflettori allo stadio Pinto
35' Secondo corner per la Casertana
36' Primo ammonito del match, si tratta del centrocampista della Casertana Marano che ha atterrato De Rose
40' Nel settore Distinti dove prendono posto i tifosi più caldi della Casertana, viene riproposto lo striscione con su scritto “Vogliamo il Settore Popolare”. I tifosi rossoblu vorrebbero riappropriarsi della vecchia Curva Nord, che però ormai da anni è destinata ai tifosi ospiti
45' +1 Un minuto di recupero
45' +1 Corner per il Barletta, che chiude il primo tempo in avanti
18:46 Finisce il primo tempo tra Casertana e Barletta. Ad ora sta decidendo il match una rete di Cisse
18:49 Primo tempo abbastanza vivace tra Casertana e Barletta. I falchetti di Gregucci hanno provato subito a mettere in difficoltà i pugliesi con la fisicità del duo Diakitè-Cisse, ma la truppa di Sesia, dal canto suo, è riuscita sin da subito a creare pericoli ripartendo in velocità in contropiede. Il match si sblocca al 24' con Cisse che di potenza schiaccia di testa un corner di Mancosu. Il Barletta prova a svegliarsi e crea un paio di occasioni con Biancolino e con Floriano. Il problema per i biancorossi, sembra essere la mancanza di supporto del centrocampo agli attaccanti.
19:01 Squadre nuovamente in campo
46' Ripartiti in questo istante
46' In campo gli stessi ventidue del primo tempo
47' Ammonito Francesco Bruno per fallo su Floriano
51' Nonostante non rischi la panchina mister Sesia così come dichiarato dal Giuseppe Perpignano nei giorni scorsi, qualche tifoso a Barletta ha iniziato a storcere il naso dopo qualche partita al di sotto delle aspettative
52' Provano a farsi sentire i tifosi pugliesi, cercando di spingere Biancolino e compagni
54' Primo cambio del match. Per la Casertana, fuori un esterno d'attacco come Chiavazzo e dentro un trequartista come Nicola Mancino
59' E' stato approvato un progetto a Caserta che prevede la costruzione della nuova Curva Sud. Questo settore potrà ospitare 910 spettatori e stando alle ultime voci potrebbe essere il nuovo settore ospiti dell'impianto casertano. Così la Curva Nord potrebbe tornare ad essere la casa dei tifosi rossoblu, così come accadeva negli anni 80' e 90'
59' PAREGGIO del BARLETTA! GOL di PALAZZOLO
61' In gol il più giovane in campo. Si tratta del centrocampista classe 1994 Nicolò Palazzolo, ex Cuneo e Juventus
63' Corner per il Barletta che prova a spingere
64' Terzo ammonito dell'incontro. Si tratta dell'autore del gol Palazzolo
66' Primo cambio per il Barletta. Fuori un attaccante come Biancolino e dentro una seconda punta, Fall
67' Risponde mister Gregucci. Fuori uno stanco Diakitè e dentro l'esterno offensivo ex Ischia Cunzi
71' Quest'estate a Barletta c'è stata una vera e propria rivoluzione, sia dal punto di vista societario che dal punto di vista di organico. Sono stati acquistati ben venti calciatori, mentre hanno lasciato la Puglia in venticinque
73' Meno di venti minuti al termine
74' Terzo ed ultimo cambio per i falchetti. Dentro l'esterno Antonazzo e fuori Mancosu
76' Angolo per la Casertana sospinta dal proprio pubblico
78' A breve dovrebbe entrare tra le file del Barletta Guarco
79' Confermata la nostra indiscrezione. Fuori il terzino Cortellini e dentro l'esterno mancino classe 1993 Guarco
80' Meno di dieci minuti al termine dell'incontro
84' Bello striscione dei tifosi casertani per il pipelet Daniel Leone della Reggina, colpito da un brutto male
86' Momentaneamente Barletta in dieci, visto che Venitucci è fuori per un problema fisico
86' Rientra in campo il centrocampista ex Foggia
87' Pochi minuti al termine del match
88' GOL della CASERTANA! Segna Riccardo IDDA
88' Esplode di gioia lo stadio Pinto
89' Ammonito Stendardo per fallo su Cisse
90' Si gioca il tutto per tutto Sesia. Esce il terzino Zammuto ed entra l'attaccante Rizzitelli
90' +2 Mister Gregucci si sbraccia per dare indicazioni ai suoi
90' +3 Pochi secondi al termine del match
90' +3 Ammonito Radi per fallo su Cunzi
19:51 La Casertana vince a fatica 2 a 1 contro un buon Barletta
19:51 Con questi tre punti la Casertana sale a 17 punti raggiungendo il Catanzaro al terzo posto in graduatoria
19:56 Una Casertana solida, quadrata e soprattutto fortunata ha la meglio di un Barletta sicuramente troppo sterile in avanti. I rossoblu vincono due a uno ed iniziano a respirare aria di alta classifica. Nel primo tempo un colpo di testa di Diakite, sugli sviluppi di un corner aveva portato in avanti la truppa di Gregucci. Ad inizio ripresa, però il Barletta scende in campo con un piglio differente e Palazzolo pareggia i conti al termine di una bella azione in velocità orchestrata dal solito Floriano. Proprio quando il match sembrava avviarsi verso l'1 a 1, arriva il gol dei falchetti a due minuti dal termine. Sugli sviluppi di un corner Idda stacca bene di testa a porta quasi sguarnita, regalando così tre punti d'oro ai rossoblu. Nonostante il risultato il Barletta si è mosso comunque bene, nonostante la differenza di qualità tra i due organici.

CASERTANA – BARLETTA 2-1
CASERTANA. Fumagalli, Bruno, Bianco, Rajcic, Idda, Murolo, Cissè, Marano, Diakitè (66’ Cunzi), Mancosu (74’ Antonazzo), Chiavazzo (54’ Mancino). 
A disposizione D’Agostino, D’Alterio, Mattera, De Marco. Allenatore Angelo Adamo Gregucci.
BARLETTA. Liverani, Zammuto (87’ Rizzitelli), Cortellini (79’ Guarco), Meola, Stendardo,Radi, Floriano, Palazzolo, Biancolino (66’ Fall), Venitucci, De Rose. 
A disposizione De Martino, Sokoli, Kiasis, Gemignani Allenatore Marco Sesia.
ARBITRO. Marco Piccinini della sezione di Forlì; assistenti Manco di Vibo Valentia e Vecchi di Lamezia Terme.
MARCATORI. 23′ pt Cissè (C); 58′ Palazzolo (B); 87′ Idda (C).
NOTE. Spettatori: 3.000 un centinaio provenienti da Barletta. Ammoniti Marano, Bruno (C); Palazzolo, Stendardo, Radi (B). Angoli: 4-3. Recuperi: 1′ pt; 4′ st. 

 
Sabato 11 ottobre 2014
Giornata “no” per i falchetti, battuti 2-0 al “Via del Mare”

Finisce 2-0 per il Lecce il big-match dell’ottava giornata del Girone C di Lega Pro; partita senza storia con i salentini assoluti padroni del campo che con una rete per tempo  di Moscardelli e Doumbia ritrovano la vittoria dopo la cocente sconfitta di Messina.
I rossoblu non danno mai la sensazione di essere entrati in partita e vedono interrotta la striscia positiva di quattro vittorie consecutive.
Mister Gregucci schiera lo stesso undici che ha battuto il Matera, mentre Lerda, che è costretto a rinunciare a Miccoli, sostituisce lo squalificato Lopez con Donida; solo panchina per Della Rocca e Doumbia.
Il Lecce parte benissimo e già al quinto minuto sfiora il goal con un tiro a giro di Carrozza che sfiora il palo alla sinistra di Fumagalli. 
Al 21° un tiro da fuori di Salvi finisce di poco a lato. Un minuto più tardi arriva il vantaggio giallorosso. Cross dalla sinistra di Carrozza, Murolo non interviene in scivolata e goal di Moscardelli che con un tiro rasoterra di sinistro trafigge Fumagalli. 
Al 30° il Lecce va vicino al raddoppio; percussione in area di Donida che serve a Salvi il cui tiro a botta sicura viene respinto con i piedi dall’estremo rossoblu.
Al 33° i falchetti si fanno vedere dalle parti di Caglioni, ma il colpo di testa di Diakitè su corner scheggia la traversa di Caglioni. Al 39° una punizione dal limite di Mancosu termina di poco alta sopra la traversa. 
Al 46° il Lecce sfiora il raddoppio in contropiede; passaggio smarcante di Carrozza per Lepore che dalla destra conclude in rete, ma il suo tiro, viene deviato in angolo da un difensore avversario. Al termine della battuta del corner l'arbitro fischia la fine della prima frazione.
Nei ripresa, i rossoblu si presentano con Marano al posto di De Marco; al 6° Salvi centra la traversa, ma a gioco fermo perchè l'arbitro aveva interrotto l'azione per un suo fallo mano. 
Al 15° arriva il raddoppio dei pugliesi, a conclusione di una bella azione in velocità che porta Donida a servire in piena area di rigore Doumbia che, dopo un aver controllato il pallone, di piatto deposita in rete. 
La Casertana prova a reagire, ma i suoi attacchi sono sterili e non impensieriscono quasi mai Caglioni.
Anzi sono i salentini a rendersi pericolosi in contropiede, come al 26° quando un passaggio filtrante di Moscardelli mette lo scatenato Doumbia davanti al portiere rossoblu che in uscita riesce ad anticiparlo al momento del tiro.
Al 39° la Casertana si fa vedere nell’area del Lecce, ma il colpo di testa di Cunzi, dopo un'uscita sbagliata di Caglioni, finisce alto sopra la traversa. Prima del fischio finale qualche tentativo dalla lunga distanza e niente più.
Netto 2-0 quindi il risultato finale, ma sconfitta che ci può stare, perché a Lecce poche squadre faranno punti, vista la grande forza della compagine giallorossa. Casertana comunque è da rivedere, perché comunque mister Gregucci non è riuscito a dare le giuste motivazioni ai ragazzi.
Ma questa è la Lega Pro! Ci si aspettava un girone tostissimo e così si sta rivelando finora, ma ci consola il fatto che la Casertana nonostante abbia cambiato molto, allenatore compreso, sta ben figurando ed è saldamente piazzata tra le prime della classe. A parte Benevento e Salernitana, che pare facciano un campionato a sè, ci sono sette squadre racchiuse in un punto che stanno dando vita a un campionato affascinante; e la Casertana è tra queste.
Godiamoci, quindi, questo campionato fino in fondo, con la consapevolezza che non si possono vincere tutte le partite, ma anche con la convinzione che mister Gregucci sta creando un “giocattolo” davvero divertente per i tifosi rossoblu, che venderà cara la pelle a tutte le avversarie.
Mettiamoci quindi dietro le spalle questa brutta sconfitta e ripartiamo per preparare a meglio la gara di domenica contro il Barletta. 

LECCE-CASERTANA 2-0
LECCE (4-3-3). Caglioni, Mannini, Donida, Papini, Martinez, Abruzzese, Sacilotto (16 st Filipe Gomes), Salvi (40 st Carini), Carrozza, Moscardelli, Lepore (10 st Doumbia)
A disposizione Petrachi, Carini, Rullo, Rosafio, Della Rocca. Allenatore Lerda.
CASERTANA (4-2-3-1). Fumagalli, Bruno, Bianco, Rajcic (22 st Cunzi), Idda, Murolo, Antonazzo, De Marco (1 st Marano), Diakite (31 st Alessandro), Mancosu, Cissè.
A disposizione D'Agostino, D'Alterio, Mattera, Chiavazzo. Allenatore Gregucci.
ARBITRO Colarossi di Roma; assistenti Larotonda – Annunziata.
MARCATORI. nel pt 22' Moscardelli; nel st 15' Doumbia.
NOTE. Spettatori paganti 1.817 più 2.228 abbonati per un incasso totale di 27.989,32 euro. Ammoniti Antonazzo, Marano, Salvi, Cissè. Angoli: 4-3 Casertana. Recupero: pt 2'; st 5'.

 
Mercoledi 11 ottobre 2014
La Casertana batte la Lupa e accede al secondo turno di Coppa Italia
 
Con un secco 2-0 la Casertana supera al Pinto la Lupa Roma e accede al Secondo Turno di Coppa Italia. Le reti messe a segno entrambe nella ripresa portano la firma di Cunzi e Ricciardo alla loro prima marcatura in rossoblu.
Mister Gregucci opta per una formazione di “rincalzo”, schierando i giocatori che finora hanno trovato meno spazio in campionato; esordio assoluto da primo minuto quindi per Tito, Mattera e Pontiggia, trova la prima maglia da titolare invece Ricciardo, dopo due brevi apparizioni con Juve Stabia e Cosenza. Esordio anche per il giovane D’Agostino che sul 2-0 subentra al titolarissimo Fumagalli.
La gara è molto equilibrata e sono davvero poche le occasioni gol create dalle due squadre, soprattutto con tiri dalla distanza. Tra i rossoblu si registrano le conclusioni di Alessandro, Tito e Pontiggia, quest’ultimo vera spina nel fianco dei romani. Per la Lupa la prima vera occasione è per Scibilia al 45’, la cui conclusione è prontamente respinta da Fumagalli.
Nella ripresa la Lupa appare più determinata e prova a fare la partita, ma è la Casertana a passare grazie ad un’azione targata “ex-Ischia”; infatti,  su calcio di punizione battuto da Tito, Cunzi in piena area di rigore anticipa tutti e di testa mette alle spalle di Rossi. 
La Lupa accusa il colpo e ci mette un po’ prima di riorganizzarsi per cercare il gol del pareggio. Pareggio sfiorato appena prima del raddoppio con una conclusione di Moras respinta da Fumagalli; un minuto più tardi arriva il gol che chiude la pratica, con un delizioso pallonetto di Ricciardo ben smarcato da Chiavazzo.
Passa il turno quindi la Casertana che il 29 ottobre affronterà il Benevento. Intanto l’attenzione è tutta per il big match di sabato allo stadio “Via del mare” di Lecce, partita delicata da preparare nei mini particolari per continuare la striscia positiva della squadra rossoblu.
 
CASERTANA – LUPA ROMA 2-0
CASERTANA. Fumagalli (82’ D’Agostino), De Marco, Tito, Marano, D’Alterio, Mattera, Pontiggia (54’ Cunzi), Chiavazzo, Ricciardo, Alessandro, Alvino (87’ Bruno). 
A disposizione Idda, Rajcic, Mancosu, Diakitè. Allenatore Angelo Adamo Gregucci.
LUPA ROMA. Rossi, Frabotta (80’ Capodaglio), Celli, Ferrari (64’ Tajarol), Conson, Cascone, Moras, Raffaello, Malatesta (89’ Faccini), Cerrai, Scibilia. 
A disposizione Bolletta, Prevete, Santarelli, Hoxha. Allenatore Alessandro Cucciari.
ARBITRO. Mancini di Fermo; assistenti Della Vecchia di Avellino e Vingo di Pisa.
MARCATORI. 59’ Cunzi (Ce), 79’ Ricciardo (Ce).
NOTE. Clima sereno, campo in buone condizioni. Spettatori circa 600. Ammoniti Ferrari (LR), e Marano (Ce). Angoli: 3-4. Recuperi: 0 pt, 4 st.
 

 
Venerdi 3 ottobre 2014
La Casertana ci prende gusto, battuto anche il Matera!
 
La Casertana ci prende gusto e con un gol di Cissè ad inizio ripresa si aggiudica il “derby” tra le due sorprese del campionato. Entrambe reduci da tre vittorie consecutive, le due squadre hanno dato vita a una partita piacevole e combattuta, dove non sono mancate le emozioni per i tifosi presenti.
Primo tempo a favore de rossoblu che a più riprese hanno tentato di passare in vantaggio, senza però riuscirci; il gol infatti arriva subito ad inizio ripresa, grazie a un’importante iniziativa sulla fascia di Diakitè che si libera in velocità del diretto avversario e trova in piena area di rigore Cissè, che non sbaglia e mette alle spalle di Baiocco. Il Matera reagisce creando diverse occasioni gol, ma poi la Casertana si riorganizza e rischia davvero poco.
Vittoria meritata quindi per gli uomini di Gregucci, che in attesa delle gare di Benevento e Salernitana, conquistano momentaneamente la vetta del girone.
Ora il meritato riposo per i falchetti prima dell’appuntamento di metà settimana di coppa Italia contro la Lupa e la difficile trasferta di sabato a Lecce.
 
La cronaca della partita (fonte tuttolegapro.com)
Casertana e Matera sono le più grandi sorprese di questo inizio di torneo e si presentano a questa sfida entrambe reduci da tre vittorie consecutive. Una delle due dovrà quindi forzatamente interrompere questa striscia vittoriosa. 
In classifica il Matera, che in questo campionato non ha ancora mai perso, è attualmente da solo al terzo posto con 12 punti alle spalle di due delle grandi favorite di questo campionato: Benevento e Salernitana. La Casertana è invece nel gruppo delle quarte in classifica a quota 11 punti, al pari di Lecce, Catanzaro, Juve Stabia e Lupa Roma.
L'arbitro è Daniele Martinelli di Roma 2, coadiuvato dagli assistenti Marco Novellino di Brescia e Antonio Voto di Soverato.
L'allenatore della Casertana è Angelo Gregucci, ex calciatore a bandiera della Lazio dal 1986 e il 1993. Ha allenato fra le altre Salernitana, Lecce, Vicenza, Atalanta, Sassuolo e Reggina.
Nel Matera non c'è stasera in panchina il tecnico "titolare" Gaetano Auteri, squalificato, al suo posto guida i lucani Loreno Cassia.
La partita si gioca allo Stadio Alberto Pinto di Caserta, impianto inaugurato nel 1936 e poi ristrutturato appena tre anni fa. Può contenere un massimo di 12.000 spettatori.
C'è stasera una buona cornice di pubblico per questa partita che, un po' a sorpresa, è un match "di cartello" di questa 7a giornata del girone C.
Casertana e Matera non si incontrano dal campionato di Serie D 2009-2010. All'andata in terra lucana finì sullo 0-0, mentre il ritorno in Campania vide il successo dei padroni di casa per 1-0.
Le due squadre fanno ingresso in campo: la Casertana indossa la classica maglia rossoblù, con calzoncini azzurri. Il Matera indossa una divisa completamente bianco.
1' Il Matera schiera gli stessi undici giocatori dall'inizio mandati in campo anche nelle precedenti quattro partite
2' La Casertana a sorpresa manda in campo dal primo minuto Diakitè, lasciando invece in panchina Alessandro
2' Fra i campani assente anche il capitano, nonchè il giocatore più esperto della squadra, Davide Carrus che ha provato a farcela fino all'ultimo minuto ma ha dovuto dare forfait
5' Curiosamente Casertana e Matera sono le uniche due squadre di tutta la Lega Pro ad aver segnato in questa stagione 5 reti in una sola partita giocata in trasferta. E ironia della sorte entrambe lo hanno fatto sul campo del Messina: il Matera vi ha vinto per 5-0 il 20 settembre, mentre la Casertana per 5-1 domenica scorsa.
7' Presente sulle tribune dello stadio Pinto anche l'ex presidente della Nocerina, Citarella e l'ex centrocampista De Liguori. Presente anche mister Marra
8' Il presidente della casertana Lombardi è seduto vicino al patron del Matera Columella
8' Sono presenti in curva anche circa 60 tifosi del Matera
11' L'attaccante della Casertana Cissè appare molto in forma in questi primi incontri
Fra i professionisti le due squadre non si incontrano dal circa 18 anni, nella Serie C2 1996-1997.
13' Marco Mancosu, centrocampista della Casertana che poco fa si è reso pericoloso, ha due fratelli anch'essi calciatori professionisti, Matteo, di quattro anni più grande, e Marcello, di quattro anni più piccolo, che militano entrambi nel Trapani, ambedue nel ruolo di attaccante.
14' Primo ammonito della sfida: è Gotti, centrocampista del Matera
16' Cissè della Casertana vanta in carriera, oltre a numerose apparizioni in Serie B con l'Albinoleffe, anche 19 presenze e 3 reti nella Nazionale del Guinea
18' Nel Matera è inizialmente in panchina il talentuoso argentino Cuffa: suo è stato il primo gol assoluto di questa edizione di Lega Pro, nella sfida Matera-Paganese (1-1) del 29 agosto scorso
19' Finora il conto dei calci d'angolo vede la Casertana sul 2-0
20' Primo ammonito anche per i "falchetti": è De Marco
24' Per Rajčić della Casertana si tratta della terza presenza con la maglia rossoblù, in passato ha giocato nel Bari (in Serie B) e in Lega Pro con Taranto, Barletta e Benevento
26' Queste due squadre hanno, a pari merito (con 12 gol ciascuna) il migliore attacco del girone C di Lega Pro. Guardando ai tre gironi solo il Bassano ha fatto meglio (con 13) mentre pure il Pavia è a quota 12
31' Superata la mezz'ora di gioco e il risultato non cambia. Guardando ai corner siamo invece sul 3-0 per i campani
33' Secondo ammonito per i lucani: è Coletti
34' Curiosamente l'attaccante del Matera Madonia è stato compagno di squadra del fratello di Marco Mancosu della Casertana: infatti Madonia e Matteo Mancosu al Trapani hanno ottenuto insieme la promozione in Serie B nel 2013. La stagione scorsa Matteo è stato capocannoniere del campionato cadetto
38' Curioso l'avvio di campionato del neopromosso Matera: ha effettuato 3 pareggi nelle prime tre partite del campionato, a cui hanno fatto seguito 3 vittorie nei tre match successivi
40' Molto simile il cammino della Casertana, che ha pareggiato le prime due partite, prima di conoscere la sconfitta (con la Juve Stabia), ma da allora in avanti ha centrato appunto 3 vittorie consecutive
45' +1 1 minuto di recupero
Finisce il primo tempo senza reti. La Casertana era partita bene con occasioni di Cissè, Mancosu e di Bruno; nel quarto d'ora finale è venuto fuori il Matera che si è reso pericoloso nel recupero con alcune incursioni di Letizia e Madonia e con una conclusione di Coletti
Il conto dei calci d'angolo vede avanti la Casertana per 3-2
Mentre le formazioni sono negli spogliatoi, le riserve della Casertana si riscaldano al centro del campo
A inizio ripresa la Casertana opera il primo cambio: fuori l'ammonito De Marco, dentro Chivazzo
46' GOL della CASERTANA con CISSE'
46' La rete è arrivata dopo appena 25 secondi nel corso della ripresa. Per l'accattante della Guinea è il secondo gol in questo campionato
50' Adesso il Matera deve riorganizzare le idee se vorrà recuperare il risultato ed evitare la prima sconfitta del campionato
53' Quella segnata da Cissè è la 13a rete messa a segno dalla Casertana in questo campionato: i campani diventano il miglior attacco assoluto dell'intera Lega Pro, a pari merito con il Bassano
54' Primo cambio per il Matera, esce uno spento Gotti, al suo posto Di Noia
55' Il conto dei calci d'angolo è sul 4-2 in favore della Casertana
58' Ammonito il lucano D'Aiello, è il terzo dei suoi, il quarto in assoluto
63' Entrambi gli allenatori fanno effettuare il riscaldamento a diversi componenti delle panchine, avrebbero ancora a disposizione 2 sostituzioni ciascuno
67' Secondo cambio per il Matera, esce Guerra ed entra Albadoro
68' Il Matera ce la mette tutta per pervenire al pareggio
74' Gregucci si copre: per la Casertana esce Antonazzo ed entra D'Alterio
75' Ora rimane una sola sostituzione a testa a disposizione dei due allenatori
78' Quella subita a inizio ripresa è la quinta rete al passivo in questo torneo per il Matera su 7 incontri, tutto sommato un'ottima media per una neopromossa
79' Ultimo cambio per il Matera: fuori Bernardi, dentro il cileno Bustamante
81' Anche la Casertana conclude le sostituzioni: esce Diakitè (stasera uomo assist) e al suo posto entra Alessandro (i due erano in ballottaggio fino a poco prima dell'inizio della gara)
83' Prima dell'inizio della partita il Matera aveva la differenza reti più positiva fra i tre gironi della Lega Pro, con un ottimo +8. Dopo il gol di Cissè essa è scesa a +7, eguagliata appunto dalla Casertana
84' La Casertana stringe i denti e prova a resistere in questi ultimi minuti per mantenere un vantaggio importantissimo
88' Ammonito Bianco della Casertana
89' Il numeroso pubblico casertano incita la propria squadra affinchè conduca in porto una vittoria che proietterebbe i casertani in testa alla classifica con Salernitana e Benevento
90' +1 Ammonito il portiere campano Fumagalli
90' +1 Siamo in pieno recupero, anche se non è stata indicata l'entità
Fischio finale: la gara è terminata 1-0.
Decisivo il gol di Cissè dopo appena 25 secondi nel corso della ripresa
E' la prima sconfitta stagionale per il neopromosso Matera. Mentre per la Casertana è la quarta vittoria consecutiva.
Con questa vittoria fondamentale la Casertana si porta a quota 14 punti in classifica e raggiunge provvisoriamente Benevento e Salernitana in testa alla graduatoria. Il Matera rimane fermo a 12 punti e si ritrova da solo al quarto posto.
I giocatori rossoblù vanno a esultare sotto gli spalti dove i tifosi campani li acclamano festanti 
Nel prossimo turno il Matera giocherà in casa contro la Reggina, mentre la Casertana va sul difficile campo del Lecce. 
 
CASERTANA – MATERA 1-0
CASERTANA. Fumagalli, Bruno, Bianco, Rajcic, Idda, Murolo, Antonazzo (72’ D’Alterio), De Marco (46’ Chiavazzo), Diakitè (81’ Alessandro), Mancosu, Cissè. 
A disposizione D’Agostino, Tito, Mattera, Ricciardo. Allenatore Angelo Adamo Gregucci.
MATERA. Baiocco, Bernardi (80’ Bustamante), Mucciante, De Franco, D’Aiello, Coleti, Letizia, Iannini, Guerra (66’ Albadoro), Madonna, Gotti (53’ Di Noia). 
A disposizione Bifulco, Faisca, Cuffa, Mercadante. Allenatore Loreno Cassia (squalificato Autieri).
MARCATORE. Cissè 46’ (C).
ARBITRO. Daniele Martinelli della sezione di Roma 2; assistenti Novelli di Brescia e Vono di Soverato.
NOTE. Spettatori: 3.200 con circa 200 tifosi provenienti da Matera. Ammoniti: De Marco, Bianco, Fumagalli (C); Gotti, Coleti, Daiello (M). Angoli: 5-8 per il Matera. Recuperi 1 pt; 4 st. 
 


 
Domenica 28 settembre 2014
Pokerissimo!!!
 
Roboante vittoria della Casertana che con un secco 5-1 annichilisce il Messina e trova la terza vittoria consecutiva. E pensare che dopo il parziale di 5-0 della prima frazione i falchetti hanno evitato nella ripresa di infierire sulla squadra allenata dall’ex Grassadonia, limitandosi a controllare la gara.
Prestazione importante quindi per gli uomini cari al presidente Lombardi, che dopo la sconfitta interna con la Juve Stabia sono cresciuti sempre più, trovando oltre alla condizione fisica, anche compattezza, fiducia e consapevolezza nei propri mezzi e 
È vero, il Messina non attraversa di certo un buon momento, e il risultato non deve illudere eccessivamente, ma resta il fatto che la Casertana è stata padrone del campo per tutti i novanta minuti, dimostrando la propria forza, e lanciando un segnale importante a tutte le altre squadre del girone.
Protagonista assoluto è stato di sicuro l’esterno sinistro Bianco, che dopo l’eurogol di mercoledi scorso si è ripetuto con una bellissima doppietta che ha steso i peloritani proprio quando cercavano di riorganizzarsi dopo l’iniziale vantaggio di Antonazzo. A completare la festa sono arrivati poi i primi sigilli in maglia rossoblu di Alessandro e Mancosu.
Ma non c’è molto tempo per festeggiare, venerdi si ritorna già in campo per l’anticipo della 7° giornata contro la sorpresa Matera che dopo la vittoria convincete contro la Lupa, si è portata al terzo posto in solitario dietro la coppia Salernitana-Benevento; dimentichiamo quindi subito questa vittoria e prepariamo al meglio la sfida con i lucani.
 
La cronaca della partita (fonte tuttolegapro.com)
Match delicato per il Messina di Grassadonia, che arriva da due sconfitte consecutive e ancora paga le conseguenze dell'incredibile batosta interna con il Matera (0-5 il passivo). La squadra sicula, partita con tutt'altre intenzioni, naviga nei bassifondi della classifica e oggi vuole dare una scossa al suo campionato. 
È lanciatissima, invece, la Casertana. La squadra del presidente Giovanni Lombardi, dopo un avvio di campionato stentato, ha inanellato due vittorie consecutive e adesso vuole fare il tris al San Filippo. Classico 4-2-3-1 per i campani, un vero e proprio marchio di fabbrica di Mister Gregucci. 
Dirige la gara il sig. Francesco Fiore di Barletta, che nel gennaio scorso ha arbitrato la Casertana nel match contro il Cosenza terminata 2-2, con reti per i campani di Agodirin e Mancino. Per l'arbitro non ci sono invece precedenti con il Messina,
1' Si parte! Padroni di casa in campo con maglia bianca e pantaloncini neri. La Casertana, invece, si presenta con un'insolita tenuta verde, con pantaloncini neri
4' Bella giornata a Messina, 25 gradi la temperatura, con il sole che non batte particolarmente forte. Terreno in buone condizioni
5' Ammonito Enrico Pepe per il Messina
8' I precedenti: quindicesimo confronto della storia con tre vittorie per i giallorossi, cinque successi campani e sei pareggi. L'ultimo successo del Messina risale al marzo scorso: vittoria per 2-1 con reti di Costa Ferreira e Corona. Un altro successo giallorosso risale al 5 dicembre 2010, quando un gol di Cocuzza permise all’allora squadra allenata da Beoni di uscire con i tre punti dal “Pinto”.
13' Ammonito Carrus per la Casertana
14' Sono circa 2000 gli spettatori al San Filippo. Un dato, questo, inferiore alle attese
15' In casa Messina c'è grande attesa per Luca Orlando. L'attaccante in questa stagione ha già siglato una rete: la speranza per i tifosi siciliani è che riesca a ripetere le prestazioni dell'anno scorso, quando con l'Aversa Normanna siglò 12 gol in 32 partite
20' Tanti gli assenti nelle due squadre. Nel Messina spicca la defezione di Sasa Bjelanovic: l'ex Varese non si è ancora sbloccato in stagione
21' GOL DELLA CASERTANA! ANTONAZZO!
29' Numerosi assenti anche per la Casertana, che deve fare a meno di Marano, Mancino e Agodirin. Peppe Mattera, ex Ischia, fuori per infortunio da inizio stagione, dovrebbe tornare a disposizione nel prossimo turno
32' Ammonito Vincenzo Pepe del Messina
32' Ammonito Cissè per la Casertana
34' RADDOPPIO DELLA CASERTANA CON BIANCO!
36' TRIS DELLA CASERTANA! ANCORA BIANCO!
37' Gianluigi Bianco, difensore, realizza il terzo gol in questo campionato e si ripete dopo lo straordinario gol con il Cosenza. E pensare che non si tratta di un difensore col vizio del gol: in 9 stagioni ha realizzato 7 reti, comprese le due realizzate oggi
39' QUARTO GOL DELLA CASERTANA! IN RETE ALESSANDRO!
40' Ammonito Danilo Alessandro della Casertana
41' Primo gol in stagione per Alessandro, reduce della felice annata al Real Vicenza: 19 gol in 39 presenze per lui
45' +2 CINQUINA DELLA CASERTANA! MANCOSU!
Padroni di casa annichiliti, si ripete l'incubo del match con il Matera. I siciliani non sono mai riusciti a rendersi pericolosi; gli ospiti, invece, hanno colpito per cinque volte in altrettante occasioni, trovando un Lagomarsini spesso impreparato. Spicca la rete del 2-0 di Gianluigi Bianco: un tiro da fuori area con la sfera all'incrocio dei pali. 
L'incubo per i siciliani inizia al 21' con il gol di testa di Antonazzo su cross di Alessandro. Al 34' l'eurogol di Bianco, che si ripete due minuti dopo, con un tiro cross dalla distanza: Lagomarsini è fuori dai pali e viene superato. Il 4-0 è siglato da Alessandro che va di testa dopo una traversa colta da Cissè. Il pokerissimo porta la firma di Mancosu: anche lui tira dalla lunga distanza, con il portiere siculo fuori dai pali.
51' Marco Mancosu, classe 88, è al primo anno a Caserta. Negli scorsi due anni ha militato nel Benevento, siglando 15 gol in 58 partite. Mancosu ha esordito in serie A, nel Cagliari, nella stagione 2006-07: 13 presenze e un gol in massima serie per lui
55' Sono quattro gli ex della partita. Nella Casertana ecco Fumagalli (nel 2002-03 in B in Sicilia, nessuna presenza per lui) e D'Alterio (tra il 2001 e il 2005 in A e in B con il Messina, con cui ha totalizzato 35 gettoni in campionato. Nel 2011-12 un'altra esperienza, questa volta in Serie D).
57' Tra gli ex, nelle fila del Messina troviamo Caldore, che nel 2011-12 ha militato nella Casertana tra i dilettanti (21 presenze); l'altro ex è il tecnico Grassadonia, che tra il febbraio e il maggio 2011 ha allenato i casertani
58' Prima sostituzione per il Messina: esce V.Pepe, entra Bonanno
59' Il neoentrato Tommaso Bonanno, classe 95', è un prodotto del vivaio del Messina. Quest'oggi è alla seconda presenza in Lega Pro Unica
62' Secondo cambio per il Messina: esce Cane, entra Marin
63' Vlad Marin è un terzino sinistro, di nazionalità rumena, prelevato nell'ultima sessione di mercato dalla Juventus. È all'esordio tra i professionisti: l'anno scorso i bianconeri lo hanno ceduto in prestito alla Roma.
66' Sostituzione per la Casertana. Esce Bruno entra D'Alterio
71' GOL DEL MESSINA. STEFANI SU RIGORE! 
72' Secondo cambio per la Casertana: esce Carrus, entra Rajcic
73' Mirko Stefani, classe '84, realizza così il suo 26esimo gol in carriera. Non male per un difensore
74' L'ultimo entrato in casa Casertana, Salvatore D'Alterio (classe 1980), ha iniziato la sua carriera proprio nella città campana, nella stagione 96-97. Poi il trasferimento a Nocerino, punto di partenza di un lungo girovagare. Nel 2012-13 il difensore è tornato in maglia rossoblu, con cui ha realizzato 6 reti in carriera, tutte tra i dilettanti
77' Ammonito Bianco della Casertana
79' La Casertana, che non perde dal 13 settembre scorso (sconfitta interna con la Juve Stabia), con questa vittoria balza in piena zona play-off
81' L'ultima vittoria del Messina risale al 12 settembre, quando espugnò il Granillo di Reggio Calabria per 1-0, con rete di Orlando
82' Espulso Enrico Pepe per doppia ammonizione. Il difensore paga un fallo da dietro
83' Cambio per la Casertana: esce Alessandro, entra Chiavazzo
84' Per il Messina entra Bortoli ed esce Orlando
85' Esordio in questa stagione anche per Marco Bortoli, centrocampista classe 1994 in prestito dal Milan
86' Espulso il neoentrato Bortoli per un'entrata pericolosa
89' La Casertana finora ha siglato 12 reti, comprese le 5 di oggi. Un dato curioso: il capocannoniere della squadra è il terzino Bianco, autore di tre reti. Gli altri ad andare in gol, tutti per una volta, sono Antonazzo, Alessandro, Mancosu, Cruciani, Mancino, Murolo, Diakitè, Idda e Cissè.
Finisce 1-5 al San Filippo. Ennesima batosta per il Messina, con i tifosi che fischiano i giocatori di Grassadonia. Convincente la prova della Casertana, che nel secondo tempo ha tolto il piede dall'acceleratore, evitando così un passivo veramente esagerato ai siciliani
La rete della bandiera per i peloritani l'ha messa a segno il difensore Mirco Stefani su rigore, nato da un errore in fase difensiva dell'ex D'Alterio. L'unica azione degna di nota dei padroni di casa è, al 65', il tiro al lato di Orlando da posizione defilata. La squadra del presidente Lo Monaco ha deluso soprattutto per l'atteggiamento messo in campo, con la difesa e Lagomarsini troppo spesso impotenti difronte gli attacchi di Cissè e compagni. Mattatore di giornata è stato il difensore Gianluigi Bianco, autore sul 2-0 di un gol straordinario
Il Messina, penultimo con 4 punti, ospiterà il Lecce, domenica prossima alle 15.00 La Casertana, ora terza in classifica con 11 punti, affronterà il Matera venerdì sera, alle 19.30.
 
MESSINA – CASERTANA 1-5
MESSINA. Lagomarsini, Cane (dal 16’ st Marin), Donnarumma, Benvenga, Pepe E., Stefani, Pepe V. (dal 13′ st Bonanno), Bucolo, Orlando (dal 39’ st Bortoli), Izzillo, Nigro. 
A disposizione Iuliano, De Bode, Damonte, Corona. Allenatore Grassadonia.
CASERTANA. Fumagalli, Bruno (dal 21’ st D’Alterio), Bianco, Carrus (dal 27’ st Rajcic), Idda, Murolo, Antonazzo, De Marco, Cissè, Mancosu, Alessandro (dal 28’ st Chiavazzo). 
A disposizione D’Agostino, Tito, Pontiggia, Diakitè. Allenatore Gregucci.
ARBITRO. Francesco Fiore di Barletta; assistenti: Simone Zanella di Latina e Tommaso Diomaiuta di Albano Laziale.
MARCATORI. Antonazzo al 21’ pt, Bianco al 33’ pt, Bianco al 35’ pt, Alessandro al 39’ pt, Mancosu al 46’ pt, Stefani (rIG.) al 26’ st.
NOTE. Spettatori 2400 circa. Ammoniti E. Pepe (4’ pt), Carrus (12’ pt), Cissè (31’ pt), V. Pepe (31’ pt), Alessandro (39’ pt), Bianco (32’ st); espulsi E. Pepe al 37’ st per somma di ammonizione, e Bortoli al 41’ st per fallo su Bianco. Angoli 3-2 per Messina; recupero 2’ pt, 3’ st.

 

 
Mercoledi 24 settembre 2014
Bianco-gol regala alla Casertana la seconda vittoria consecutiva.
 
Vittoria doveva essere e vittoria è stata. Con un gran gol di Bianco al 9° del primo tempo la Casertana torna alla vittoria al Pinto e ritrova una classifica più serena dopo un inizio di campionato un po’ stentato.
Non è stata proprio una bella partita quella degli uomini di Gragucci, ma sostanza e determinazione l’hanno fatta da padrone. La difesa rocciosa della Casertana, che con Idda e Murolo ha innalzato una vera barriera insormontabile per gli avanti silani, permette alla squadra rossoblu di non subire gol per la seconda gara consecutiva, e Fumagalli è stato spettatore non pagante per tutti i 90 minuti.
Da migliorare di sicuro la fase offensiva, nonostante siano stati accantonati i lanci lunghi e le palle alte, la squadra non riesce a trovare le giuste trame offensive, e sacrifica il bomber Cissè a un duro e sporco lavoro lontano dall’area di rigore. 
Ma i margini di miglioramento ci sono tutti, perché Carrus ha preso in mano la squadra ed è sempre più il padrone del centrocampo e il fantasista Mancosu, complice la condizione fisica che va giornata dopo giornata migliorando, è sempre più inserito nel gruppo rossoblu. Non ci resta quindi che essere fiduciosi per il futuro.
Da segnalare, tra le cose più belle della serata, il gemellaggio storico tra le due tifoserie, che con striscioni e cori hanno manifestato ancora una volta la reciproca amicizia.
La nota dolente della serata invece arriva dal “Pinto”, in particolare dal suo impianto di illuminazione. Non so di chi sono le responsabilità, ma Caserta e la Casertana agli occhi dell’Italia non ha fatto certo una bella figura. Corriamo ai ripari!!!
Intanto godiamoci questa vittoria importante e prepariamoci al meglio alla difficile trasferta di Messina.
 
 
La cronaca della gara (fonte tuttolegapro.com).
 
Sfida importante quella di stasera. Un successo del Cosenza potrebbe dare la svolta al cammino del club silano mentre la sconfitta potrebbe voler dire esonero per Cappellacci.
La gara sarà diretta da Daniele Rasia di Bassano del Grappa che sarà coadiuvato dai guardalinee Francesco Gnarra di Siena e Antonio Donvito di Monza. Il fischietto veneto ha già diretto in questa stagione una gara del girone A (Albinoleffe-Como 0-2) ed una del girone B (Tuttocuoio-Carrarese 0-0).
La Casertana si schiera con il solito modulo 4-2-3-1 con Idda e Murolo al centro della difesa, Bruno e Bianco sono gli esterni. A centrocampo orchestra il gioco dei falchetti Carruss assistito da De Marco. In avanti a ridosso della punta Cissé, Gregucci schiera sulle fasce Mancosu e Antonazzo mentre in posizione centrale di regista ci sarà Mancino.
Solito assetto tattico anche per il Cosenza che schiera il 4-3-3 con la coppia inedita Tedeschi-Magli al centro mentre Blondett e Ciancio dovrebbero andare sulle fasce. Il terzetto in mediana dovrebbe essere caratterizzato da Arrigoni in cabina di regia con il supporto di Corsi e l'esordiente cosentino Fornito. In avanti Cori sarà la punta con Alessandro e Calderini che agiranno sulle corsie esterne.
20:48 La gara non è ancora partita per un guasto al funzionamento dei riflettori. Lo stadio è praticamente al buio. Le squadre si trovano ancora negli spogliatoi. L'Alberto Pinto è praticamente al buio.
20:59 Il black-out che sinora ha lasciato al buio il Pinto pare stia gradualmente svanendo. I riflettori cominciano ad illuminare il terreno di gioco.
Presenza molto nutrita di tifosi del Cosenza, uniti da un gemellaggio storico con la tifoseria locale. I tifosi calabresi si sono sistemati sugli spalti centrali del Pinto con sciarpe, striscioni e bandiere.
21:03 In questo istante le squadre fanno finalmente il loro ingresso in campo.
21:11 Squadre in campo che palleggiano in attesa che la gara prenda avvio.
21:13 Squadre al centro del campo.
1' La Casertana cerca la vittoria per dare seguito alla sua squadra che cresce e che può puntare ad un campionato ambizioso
3' Cosenza in campo con una casacca bianca e calzoncini bianchi. Casertana in campo con una maglia verde e calzoncini blu
6' Casertana e Cosenza si sono incontrate 28 volte al Pinto. La bilancia pende dalla parte dei campani con dieci vittorie contro le cinque dei calabresi (o forse sarebbe corretto dire sette, se consideriamo due vittorie ottenute tavolino nell’anno in cui la Casertana si ritirò dal torneo).
7' Il precedente più recente è riferito alla passata stagione in cui nel mese di settembre il Cosenza sbancò Caserta con un gol in pieno recupero siglato da Simone De Angelis.
8' L'attaccante di Castellammare di Stabia oggi è presente in tribuna ma ha già collezionato la prima convocazione in questa stagione.
9' Corner per i falchetti
9' GOL della CASERTANA! RETE DI BIANCO
10' ammonito Calderini
14' Il pubblico incita le due squadre sin dal primo minuto. La rappresentanza dei tifosi ospiti è molto nutrita e molto calda. Peccato che il Pinto stasera non sia pieno ma è in ogni caso una festa del calcio
16' Le due tifoserie sono storicamente gemellate. Prova ne è che nei giorni che hanno preceduto la vigilia del match la Casertana ha attivato il servizio ‘Porta un Amico’ per consentire ai tifosi silani, in possesso di Supporter Card, di acquistare contestualmente anche un tagliando per un non tesserato.
20' Ammonito Ciancio
21' Nella stagione 2012-2013 nel girone G di serie D Casertana e Cosenza si incontrano agli ottavi di finale-play off e i falchetti hanno la meglio seppure ai calci di rigore. Poi la Casertana farà fuori prima il Matera e in semifinale play-off la Turris. In finale però la squadra campana dovrà arrendersi alla Virtus Vecomp Verona.
23' Destini incrociati di falchetti e lupi della Sila. Entrambi vengono ripescati per disputare il campionato di Lega Pro 2013-2014. Un ritorno dopo appena due anni nel dilettantismo per la Nuova Cosenza del presidente Guarascio mentre un rientro nel professionismo per la Casertana del presidente Lombardi da ben sedici lunghi anni.
26' Nella passata stagione i falchetti hanno ottenuto la promozione in Lega Pro unica sotto la guida del tecnico toscano Guido Ugolotti (subentrato in corsa ad Ezio Capuano, esonerato alla terza d’andata) collezionando diciannove risultati utili consecutivi (record societario). I Lupi silani invece si sono guadagnati la promozione in Lega Pro con l’attuale allenatore, Roberto Cappellacci.
27' Nella passata stagione proprio nel mese di settembre ci fu il debutto nel professionismo al Pinto per la Casertana che avvenne peraltro in un clima di festa sugli spalti perché l’avversaria, ieri come oggi, era proprio il Cosenza.
27' In quella circostanza l’attaccante del Cosenza, Simone De Angelis (oggi convocato ma in tribuna), faceva parte della comitiva silana in trasferta e rovinò (si fa per dire) la festa ai tifosi di marca campana siglando il gol-vittoria al 93’. La punta di Castellammare di Stabia andò in gol anche nel retour-match innescando la rimonta del Cosenza, sotto per 0-2, ma la gara si chiuse sul 2-2 al San Vito.
31' Casertana sempre in vantaggio sul Cosenza per una rete a zero mentre due sono stati i corner battuti dai falchetti
34' Corner per la Casertana
35' Ammonito Arrigoni, terzo giallo per il Cosenza
39' Ammonito Murolo. Primo cartellino giallo per la Casertana
40' Primo corner per il Cosenza
41' Secondo corner per il Cosenza
45' +2 Ammonito il capitano della squadra campana Carrus
22:02 Termina la prima frazione di gioco al Pinto. Casertana in vantaggio grazie al gol in avvio di Bianco. Squadre negli spogliatoi.
47' Si riparte dal vantaggio della Casertana siglato da Gianluigi Bianco. Primo centro stagionale per il difensore dei falchetti
56' Sette gol sinora per la Casertana in campionato e tutti siglati da calciatori diversi: tre attaccanti (Cissè, Cruciani e Diakité) un trequartista (Mancino) e tre difensori (Murolo, Idda e Bianco).
59' Chiavazzo prende il posto di Antonazzo
60' Chiavazzo si piazza nel tridente d'attacco a sinistra mentre Mancino si sposta a destra.
62' Infortunio a Mancino
62' Cunzi prende il posto dell'infortunato Mancino
63' Non cambia nulla in avanti per i falchetti perché Cunzi prende la posizione di Mancino a sinistra
65' Terzo ammonito per la Casertana, Mancosu
66' Il computo dei cartellini gialli adesso sale a sei, tre per parte
69' Terzo corner per il Cosenza
74' La Casertana cambia la punta. Dentro Ricciardo per Cissè
74' Corner per il Cosenza
74' Quinto corner per il Cosenza
76' Mosciaro sostituisce Alessandro
76' Tortolano sostituisce Cori
76' Nello scacchiere di Cappellacci non cambia nulla ma il tecnico di Giulianova inserisce forze fresche
82' Criaco prende il posto di Fornito
83' Quarta ammonizione per la Casertana. Giallo per De Marco
89' Quarto cartellino giallo anche per il Cosenza. Ammonito Blondett
90' +1 Quattro minuti di recupero
23:05 E' finita. La Casertana batte il Cosenza di misura grazie ad un eurogol di Gianluigi Bianco che sugli sviluppi del primo corner dei falchetti, scaglia un gran tiro al volo di sinistro su cui il giovane portiere Saracco non può far nulla. Il Cosenza non punge nonostante provi a reagire nella prima frazione di gioco. Nella ripresa i silani appaiono più aggressivi ma la Casertana si limita a controllare tranquillamente i tentativi d'attacco dei lupi della Sila. Sul finale Roberto Cappellacci le tenta tutte anche cambiando in parte il tridente d'attacco. I risultati però non si notano ed il Cosenza inanella la terza sconfitta consecutiva. Ricordiamo che la partita ha avuto inizio con circa mezz'ora di ritardo a causa di un guasto al funzionamento dei riflettori dell'impianto sportivo di Caserta. Segnaliamo una presenza corposa di tifosi del Cosenza che con sciarpe, bandiere e striscioni hanno inneggiato per tutti i novanta minuti ai propri beniamini in un clima festante anche per il gemellaggio con la tifoseria di casa. Da domani tutta l'attenzione sarà rivolta al sentitissimo derby con il Catanzaro, che da stasera con la sconfitta interna per opera del Matera perde la vetta della classifica. Si preannuncia una settimana sul filo del rasoio per l'allenatore del Cosenza che, se dovesse restare al suo posto, potrebbe trovare una svolta nel derby del San Vito con il Catanzaro. Si sa che i derby sono partite che fanno storia a sé.
 
 
LE PAGELLE DEI ROSSOBLU
FUMAGALLI – 6. Praticamente inoperoso per tutta la partita, è chiamato in causa solo su qualche traversone e lancio lungo, ma si fa trovare sempre pronto. Puntuale.  
BRUNO – 7. Cresce di partita in partita, difendendo con grande determinazione e non disdegnando la fase offensiva. Davvero una bella sorpresa. Determinato.
BIANCO – 8. Suo l’eurogol che da la vittoria alla Casertana, ma la sua prestazione è davvero importante con una fase difensiva davvero impeccabile e tanta tanta esperienza a servizio della squadra. Goleador.
CARRUS – 7.5. Prestazione di altissimo livello; sempre nel vivo dell’azione distribuisce palloni con precisione e diligenza: è il cervello della squadra. Regista.
IDDA – 7. Sempre attento e preciso, non concede niente agli avanti cosentini. Impeccabile. 
MUROLO – 7.5. Dalle sue parti non si passa; costituisce con Idda una coppia centrale di altissimo livello. Insuperabile.
ANTONAZZO – 6. Da il suo contribuito alla causa, preoccupandosi più della fase difensiva che di quella offensiva. Può fare di più.
DE MARCO – 7. Gioca da veterano, rincorrendo avversari e recuperando palloni importanti. Ha la stoffa del campione e si vede. Predestinato.
CISSE’ – 6. Partita generosa, con tanto movimento e tentativi di far salire la squadra. Buono anche il fraseggio con i compagni di reparto, ma non vede mai la porta. Generoso. 
MANCOSU – 6.5. Buona partita del fantasista sardo; in campo c’è e si vede con diverse giocate importanti, ma ha bisogno di continuità. Presente.
MANCINO – 6.5. Solito contributo per la squadra; forse l’unico che inventa qualcosa e prova a rendersi pericoloso; un infortunio lo mette fuori gioco. Pericoloso. 
CHIAVAZZO – 6. Sostituisce Antonazzo a inizio ripresa e gioca alto in un ruolo non suo, prova a dare il suo contributo, ma in realtà entra poco nel vivo delle azioni. Da rivedere. 
CUNZI – 6.5. Ottimo impatto sulla partita; determinazione e cattiveria agonistica non gli mancano. Deciso.
RICCIARDO – 6. Pochi minuti di gioco al posto di Cissè, prova a mettersi in mostra, anche se non sempre supportato dalla squadra. Generoso.
GREGUCCI – 7. Seconda partita consecutiva senza subire gol: è evidente che la fase difensiva è stata messa a punto. Da perfezionare ora la fase offensiva, perché gli avanti rossoblu hanno creato davvero poco. La cosa importante però resta il fatto che la squadra è entrata in campo con la giusta determinazione. Motivatore. 
 
 
CASERTANA – COSENZA 1-0
CASERTANA. Fumaglali, Bruno, Bianco, Carrus, Idda, Murolo, Antonazzo (58’ Chiavazzo), De Marco, Cisse (73’ Ricciardo), Mancosu, Mancino (61’ Cunzi).
A disposizione D’Agostino, D’Alterio, Tito, Rajcic. Allenatore Angelo Adamo Gregucci.
COSENZA. Saracco, Blondett, Ciancio, Corsi, Tedeschi, Magli, Fornito (81’ Criaco), Arrigoni, Cori (75’ Tortolano), Calderini, Alessandro (75’ Mosciaro).
A disposizione Puterio, Bertolucci, Zanini, Sassano. Allenatore Roberto Cappellacci.
ARBITRO. Daniele Rasia della sezione di Bassano del Grappa; assistenti Gnarra di Siena e Donvito di Monza.
MARCATORE. Bianco 8’ (CA).
NOTE. Terreno in buone condizioni. Partita iniziata con trenta minuti di ritardo, causa black-out all'impianto elettrico. Spettatori 2.500cira, con 150 provenienti da Cosenza. Ammoniti Calderini, Ciancio, Corsi, Murolo, Carrus, Mancosu, De Marco, Blondett. Angoli: 4-5. Recupero: 2’ pt; 4’ st.
 


 
Sabato 20 settembre 2014
La Casertana passa a Pagani e conquista la prima vittoria
 
La cronaca della gara (fonte tuttolegapro.com).
 
Tutti e due gli allenatori hanno deciso di apportare delle varianti alle proprie formazioni rispetto a quelle mandate in campo nel turno precedente. Per quanto riguarda la Casertana, Gregucci dovrebbe schierare Chiavazzo a sinistra, De Marco a centrocampo e Alvino a ridosso degli attaccanti. Invece in casa Paganese gioca dall'inizio la punta Girardi, c'è a centrocampo Deli e c'è in difesa Moracci.
Entrambe le squadre arrivano da una sconfitta: la Paganese è stata superata ad Aprilia dalla Lupa Roma, la Casertana è stata battuta in casa in un altro derby dalla Juve Stabia. 
La classifica vede la Casertana a 2 punti (pareggi con Reggina e Aversa), la Paganese di punti ne ha solo uno (frutto del pareggio di Matera).
Si comincia. Squadre già schierate.
1' Ha battuto il calcio d'avvio la Casertana, in maglia verde fluorescente, contro la Paganese che gioca in tenuta azzurra.
5' Questa partita inizialmente era stata programmata per le 19,30, ma la prefettura di Salerno ha ravvisato problemi di ordine pubblico e la Lega Pro ha fissato nuovamente il calcio d'avvio alle 15.
9' Ha cominciato bene la squadra di Cuoghi, che ha subito cercato di affidarsi a Caccavallo per mettere in difficoltà la Casertana.
12' Siamo sempre sullo 0-0 a Pagani.
15' Nella Paganese manca Marco Cuoghi, seconda punte, figlio dell'allenatore, perché non è ancora al meglio della condizione; invece nella Casertana è squalificato il terzino D'Alterio.
20' Tra i giocatori che non ci sono nella Casertana anche Nicola Mancino, che aveva giocato le prime tre partite: non se ne conoscono le motivazioni.
24' In campo fa piuttosto caldo, difatti i giocatori stanno già cominciando a dissetarsi.
25' Si scalda nella Paganese Bergamini. Baccolo forse non ce la fa.
27' Ecco il primo cambio nella Paganese: esce Baccolo ed entra Bergamini, centrocampista come pure Baccolo.
29' Siamo quasi al trentesimo, il risultato a Pagani non si sblocca tra Paganese e Casertana.
32' RETE! CASERTANA IN VANTAGGIO CON IDDA!
33' Calcio di punizione battuto dalla Casertana con Carrus verso il centro, prova a staccare Diakité, subentra poi Idda che infila in rete il gol dell'1-0. Gioiscono anche le poche centinaia di tifosi casertani presenti al Torre.
36' Problemi fisici per Diakité, mister Gregucci lo sostituisce con Cissé.
36' Karamoko Cissé, ex Verona, ha segnato in 4 stagioni con l'Albinoleffe 17 gol, dopo che in maglia gialloblù ne aveva segnato solo uno in 23 apparizioni.
38' Sta giocando bene Chiavazzo nel ruolo di terzino, ma oggi la Paganese ha qualche difficoltà a fare gioco sulle fasce.
42' Ci avviciniamo all'intervallo di Paganese-Casertana, e il risultato è di 1-0 per gli ospiti con gol di Idda.
45' Stiamo per sapere di quanto sarà il recupero al Marcello Torre. Due le sostituzioni nel primo tempo, quindi ci si aspetta almeno un minuto.
45' +1 Tre minuti di recupero.
45' +3 Fine primo tempo.
E' in vantaggio per 1-0 la Casertana a Pagani contro la Paganese. Poche le conclusioni nell'arco del primo tempo, una sola delle quali determinante, quella di Idda che al minuto 32 ha ribadito in rete un pallone sugli sviluppi di una punizione. Al di là di uno sterile possesso di palla sono da segnalare poche occasioni per i locali, una delle quali poteva valere l'uno a uno con un tiro di Girardi alto.
46' La Paganese, sotto di un gol, cercherà di giocare con più grinta e con maggiore velocità rispetto al primo tempo.
49' I locali hanno scelto di verticalizzare di più, ma è sempre 1-0 per la Casertana.
51' Gregucci, l'allenatore della Casertana, ricorre ora ad Antonazzo: prende il posto di Alessandro.
55' RETE DI CISSE'! RADDOPPIA LA CASERTANA!
55' Immediatamente dopo il gol Cuoghi toglie Djibo per il fluidificante Armenise, ma la Paganese perde 2-0.
56' Grande assist di Mancosu per Cissé che si è fatto trovare in posizione regolare e ha depositato in rete il pallone dopo aver aggirato Marruocco: è nato in questo modo il gol del raddoppio casertano.
62' Paganese che manda ora in campo una punta, Bussi, al posto di Vinci. Azzurrostellati a trazione anteriore. Già con l'ingresso in campo di Armenise la Paganese ha accelerato, ma la Casertana si sta difendendo in maniera egregia.
64' Girandola di cambi. E' ancora il turno della Casertana, esce Mancosu e ricompare dopo un lungo periodo di stop Ivan Rajcic.
66' Ivan Rajcic, centrocampista spalatino, ha saltato tutta la stagione 2013-2014 a causa di una squalifica ricevuta per il suo coinvolgimento nel calcioscommesse, relativo a una sua esperienza precedente nel Bari.
69' Benché Paganese e Casertana si stiano affrontando in un derby, finora l'arbitro Morreale di Roma non ha dovuto estrarre alcun cartellino. E' una partita sostanzialmente corretta in campo e fuori.
71' A venti minuti dalla fine la Casertana conduce per 2-0 a Pagani. Fino adesso la retroguardia di Gregucci non ha concesso granché agli avversari.
75' Il quadro si fa sempre più difficile per la Paganese perché il tempo passa e gli azzurrostellati non riescono a impensierire la retroguardia casertana.
75' Solo un episodio permetterebbe ai locali di riaprire la gara.
76' TRAVERSA DELLA PAGANESE! CACCAVALLO su punizione ha scavalcato la barriera ma la palla non è finita in rete.
82' Ammonito Bergamini per la Paganese. E' stato segnalato dal signor Morreale un fallo del centrocampista della Paganese su Rajcic.
85' Cinque minuti al novantesimo: al Marcello Torre di Pagani è sempre sul 2-0 la Casertana
90' +1 3' di recupero oltre il novantesimo.
90' +1 Alla Paganese non restano che i tiri dalla distanza.
90' +3 Giallo anche per Armenise.
90' +3 Intervento scorretto del terzino su Antonazzo.
La partita a Pagani è finita. Paganese battuta per 2-0 dalla Casertana e sommersa dai fischi dei propri tifosi
Dunque la Casertana vince la prima partita in campionato per 2-0 sul campo della Paganese. Dopo il gol del primo tempo realizzato da Idda è arrivato il raddoppio di Karamoko Cissé, al debutto con la maglia della Casertana. Poco da segnalare per la Paganese se non una traversa di Caccavallo in piena ripresa. Gregucci, allenatore rossoblù, rinsalda la propria posizione, mentre il tecnico della Paganese Cuoghi può rischiare dopo la terza sconfitta consecutiva.
Casertana che passa a 5 punti in classifica, la Paganese resta a quota 1. Nel turno infrasettimanale di mercoledì gli azzurrostellati riceveranno il Messina dell'ex Grassadonia; la Casertana invece avrà in casa una partita ostica con il Cosenza.
 
PAGANESE – CASERTANA 0-2
PAGANESE (3-5-2). Marruocco; Tartaglia Moracci Bocchetti; Vinci (61' Bussi) Deli Baccolo (71' Bergamini) Herrera Djibo (54' Armenise); Girardi Caccavallo. 
A disposizione Casadei, Schiavino, Calamai, Malcore. Allenatore Cuoghi.
CASERTANA (4-2-3-1). Fumagalli; Bruno Idda Murolo Chiavazzo; Carrus De Marco; Alvino Mancosu (64'Rajcic) Alessandro (50'Antonazzo); Diakitè (80' Cissè). 
A disposizione D’Agostino, Tito, Ricciardo, Cunzi. Allenatore Gregucci.
MARCATORI. 31' Idda, 53'Cissè
ARBITRO. Andrea Morreale di Roma; assisitenti: De Filippis di Vasto e Colatriano di Pescara.
NOTE. Spettatori 1500 circa; ammoniti Bergamini (36’ st), Armenise (47’ st); angoli 8-1 per Paganese; recupri: 3’ pt, 3’ st.
 

 
Sabato 13 settembre 2014
La Casertana non sa vincere, Vella condanna i rossoblu! 

La cronaca della gara (fonte tuttolegapro.com).

Mister Gregucci, l'allenatore della Casertana, stupisce un po' tutti con la scelta di lasciare in panchina Mancino a vantaggio di Marano, comunque il modulo tattico dovrebbe essere quello solito.
Gara già delicata per il tecnico della Juve Stabia Pancaro, che lascia fuori Romeo e manda in campo in difesa Migliorini. I gialloblù rimangono con la loro formula a tre punte.
I tifosi della Juve Stabia, circa 200, espongono dal loro settore uno striscione con su scritto "Salutiamo Caserta", e i sostenitori di casa ringraziano con un applauso.
L'ultimo precedente tra Casertana e Juve Stabia riguarda la stagione di Serie D 2013-2014: finì 1-1. Alla fine di quel campionato gli stabiesi guadagnarono l'accesso alla C2, mentre i casertani accedettero ai play-off.
La classifica vede la Juve Stabia a 1 punto, la Casertana ha invece 2 punti.
Ecco le squadre pronte per entrare in campo. La Casertana conferma la tradizionale divisa rossoblù, in maglia bianca la Juve Stabia.
Tra i presenti allo stadio l'allenatore Salvatore Marra, il suo abituale secondo D'Angelo, ma anche Salvatore Di Somma, ex allenatore degli stabiesi e oggi ds del Benevento.
Saranno gli stabiesi a dare il calcio di avvio.
Arbitro il signor Illuzzi di Molfetta, assistito dai guardalinee Pollaci di Palermo e Di Stefano di Brindisi

2' In difesa per la Casertana il centrale è D'Alterio, che sostituisce Idda squalificato.
5' Il portiere della Casertana Ermanno Fumagalli ha fatto parte della rosa della Juve Stabia che raggiunse la Serie B con l'allenatore Braglia e con il numero 8 rossoblù Marano.
10' In dieci minuti circa di gara la Casertana ha dimostrato di voler subito mettere in difficoltà i bianchi di Pancaro, che aspettano e cercano di ripartire.
11' Ammonizione per Bacchetti. Il difensore stabiese era stato saltato da Marano e lo ha messo giù meritandosi l'ammonizione.
14' La punta centrale della Casertana è Adama Diakité, giocatore che ha realizzato il suo primo gol con la maglia rossoblù in un altro derby, con l'Aversa Normanna.
18' Da alcuni minuti è la Juve Stabia che sta cercando di tenere palla avanti e di subire di meno la Casertana.
21' I tifosi hanno esposto uno striscione per la figlia di Michel Cruciani: "Non mollare, Caserta è con te". Bel gesto.
25' La difesa della Juve Stabia sembra essersi assestata meglio contro la Casertana.
27' Siamo sempre sullo 0-0 tra Casertana e Juve Stabia, ma la partita si sta accendendo.
30' Potremmo stimare circa 4500 tifosi allo stadio Pinto di Caserta, seicento dei quali arrivati da Castellammare.
35' A mettere in difficoltà la Casertana è soprattutto il contropiede della Juve Stabia, perché i padroni di casa si aprono troppo.
41' Giallo per Mancosu della Casertana. Gioco falloso del rifinitore, che l'arbitro ha sanzionato con l'ammonizione.
43' Ci avviciniamo alla chiusura del primo tempo, a Caserta è sempre 0-0 tra Casertana e Juve Stabia nel derby.
45' +1 Casertana che ora cerca di riprendere quota.
45' +2 Due minuti oltre il quarantacinquesimo.
Il primo tempo si è appena concluso.
Ritmi alti da parte di entrambe le formazioni, si è vista una Juve Stabia decisamente più concentrata che nella precedente partita. La Camera è andato al tiro dalla distanza per i gialloblù, mentre per la Casertana è Diakité quello che cerca di mettere in difficoltà la retroguardia ospite.
Tra poco il secondo tempo del derby.
46' Ricomincia il secondo tempo.
47' La Juve Stabia ha mandato in campo all'inizio del secondo tempo il difensore Romeo al posto di Bacchetti.
49' Risposta della Casertana con Mancino che sostituisce Mancosu.
53' Ammonito Cruciani per la Casertana. Intervento irregolare a centrocampo del mediano, che è stato ammonito.
55' D'Alterio riceve anch'egli un giallo. Era lanciato in contropiede Ripa che si è fermato ed è stato messo giù dal difensore casertano.
59' Ammonito D'Alterio che verrà espulso per doppia ammonizione, la seconda per gioco falloso su Ripa
60' Gregucci manda in campo il difensore Antonazzo per Alessandro. Potrebbe scalare al centro della difesa Bruno.
61' E' la seconda volta consecutiva che la Casertana finisce in dieci. La Juve Stabia ora gioca con un uomo in più.
65' Giallo per La Camera. Ammonizione per il centrocampista per gioco falloso.
68' Seconda sostituzione negli stabiesi, c'è la punta Di Carmine per Bombagi. Pancaro vuole vincere.
72' Juve Stabia che cerca di far valere l'uomo in più contro una Casertana ora più in difficoltà.
80' Dieci minuti alla fine del derby che non si sblocca. Siamo sempre sullo 0-0.
84' Ancora una sostituzione per la Juve Stabia: c'è Vella per Nicastro.
84' Terzo cambio nella Casertana, in campo Ricciardo, centravanti, al posto dell'altro centravanti Diakité.
87' JUVE STABIA IN VANTAGGIO! VELLA! Appena entrato segna! Vella è entrato da solo in area e ha concluso in diagonale senza che Fumagalli potesse farci nulla.
87' A pochi minuti dalla fine è ora più difficile per la Casertana in dieci riuscire a recuperare il risultato.
90' Ammonito Bianco per la Casertana. L'ammonizione è stata inflitta al difensore per gioco falloso su Cancellotti
90' +1 La Juve Stabia sta amministrando saggiamente il risultato di 1-0 a Caserta.
La partita si conclude dopo 2' di recupero.
A Caserta la Juve Stabia ha vinto, piuttosto a sorpresa contro la Casertana per 1-0. A decidere la partita il gol di Vella a pochi minuti dalla fine, con i casertani ridotti in dieci a trenta minuti dalla fine. Juve Stabia che passa dunque a 4 punti e l'allenatore Pancaro si "rappacifica" con quei tifosi che l'avevano contestato.

CASERTANA – JUVE STABIA 0-1
CASERTANA. Fumagalli, Bruno, Bianco, Carrus, D’Alterio, Murolo, Alessandro (60’ Antonazzo), Marano, Diakitè (83’ Ricciardo), Mancosu (46’ Mancino), Cruciani. 
A disposizione D’Agostino, Rajcic, Chiavazzo, Cunzi. Allenatore Gregucci.
JUVE STABIA. Pisseri, Cancellotti, Contessa, La Camera, Migliorini, Bacchetti (46’ Romeo), Nicastro (81’ Vella), Jiday, Ripa, Bombagi (67’ Di Carmine), Gammone. 
A disposizione Fiory, Romeo, Liotti, D’Ancora, Osei. All. Pancaro
ARBITRO. Lorenzo Illuzzi della sez. AIA di Molfetta. Assistenti Pietro Carlo Pollaci della sez. AIA di Palermo e Gianluigi Di Stefano della sez. AIA di Brindisi.
MARCATORE. 87’ Vella (J).
NOTE. Serata piacevole, campo di gioco in discrete condizioni. Spettatori 5.000 circa, con almeno trecento sostenitori giunti da Castellammare. 
Ammoniti Bacchetti, Mancosu, Cruciani, Bombagi, Jidayi, Bianco. Espulso al 58’ D’Alterio (C) per doppia ammonizione. Angoli 5 a 1 per la Casertana. Recupero: 2’ pt e 2’ st.


Domenica 7 settembre 2014
Ancora beffata nel finale, la Casertana fa 2-2 anche con l’Aversa!

Questa volta il gol è arrivato al 93’, ma come accaduto domenica scorsa al Granillo, anche stavolta la Casertana si è vista raggiunta sul 2-2 solo nel finale. Peccato perché la Casertana vista al Pinto ha dimostrato di essere nettamente superiore dell’avversario, ma una serie di episodi sfavorevoli e forse la mancanza di cinismo hanno permesso agli uomini di Novelli di strappare un importante pareggio all’ombra della Reggia.
In una cornice spettacolare, il colpo d’occhio dei distinti è da brividi, la Casertana parte subito forte alla ricerca del vantaggio, che trova dopo una quindicina di minuti, con uno stacco imperioso di Murolo che colpisce sugli sviluppi di un calcio d’angolo.
Trovato il vantaggio i falchetti rallentano un pochino permettendo agli aversani di alzare il baricentro e cercando, quindi, di colpire in contropiede; ed in effetti l’occasionissima per raddoppiare arriva ed è anche la più facile. Poco dopo la mezz’ora infatti l’arbitro Paolini decreta un calcio di rigore in favore dei rossoblu per un fallo di mano in piena area di rigore. Nicola Mancino però sbaglia il penalty e il risultato resta di 1-0 fino all’intervallo. 
Il secondo tempo si apre con un episodio che condizionerà il resto della gara, l’arbitro questa volta fischia un rigore per i normanni, punendo un intervento di Idda su De Vena lanciato a rete avvenuto proprio al limite: rigore ed espulsione! Lo stesso De Vena spiazza Fumagalli e pareggia.
La Casertana non si scompone e con un grandissimo colpo da fuori area di Diakitè ritrova dopo appena un minuto il gol del vantaggio.
L’Aversa ci mette un po’ a riorganizzarsi, e la Casertana sembra controllare bene nonostante l’inferiorità numerica; poche infatti le occasioni per l’Aversa, mentre i rossoblu cercano di colpire in contropiede.
La beffa però arriva al 93’ quando sugli sviluppi dell’ultimissimo calcio d’angolo Carbonaro raccoglie in piena area e colpisce verso l’angolino, eludendo l’intervento di due difensori appostati sulla traiettoria.
Festa grande per i granata e grande rammarico per i rossoblu, che ancora una volta restano con l’amaro in bocca dopo aver assaporato il dolce sapore della vittoria.
Non è però il momento di abbattersi, i rossoblu devono fare tesoro di quello che è successo in queste prime due giornate di campionato; tante le cose positive viste in campo, ed è proprio da queste che bisogna ripartire, cercando di correggere quegli errori visti sia al Granillo che con l’Aversa. 
Sabato c’è già l’occasione di rifarsi contro la Juve Stabia, ancora al Pinto. La vittoria è ampiamente alla portata, quindi non ci resta che dire: avanti Caserta! 

Di seguito la cronaca della gara (fonte tuttolegapro.com).

Queste le scelte dei due allenatori: Novelli sostituisce lo squalificato Cicerelli con Carbonaro in attacco, mentre Gregucci della Casertana fa debuttare subito il nuovo acquisto Mancosu, arrivato dal Benevento lunedì.
A dieci minuti dall’inizio sono presenti almeno cinquemila spettatori al Pinto di Caserta, cento dei quali da Aversa.
Terna arbitrale interamente marchigiana: l'arbitro Paolini è di Ascoli Piceno, il primo assistente è Giacomozzi di Fermo e il secondo è Vitaloni di Jesi. 
Aversa Normanna e Casertana si incontrano per la prima volta nel terzo livello del calcio italiano. Ambedue le squadre arrivano da un pareggio alla gara d'esordio.
L'Aversa Normanna attaccherà da sinistra a destra guardando la partita dalla tribuna.
1' Comincia il derby di Terra di Lavoro!
3' Si profila subito una Casertana aggressiva in avanti
12' L'Aversa sembra troppo passiva in difesa e i locali stanno attaccando dal principio
16' MUROLO! CASERTANA IN RETE!
17' L'1-0 della Casertana di Murolo è arrivato sugli sviluppi di un calcio d'angolo di Mancino: colpo di testa imprendibile
27' Il numero 8 dell'Aversa Normanna Capua incontra da avversario Gregucci, che lo allenò nella scorsa stagione alla Salernitana
29' Esce fuori il cartellino giallo per Cruciani, primo ammonito del match
29' Il centrocampista casertano si è arrangiato scorrettamente su Muro provocando un calcio di punizione per l'Aversa Normanna
33' L'Aversa Normanna, che sta perdendo per 1-0, rischia perché si sbilancia forse troppo
37' RIGORE PER LA CASERTANA!
37' Sospetto fallo in area da parte un calciatore dell'Aversa Normanna. Mancino all'esecuzione
38' Ammonizione per Capua che ha protestato più degli altri
39' MANCINO SI FA PARARE IL RIGORE da FORTE!
39' Si resta sull'1-0 per la Casertana, ma bravo il portiere a distendersi sulla propria sinistra
43' Ci avviciniamo al quarantacinquesimo sull'1-0 per la Casertana contro l'Aversa Normanna
45' Stiamo per sapere di quanto sarà il recupero. Verosimilmente sarà corposo
45' +1 Solo 2 minuti di recupero
45' +3 Fine primo tempo
La Casertana è in vantaggio per 1-0 nei confronti dell'Aversa Normanna nel derby di Terra di Lavoro. Murolo l'autore della rete. L'Aversa ha tentato di reagire, però si sente l'assenza di una punta centrale di grande classe, e le azioni più pericolose sono state soprattutto di marca rossoblù. Mancino si è fatto parare il rigore del possibile raddoppio da Forte. Tra meno di quindici minuti inizierà il secondo tempo
Tra pochissimi minuti riprenderanno a confrontarsi Casertana e Aversa Normanna sull'1-0 per i falchetti
Squadre in campo. Sembra non ci siano cambi
46' Casertana in maglia rossoblù, aversani in maglia bianca
47' Durante l'intervallo il presidente della Casertana Lombardi è stato premiato da un tifoso casertano con una targa
48' E' stato visto in tribuna allo stadio Pinto di Caserta il ds del Foggia Giuseppe Di Bari
50' RIGORE PER L'AVERSA NORMANNA
50' ESPULSO IDDA, autore del fallo su De Vena
50' Dal dischetto De Vena
51' PAREGGIO DI DE VENA! 1-1 dell'AVERSA NORMANNA CON LA CASERTANA
51' Sostituzione nelle file della Casertana, esce Mancosu ed entra D'Alterio
54' DIAKITE'! VANTAGGIO DELLA CASERTANA!
54' 2-1 della Casertana con un tiro precisissimo dell'attaccante africano che ha battuto Forte!
55' Ammonito Marano, giocatore della panchina della Casertana, per proteste
55' Primo cambio nell'Aversa Normanna, esce Capua ed entra Cardore
56' Esce nella Casertana Mancino ed entra Alvino
59' La Casertana non sembra soffrire più di tanto l'uomo in meno contro l'Aversa
60' Giallo anche per Cardore
60' Gioco falloso del nuovo entrato dell'Aversa Normanna su Diakité che sta giocando benissimo
65' Dopo l'uscita di Mancino, Alessandro si è spostato a sinistra e Alvino è a destra nello schieramento offensivo della Casertana
71' Locali con il 4-4-1 contro l'Aversa Normanna che resta in superiorità numerica
71' Ammonito anche Carbonaro
72' L'esterno offensivo dell'Aversa Normanna non è riuscito a evitare di colpire a gamba tesa un avversario
73' Gregucci mette in campo Cunzi per un applauditissimo Diakité
74' Nella scorsa stagione Diakité ha segnato un gol in 7 partite di Serie B con il Padova: suo è anche il gol che al momento sta dando il vantaggio ai casertani
78' Continua la Casertana a gestire il vantaggio per 2-1 sull'Aversa Normanna: l'undici di casa trascinato dai suoi tifosi ha anche la forza di attaccare
81' Ancora un cambio nelle file aversane: N'Diaye per Muro
84' A pochi minuti dalla fine l'Aversa Normanna spinge molto ma la Casertana è piazzatissima dietro
88' Tra pochi minuti il signor Paolini di Ascoli Piceno decreterà il recupero
90' +1 3' di recupero
90' +3 RETE! CARBONARO PER IL PAREGGIO AVERSANO!
90' +3 Il 2-2 è avvenuto in mischia sugli sviluppi di un calcio d'angolo
Finisce 2-2 tra Casertana e Aversa Normanna al Pinto di Caserta, in maniera inaspettata per gli ospiti dopo quello che i rossoblù hanno creato
Risultato miracoloso dell'Aversa Normanna a pochi secondi dalla fine: perdeva 1-0 a fine primo tempo con gol di Murolo, poi è arrivato il pareggio su rigore di De Vena (espulso), nuovo vantaggio di Diakité per i rossoblù, mentre nel finale, proprio in zona Cesarini, Carbonaro ha realizzato il gol dell'insperato pareggio. Punto d'oro per gli ospiti!
Domenica prossima l'Aversa Normanna sarà ospite della Salernitana nell'atipico match delle ore 11, invece la Casertana ospiterà la Juve Stabia in casa.

CASERTANA – AVERSA NORMANNA 2-2
CASERTANA (4-3-3). Fumagalli, Bruno, Bianco, Carrus, Idda, Murolo, Alessandro, Mancosu (50' D'Alterio), Diakitè (72' Cunzi) , Mancino (55'Alvino) , Cruciani. 
A disposizione D'Agostino, Antonazzo, Chiavazzo,Marano. Allenatore Adamo Gregucci.
AVERSA NORMANNA. Forte,Spessato,Pippa, Zaine,Giovannini, Cardinale, Muro (79' N'Diaye) ,Capua (54' Cardore) ,De Vena,Papa,Carbonaro.
A disposizione Savelloni, Scognamillo, Forino, Gattoni, D'Ursi. Allenatore Raffaele Novelli.
ARBITRO. Sig. Paolini di Ascoli Piceno; assistenti: Giacomozzi-Vitoloni.
MARCATORI. 13' Murolo (C), 50' De Vena (r) (AN), 51' Diakitè (C), 90+3' Carbonaro (AN).
NOTE. Giornata calda e soleggiata, terreno in ottime condizione, spettatori 5000 circa, oltre trecento i supporters granata nel settore ospiti. Ammoniti Cruciani per la Casertana, Capua, Cardore, Carbonaro per l'Aversa Normanna. Espulso Idda per la Casertana. Al 36' Mancino (C) fallisce un rigore. Angoli: 9-6 per la Casertana. Recuperi: 2 pt, 3 st.


Domenica 17 agosto 2014
Battuto anche il Crotone, continua il sogno Tim Cup 
 
La Casertana passa anche a Crotone e si aggiudica la qualificazione al terzo turno eliminatorio in programma prossima domenica a Cesena.
Finisce 4-3 dopo i calci di rigore, dopo che i tempi regolamentari e supplementari si erano chiusi sul punteggio di 0-0; decisive la parata di Fumagalli su Torregrossa e l’ultimo penalty di Chiavazzo.
Ancora buone indicazioni per mister Gregucci, che per l’occasione recupera Alessandro, in campo al posto di Alvino, e Rajcic, in panchina dopo il turno di squalifica.
Buona la prestazione dei falchetti che seppur soffrendo concedono poche occasioni agli squali, non disdegnando di colpire in contropiede; le occasioni più nitide per passare, infatti, le crea il Crotone, soprattutto con Torregrossa che colpisce di testa a colpo sicuro sugli sviluppi di un calcio d’angolo, ma trova come sempre la saracinesca Fumagalli a dire di no. Ma la Casertana risponde colpo su colpo e con Bianco  colpisce la parte alta della traversa. 
E così dopo 120 minuti caratterizzati da un leggero predominio della squadra di casa e dall’ordine con cui si difende la Casertana, si arriva alla lotteria dei rigori che premia la squadra rossoblu, grazie alla decisiva parata di Fumagalli su Torregrossa e al gol vincente di Chiavazzo; in precedenza errori per D’Alterio e Salzano, doppio palo per quest’ultimo.
La Casertana quindi accede al Terzo turno eliminatorio, dove trova il Cesena di mister Bisoli fresco di promozione nella massima serie. Test difficilissimo quindi per il falchetti, che proveranno lo stesso, domenica prossima al Manuzzi di compiere la grande impresa.
 
Di seguito la cronaca scritta della gara (fonte direttaradio.it)
4′ Piccolo infortunio a Dezi, ma dovrebbe riprendere
8′ Salzano per Dezi che non ce la fa
14′ Tiro alto di Alessandro
17′ Tiro di Mancino parato dal portiere
25′ Parte in contropiede il Crotone ma la difesa si salva
29′ Gran botta di mancino deviata di un soffio in angolo dalla difesa
31′ Si rende pericoloso anche il Crotone ora
35′ Ricci per Padovano: conclusione alta
38′ Antonazzo x Cisse infortunato
45′ Ammonito Bianco e fine pt
46′ Si riprende
49′ Troppo centrale il colpo di testa di Antonazzo, in bocca al portiere
52′ Mancino buccia il bel cross di Antonazzo e non indirizza bene54′ Torregrossa x Padovan
58′ De Giorgio ispira Cane che però conclude a lato
62′ Alvino x Mancino
66′ Idda salva una grande palla gol sciupata da Cane
72′ Clamorosa botta di Bianco che colpisce la traversaaaaa!!! Casertana a un passo dal vantaggio
79′ Chiavazzo x Cruciani
84′ Bella azione di Oudamadi che mette in mezzo ma salvo lo scompiglio in area non accade altro
90′ Ultimi due minuti
90+2′ Si va ai tempi supplementari
98′ Carrus al tiro, troppo centrale per Bajza
101′ Fumagalli salva su Torregrossa
105′ Fine pts
109′ Crotone vicino al vantaggio
111′ E ancora il Crotone con Ferrari che sciupa una favorevolissima occasione
114′ Ora la Casertana traccheggia… rigori sempre più vicini
120′ Finita: rigori!
 
CROTONE – CASERTANA 3-4 dcr (0-0)
CROTONE. Bajza, Cane, Claiton, Ferrari, Martella, Suciu, Minotti, Dezi (8'pt Salzano), Ricci, Padovan (10'st Torregrossa), De Giorgio (39'st Oduamadi). 
A disposizione Secco, Cremonesi, Gigli, Zampano, Galardo, Berardocco, Saric, Torromino, Tripicchio. Allenatore Drago.
CASERTANA. Fumagalli, Brunno, Bianco, Carrus, Idda, D’Alterio, Alessandro, Marano, Cissè (38'pt Antonazzo), Mancino (17'st Alvino), Cruciani (34'st Chiavazzo). 
A disposizione D’Agostino, Rajcic, Conti, De Marco, Tito, Pontiggia, Cunzi, Diakite. Allenatore Gregucci.
ARBITRO. Aureliano di Bologna
SEQUENZA RIGORI. Suciu gol, Ricci gol, Ferrari gol, Salzano palo, Torregrossa parato, Carrus gol, Bianco gol, D'Alterio parato, Alessandro gol, Chiavazzo gol.
NOTE. Spettatori: 3173. Ammoniti: Bianco (Ca), Marano (Ca). Angoli 9-4. Recuperi 3’ e 2’.


Domenica 10 agosto 2014
La Casertana supera la Reggina al Granillo e accede al secondo turno di Tim Cup.

Vittoria di misura per gli uomini di Gregucci, che alla prima uscita ufficiale della stagione stendono la Reggina e accedono al secondo turno della Tim Cup.
Il gol partita è stato di Michel Cruciani che a inizio secondo tempo raccoglie una corta respinta di un difensore granata e conclude nell’angolino alla destra di Kovacski.
Nonostante le numerose assenze, all’ultimo momento alla lista degli infortunati si è aggiunto anche Alessandro, la Casertana è apparsa in grande spolvero e ha sfoderato una prestazione importante contro una squadra ostica da affrontare, seppur ancora incompleta.
Nel primo tempo le due squadre si sono affrontate a viso aperto, ma il gioco è regnato soprattutto a centrocampo; poche, infatti, le conclusioni verso gli estremi difensori. Nella ripresa il gol di Cruciani in apertura ha spezzato le gambe agli uomini di mister Cozza, che hanno rischiato subito il raddoppio con Carrus, la cui conclusione si è stampata sulla traversa a portiere battuto.
La Reggina ha impiegato un bel po’ prima di riprendersi, e anche se con confusione ha provato a impensierire la retroguardia rossoblu; ma la Casertana si è difesa bene e ha rischiato ben poco, e le poche occasioni avute dagli avanti reggini sono state tutte neutralizzate dall’ottimo Fumagalli.
Domenica si ritorna in campo per il secondo turno, ancora in terra calabra, contro il Crotone di mister Drago; gara ancora più impegnativa per la squadra cara al presidente Lombardi, ma la Casertana non ha paura di nessuno e cercherà ancora una volta di fare il colpaccio esterno.

Di seguito la cronaca della gara (fonte tuttoreggina.com).
0' - PARTITI!!! Ha battuto la Reggina.
2'  - Ottima chiusura in scivolata di Di Lorenzo, su palla smarcante per Cissè in area, chiude il difensore toscano, oggi terzino sinistro.
6' - Bella combinazione Viola-Dall'Oglio dal limite dell'area di rigore, poi la difesa ospite chiude efficacemente.
Nei primi dieci minuti, Casertana che fa la gara, ma senza impensierire Kovacsik. Reggina molto aggressiva con le punte, sopratutto Viola.
Reggina super aggressiva e già si è vista qualche trama tutta di prima, concetti tanto cari a Cozza.
16' - OCCASIONE CASERTANA, Sugli sviluppi di un corner, Carrus mette in mezzo dall'out destro, Cissè spizzica di testa prima dei difensori di casa, palla a lato.
18' - Primo tentativo verso la porta di Fumagalli, è Armellino a tentare la botta da fuori, palla a lato.
22' - Cissè mette la palla in rete, ma in posizione di offsides, così come segnalato dall'assistente dell'arbitro: bene, in questa situazione, la retroguardia calabrese.
Saranno più di un migliaio gli spettatori presenti al Granillo. Chiusa la Tribuna Est e la Curva Nord.
27' - Bella iniziativa di Rizzo, che serve con un pallonetto in area Di Michele, Fumagalli anticipa il numero 10 di pugno e l'azione sfuma. 
Fase di stanca dell'incontro, ritmo non troppo elevato, punte amaranto poco azionate.
37' - Azione pericolosa della Reggina. Dall'Oglio mette in mezzo per Di Michele, che anticipa Fumagalli e prova il servizio per viola, chiuso in diagonale da Bianco.
40' - Ancora Reggina che ci prova. Pallonetto di Armellino a scavalcare la difesa ospite, ancora Fumagalli chiude di pugno anticipando Viola.
45' - Casertana che ci prova. Mancino riceve palla sull'out sinistro, stoppa e prova il tiro a girare, palla di poco a lato dal palo alla sinistra di Kovacsik..
Tre minuti di recupero.
46' - Botta da fuori di Rizzo, centrale, ma che impegna Fumagalli che può solo respingere con i pugni, la palla giunge ad Aquino che ci prova in precario equilibrio e da posizione defilata, Fumagalli risponde presente.
FINE PRIMO TEMPO! È 0-0- dopo i primi quarantacinque minuti tra la Reggina e la Casertana.
45' - La gara è ripartita. Nessun cambio nei due schieramenti.
Sono 2000 i presenti secondo i dati ufficiali. 14435 euro l'incasso.
47' - GOL CASERTANA! Gol di Cruciani, che raccoglie un traversone dalla destra, stoppa la palla e batte Kovacsik con una conclusione che si insacca all'angoletto.
50' - Traversa Casertana! All'altezza del vertice alto dell'area sull'out sinistro dello schieramento ospite, Carrus lascia partire un destro a giro che supera Kovacsik e colpisce in pieno la traversa.
52' - SOSTITUZIONE REGGINA! Fuori Armellino, in campo Louzada.
Reggina con il 4-2-3-1, con Louzada alto a sinistra e Viola a destra.
58' - OCCASIONE REGGINA! Di fatto il primo tentativo amaranto dopo il gol subito. Masini riceve palla su lancio dalle retrovie, stoppa e serve in mezzo Louzada, che da posizione defilata ma all'altezza del dischetto, manda alto sopra la traversa.
62' - AMMONIZIONE REGGINA, Amaranto visibilmente stanchi e nervosi, Di Michele ne fa le spese con un cartellino giallo.
65' - SOSTITUZIONE CASERTANA, Fuori Alvino, in campo De Marco, classe 1994.
67' - AMMONIZIONE CASERTANA, Fallo di De Marco su Louzada, giallo per lui.
70' - La Reggina prova a cercare il pari. Cross di Masini dalla sinistra, Di Michele prova a stoppare la palla a sei metri dalla porta, Bianco disturba il suo tentativo e l'azione sfuma.
72' - AMMONIZIONE CASERTANA, Giallo per Bianco per fallo su Rizzo.
73' - OCCASIONE REGGINA, punizione dalla trequarti, sponda di Di Lorenzo, Masini poi anticipato al momento di mettere la palla in rete!
75' - Ora è solo Reggina in campo. Louzada semina il panico a sinistra, va via in dribbling, mette in mezzo, ma la difesa rossoblù chiude su Masini.
76' - SOSTITUZIONE CASERTANA, Fuori Marano, in campo Antonazzo.
77' - SOSTITUZIONE REGGINA, Fuori Masini, in campo Lancia. Attaccante classe 1997, nell'ultima stagione a disposizione della Primavera amaranto.
80' - AMMONIZIONE REGGINA, Giallo per Rizzo, che perde palla sulla pressione di Cissè e poi mette giù l'attaccante ex Albinoleffe.
83' - SOSTITUZIONE REGGINA, Fuori Aquino, dentro Porcino.
86' - SOSTITUZIONE CASERTANA, Fuori Mancino, dentro Chiavazzo.
88' - Reggina stanca, la Casertana controlla senza patemi. Ci prova Bianco con una botta da fuori, Kovacsik respinge con qualche difficoltà.
90' - OCCASIONE REGGINA, Sponda di Di Michele per Viola, conclusione al volo, palla alta sopra la traversa.
Quattro minuti di recupero.
90' - AMMONIZIONE REGGINA, Giallo per Porcino che ferma con le cattive Antonazzo.
91' - Conclusione di Bruno da posizione defilata dentro l'area, respinge Kovacsik che poi blocca la sfera.
93' - AMMONIZIONE CASERTANA, Giallo per Cruciani, che commette il classico fallo tattico.
È FINITA! La Casertana espugna il Granillo e passa al prossimo turno di Coppa Italia. Reggina eliminata.

REGGINA - CASERTANA 0 - 1
REGGINA. Kovacsik, Aquino (38′ st Porcino), Di Lorenzo, Rizzo, Camilleri, Burzigotti, Armellino (7′ st Louzada), Dall’Oglio, Masini (31′ st Lancia), Di Michele, Viola. 
A disposizione Leone, Maimone, Salandria, Maita, Ammirati. Allenatore Cozza.
CASERTANA: Fumagalli, Bruno, Bianco, Carrus, Idda, D’Alterio, Alvino (20′ st De Marco), Marano (30′ st Antonazzo), Cisse, Mancino (41′ Chiavazzo), Cruciani.
A disposizione D'Agostino, Conti, Pontiggia, Cunzi. Allenatore Gregucci.
ARBITRO. Guarino di Caltanissetta; assistenti Argento e Piazza, quarto uomo Mantelli.
MARCATORE. 2'st Cruciani.
NOTE. Pomeriggio sereno e caldo. Spettatori 2000 circa per un incasso di 14435 euro; circa 30 i tifosi provenienti da Caserta. Ammoniti 17'st Di Michele, 22'st De Marco, 27'st Bianco, 35’st Rizzo, 46'st Porcino, 48’st Cruciani. Angoli 4-4. Recuperi 3′ pt, 4′ st.

 
Sabato 9 agosto 2014
Si parte! Comincia ufficialmente la stagione 2014-15

Con il primo turno della Tim Cup inizia ufficialmente la stagione calcistica 2014-15 della Casertana. Si parte con la sfida del “Granillo” di Reggio Calabria di domenica pomeriggio, che prevede una gara di sola andata, con eventuali tempi supplementari e calci di rigore (la vincente incontra il Crotone).
I rossoblu, reduci dal test amichevole contro il Flaminia che ha anticipato la chiusura del ritiro precampionato di Gubbio, sono alle prese con diversi acciaccati, Murolo e Mattera su tutti, ma possono contare sui tre nuovi acquisti dell’ultima ora, Diakitè, Cunzi e Tito.
La gara con la Reggina sarà un test importante in vista dell’inizio del campionato, che si preannuncia davvero unico nel suo genere e sicuramente molto combattuto.
Lunedi 4 agosto, infatti, sono stati resi noti i tre raggruppamenti della Lega Pro, che ha visto la Casertana inserita nel Girone C insieme a tutte le altre squadre meridionali. Ora bisogna attendere il sorteggio dei calendari, previsto per martedi 12 agosto alle ore 11 nella sede della Lega a Firenze. 
Si prevede comunque un campionato davvero molto duro e allo stesso tempo affascinante che vedrà tutti insieme squadroni del calibro di Lecce, Catanzaro, Salernitana, Messina, Savoia, Juve Stabia, Foggia, Benevento. 
Non ci resta che aspettare, certi che la nostra Casertana saprà ritagliarsi un ruolo da protagonista e venderà cara la pelle a tutte le avversarie.
Da notare poi che nel corso dell’Assemblea di Lega tenutasi nella mattinata di lunedi 4 a Firenze, il presidente rossoblu Giovanni Lombardi è stato eletto nel Consiglio Direttivo della Lega Pro; un altro importante risultato da parte della società che evidenzia ancora una volta quanto di buono sta facendo negli ultimi anni.
Intanto domenica si torna a fare sul serio… In bocca al lupo ragazzi, onorate sempre la maglia rossoblu!!!


Martedi 1 luglio 2014
Angelo Gregucci nuovo allenatore della Casertana

Come anticipato nei giorni scorsi dal padron Lombardi oggi martedi 1 luglio con una nota sul sito ufficiale, la società rossoblu comunica il nome del nuovo allenatore della Casertana per la stagione 2014-15. 
Si tratta di Angelo Gregucci (nella foto al momento della firma), ex calciatore, tra le altre, di Lazio e Torino (vanta anche due presenze con la nazionale italiana) ed ex vice di Roberto Mancini a Firenze nel 2001-02 e Manchester, sponda City, due anni fa.
Il nuovo allenatore sarà presentato a stampa e tifosi giovedì 3 luglio alle ore 19 presso il ‘Novotel’ di San Nicola la Strada (CE) in occasione della conferenza stampa indetta dalla società; nell’occasione sarà presentata anche la campagna abbonamenti 2014-15.

Ecco la scheda tecnica del nuovo mister rossoblu.
ANGELO ADAMO GREGUCCI
Ruolo del calciatore: difensore centrale
Nazionalità: Italia 
Nato il 10/06/1964 a San Giorgio Jonico (TA)
Altezza: cm 185
Peso: Kg 78
CARRIERA DA CALCIATORE
STAGIONE SQUADRA SERIE PRESENZE GOAL
1981-1982 TARANTO F.C. C1 3 -
1982-1983 ALESSANDRIA C2 29 -
1983-1984 ALESSANDRIA C2 24 3
1984-1985 ALESSANDRIA C2 32 -
1985-1986 ALESSANDRIA C2 29 5
1986-1987 S.S. LAZIO B 31 1
1987-1988 S.S. LAZIO B 32 3
1988-1989 S.S. LAZIO A 26 4
1989-1990 S.S. LAZIO A 29 1
1990-1991 S.S. LAZIO A 31 2
1991-1992 S.S. LAZIO A 26 -
1992-1993 S.S. LAZIO A 12 1
1993-1994 F.C. TORINO A 24 1
1994-1995 A.C. REGGIANA A 30 -
1995-1996 A.C. REGGIANA B 29 1
1996-1997 A.C. REGGIANA A 5 1
1997-1998 A.C. REGGIANA B 0 -
Nazionale
1990 Italia 2 (0)
CARRIERA DA ALLENATORE
STAGIONE SQUADRA SERIE PIAZZAMENTO
2000-2001 A.C.F. FIORENTINA in2a n.d.
2001-2002 VITERBESE in2a n.d.
2002-2003 A.C. LEGNANO C2 8
2003-2004 S.S.C. VENEZIA B 20
2004-2005 SALERNITANA B 14
2005-2006 U.S. LECCE A esonerato
2006-2007 VICENZA CALCIO B 11
2007-2008 VICENZA CALCIO B 17
2008-2009 VICENZA CALCIO B 12
08/2009-09/2009 ATALANTA CALCIO A esonerato
10/2010-05/2011 U.S. SASSUOLO CALCIO B esonerato
01/2012-04/2012 REGGINA CALCIO B esonerato
01/2014-2014 SALERNITANA 1919 C1 9
2014-2015 CASERTANA CALCIO C
 
Di seguito la nota riportata dal portale rossoblu.
La Casertana F.C. comunica di aver affidato la guida tecnica della propria squadra in vista della nuova stagione ad Angelo Adamo Gregucci. Nato a San Giorgio Ionico (TA) il 10 giugno 1964, Gregucci ha iniziato la sua carriera da tecnico nel 1998 come vice nella Reggiana. Dalla stagione successiva l’esperienza da allenatore con gli emiliani, passando per la parentesi da ‘secondo’ di Roberto Mancini alla Fiorentina nel 2001. Legnano, Vicenza, Salernitana, Lecce, Atalanta, Sassuolo e Reggina le altre panchine su cui Gregucci si è seduto. Nel 2012-13 per lui l’affascinante esperienza in Premier League ancora al fianco di Roberto Mancini sulla panchina del Manchester City. Il tecnico approda a Caserta dopo l’ultima annata chiusa alla guida della Salernitana.
“Sono entusiasta di questa nuova avventura – commenta subito dopo la firma Angelo Gregucci – Ora ci metteremo al lavoro per completare una squadra chiamata a regalare soddisfazioni ai nostri tifosi. Ho voluto fortemente Caserta perché qui ho trovato un progetto che mi stimola tantissimo. Dovremo lavorare tanto, a fare spenti e senza mai fare proclami. Ci aspetta un campionato difficile. La Lega Pro unificata rappresenta una grande incognita. C’è tanta curiosità e voglia di misurarsi in questo campionato tutto nuovo”. Soddisfatto anche l’azionista Clemente Di Vico: “Ci siamo assicurati il migliore allenatore che il mercato offriva. Abbiamo voglia di continuare sulla strada tracciata la scorsa stagione”. Incessante il lavoro del direttore generale Nicola Pannone: “La società ha dimostrato ancora una volta di tenere fede agli impegni presi. Al primo giorno utile abbiamo annunciato il nuovo allenatore. Gregucci è un tecnico di grande spessore che contribuirà alla crescita del nostro progetto”.

 


Home
Club
Stagione 2014-15
Storia
I tifosi rossblu
La parola ai tifosi
Editoriale
Area sondaggi
Video
Contatti e Link
Stagione 2013-14